I Forum di Amici della Vela

Versione completa: JEANNEAU - FR - Sun Fast 3200
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2
Citazione:Messaggio di LiberaMente

Ha anche un prezzo appetibile,

http://www.yachtingsud.com/_mdb/essai/YS...st3200.pdf


ma quanto costa una barca così?
e usata si trova?
Usata per ora mi pare difficile, è uscita nel 2008. Forse in francia.
Come prezzo il listino è poco sotto gli 80K, quindi immagino che barca in acqua, con vele, elettronica,IVA e sconto sia circa intorno ai 110-115 ben attrezzata ...
Ce nè una anche al campionato di Gala Calera, ma non và poi tanto. Mi è stato riferito che sono barche (plananti) ottimizzate per il lasco , mentre in bolina soffrono un poco. ciao max
Costa 90-95 pronta per regatare.
Ci sono salito ed è abbastanza tirata, adatta a quello che deve fare. Per gli interni preferisco quelli di altre parche concorrenti (E310), il 3200 li ha un po' troppo plasticosi. Anche se è invidiabile lo spazio che hanno ricavato per le 2 cabine a poppa.

Comunque è una barca che va assettata come si deve, altrimenti non è così veloce. E con venti leggeri soffre.
dopo lunga riflessione sono giunto a questa conclusione sul 3200:

avendo provato la barca per una settimana al CVC non posso esprimere a pieno un giudizio sulle potenzialità, infatti non viene mai tirata al massimo, non ha vele molto tech e soprattutto non usa spi ma gennaker. tuttavia come performances la barca mi è piaciuta molto, cammina con arie leggere, commina molto con ventone e da sempre la sensazione di grande stabilità anche senza il bisogno di lavorare troppo in falchetta (di bolina). sempre di bolina la particolarità, o quanto meno la mia impressione è che per camminare al meglio debba raggiungere una determinata inclinazione, dovuta allo spigolo vivo della carena.
la doppia pala da una grande sicurezza tanto alle portanti che di bolina, tanto che per cambiare lato una volta virato o strambato si può lasciare tranquillamente il timone per passare sull'altra barra.
il passaggio purtroppo non è intuitivo, nè semplice, ma bisogna ricordare che questa è una barca per lunghe percorrenze e non per il vira-vira di un match race.
Sulle barre aggiungerei un'altra considerazione, al posto dei tratizionali stick sono montati dei comodissimi maniglioni. Se è pur vero che sono molto comodi, secondo me impediscono di vedere bene i telltales e di stare con la schiena bene in fuori. Su questo ancora nutro un dubbio sul fatto che sarebbe stato meglio un bello stick telescopico.
L'armo è ottimo, niente da dire.
Sull'abitabilità interna tanto di cappello. Ci sono due enormi cabine gemelle a poppa e due divani in dinette davvero grandi e comodi. Lo stivaggio dell'abbigliamento è agevolato da comodi e pratici armadietti in cordura, davvero leggeri e capienti.
Il carteggio poi è il punto forte della barca. finalmente un carteggio come si deve!!! c'è una seduta comodissima ed un tavolo grande (tra l'altro esteticamente molto bello dato l'uso della grafica in kevlar) la cucina è pratica, il frigo abbastanza grande e l'acquaio già con la doppia rubinetteria(una di presa a mare).
Il tavolo per mangiare è piccolo, molto stretto, ma il problema è stato risolto dal cvc con delle alette ripiegabili.
il bagno è una figata, bello grande e comodo nella sua spartanità. poi a prua via c'è il calavele, ottimo per contenere cerate, giubbetti, vele e tutto il resto. più avanti ancora il gavone dell'anvora con relativa ispezione dall'interno.
Dimenticavo, per lo stivaggio a poppa ci sono due enormi gavoni simmetrici ed un gavone centrale a poppavia in pozzetto dove si può mettere le cose di più immediato utilizzo, come cime di ormeggio, dispositivi di sicurezza e simili è tuttavia noioso l'attacco del rifornimento carburante proprio nel gavone stesso.
La disposizione del piano di coperta è ben ragionata per la navigazione in solo od equipaggio ridotto. Tutto, dalla scotta randa, il trasto ed il winch delle vele di prua è a portata del timoniere nella sua seduta.
Un'altra cosa un po' noiosa, ma forse ha anche un suo aspetto positivo è l'accensione del motore solo da dentro. E sul motore c'è una considerazione a parte.
La potenza è di solo 15 cv. e non si può avere più grande. secondo me è un po' piccolo, non capisco proprio perchè questa scelta quando ormai tutte le barche sui 10 mt si attestano su 28 cv (+o-).
Comunque la barca va a nche a motore, ma non ho avuto modo di provarla a motore con onda formata e/o ventone.
Secondo me è proprio una bella barca, divertente, moderna e sicura.
Con qualche ulteriore modifica ed aggiunta di optional potrebbe diventare davvero una barca allround (ferie - regate lunghe) con i fiocchi.

