I Forum di Amici della Vela

Versione completa: il peposo alla "brunelleschi"
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
in barca.. non viene bene ci vuole il forno elettrico... si presta ad essere conservato 4 giorni.

(comunque un paio di idee su come farlo solare ce l' avrei)

carne di manzo anche spezzatino va bene

stufato di carote cipolla aglio e sedano (il sedano abbondante.. consente di ridurre il sale)
si mette su un tegame da forno la carne, si aggiunge il soffritto, si copre con vino rosso, qualche chiodo di garofano e qualche bacca di ginepro.
80-100 gradi per 4 ore.. anche 5.

cosi e' pronto per il frigo, prima di consumare si ripassa a fiamma alta su un fornello, si fa ritirare il vino rimasto e ci si da di pepe nero.. abbondante.

tempo di preparazione 5 minuti..in forno non e' necessario girarlo... dopo due giorni di frigo da il massimo di se.
Grazie ZK, me la sono segnata. Dev'essere bella gustosa
Io preparo le costine di maiale più o meno con la stessa ricetta, uso però vino bianco.
Ciao ZK , apprezzo moltissimo questa tipologia di pietanza e mi ripropongo di eseguirla ,solo una cosa non capisco ( colpa mia )
Ma metti la carne nel forno a 100 gradi cruda per cuocerla oppure la metti già cotta !
Ma si cuoce a 100 gradi ? Scusa e grazie !
100 gradi sono il massimo, meglio stare sotto, tra 80 e 90.. ma i forni e' raro che le indichino.. io fo il controllo col termometro a infrarossi.
si cuoce in 4 ore (non hai da mescolare nulla.. mentre cuoce puoi tranquillamente andar a fare trucioli, non attacca nulla)
la carne viene morbida come non nessun altra cottura.
Carina è la storiella-leggenda che ci graviterebbe sopra.
Si chiamerebbe Peposo all'impunetina. Impruneta è una zona collinare intorno a Firenze, un tempo famosa per la produzione del "cotto", il tipico materiale rossastro utilizzato di frequente qui da noi.
Esso viene fatto appunto cuocere in forno, e gli operai, stando alla leggenda, utilizzavano il forno del cotto per cuocere a fuoco lento questa carne.
A quanto sembra, costoro disponevano spesso di carne un pò troppo "frollata", al limite del puzzolente, e abbattevano tale problema con ingenti quantità di pepe.
Declino responsabilità sulla veridicità della storia.....
Ma a quella temperatura sfuma il vino?
evapora la parte alcolica, il vino rimane li.. a fine cottura togli la carne e tiri il liquido che diventa un sughino spettacolare.

neanche io se sia un mito.. pero e' buono e si fa con pochi minuti di preparazione.. e sopratutto e' buono anche riscaldato.
Grazie di cuore
Con "stufato di..." intendi una base tipo quella per il ragù?
stufare si stufano le verdure.. quelle a 80 gradi non cuociono e se le cuoci il sapore (per i miei gusti) e' migliore.. nella ricetta originale.. a crudo poche e a pezzettoni.
URL di riferimento