I Forum di Amici della Vela

Versione completa: Coppercoat, passati due anni: risultati.
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2 3
Ci Siamo!
Spostata la barca a Viareggio (grazie alla dritta di Scoglio), alata sulla banchina Lenci ho completato oggi la carteggiatura e domani se non piove inizio a dare la Coppercoat.
Un amico mi ha prestato una rotorbitale Rupes con aspiratore, ma comunque ho impiegato due giorni e mezzo per eliminare totalmente l'antivegeto (un posteriore pazzesco e tanti dolori muscolari).
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI . Questo è lo stato della carena dopo la pulizia con l'idropulitrice.
Il rettangolo bianco è il risultato di come è stata data l'antivegetativa al primo varo (la barca ha due anni e ha un solo strato di av).
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI . Questo è invece il bulbo che purtroppo nella parte inferiore e in qualche altro punto ha la copertura epossidica che si è crepata e sotto ha formato ruggine (bel risultato dopo solo due anni).
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI . Questo è il risultato dopo aver rimosso tutta l'av, quello che è rimasto è il primer che ho lasciato perché anche con molteplici passaggi della rotorbitale è rimasto ben ancorato al gelcoat.
Nei prossimi giorni aggiornerò questo thread man mano che i lavori avanzano.

Buon vento
Pacman
grazie

non lesinare foto
e particolari delle varifasi
con quantità e tempi

caricabasso

Ti consiglio un primer epossidico prima di stendere la coppercoat a meno che la barca non sia stata trattata con antiosmosi.
Quando stendi la coppercoat cura che la suoperficie sia accuratamente sgrassata,magari utilizzanto specifici prodotti per carrozzeria.
Oggi ho provveduto a mascherare dalla linea di galleggiamento in su, ho coperto con epossidica le parti del bulbo dove ieri ho carteggiato e dato il ferox. Finalmente con l'aiuto del meccanico del posto siamo riusciti a rimuovere l'elica che i 'meticolosissimi' addetti del cantiere, dove l'anno scorso ho fatto il cambio dell'elica, avevano calzato talmente tanto sull'asse che non c'era proprio pericolo che scappasse da sola.
Qualche mese fa ho preso la trappa nell'elica e la boccola si è rovinata, per toglierla ho dovuto calare completamente il timone e sfilare l'asse dell'elica dopo aver rimosso il mancione.
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI . Come vedete nel rimuoverla, la boccola si è distrutta ma non versava comunque in buone condizioni.
Quest'altra immagine è dell'astuccio che pensavo fosse in inox ed invece è in composito con una camicia inox solo nel tratto terminale.
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI . Per rimuovere il timone oltre a smontare la crociera ho tolto il braccio su cui è innestato il martinetto dell'auto pilota e l'ho trovato con ampie zone di ruggine e fioritura della zincatura (è in ferro zincato) per cui carteggiatura a fondo, ferox e doppia mano di zincante a freddo; questo è il risultato finale, vediamo quanto reggerà.
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI . Visto che ci siamo vi faccio anche vedere l'asse del timone con le due boccole. Sull'asse ci sono due boccole in inox (quella superiore è nera di grasso che devo ancora pulire) mentre nello scafo le boccole sono internamente dotate di bronzine sostituibili.
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI . A domani sperando di poter iniziare a passare la coppercoat sotto quattro delle otto tacche.

Pacman
Dai che mi sembra stia venendo molto bene Smile
E questa non è un Bavaria!
Alla faccia della qualita':)Due anni e' messa cosi!?
Citazione:otto ha scritto:
Alla faccia della qualita':)Due anni e' messa cosi!?
A cosa ti riferisci in particolare?
La barca è stata due anni consecutivi in acqua senza mai tirarla su; il danno alla boccola l'ho fatto io perché qualche mese fa ho preso la trappa nell'elica, per il resto mi sembra normale che ci siano piccole cose da sistemare.
D'altronde è il modo migliore per conoscere a fondo la barca ed avere chiaro in mente cosa fare se ci si trova in mezzo al mare con qualcosa che non funziona.

Pacman
Citazione:Montecelio ha scritto:
E questa non è un Bavaria!
Ciao Pino,
anche io sono rimasto piacevolmente colpito dagli anelli inox e la boccola con la pronzina; per inciso oggi ho rimontato asse elica e timone e ho controllato la boccola superiore che è in teflon senza bronzina che mi sembra ragionevole visto che il vero sforzo è fatto dalla boccola inferiore.