Spero di essere stato utile ed esaustivo.

ema
pare che janneau abbia preparato un pack di fine anno molto appetibile.
si dovrebbe chiamare Sun Fast 3200 OfF SHORE o qualcosa del genere
il prezzo adesso è di 71K + iva.
per le vele (gioco regata + crociera) siamo tra 15 e 20K
un po' di elettronica...
ammennicoli vari...
credo che armata di tutto punto si oscilli tra 110 e 120K
Per chi non lo conosce c'è pure il sito della classe:

http://www.sunfast3200.com/index.php
Sarei un po' indeciso tra il 3200 e il nuovo FirstBig Grin
Facciamo un testa a testa con il nuovo First 30?Big Grin

A confronto pregi e difettiSmiley14................................
due tipologie diverse: uno per regate in equipaggio ridotto e long distance, l'altro per gli 'sparaboe'

uno omologato in classe A l'altro il First è in classe B Sadsmiley (il che viene escluso da molte regate lunghe, non solo da noi ma nella manica e in Ingilterra)
Ho aggiustato quello che avevo scritto sopra, spero sia più piacevole alla lettura.

Il Sun Fast 3200 rappresenta l'inizio di una nuova serie di Jeanneau dedicato alla velocità.
Ho provato la barca per una settimana al CENTRO VELICO CAPRERA, è mi è piaciuta tantissimo.
Tuttavia non posso esprimere a pieno un giudizio sulle sue potenzialità, dal momento che durante il corso la barca non è mai stata tirata al massimo, non montava vele hi-tech e soprattutto non armava lo spinnaker ma il gennaker.
Il 3200 infatti nasce con lo spi per ovvie ragioni di rating (ha circa 1.004), ma per l'uso didattico della scuola è stata preferita una vela più maneggevole.
Tuttavia le performances sono state entusiasmanti: il 3200 cammina con ariette leggere grazie alla bella invelatura, commina fortissimo con ventone e da sempre la sensazione di grande stabilità.
Di bolina la particolarità, o quanto meno la mia impressione è che per camminare al meglio debba raggiungere una determinata inclinazione di sbandamento, e grazie allo spigolo vivo della carena può stringere molto più di quello che si possa pensare.
La doppia pala del timone da una grande stabilità sia alle portanti che di bolina, tanto che per cambiare lato una volta virato o strambato si può lasciare tranquillamente il timone per passare sull'altra barra.
Il passaggio della seduta del timoniere da un bordo all'altro purtroppo non è intuitivo a causa dei rimandi della scotta di randa, ma bisogna ricordare che questa è una barca per lunghe percorrenze e non per lo zig-zag di un match race.
Sulle barre aggiungerei un'altra considerazione, al posto dei tratizionali stick sono montati dei grossi maniglioni. Se è pur vero che sono molto comodi, secondo me impediscono di vedere bene i telltales e di stare con la schiena bene in fuori. Su questo ancora nutro un dubbio sul fatto che sarebbe stato meglio un bello stick telescopico.
Comunque sia, i timoni rimangono sempre morbidissimi e precisi.
L'armo è ottimo, niente da dire. Tutto Harken di ultima generazione.
Sull'abitabilità interna, la spartanità del progetto genera spazi enormi. Ci sono due abbondanti cabine gemelle a poppa e due divani in dinette grandi e comodi e lo stivaggio dell'abbigliamento è agevolato da pratici armadietti in cordura, leggeri e capienti.
Il carteggio poi è il punto forte della barca: finalmente un carteggio come si deve!!! c'è una seduta comodissima, utilizzabile anche per riposarsi data la forma inclinata e contenitiva (ricorda un un sedile di una macchina da rally ruotato un po' all'indietro) ed un tavolo da carteggio grande quanto una carta nautica aperta (tra l'altro esteticamente molto bello dato l'uso della grafica in kevlar). Il pannello per gli strumenti è ampio, e lascia margine per l'applicazione di molti accessori (vhf, plotter, gps, etc..)
La cucina è pratica, ci sono due fuochi e manca di serie il forno. Il frigo è piuttosto grande e l'acquaio ha di serie la doppia rubinetteria (una con la comoda presa a mare).
Il tavolo per mangiare è piccolo, molto stretto, ma il problema è stato risolto dal CVC con delle alette ripiegabili.
il bagno a pruavia è molto spazioso e comodo.
La prua termina con un locale adibito a calavele, ma risulta ottimo anche per contenere cerate, giubbetti e tutto il resto, più avanti ancora c'è ancora il gavone dell'ancora con relativa ispezione dall'interno.
Per lo stivaggio, a poppa ci sono anche due enormi gavoni simmetrici ed una scassa centrale in pozzetto dove si può mettere le cose di più immediato utilizzo, come cime di ormeggio, dispositivi di sicurezza e simili. Nella stessa scassa c'è la presa per il rifornimento del carburante, soluzione purtroppo poco pratica.
La disposizione del piano di coperta è ben ragionata per la navigazione in solo od equipaggio ridotto, in fin dei conti la barca è stata progettata proprio per questo tipo di navigazione.
Tutto, dalla scotta randa, al trasto ed ai winch delle vele di prua sono a portata di mano del timoniere.
Sul motore sono sorte le mie maggiori perplessità: la potenza è di solo 15 cv. e non si può avere più potente neanche come optional (senza considerare che si andrebbe fuori stazza one design).
Secondo me è un po' sottodimensionato, comunque la barca tiene un buon passo anche a motore, ma non ho avuto modo di provarla in marcia con onda formata o con vento forte in manovra.
Un'altra cosa negativa a mio giudizio sul motore è la sua accensione solo dall'interno.
Concludendo ritengo che con qualche ulteriore modifica ed aggiunta di optional potrebbe essere davvero una barca allround sia per le ferie che per le lunghe navigazioni.
Chi si aspetta una barca 'comodona e chiatta', rimarrà deluso. Il Sun Fast 3200 è essenziale e spartano, ma di concezione moderna ed estremamente sicura.
Il costo della barca è di € 71.000 + iva al quale c'è da aggiungere parte dell'elettronica e le vele
a me la barca piace moltissimo, è anche la mia tipologia di barca, anche se l'avrei preferita un metrino più lunga, ma quello che mi frena è il fatto che lo scafo sia in sandwich, non ho niente contro questa tipologia di costruzione ma lasciando la barca in un porto dove le barche sono strette le une alle altre ho l'idea (forse sbagliata) ce in poco tempo mi ritrovo le fiancate ondulate, cosa che è successa ad un Ovni nel molo a fianco Sadsmiley
Citazione:skipperVELA ha scritto:
Sarei un po' indeciso tra il 3200 e il nuovo FirstBig Grin
Facciamo un testa a testa con il nuovo First 30?Big Grin

