I Forum di Amici della Vela

Versione completa: segnale Wi-Fi comunale debole
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Ciao a tutti, dove sono ormeggiato si può usufruire (previa registrazione con i propri dati) di un segnale Wi-Fi free fornito dal comune, va benissimo solo che avendo la mia barca ormeggiata in uno dei punti più distanti il segnale diventa debole, infatti con il mio tablet passo dalle quattro tacche ad una sola e quindi diventa inutilizzabile per la navigazione Internet.... ora chiedo: esiste qualche accrocchio che riesca ad amplificare un po' il segnale??? ...Smiley61
Mmm.... direi di no. Esistono però dei wifi repeater che probabilmente hanno una ricezione migliore di un tablet. Dovresti fare delle prove.
Ciao
Da quel che ricordo, i repetear costicchiano assai... oggi io mi trovo bene con un router wifi e sim della 3. Con un costo accettabile, oggi ci si può connettere anche col 4G in diversi posti. Sicuramente col 3G e se si va all'estero basta cambiare SIM senza praticamente cambiare impostazioni dello smart o del tablet (con l'eccezione del server di posta in uscita che deve essere adeguato al contratto stipulato) e di solito almeno 4 apparecchi collegabili. Per me è una pacchia!
i repeater adesso hanno dei costi accettabilissimi, solo da quel poco che ne sò vanno installati vicino alla sorgente, effettivamente con cubo della tre potrei risolvere, però visto che ho la fortuna di avere una connessione free vorrei adoperarla ma solo se la cosa è fattibile senza troppe complicazioni...
Io ho smesso di far conto sugli WIFI gratuiti dei comuni o dei marina. A Marina Dorica (AN) ho la barca sul pontile davanti alla sede, ma distante 200/300mt . Per un po è andata, con un apparecchietto esterno al tablet che prendeva wireless 3, poi ha smesso di funzionare anche così. Lo stesso è avvenuto con il servizio gratuito del Comune di Ancona che dopo circa 6 mesi ha smesso di funzionare. Un amico romagnolo mi ha detto che anche il servizio del comune (biblioteca) di Cattolica ha smesso di funzionare perché nessuno ha ripristinato un'antenna. Sono arrivato alla conclusione che le belle parole abbondano (in questi tempi) , ma se vuoi le cose te le devi pagare, magari usando i GB del contratto dello smart phone in tethering con il portatile.
Io è da un anno che sono a Giulianova e ha sempre funzionato egregiamente... il mio vicino di pontile che sta lì da molto prima mi ha confermato che va da almeno tre anni, magari continuerà ancora per un pò.... ma Enio, l'apparecchietto che adoperavi cos'era??? Per quello che serve a me i gb del contratto mi bastano e mi avanzano e solo che spesso il mio figliolo di 6 anni viene con me in barca, d'estate non c'è problema perché comunque si esce ma d'inverno che approfitto a far qualche lavoretto lui dopo un pò si stufa e allora per allungare i tempi posso fargli vedere dei cartoni ecc... ecco è soprattutto per questo!!!
Tutto è possibile ma è una questione di quanto vuoi spendere.presumo, visto che ricevi il segnale con il tablet, che hai la portata ottica con la sorgente.
Potresti acquistare una antenna a pannello da mettere poi fissa in qualche punto a tua scelta.dentro questa antenna a pannello metterai un access Point in modalità client. Purtroppo, a questo punto, il tablet complica le cose in quanto con un pc avresti collegato il tutto con un cavo di rete,con un tablet invece devi prenderti un altro access Point ed usarlo in modalità AP ed a questo ti ci colleghi con il WiFi del tablet.costo del tutto?? Circa 200 €...sinceramente, se devi portare la connessione in posti dove non hai alternative la spesa va bene,ma oggi con 20€ al mese hai un gb di traffico al giorno...ti conviene impazzire con quanto detto sopra a parte la soddisfazione di realizzarlo??????
Provo a rispiegare: il tablet ha un'antenna integrata che avrà un guadagno sicuramente inferiore di uno con antenna esterna come potrebbe essere un repeater. Inoltre mettersi in testa d'albero col tablet per migliorare la ricezione, oltre che pericoloso potrebbe stancare alla lunga Big Grin, mentre portare un repeater con una drizza in TA potrebbe essere comodo, sicuro e più fruibile.

