I Forum di Amici della Vela

Versione completa: rimozine scanalatura in alluminio dell'albero
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2
Nell'albero della mia barca nella scanalatura originaria è stata inserita dal vecchio proprietario una nuova scanalatura in alluminio scomoda per diversi motivi che devo assolutamente togliere. Non c'è possibilità di farla scorrere perchè in testa d'albero è ostruita, in basso non c'è via di uscita, per cui l'unica maniera sembra tagliarla longitudinalmente ed estrarla. Il problema consiste nel fare un taglio lungo tutta la sclanatura senza intaccare l'albero. Sul mercato non ho trovato uno strumento leggero che consenta di tagliare limitando la profondità del taglio, cosa indispensabile considerando che dovrò lavorare appeso al banzigo in posizione scomoda. Qualcuno può consigliarmi un attrezzo adatto?

Grazie a tutti
Suppongo che per scanalatura, intendi la canaletta della ratinga della randa, oppure una rotaia riportata.....

'Nà foto, anche presa col cellulare, magari può servire,
--Assaje assaje!--

Anche perchè le rotaie, generalmente vengono fissate all'albero con degli inserti.( a capire quale modello...)
Non ho foto con me, per cui ho fatto una sezione approssimativa in CAD

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
Hanno fatto questa modifica per inserire la vela direttamente con il gratile invece che con i garrocci.....temo che l'abbiano infilata a profilo nudo....ossia e' un estruso infilato nella canaletta....qualcuno lo faceva.Un bel casino.Qualcuno qui ti dira' la cosa giusta.
Mi sà che ti serve un specializzato in microchirurgia.

Oppure senza togliere nulla, fai montare sulla randa, dei canestrelli o cursori, per quel tipo di canaletta
Si infatti io non toccherei nulla e metterei i cursori in quella canaletta.Concordo.Smile
Li ho già i garrcci nelle vele, il problema consiste nel fatto che la scanalatura esistente parte da un'altezza rispetta al boma eccessiva, per cui ogni volta che si ammaina la randa va tolta tutta dall'inferitura e viceversa va re-inferita quando occorre armarla. In crocera tutto ciò risulta molto scomodo. Alla base di questa scanalatura c'è uno spinotto che impedisce alla randa di uscire dal 'binario' quando si ammaina, ma ne rimane una quantità eccessiva al vento che provoca disagi in fase di ormeggio. Per cui come risulta difficile sostiuirla è altrettanto difficile prolungarla per gli stessi motivi. Basterebbe una sega circolare come quelle per il legno, leggera e con la profondità di taglio regolabile, ma per il ferro non ne ho trovate.
Tutto si può fare, però....

Fresa manuale per legno, fresetta diam 3-4 mm per acciaio,
un canotto di guida montato sulla scarpa della fresa (deve entrare dentro la canalina.
Regoli l'altezza della fresetta 0,1 - 0,2 mm meno dello spessore del profilo da tagliare, (per non intaccare l'albero),
velocità mandrino a 20.000 giri/minuto e tagli l'alluminio come se fosse burro.
Però l'albero sarebbe bene metterlo in orizzontale, su dei cavalletti.

Forse fai prima a ricostruire in basso, la parte di profilo mancante.
Grazie Pedro, forse questo utensile può essere idoneo. Ho scritto una e-mail a Bosch spiegando la mia esigenza. Speriamo bene.

Saluti
Temesek,
se disalbero il problema è risolto perchè lo sfilo. Io vorrei trovare una fresa esattamente come l'hai descritta tu, per operare senza disalberare. Anche se in verticale con uno strumento regolato con un taglio che non scalfisca l'albero, con un po' di buona volontà dovrei farcela ma proprio non l'ho trovato in commercio. speriamo che il modello suggerito da Pedro abbia tra gli accessori quello che serve a me.
Citazione:Temasek ha scritto:
Tutto si può fare, però....

Fresa manuale per legno, fresetta diam 3-4 mm per acciaio,
un canotto di guida montato sulla scarpa della fresa (deve entrare dentro la canalina.
Regoli l'altezza della fresetta 0,1 - 0,2 mm meno dello spessore del profilo da tagliare, (per non intaccare l'albero),
velocità mandrino a 20.000 giri/minuto e tagli l'alluminio come se fosse burro.
Però l'albero sarebbe bene metterlo in orizzontale, su dei cavalletti.

Forse fai prima a ricostruire in basso, la parte di profilo mancante.
Mi sa che i venditori di alberi cominciano a fregarsi le mani.Guarda che se la intacchi quella e' una zona sensibile.....
Niente da fare.
Giù l'albero, se la rotaia passa dal piede bene, se no via la testa e la si spinge fuori di lì.
Listello in legno duro, per non rovinare la canaletta dell'albero, martello per battere sul listello, tempo e pazienza.
Fare diversamente è una pia illusione.
Ogni altro sistema è una fesseria che con certezza si trasforma in un gran danno.
disarmare mi sembra la cosa piu sensata
disarmare mi sembra la cosa piu sensata
La vedo dura anche così,
basta un pò di polvere frà le parti, o una leggera deformazione
e non esce più.

Gli conviene sempre tenerlo così come sta,
o al più venderlo e comprare un'altro profilo.
Citazione:Temasek ha scritto:

Forse fai prima a ricostruire in basso, la parte di profilo mancante.

Quoto
E' la cosa più semplice da fare.
Due guance di cui una fissa e l'altra mobile per quando devi levare la randa.
Ma farsi fare due o tre cursori su misura????Mica e' la fine del mondo....
http://www.makita.it/5017rkb-sega-circolare-190-mm

Secondo me con una sega circolare tipo questa
regoli il piano in altezza in modo che tagli solo l'allumino
della canalina, per evitare di uscire con la lama
lateralmente fai due buchi sul piano e metti due viti che spuntano
sotto il piano e che non permettono alla lama di uscire lateralmente dalla canalina........
e il gioco è fatto
Nel catalogo Dremel forse trovi quello che cerchi,ma se chi ne sa ti dice che rischi di fare più danni che altro, io darei retta a loro,
Pagine: 1 2
URL di riferimento