I Forum di Amici della Vela

Versione completa: fare il pavimento della cabina
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2
Ciao,
devo rifare il pavimento della cabina ( pagliolato credo sia il termina più giusto ) che legno posso utilizzare che abbia buona resistenza, antiscivolo, sia carino e soprattutto non così costoso come il teak?

il motivo che quello precedente è rotto ed un po' gonfiato dall'umidità

[Immagine: miCF0M.jpg]
(15-10-2014 17:22)cellagiorgio Ha scritto: [ -> ]Ciao,
devo rifare il pavimento della cabina ( pagliolato credo sia il termina più giusto ) che legno posso utilizzare che abbia buona resistenza, antiscivolo, sia carino e soprattutto non così costoso come il teak?

il motivo che quello precedente è rotto ed un po' gonfiato dall'umidità

[Immagine: miCF0M.jpg]

Bellotti Legnami ed altri producono lastre di compensato marino con finitura che comprende le filettature.
Cerca sui siti, individui il prodotto e contatti il rivenditore di zona.
(15-10-2014 17:22)cellagiorgio Ha scritto: [ -> ]Ciao,
devo rifare il pavimento della cabina ( pagliolato credo sia il termina più giusto ) che legno posso utilizzare che abbia buona resistenza, antiscivolo, sia carino e soprattutto non così costoso come il teak?

il motivo che quello precedente è rotto ed un po' gonfiato dall'umidità

[Immagine: miCF0M.jpg]
Ciao Cellagiorgio.
Io ho rifatto il pagliolato sul mio Comet 333 integralmente l'anno scorso perché ormai consumato (la barca è del 1987).
Dopo attenta valutazione con il falegname del cantiere abbiamo optato per il mogano, essenza dalle proprietà e colore molto simili al teak; inoltre il mogano è sempre stata un'essenza previlegiata per le costruzioni in fasciame prima dell'utilizzo del teack.
Ho scelto il mogano essenzialmente perché costa circa il 20/30% in meno del teack al mq., ha la stessa durezza e durata, è elegante e basta poco per mantenerlo ordinato e pulito.
In commercio si possono trovare fogli a doghe e già trattati per uso nautico.
Il mio consiglio è quello di non usare il compensato marino e troppo fragile e soprattutto se si impregna di umidità tende a sfaldarsi con la conseguenza che tutti gli anni andrebbe trattato e poi si presente male
Ad ogni buon conto prima di tutto dovresti individuare da vengono le infiltrazioni per poi sigillarle.
Ferox
Caro Giorgio,se deciderai di farti il pagliolo in legno massello, scelta che io non farei , considera il risultato finale : il legno una volta trattato assume tonalità molto diverse da come lo vedi in falegnameria.Pensalo su una superficie estesa e rispetto
al resto dell arredo. Riguardo il compensato per esperienza direi che è più stabile e lo trovi in una ampia gamma di essenze. Visto poi che il vecchio puoi usarlo come dima un qualsiasi falegname te lo può sagomare in quatto e quattr'otto.A prua ho un compensato di recupero (vecchio) rigato l ho trattato come meglio sapevo, sono un dilettante, e dopo 4 anni e'ancora bello.Va detto che la faccia nobile e sottilissima e quindi no scarpe chiodate e in caso di manutenzione no carta vetrata 80.
Ciao, RB
prendi un foglio di compensato Okume dello stesso spessore o maggiore di qualche mm, te lo sagomi, con una fresa te lo stondi base e bordi e con una punta da 5mm ti fresi profondità 5mm ogni 4,5 cm le doghe dove ,dopo aver impregnato ,andrai ad incollare i listelli di tiglio bianco (modellismo) vernici e con poco avrai un risultato di tutto rispetto.
Scusa ma farlo con il falso teak?? Comodo, veloce ì putrescibile ed essendo un interno non scotta..

