I Forum di Amici della Vela

Versione completa: Trattamento completo osmosi vostri pareri o esperinze??
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Ciao a tutti mi stanno per fare un trattamento per osmosi come cecchi comanda. Il cantiere mi garantisce della durata del lavoro e mi ha fatto vedere dei lavori gia fatti. Nessuno con esperinze negative o positive da potermi confrontare?Grazie a tutti
.....diciamo che non è il periodo adatto per cominciare....a meno che non si tratti di un ambiente al chiuso e riscaldato h24.
fatti dare garanzia scritta, se son sicuri di aver fatto un buon lavoro non avranno nessun problema a rilasciartela
È un mio parere ma prima di fare un ciclo preventivo lascerei l'imbarcazione asciugare almeno 6 mesi a gel coat.
Poi mi prenderei 3 giorni di ferie e controllerei che il pennello non venga inquinato con diluenti diversi da quelli indicati dal produttore.
Bv
I lavori li faranno al chiuso e saranno fatti al chiuso verra controllato il tutto ovv con skinder e l umidita deve essere sotto il quindici per cento. Le bolle sono state aperte a novembre e sicuramente nn inizieranno subito. Ma la mia cyriosita e sapere giudizi positivi o nefativi. Per il cantiere me lo a consigliato la cecchi e da come parla ne sanno piu degli altri in quel cantiere. Diciamo che spendere soldi e avere sicurezza li spendi nn dico volentieri ma quasi
Buondi' Pareri o esperienze..... beh, ne ho avuta qualcuna, ho visto correggere fenomeni osmotici, e ho, da autonomo hobbysta, corretto difetti di deleminazione su una delle mie barche: il giudizio che mi son fatto e' che la vetroresina permette riparazioni molto efficaci, anzi il piu' delle volte migliorative della situazione "a nuovo".
Cito la mia esperienza piu' pesante: il golfaretto del dormiente per la catena dell'ancora nel pozzo catena, era vincolato a un ferro (ma ferro ferro, non inox!) annegato a mezza profondita' nel laminato del dritto di prua. La ruggine che si formava all'interno degli strati creava un antiestetico rigonfiamento esterno.... col tempo sarebbe andato sempre peggio. Con la flex ho demolito il tutto, lasciando solo frazioni di millimetro della pelle esterna. Poi, letti tutti i manuali e le istruzioni del caso, con vetro, tessuto e mat, e resina poliestere ho ricostruito la parte ammalorata per "delaminazione da corpo estraneo interno". Il risultato e' stato ottimale, sia strutturale che estetico. E torno al concetto che voglio dare: l'osmosi nelle barche e' conseguenza di cattiva lavorazione o cattivo materiale.... o la combinazione dei due fattori, ma gia' nella fase di costruzione. La lavorazione della vetroresina e' un processo che non richiede profondo "skill" (si pensi invece a una costruzione in legno, e alla riparazione per invergatura di un corso di fasciame) Oggi i cantieri dovrebbero usare resine di qualita' superiore, e garantire la costruzione con procedure adatte (temperatura, umidita', tempi di pot life e tempi tra le "mani") e in effetti le barche degli ultimi anni presentano meno tale problematica. Il recupero di un'opera viva colpita da osmosi, e' un processo possibile, a meno che l'estensione dei difetti non sia stata tale da creare discontinuita' sensibile (delaminazioni) nel corpo dello scafo con drastica riduzione delle caratteristiche meccaniche di resistenza. Quanto ho visto fare nei vari cantieri e' in genere un tipo di intervento che da risultati ottimali: ferma il procedere del fenomeno e restituisce consistenza al laminato, e protegge meglio per le penetrazioni dovute all'osmosi. Il tutto a mio avviso deriva dalla qualita' dei prodotti usati (epossidici) e dalla rigorosa osservanza della procedura di preparazione e applicazione. Se un cantiere vuole/puo' applicare un ciclo antiosmosi, se semplicemente onesto, dara' una garanzia per un certo numero di anni e siccome tale garanzia dovrebbe essere in solido col fornitore della resina/prodotto, reputo poco probabile che un "Colorificio" suggerisca un Cantiere che poi gli faccia fare brutta figura...
BV
URL di riferimento