I Forum di Amici della Vela

Versione completa: elica di prua. SI o NO?
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2
Opinioni differenti mi confondono sull'utilità o meno dell'elica di prua su di un 43 piedi! Metterla o no? ....Considerando anche i circa 9000 euro di costo!
Scusate... ma, sono neofita e ho seguito interessato la discussione... Vorrei chiedere a voi veterani, ma se uno ha una chiglia lunga, su un 31 metri che pesa come un 36... e che a marcia indietro non dirige nemmeno con abbrivio discreto, sarebbe o non sarebbe auspicabile l'elica di prua? Oppure essere capaci significa saper manovrare senza problemi anche dati tali presupposti? Lo chiedo, perchè tra l'altro è uno dei lavori che pensavo indispensabili su una barca che starei per acquistare... Smile
Citazione:Poetto ha scritto:
Scusate... ma, sono neofita e ho seguito interessato la discussione... Vorrei chiedere a voi veterani, ma se uno ha una chiglia lunga, su un 31 metri che pesa come un 36... e che a marcia indietro non dirige nemmeno con abbrivio discreto, sarebbe o non sarebbe auspicabile l'elica di prua? Oppure essere capaci significa saper manovrare senza problemi anche dati tali presupposti? Lo chiedo, perchè tra l'altro è uno dei lavori che pensavo indispensabili su una barca che starei per acquistare... Smile

Caspita!
Hai voglia mignotte!

Big Grin

Lì, forse, serve.
Citazione:fabiseb ha scritto:

Fra un po faranno le barche che veleggiano da sole, e noi che le ammiriamo dal balcone di casa col telecomando in mano... Big GrinBig GrinBig Grin
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
Big Grin
B.T.
Come molte altre cose: se ce l'hai la usi ed è comoda, se non ce l'hai fai in qualche altra maniera.
Indispensabile per vivere tranquilli
Citazione:dapnia ha scritto:
Citazione:Poetto ha scritto:
Scusate... ma, sono neofita e ho seguito interessato la discussione... Vorrei chiedere a voi veterani, ma se uno ha una chiglia lunga, su un 31 metri che pesa come un 36... e che a marcia indietro non dirige nemmeno con abbrivio discreto, sarebbe o non sarebbe auspicabile l'elica di prua? Oppure essere capaci significa saper manovrare senza problemi anche dati tali presupposti? Lo chiedo, perchè tra l'altro è uno dei lavori che pensavo indispensabili su una barca che starei per acquistare... Smile

Caspita!
Hai voglia mignotte!

Big Grin

Lì, forse, serve.


ahahahah!!! beh, ovviamente ho scritto minchiate, come si dice a Parigi... avrei voluto dire: un 31 PIEDI che pesa quanto un 36... ma evidentemente il mio unico neurone in discreta salute era in ferie... Big GrinBig GrinBig Grin
Elica di prua... Come dicevo, la barca manovra poco e male a marcia indietro, e io sono sempre solo a portarla e... sono nel sud Sardegna, e il vento... beh, non aiuta sempre. Smile Ciò detto, se uno davvero esperto mi dice: 'rompiti il posteriore ed impara a manovrare anche così, perchè SI PUO FARE' allora io lo prendo ciecamente in parola, e se si può fare, lo farò, costasse l'anima. Se no, devo metterlo in conto, perchè l'elica di prua dovrà far parte delle diverse migliorie in programma sulla barchetta che acquisterò a prezzo d'occasione... Wink
Mettila in conto4242
...chi è bravo in porto non necessariamente è buon marinaio.
Mio modestissimo parere, invece del corso per 'ormeggiatori' a Caprera, un po' di navigazione nella manica in dicembre,no??
L'elica di prua è un importante accessorio per chi naviga con la famiglia o in solitario.
Poi, a parte il guscio, si può far a meno di tutto!!
Citazione:jk64 ha scritto:
...chi è bravo in porto non necessariamente è buon marinaio.
Mio modestissimo parere, invece del corso per 'ormeggiatori' a Caprera, un po' di navigazione nella manica in dicembre,no??
L'elica di prua è un importante accessorio per chi naviga con la famiglia o in solitario.
Poi, a parte il guscio, si può far a meno di tutto!!