Ah il colore e' itentico a quello vero
(21-10-2014 22:09)redstar Ha scritto: [ -> ]Caro Giorgio,se deciderai di farti il pagliolo in legno massello, scelta che io non farei , considera il risultato finale : il legno una volta trattato assume tonalità molto diverse da come lo vedi in falegnameria.Pensalo su una superficie estesa e rispetto
al resto dell arredo. Riguardo il compensato per esperienza direi che è più stabile e lo trovi in una ampia gamma di essenze. Visto poi che il vecchio puoi usarlo come dima un qualsiasi falegname te lo può sagomare in quatto e quattr'otto.A prua ho un compensato di recupero (vecchio) rigato l ho trattato come meglio sapevo, sono un dilettante, e dopo 4 anni e'ancora bello.Va detto che la faccia nobile e sottilissima e quindi no scarpe chiodate e in caso di manutenzione no carta vetrata 80.
Ciao, RB
In merito al fatto del colore consentimi di essere in disaccordo.
come scritto precedentemente ho scelto il massello di mogano in quanto il colore è molto simile al teack. Infatti messi a confronto il mogano risulta leggermente più rosso, ma una volta che si ossida come tutte le essenze non vi sono più differenze anche perché sto parlando di un mogano pretrattato ad uso marino, e poi cosa di non poco conto è duraturo nel tempo al pari del teack, pensa quello vecchio in teack massello era l'originale del 1987 ed è facile da mantenere; basta pulirlo e lucidarlo con le apposite cere.
Il compensato marino dura allo stesso modo? Credo sia un dubbio lecito.
Comunque io sono contrario al compensato marino dopo aver visto i risultati dopo anni su altre barche.
Ferox
(21-10-2014 23:45)infinity Ha scritto: [ -> ]Scusa ma farlo con il falso teak?? Comodo, veloce ì putrescibile ed essendo un interno non scotta..

Ah il colore e' itentico a quello vero

Anche il costo è uguale.... tanto vale farlo in nobile teack che è decisamente più bello.

Riguardo ai fogli già fatti di bellotti & co sono cari come il fuoco ed hanno spessori minimi.
Il metodo di S8S8 parrebbe valido.
(21-10-2014 22:45)S8S8 Ha scritto: [ -> ]prendi un foglio di compensato Okume dello stesso spessore o maggiore di qualche mm, te lo sagomi, con una fresa te lo stondi base e bordi e con una punta da 5mm ti fresi profondità 5mm ogni 4,5 cm le doghe dove ,dopo aver impregnato ,andrai ad incollare i listelli di tiglio bianco (modellismo) vernici e con poco avrai un risultato di tutto rispetto.


9191 Un 'lavoretto' facile facile specialmente avendo attrezzatura professionale, tanto tempo, e fatica per avere a vista... okume.9191
Ho la fresa e so' usarla, ma non e' facile fare scanalature dritte parallele e
uniformi per inserire listelli bianchi.

Economicamente........
Okume se vuoi, verniciato e coperto con moquette, perche' a vista l'okume
con e senza listelli bianchi (in frassino no tiglio) l'e' prope bruttt.
In primisThumbsupsmileyanim elimina infiltrazioni poi.....vedi tu.
dario
Grazie per tutte le risposte, credo che opterò' per l' okume e sopra ci attaccherò un foglio di Pvc simil teak,che colla potrei usare? E soprattutto dove li trovo i fogli?
(22-10-2014 16:25)cellagiorgio Ha scritto: [ -> ]Grazie per tutte le risposte, credo che opterò' per l' okume e sopra ci attaccherò un foglio di Pvc simil teak,che colla potrei usare? E soprattutto dove li trovo i fogli?

Smiley32Smiley32 Hai messo a fuoco il problema, Thumbsupsmileyanim
Per i pannelli, da Udine, fai un giro con le misure in zona Monfalcone pieno
di cantieri e vedi se trovi ritagli di falegnameria.
Buon lavoro
dario
(22-10-2014 14:16)Edolo Ha scritto: [ -> ]
(21-10-2014 23:45)infinity Ha scritto: [ -> ]Scusa ma farlo con il falso teak?? Comodo, veloce ì putrescibile ed essendo un interno non scotta..