@Fede Non me ne avere, ma non capisco perchè quando uno chiede una cosa si risponda ad un'altra domanda che non è stata fatta. Per esempio, se uno chiede "Ho la barca che fa dei movimenti laterali esagerati in porto, come potrei risolvere?". Credo che la risposta giusta possa essere "Incrocia le cime a poppa", piuttosto che "Fissale più larghe in banchina".
"Cambia porto" non mi sembra la risposta più utile...
Con stima e affetto.

Ciao
(04-01-2016 22:35)kennyblake Ha scritto: [ -> ]Tutto è possibile ma è una questione di quanto vuoi spendere.presumo, visto che ricevi il segnale con il tablet, che hai la portata ottica con la sorgente.
Potresti acquistare una antenna a pannello da mettere poi fissa in qualche punto a tua scelta.dentro questa antenna a pannello metterai un access Point in modalità client. Purtroppo, a questo punto, il tablet complica le cose in quanto con un pc avresti collegato il tutto con un cavo di rete,con un tablet invece devi prenderti un altro access Point ed usarlo in modalità AP ed a questo ti ci colleghi con il WiFi del tablet.costo del tutto?? Circa 200 €...sinceramente, se devi portare la connessione in posti dove non hai alternative la spesa va bene,ma oggi con 20€ al mese hai un gb di traffico al giorno...ti conviene impazzire con quanto detto sopra a parte la soddisfazione di realizzarlo??????

Perchè complicarsi la vita quando tutto quello che hai spiegato lo fa già un repeater?
Buongiorno Dante. Io due anni fa avevo comprato su Amazon per 15EU un apparecchietto TP-LINK esattamente TL-WN822N. Con google puoi vederne le caratteristiche, comunque ha due antennine e si collega USB al tablet. A me è andato bene, poi sono scomparsi i segnali di Marina Dorica e del Comune.

t
(04-01-2016 20:25)dante Ha scritto: [ -> ]Io è da un anno che sono a Giulianova e ha sempre funzionato egregiamente... il mio vicino di pontile che sta lì da molto prima mi ha confermato che va da almeno tre anni, magari continuerà ancora per un pò.... ma Enio, l'apparecchietto che adoperavi cos'era??? Per quello che serve a me i gb del contratto mi bastano e mi avanzano e solo che spesso il mio figliolo di 6 anni viene con me in barca, d'estate non c'è problema perché comunque si esce ma d'inverno che approfitto a far qualche lavoretto lui dopo un pò si stufa e allora per allungare i tempi posso fargli vedere dei cartoni ecc... ecco è soprattutto per questo!!!
Un consiglio, prima di tutto prova a dare un'occhiata allo stato effettivo del segnale usando una delle tante applicazioni disponibili, fra queste utile e' "Analizzatore WiFi" che trovi su Play Store gratis.
Non produce miglioramenti ma ti dice quanto segnale e' disponibile e quali canali o provider sono i migliori e quali sono le reti aperte, usandone le informazioni si può talora ottenere un discreto compromesso.
ok ragazzi, grazie a tutti,100 dai consigli\opinioni ho un bel pò da ragionare, :26:farò delle prove e poi vi faccio sapere come è andata a finire, buon vento a tutti!!!
(05-01-2016 03:46)Edolo Ha scritto: [ -> ]
(04-01-2016 22:35)kennyblake Ha scritto: [ -> ]Tutto è possibile ma è una questione di quanto vuoi spendere.presumo, visto che ricevi il segnale con il tablet, che hai la portata ottica con la sorgente.
Potresti acquistare una antenna a pannello da mettere poi fissa in qualche punto a tua scelta.dentro questa antenna a pannello metterai un access Point in modalità client. Purtroppo, a questo punto, il tablet complica le cose in quanto con un pc avresti collegato il tutto con un cavo di rete,con un tablet invece devi prenderti un altro access Point ed usarlo in modalità AP ed a questo ti ci colleghi con il WiFi del tablet.costo del tutto?? Circa 200 €...sinceramente, se devi portare la connessione in posti dove non hai alternative la spesa va bene,ma oggi con 20€ al mese hai un gb di traffico al giorno...ti conviene impazzire con quanto detto sopra a parte la soddisfazione di realizzarlo??????