A confronto pregi e difettiSmiley14................................

secondo me non sono barche confrontabili.
nascono con concezioni completamente diverse.
il 3200 è più onesto. nel senso che è quel che si vede.
il F30 va a rimpiazzare il 31.7 ma ne stravolge la filosofia.
secondo me, temo che sarà un flop.
L'F30 dentro è casa, ma fuori lo hanno voluto fare (a mia impressione) troppo race e nervoso. Poi resto ancora perplesso per l'assenza di paterazzo e dei timoni fuori dallo scafo (che secondo me esplodono che è una bellezza sulle banchine).
Citazione:Snatch ha scritto:
Citazione:skipperVELA ha scritto:
Sarei un po' indeciso tra il 3200 e il nuovo FirstBig Grin
Facciamo un testa a testa con il nuovo First 30?Big Grin

A confronto pregi e difettiSmiley14................................

secondo me non sono barche confrontabili.
nascono con concezioni completamente diverse.
il 3200 è più onesto. nel senso che è quel che si vede.
il F30 va a rimpiazzare il 31.7 ma ne stravolge la filosofia.
secondo me, temo che sarà un flop.
L'F30 dentro è casa, ma fuori lo hanno voluto fare (a mia impressione) troppo race e nervoso. Poi resto ancora perplesso per l'assenza di paterazzo e dei timoni fuori dallo scafo (che secondo me esplodono che è una bellezza sulle banchine).

vedremo vedremoSmiley14Big Grin.................

Non dimentichiamo chi è il progettista del firstBig Grin
ti dico in tutta onestà che ho aspettato in pompa magna l'erede del 31.7
quando poi ho visto chi fosse il progettista mi sono gasato a mille.
L'F30 è bello esagerato, molto di più del 3200, gli interni sono eccellenti, sia come design, che come qualità e sia per il fatto che in pratica non manca niente. Mi piace la doppia pala ed il timone singolo, mi piace tutto...
ma non riesco proprio ad abituarmi all'idea dell'assenza del paterazzo (sia per la sicurezza che per l'assenza di una regolazione) e per quei due timoni fuori dallo scafo.
Però venendo dall'Este24 all'assenza di paterazzo dovresti esserci abituato ...
E per i timoni ... basta ormeggiare di prua.Big GrinBig Grin
certo, l'este non ha paterazzo, ma con tutto il rispetto e l'amore per quella barca si parla di un guscio da regata tra boe.
per i timoni, certo che si può ormeggiare di prua, ma vuol dire 'vincolarsi' sempre (o quasi) ad una manovra.
domani e domenica sarò a studiare l'F30... non è certo detto che non possa cambiare opinione, anzi lo vorrei!!
Smile
cosa ne pensate di questa scia, non trascina troppa acqua? O è in fase di pre-planata che con quel vento non raggiungerà.

http://www.youtube.com/watch?v=M7jNnRooJaM
Citazione:osef ha scritto:
cosa ne pensate di questa scia, non trascina troppa acqua? O è in fase di pre-planata che con quel vento non raggiungerà.

http://www.youtube.com/watch?v=M7jNnRooJaM
Mah!Smile Lo vedo così calmo...........mi da da pensareBig Grin
Come si sarebbe comportato l'Elan 310?
Pagine: 1 2
URL di riferimento