Ah il colore e' itentico a quello vero
Il metodo di S8S8 parrebbe valido.
...se non fossi stato sicuro del risultato....non mi sarei mai permesso di proporlo come soluzione eccellente a costi veramente ridicoli.18
Per me il suggerimento di umeghu rimane il piu sensato: si va da Bellotti o Nordcompensati, si prende un compensato marino che sulla faccia a vista abbia il 'solito' mogano filettato acero prefatto, si taglia usando il vecchio come dima e si vernicia opportunamente. Semplice, rapido e indolore.
(22-10-2014 14:17)dielle1 Ha scritto: [ -> ]
(21-10-2014 22:45)S8S8 Ha scritto: [ -> ]prendi un foglio di compensato Okume dello stesso spessore o maggiore di qualche mm, te lo sagomi, con una fresa te lo stondi base e bordi e con una punta da 5mm ti fresi profondità 5mm ogni 4,5 cm le doghe dove ,dopo aver impregnato ,andrai ad incollare i listelli di tiglio bianco (modellismo) vernici e con poco avrai un risultato di tutto rispetto.


9191 Un 'lavoretto' facile facile specialmente avendo attrezzatura professionale, tanto tempo, e fatica per avere a vista... okume.9191
Ho la fresa e so' usarla, ma non e' facile fare scanalature dritte parallele e
uniformi per inserire listelli bianchi.

Economicamente........
Okume se vuoi, verniciato e coperto con moquette, perche' a vista l'okume
con e senza listelli bianchi (in frassino no tiglio) l'e' prope bruttt.
In primisThumbsupsmileyanim elimina infiltrazioni poi.....vedi tu.
dario

attrezzatura professionale è sufficiente un seghetto alternativo e una normale fresa da bricolage.

tanto tempo, e fatica devi proprio essere negato per impiegare al max 5 ore , 1 per tagliarlo,2 per fresarlo e 2 per verniciarlo.

non e' facile fare scanalature dritte di certo non le farai a mano libera....basta uno scatolato di alluminio per usare come squadro e due morse per bloccare.

a vista l'okume con e senza listelli bianchi (in frassino no tiglio) l'e' prope bruttt
ne sei proprio convinto? basta trovare il pezzo giusto impregnare ed ecco il risultato......molto più bello del laminato e di altre similitudini.

...chiaramente questo è solo un mio parere a costi assai contenuti il cui risultato dipende dall'impegno che ognuno ci mette. 9191
(21-10-2014 19:44)ferox Ha scritto: [ -> ][quote='cellagiorgio' pid='14723915' dateline='1413386566']
Ciao,
devo rifare il pavimento della cabina ( pagliolato credo sia il termina più giusto ) che legno posso utilizzare che abbia buona resistenza, antiscivolo, sia carino e soprattutto non così costoso come il teak?

il motivo che quello precedente è rotto ed un po' gonfiato dall'umidità


Ciao Cellagiorgio.
Io ho rifatto il pagliolato sul mio Comet 333 integralmente l'anno scorso perché ormai consumato (la barca è del 1987).
Dopo attenta valutazione con il falegname del cantiere abbiamo optato per il mogano, essenza dalle proprietà e colore molto simili al teak; inoltre il mogano è sempre stata un'essenza previlegiata per le costruzioni in fasciame prima dell'utilizzo del teack.
Ho scelto il mogano essenzialmente perché costa circa il 20/30% in meno del teack al mq., ha la stessa durezza e durata, è elegante e basta poco per mantenerlo ordinato e pulito.
In commercio si possono trovare fogli a doghe e già trattati per uso nautico.
Il mio consiglio è quello di non usare il compensato marino e troppo fragile e soprattutto se si impregna di umidità tende a sfaldarsi con la conseguenza che tutti gli anni andrebbe trattato e poi si presente male
Ad ogni buon conto prima di tutto dovresti individuare da vengono le infiltrazioni per poi sigillarle.
Ferox