Perchè complicarsi la vita quando tutto quello che hai spiegato lo fa già un repeater?
Perchè il repeater va bene in casa dove le distanze sono minime,dubito che oltre i 3/400 metri, senza alcun ostacolo tra lui e la sorgente riesca ad agganciare il segnale e ,se ci riesce, non è detto che funzioni ugualmente perché lui riceve il segnale della sorgente che normalmente ha una buona potenza, ha una buona antenna ed una buona posizione,mentre la sorgente non riceve il repeater che,anche se lo mettessimo in testa d' albero,ha poca potenza ed una pessima antenna.....
(05-01-2016 03:43)Edolo Ha scritto: [ -> ]@Fede Non me ne avere, ma non capisco perchè quando uno chiede una cosa si risponda ad un'altra domanda che non è stata fatta. Per esempio, se uno chiede "Ho la barca che fa dei movimenti laterali esagerati in porto, come potrei risolvere?". Credo che la risposta giusta possa essere "Incrocia le cime a poppa", piuttosto che "Fissale più larghe in banchina".
"Cambia porto" non mi sembra la risposta più utile...
Con stima e affetto.
Ciao
In effetti... ma ho diritto ad un paio di spiegazioni!
Intanto i miei ricordi si sono confusi con i ripetitori per il segnale dei cellulari (indagini che avevo fatto quando in casa non riuscivo a telefonare...): mea culpa!

Poi il seguito è stata un'elucubrazione personale: un repeater di segnale serve per fruire, da uno smartphone al PC, di internet. A parte che (almeno qui a Trieste) il segnale wifi comunale è penoso, dalla forza del segnale alla modalità di collegamento che consente mezz'ora di traffico prima di scollegarsi, ma il repeater serve solo in presenza di un segnale wifi, e poi? Soldi spesi SOLO per quell'utilizzo specifico!

Allora ho pensato che in effetti, anche usare uno smartphone come router non è il massimo e quindi ho esposto la MIA, personalissima soluzione. In effetti, usando il paragone che hai fatto, son finito un po' a far cambiare porto... perchè ho pensato che, in un porto mal protetto, cambiar modo di ormeggiare non sia risolutivo!

IMHO, naturalmente, e con altrettanta stima ed affetto! Birretta?
Purtroppo il problema sta nel fatto che su smartphones e tablets non e' normalmente possibile aggiungere un'antenna con prestazioni migliori.
A suo tempo realizzai per una "chiavetta" WiFi per PC un'antenna collineare come questa http://www.in3eci.it/bbb/file_content/fl57.pdf e i risultati furono (sono ancora ma la uso piu' di rado) estremamente buoni ottenendo connessioni anche oltre il Kilometro (l'antenna fornisce nominalmente un guadagno di ben 10 dB !!).


Di WiFi si e' parlato molto nel Forum:
http://forum.amicidellavela.it/showthrea...tid=101701
http://forum.amicidellavela.it/showthrea...tid=112243
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=84387


Piu' strettamente in argomento (tablets e smartphones) vi sono (forse) varie possibili soluzioni:
http://www.tecnomani.com/come-aumentare-...ricezione/
http://iomobile.smartworld.it/come-migli...27296.html
http://www.androiday.com/come-migliorare...e-android/
http://www.aranzulla.it/come-potenziare-...21618.html
http://www.aranzulla.it/come-aumentare-s...20514.html
http://www.aranzulla.it/ripetitore-wifi-54339.html

Che si dividono sostanzialmente in tre categorie:

- Gli analizzatori di segnale - che permettono di identificare quali canali fra quelli in cui e' suddivisa la banda WiFi siano piu' liberi, impostando su questi la comunicazione la si puo' migliorare non poco.

- Gli intensificatori di segnale - che aumentano per quanto possibile la potenza di trasmissione del nostro dispositivo ma nulla possono fare sulla sensibilita' in ricezione, migliorano un poco la velocita' di trasferimento dati ma piu' di tanto non possono fare a causa del detto limite in ricezione.

- I ripetitori WiFi - che permettono di intensificare (operando in realta' come router) il segnale, a mio parere (non li ho provati) hanno efficacia solo quelli (ne esistono vari) provvisti di idonea antenna esterna direttiva o collineare che sia poiche' se dotati di antenna interna sono nella stessa situazione dei nostri smartphones e ben difficilmente possono darci un adeguato vantaggio a meno di non posizionarne uno a distanza intermedia a far da ponte fra noi e la sorgente del segnale (ma cio' non mi pare attuabile facilmente).

Ho provato in questi giorni sia gli analizzatori di segnale che gli intensificatori di segnale su uno smartphone Samsung e un tablet Majestic con Android e i vantaggi sono risultati modesti (un po' piu' di velocita' e un appena apprezzabile miglioramento della stabilita' di connessione) con lo svantaggio che nel caso di impiego di una maggiore potenza in trasmissione, aumentando i consumi, ha ridotto l'autonomia del dispositivo.
URL di riferimento