I Forum di Amici della Vela

Versione completa: Paraspruzzi per GS 42
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2
Ciao a tutti

ho intenzione de montare un paraspruzzi sul mio GS 42 ma il paranco di scotta a centro pozzetto me lo rende difficile, qualcuno lo ha fatto e puo darmi indicazioni su come ha risolto i problemi?

grazie
Andrea
parli del gs42 di g. frers o del modello race ?
Ma quanto è grande questo paraspruzzi che ti da fastidio la scotta?
L'ho appena acquistato per il mio gs39 jezequel, tagliato su misura sartoriàle da un artigiano di Ravenna, notoriamente eccellente.
Anch'io avevo il problema del trasto randa.
Ha fatto un lavoro ottimo e non pensavo che avrebbe risolto tanto bene.
Rivolgiti a uno bravo che certamente trova la soluzione adeguata.
(29-11-2014 22:00)davide brambilla Ha scritto: [ -> ]L'ho appena acquistato per il mio gs39 jezequel, tagliato su misura sartoriàle da un artigiano di Ravenna, notoriamente eccellente.
Anch'io avevo il problema del trasto randa.
Ha fatto un lavoro ottimo e non pensavo che avrebbe risolto tanto bene.
Rivolgiti a uno bravo che certamente trova la soluzione adeguata.

ci fai capire meglio con una foto ?

che tipo di modifiche hai fatto ?
Grazie a tutti gli intervenuti per il pronto interessamento, la barca è un GS 42 del 91 non il tipo race. Il paranco di scotta in questo modello è davanti il tambuccio posizionato verticalmente nel collegamento col boma. Pensavo di arretrare il paranco sul boma fissandolo all'estrema poppoavia e il tendalino dovrebbe essere su misura, volevo sapere se qualcun altro nel forum con la stessa barca avesse gia soluzionato il problema.
(29-11-2014 22:00)davide brambilla Ha scritto: [ -> ]L'ho appena acquistato per il mio gs39 jezequel, tagliato su misura sartoriàle da un artigiano di Ravenna, notoriamente eccellente.
Anch'io avevo il problema del trasto randa.
Ha fatto un lavoro ottimo e non pensavo che avrebbe risolto tanto bene.
Rivolgiti a uno bravo che certamente trova la soluzione adeguata.

Ma sul GS39 Jezequel il trasto non è su tuga? Sul GS42 Frers è in pozzetto a ridosso del tambuccio (e credo sia proprio questo il problema)...
(04-12-2014 00:13)Madinina II Ha scritto: [ -> ]Ma sul GS39 Jezequel il trasto non è su tuga? Sul GS42 Frers è in pozzetto a ridosso del tambuccio (e credo sia proprio questo il problema)...

infatti......ci fate capire Barmbilla e Sundurighi che soluzioni avete trovato, cosa avete fatto ?
(04-12-2014 14:19)burrascaforza5 Ha scritto: [ -> ]
(04-12-2014 00:13)Madinina II Ha scritto: [ -> ]Ma sul GS39 Jezequel il trasto non è su tuga? Sul GS42 Frers è in pozzetto a ridosso del tambuccio (e credo sia proprio questo il problema)...

infatti......ci fate capire Barmbilla e Sundurighi che soluzioni avete trovato, cosa avete fatto ?

Ciao a tutti e grazie per l'attenzione.

In effetti nel GS42 il paranco è fissato a circa 30cm dal tambuccio e lavora in perpendicolare al boma.

La soluzione è stata quella di spostarlo più a poppavia possibile, facendolo lavorare in leggera diagonale al boma anziche perpendicolare, purtroppo in questo modo molto dello sforzo viene ad essere esercitato sui rivetti (inox) anzichè sulla rotaia del boma . Non lo ho ancora provato in mare ma vi saprò dire se funziona.
Scusa se mi permetto ma al posto di far lavorare male il paranco scotta, pensare di fare lo sprayhood più corto non era meglio?

Questa è la foto della barca di diecicentouno che è un adv, prova a sentirlo sicuramente ti saprà essere d'aiuto.
(16-12-2014 10:23)kawua75 Ha scritto: [ -> ]Scusa se mi permetto ma al posto di far lavorare male il paranco scotta, pensare di fare lo sprayhood più corto non era meglio?

Questa è la foto della barca di diecicentouno che è un adv, prova a sentirlo sicuramente ti saprà essere d'aiuto.