Senti,.....mi piacerebbe proprio conoscerlo questo falegname!!!Smiley26
la scorsa settimana ho visto l'interno di un vecchio comet 1000 con una bella soluzione al problema, il lavoro era stato appena eseguito:
è stato incollato sul vecchio pagliolato del sughero (acquistato in lastre larghe circa 50 cm lunghe 5 mt. con uno spessore di circa 3 mm)
che è stato tagliato in strisce della stessa larghezza delle vecchie doghe, fra le strisce è stato applicato del sikaflex bianco (precedentemente era nero)
poi a finire è stata data una mano di vernice impregnante protettiva trasparente opaca,
a vista il risultato è eccellente, la spesa di poche decine di euro ed il lavoro l'ha fatto da solo senza attrezzi professionali
a me è piaciuta molto questa soluzione, mi spiace che non ho foto da inserire..
..cercando su internet si trova questo materiale dai rivenditori di parquet
io ho trovato questo sulla mia barca del 1975. sicuro che è originale.
mi è piaciuto e l'ho lasciato



Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
(22-10-2014 22:04)stefano702 Ha scritto: [ -> ]
(21-10-2014 19:44)ferox Ha scritto: [ -> ][quote='cellagiorgio' pid='14723915' dateline='1413386566']
Ciao,
devo rifare il pavimento della cabina ( pagliolato credo sia il termina più giusto ) che legno posso utilizzare che abbia buona resistenza, antiscivolo, sia carino e soprattutto non così costoso come il teak?

il motivo che quello precedente è rotto ed un po' gonfiato dall'umidità


Ciao Cellagiorgio.
Io ho rifatto il pagliolato sul mio Comet 333 integralmente l'anno scorso perché ormai consumato (la barca è del 1987).
[b]Dopo attenta valutazione con il falegname del cantiere abbiamo optato per il mogano, essenza dalle proprietà e colore molto simili al teak; inoltre il mogano è sempre stata un'essenza previlegiata per le costruzioni in fasciame prima dell'utilizzo del teack.
Ho scelto il mogano essenzialmente perché costa circa il 20/30% in meno del teack al mq., ha la stessa durezza e durata, è elegante e basta poco per mantenerlo ordinato e pulito.
In commercio si possono trovare fogli a doghe e già trattati per uso nautico.
Il mio consiglio è quello di non usare il compensato marino e troppo fragile e soprattutto se si impregna di umidità tende a sfaldarsi con la conseguenza che tutti gli anni andrebbe trattato e poi si presente male
Ad ogni buon conto prima di tutto dovresti individuare da vengono le infiltrazioni per poi sigillarle.
Ferox

Senti,.....mi piacerebbe proprio conoscerlo questo falegname!!!Smiley26


Ognuno di noi con alle spalle esperienze fatte ristrutturandosi da solo le proprie barche e con decenni di navigazione si è costruito la propria esperienza ha diritto di pensarla come vuole: si può essere o non essere d'accordo, ma senza ironizzare sulle scelte altrui (Dopo attenta valutazione con il falegname del cantiere abbiamo optato per il mogano, essenza dalle proprietà e colore molto simili al teak)
In ogni caso resto della mia idea visto l'ottimo risultato ottenuto.[/b]
Ferox
Smiley32 Mck ehhhh hai fatto benissimo Thumbsupsmileyanim
dario

Ps. E' bello rileggerti significa che sei in forma Smiley32Smiley32
(23-10-2014 13:54)dielle1 Ha scritto: [ -> ]Smiley32 Mck ehhhh hai fatto benissimo Thumbsupsmileyanim
dario

Ps. E' bello rileggerti significa che sei in forma Smiley32Smiley32

scusa ferox se resto OT.

grazie Dario, sono convinto che il pagliolato debba essere scuro ed il cielino bianco.
quello che ho trovato è in compensato e fa scopa con i fascioni di mogano massello messi a contenere i materassi.
non amo molto le cose finte tipo i falsi listelli.
in effetti sto in forma ma ormai da una settimana.
sono qui in isolamento e sotto antibiotico per debellare un acineto bacter che mi hanno rifilato in terapia intensiva quando mi hanno intubato.
stamane ho fatto il lavaggio bronchi per l'analisi dell'espettorato. ancora un paio di giorni e ne saprò l'esito.

buon vento a te che puoi e grazie.

ciao, Carlo
Pagine: 1 2
URL di riferimento