Pacman
Citazione:kermit ha scritto:
Dai che mi sembra stia venendo molto bene Smile
Ciao Marcello,
oggi non me la sono sentita di iniziare con tutta la carena per cui ho abbassato quattro tacche e ho lavorato su quelle, miscelando la coppercoat a piccole dosi per capire quanto tempo ho a disposizione dopo la miscelazione, quanto rende in termini di copertura e quanto deve essere carico il rullo per una stesura ottimale.
Domani tiro su le tacche e vai con il tango!

Pacman
La mattinata è iniziata con la pulizia dell'asse elica che nella parte interna all'astuccio aveva un po' di calcare salino. Tolto quello una bella passata di carta 1000 ad acqua e poi lucidatura a specchio con il trapano.
Ho fatto le quattro taccate e iniziato a passare la coppercoat anche al tunnel dell'elica di prua dopo aver rimosso le eliche che vernicerò a parte.
Ho concluso la giornata pulendo minuziosamente l'elica (una Variprop a quattro pale) su cui ho adottato il procedimento per la lucidatura che ho usato per l'asse elica. L'obiettivo è provare il metodo sperimentato da Kermit quest'anno, lucidatura a specchio e passata di grasso blu prima del varo.

Buon vento
Pacman
Citazione:pacman ha scritto:
Citazione:otto ha scritto:
Alla faccia della qualita':)Due anni e' messa cosi!?
A cosa ti riferisci in particolare?
La barca è stata due anni consecutivi in acqua senza mai tirarla su; il danno alla boccola l'ho fatto io perché qualche mese fa ho preso la trappa nell'elica, per il resto mi sembra normale che ci siano piccole cose da sistemare.
D'altronde è il modo migliore per conoscere a fondo la barca ed avere chiaro in mente cosa fare se ci si trova in mezzo al mare con qualcosa che non funziona.

Pacman
Scusa ma forse sono stato frainteso ,io non mi riferivo al lavoro che meticolosamente stai facendo ,ma mi sembra che una barca di due anni con gia' fioritura di ruggine sia un po eccessivo anche perche per tutti i soldi che costa se permetti io da un marchio come quello pretenderei qualcosa di piu, mi scuso ma questo e' il mio pensiero , vabbe' che barca = pollo da spennare purtroppo questa e' la mentalita'Palla 8
Io il primer lo stò facendo rimuovere xchè darò due mani di epoxy prima di passare la coppercoat. In un altro post c'era chi giustamente sosteneva che non ha senso risparmiare su un lavoro che dovrebbe sostituire per almeno 5-7 anni i lavori annuali di carena. E poi è vero che la CC è già impermeabile di suo ma è pur sempre soltanto una Antivegetativa (è quindi x potersi consumare vuol dire che è idrosolubile).
Anch'io poi volevo smontare il timone per poterlo lavorare meglio ma altri armatori di 411 mi hanno consigliato di lasciarlo lì dov'è e siccome sinora hanno sempre avuto ragione loro, non ho toccato nulla.
E perchè non dare la CC anche sull'elica? C'è chi lo stà facendo (previa mano di epoxy), e c'è chi l'ha data sulle prese a mare (che sono anche in ottone).......

P.S. Personalmente mi sono convinto a dare la CC perchè avrei così approfittato per dare, dopo 12 anni, a uno scafo che per tutto il tempo era stato in acqua (e che spero dopo questi lavori ci possa rimanere per almeno altri venti) una protezione antiosmosi. Non credo che l'avrei fatto su una barca di appena due anni, però ognuno giustamente ha le sue idee.
Citazione:otto ha scritto:
In tutta la mia barca ci sono alcuni particolari che mi hanno fatto 'girare le scatole': supporto del timone autmatico in acciaio zincato con fioriture dopo 4 anni, rubinetteria idem ma al primo anno, specchi che perdono l'argentatura.

Il supporto l'ho fatto in inox 306 (mica doveva essere lucido e smagliante, sta in un gavone...), metà dei rubinetti sono stai cambiati in garanzia, gli specchi anche.

Resta il fatto che al momento dell'acquisto di un 40' il prezzo pagato era certamente meno della metà di quello di un marchio 'blasonato' e di poco superiore,, a parità di potere d'acquisto, al prezzo cui, 16 anni prima, avevo comprato un 30 piedi.
Citazione:umeghu ha scritto:
Citazione:otto ha scritto:
In tutta la mia barca ci sono alcuni particolari che mi hanno fatto 'girare le scatole': supporto del timone autmatico in acciaio zincato con fioriture dopo 4 anni, rubinetteria idem ma al primo anno, specchi che perdono l'argentatura.

Il supporto l'ho fatto in inox 306 (mica doveva essere lucido e smagliante, sta in un gavone...), metà dei rubinetti sono stai cambiati in garanzia, gli specchi anche.