Grazie,
così però protegge poco, preferirei farlo piu grande e arretrare il paranco, molte barche del resto hanno il paranco che non lavora perpendicolare.
Magari se qualcuno sa dirmi se esistino altri svantaggi oltre a quello dello stress sui rivetti mi sarebbe utile.
I rivetti usati come ho già detto sono inox a non alluminio e anche se si allungassero leggermente sarebbe poi sempre la rotaia a tenere, l'importante è che non si trancino perchè in quel caso il paranco tornerebbe verticale e danneggerebbe il paraspruzzi
German Freer la penserebbe come Kawa 75 e, se permettete, anch'io.
Quoto anch'io il parere di uno sprayhood più corto anche perché, spostando verso poppa il tiro del paranco di scotta randa, una parte di questa forza va a comprimere la trozza del boma che sarebbe bene valutare se reggerà nel tempo. Smiley57
(16-12-2014 13:56)Triscele Ha scritto: [ -> ]German Freer la penserebbe come Kawa 75 e, se permettete, anch'io.
E io sono d'accordo con entrambi..se dovessi progettare una barca farei sicuramente il paranco verticale ma a parte i problemi già citati, quali potrebbero essere le controindicazioni a posizionare l'atacco sul boma 30cm più a poppavia e quuindi facendo lavorare il paranco con una inclinazione di circa 15°?
Sarà il carrello a risentirne, l'attrito sarà maggiore nella parte rivolta a poppa con un consumo irregolare anche della rotaia che col tempo, dai oggi etc.
Il problema vien fuori quando hai il boma completamente aperto e la scotta va a strusciare sulla parte laterale dello sprayhood.
Per risolverlo ho fatto la parte superiore che sporge rispetto alla parte laterale (è un altra barca) ma non si guadagna tanto.
quello che io chiedo al paraspruzzi è che mi lasci tenere aperto il tambuccio senza che mi ci entrino secchiate d'acqua.
Perchè? perchè, se voglio riparare anche il pozzetto, comunque un paraspruzzi grande non ce la fa ... e in compenso mi toglie un sacco di visuale.
Poi, alla fine, anche il riusultato estetico ci guadagna parecchio da un paraspruzzi "minimalista" ...
non sono un fissato del tiro della scotta anche se bisogna verificare che il carrello si muova senza impuntamenti......se scorrevole credo che prima di usurare la rotatia e/o le sfere tu abbia cambiato barca

sono anch'io in fase di studio del paraspruzzi e mi piacerebbe averlo grande per essere riparato ma all'occorrenza non ingombrante, dell'estetica farò a meno Smiley4

avevo pensato di farlo scorrere su semplici rotaie (poppa prua) in modo da coprire quando sento la necessità e appruarlo quando navigo di poppa per non intralciare la scotta completamente lasca....ma forse sto sognando troppo Smiley4

Sundurighi, per il bimini invece che soluzione hai adottato ? Sopra/sotto il boma o molto corto che copre solo il timoniere ?
(17-12-2014 12:50)Moody Ha scritto: [ -> ]Il problema vien fuori quando hai il boma completamente aperto e la scotta va a strusciare sulla parte laterale dello sprayhood.
Per risolverlo ho fatto la parte superiore che sporge rispetto alla parte laterale (è un altra barca) ma non si guadagna tanto.



quando hai il boma completamente aperto sei in andatura portante e lo sprayhood lo puoi anche chiudere (a meno di essere su una barca che trapassa l'onda a 20 nodi)
(17-12-2014 15:47)burrascaforza5 Ha scritto: [ -> ]non sono un fissato del tiro della scotta anche se bisogna verificare che il carrello si muova senza impuntamenti......se scorrevole credo che prima di usurare la rotatia e/o le sfere tu abbia cambiato barca

sono anch'io in fase di studio del paraspruzzi e mi piacerebbe averlo grande per essere riparato ma all'occorrenza non ingombrante, dell'estetica farò a meno Smiley4

avevo pensato di farlo scorrere su semplici rotaie (poppa prua) in modo da coprire quando sento la necessità e appruarlo quando navigo di poppa per non intralciare la scotta completamente lasca....ma forse sto sognando troppo Smiley4

Sundurighi, per il bimini invece che soluzione hai adottato ? Sopra/sotto il boma o molto corto che copre solo il timoniere ?
Il bimini non c'è e non ho intenzione di metterlo perciò non ti posso aiutare.
L'atacco del carello di scotta è snodato e molto robusto percio, anche se lo terrò d'occhio, non mi preoccupa molto.
Anche la trozza nella mia barca ha dimenzioni generose e del resto il vang lavora con una inclinazione molto maggiore a quella della mia scotta.
Speriamo bene...
Alla prima uscita in mare poi vi racconto.
Pagine: 1 2
URL di riferimento