Quindi è il caso mio, che navigo solo o con gente non pratica...
Grazie
L'elica di prua è una gran bella cosa, è comoda e spesso serve davvero.
Certo indigna alcuni puristi che levano infiammati di sdegno gli scudi........ma, se hai la barca giusta, con chiglia lunga, elica che sposta e che non sente il timone (specie in retro), è semplice: li inviti, uno alla volta, a bordo, aspetti un pò di vento a sfavore, gli picchi in mano la ruota di governo, gli dici 'Fammi vedere come si fa', e se ti va bene parti con le pernacchie.
Forse ti rovina la barca sul pontile, ma scherzi la soddisfazione! Big Grin
L'unico vero neo dell'elica di prua è che non è facile installarla bene.
No elica di prua, ma se necessario ormeggia di prua. Il problema non è l'elica di prua in sè, ma il montaggio. Resinature, cavi (la batteria dovrebbe essre vicino la motore dell'elica, peso e ingombri. Non complicarti, la semplicità paga. Ripeto, se necessario ormeggia di prua. Saluti
con i posti barca che ci sono , che sembriamo sardine in scatola, manovrare per entrare ma soprattutto per uscire , con vento di traverso , o anche quando le barche ormeggiate davanti sono troppo vicine, fa venir voglia di elica di prua. consideriamo poi che spesso si esce o si uscirebbe da soli o accompagnati da persone poco esperte.

su internet tempo fa ho trovato un sistema senza elica, a reazione utilizzando due passascafi , a dritta e a sinistra ed una pompa elettrica con rotazione alternata..... sembrava anche facile da realizzare in proprio
altra idea raccattata su internet sarebbe quella di utilizzare un fuoribordo elettrico a prua, con gambo particolarmente lungo; ne esistono di questi tipi per la pesca su picccole imbarcazioni e sono momtati a prua ed esendo dotati di telecomando possono essere manovrati da poppa. forse però con un 31 piedi siamo un pò al limite connsiderando che li danno con una forza di spinta di max 25-30 kg.

altra idea ancora , mi pare su bolina, sarebbe quella di utilizzare un fuoribordo elettrico (ma annche a scoppio) a poppa per contrastare l'effetto evolutivo o per ridurre il raggio di manovra. il fuoribordo penso che dovrebbe essere dotato di timoneria coordinata con il timone principale.
Secondo me ha senso su di una barca di almeno 45 piedi, leggera, che pesca poco o chiglia lunga, con un bordo libero importante, con un comandante che si sente più sicuro con.
Poi se c'è, perchè non usarla? Spesso può essere utile, soprattutto quando gente a bordo con slanci di eroismo si mette a spingere sulle barche con le gambe che passano tra le draglie... manco a dirlo!!!
Comunque penso anch'io che sia meglio imparare a manovrare, piuttosto che affidarsi troppo all'elica di prua. Ne ho già visti un paio azionarlo 'al contrario' (manco fosse un timone a barra) e finire sulla prua della barca a fianco. Mi pare che nessuno l'abbia ancora detto, comunque la si può usare per un tot di secondi e non ininterrottamente. Inoltre alcune barche che montano il rollafiocco elettrico, utilizzano le stesse batterie del botrast, quindi ci si potrebbe trovare con batterie che 'spingono poco' subito dopo aver avvolto il fiocco, avendo un botrast che non fa quello che ci si aspettava.
Dimenticavo.. con vento forte al traverso (magari con un bel tender in coperta) fa poco e niente.