Resta il fatto che al momento dell'acquisto di un 40' il prezzo pagato era certamente meno della metà di quello di un marchio 'blasonato' e di poco superiore,, a parità di potere d'acquisto, al prezzo cui, 16 anni prima, avevo comprato un 30 piedi.
Grazie Umeghu vedo che hai colto in pieno il senso del mio discorso ciao Otto Wink
Citazione:kermit ha scritto:
Il 411 non mi sembra abbia l'attacco dell'autopilota in acciaio zincato, comuque non ricordo fioritura di ruggine nella timoneria

Parlavo, ovviamente, del 393; visto che il problema l'aveva anche un altro armatore, dal fabbro ne ho fatti fare 3.
Il 411 non so come sia sistemato, però se fosse un supporto a 90° con 4 fori per faccia, ne ho un pezzo avanzata: mi avvisi e la prima volta che passi sopra casa ti mando un pallone che peschi col gancio.....
Citazione:kermit ha scritto:
Citazione:kitegorico ha scritto:

P.S. Personalmente mi sono convinto a dare la CC perchè avrei così approfittato per dare, dopo 12 anni, a uno scafo che per tutto il tempo era stato in acqua (e che spero dopo questi lavori ci possa rimanere per almeno altri venti) una protezione antiosmosi. Non credo che l'avrei fatto su una barca di appena due anni, però ognuno giustamente ha le sue idee.
Io al contrario direi che se acquistassi una barca nuova la CC la metterei prima di fare il varo per massimizzarne i vantaggi di prevenzione e costi di esercizio.
Farla dopo 12 anni come logica perchè è stata in acqua prima non ha nessun senso, la fai perchè non vuoi più avere a che fare con i lavori annuali di carenaggio, in sostanza non è una cura per l'osmosi e nemmeno tanto un trattamento preventivo
STRAQUOTO!!!
Anzi, sto pensando di proporre al nostro Club Nautico di fare una convenzione per far acquistare il prodotto a prezzo scontato ed incoraggiare tutti i neo-armatori a metterla sulle barche nuove: è una grossa semplificazione delle operazioni di piazzale a inizio stagione (meno invasi, meno personale, meno inquinamento......). Ma questo ovviamente perchè siamo onlus no profit.
Okkio Umeghu a propagandare troppo i benefici del CC SmileSmile I cantieri sono consapevoli della cosa e se divulghi troppo s'incacchiano parecchio, per loro gli alaggi/vari annuali e antivegetativa sono la prima fonte di reddito.....capisci a me
Citazione:otto ha scritto:
Scusa ma forse sono stato frainteso ,io non mi riferivo al lavoro che meticolosamente stai facendo ,ma mi sembra che una barca di due anni con gia' fioritura di ruggine sia un po eccessivo anche perche per tutti i soldi che costa se permetti io da un marchio come quello pretenderei qualcosa di piu, mi scuso ma questo e' il mio pensiero , vabbe' che barca = pollo da spennare purtroppo questa e' la mentalita'Palla 8
Nessun problema Otto, avevo capito che facevi riferimento alla barca e non ai lavori il problema è che in barca non dovrebbero proprio esserci pezzi di ferro zincato... con le barche attuali per un prezzo un po' più abbordabile c'è da accetare dei compromessi. Ti dico solo che un HR46 usato di 4 anni costa intorno ai 700mila, immagino che da nuovo costi il triplo di un Beneteau.

Pacman
Citazione:kermit ha scritto:
Citazione:kitegorico ha scritto:

P.S. Personalmente mi sono convinto a dare la CC perchè avrei così approfittato per dare, dopo 12 anni, a uno scafo che per tutto il tempo era stato in acqua (e che spero dopo questi lavori ci possa rimanere per almeno altri venti) una protezione antiosmosi. Non credo che l'avrei fatto su una barca di appena due anni, però ognuno giustamente ha le sue idee.
Io al contrario direi che se acquistassi una barca nuova la CC la metterei prima di fare il varo per massimizzarne i vantaggi di prevenzione e costi di esercizio.
Farla dopo 12 anni come logica perchè è stata in acqua prima non ha nessun senso, la fai perchè non vuoi più avere a che fare con i lavori annuali di carenaggio, in sostanza non è una cura per l'osmosi e nemmeno tanto un trattamento preventivo

Daccordissimo. A condizione come dici tu di metterla prima del varo. Mi dispiacerebbe grattare con una rotorbitale uno scafo di una barca di appena due anni.Wink
Pagine: 1 2 3
URL di riferimento