Con 9000Euro ci farei una bella scaletta a prua Big GrinBig Grin
Io sul mio Oceanis (411) non ce l'ho. Anch'io non sono un esperto (.....anzi). La necessità dell'elica di prua l'ho sentita in una sola occasione quando rientrando in porto mi sono trovato con vento laterale e senza la barca ormeggiata sottovento. Inutile dire che mi sono traversato ......... Big GrinBig GrinBig Grin
Personalmente comunque entrando sempre in porto di poppa (facendo quindi 'prendere' il timone prima di entrare) di solito anche con il vento non ho grosse difficoltà a governare in retromarcia. Il problema è quando, fermata la barca, si deve prendere il corpo morto. Lì se non sei un fulmine e se non c'è una barca che ti tiene sottovento in 10 secondi sei già bello che andato.......
Comunque la prox volta che mi capita devo provare a fissare subito la cima dell'ormeggio di poppa e dare motore. Questo dovrebbe contrastare l'abbattimento della prua e darmi qualche attimo in più per arrivare alla trappa di prua. O no?
Citazione:kitegorico ha scritto:
Io sul mio Oceanis (411) non ce l'ho. Anch'io non sono un esperto (.....anzi). La necessità dell'elica di prua l'ho sentita in una sola occasione quando rientrando in porto mi sono trovato con vento laterale e senza la barca ormeggiata sottovento. Inutile dire che mi sono traversato ......... Big GrinBig GrinBig Grin
Personalmente comunque entrando sempre in porto di poppa (facendo quindi 'prendere' il timone prima di entrare) di solito anche con il vento non ho grosse difficoltà a governare in retromarcia. Il problema è quando, fermata la barca, si deve prendere il corpo morto. Lì se non sei un fulmine e se non c'è una barca che ti tiene sottovento in 10 secondi sei già bello che andato.......
Comunque la prox volta che mi capita devo provare a fissare subito la cima dell'ormeggio di poppa e dare motore. Questo dovrebbe contrastare l'abbattimento della prua e darmi qualche attimo in più per arrivare alla trappa di prua. O no?

Caro Kite devi fare esattamente quanto ho sottolineato. Io per altro ho la tua stessa barca e quindi ti garantisco il risultato.
In pratica puoi tranquillamente uscire e rientrare da solo anche con il vento al traverso ed anche senza barche a fianco.

Quando arrivi di poppa in banchina non avere troppi patemi ed invece di prendere il corpo morto tutto trafelato prendi la cima di poppa (imbittala più lunga della normale regolazione, almeno un metro) nel lato sopravento e dai un pochino di motore in avanti, poi metti l'altra cima alla stessa lunghezza e lascia il motore in avanti, mentre te ne vai fischiettando a mettere il corpo morto a prua.
La barca nel frattempo sotto la spinta del motore ed il vincolo delle cime di poppa ti rimane ortogonale alla banchina anche con 20 nodi di vento al traverso. Una volta messo il corpo morto al segno (che con le cime di poppa lunghe non c'è bisogno di cazzare), te ne torni sempre fischettando a recupereare a giusta misura le cime di poppa (a questo punto con il motore in retro e senza nessuno sforzo) metti il motore al minimo ed in folle e ti becchi una standing ovation dagli osservatori in banchina che non crederanno ai loro occhi SmileSmile.
Practice make perfect

Consigli:
- Se c'è un ormeggiatore che ti passa le cime anticipagli ad alta voce che vuoi le cime di poppa prima del corpo morto, poichè la maggior parte dei velisti prende prima il corpo morto (sbagliando!!) lui avrà già in mano quello. Quindi evita di perdere secondi preziosi.
- il motore da dare in avanti è funzione del vento (prenditi dei riferimenti con il contagiri)
- Non pasticciare con il corpo morto sotto la barca perchè hai un elica che gira
Basterebbe anche solo quella si sopravento con un pochino di gas ed il timone all'orza. Occhio alle cime nell'elica però Big Grin (anche quella del botrast... già visto!!!).
Un mio amico, anche un po' anzianotto, mi dice sempre che la barca vela è tutta una questione di leve. Come dargli torto? Wink
Ciao
Citazione:Poetto ha scritto:
Scusate... ma, sono neofita e ho seguito interessato la discussione... Vorrei chiedere a voi veterani, ma se uno ha una chiglia lunga, su un 31 metri che pesa come un 36... e che a marcia indietro non dirige nemmeno con abbrivio discreto, sarebbe o non sarebbe auspicabile l'elica di prua? Oppure essere capaci significa saper manovrare senza problemi anche dati tali presupposti? Lo chiedo, perchè tra l'altro è uno dei lavori che pensavo indispensabili su una barca che starei per acquistare... Smile
immagino 31 piedi...Big Grin
intanto controllerei che elica, di poppa, ha, perchè eventualmente anche lì si può migliorare qualcosaWink
Pagine: 1 2
URL di riferimento