I Forum di Amici della Vela

Versione completa: salire in testa d'albero
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2
Un velista francese, ha publicato un articoletto per fare conoscere il suo 'modo'.Ha costruito una lunga scala a pioli, la arma con la drizza di randa o se quella non è disponibile perché incattivata,con quella del fiocco. La siccurezza è un imbragatura a cinque punti e una specie di pinza che addoperano i scalatori che blocca un 'altra drizza.Raccomanda di non usare drizze di diametro inferiore a 10mm.
E di accertarsi all'acquisto di quest'ultime siano di buona qualità.
Comunque penso che anche con la scala a pioli, andar su sia adrenalinico.
Cosa ci sia di adrenalico ad andar su non saprei. Forse la prima volta poi diventa una fastidiosa incombenza. La scala può essere di ausilio e la maniglia d'alpinismo una sicurezza. Io salgo con l'imbrago da roccia con drizza attaccata e un'altra drizza come sicurezza. Le maniglie con i supporti per i piedi, che pure ho usato, restano nel cassetto fin quando ce la faccio a tirarmi su così.
detto inglese- tre cose sono inutili a bordo: un ombrello, una scala a pioli e un ufficiale di sua maestà.
Big Grin
sono con GT, e la parola adrenalina mi fa c... venire l'orticariaPalla 8Palla 8
continuo a salire con un vecchio banzigo a tavoletta, non ce la faccio
più da solo dopo i 45SadsmileySadsmileySadsmiley e farmi tirar su mi scoccia un po'Big Grin
così sto rinviando... ma mi toccharà presto.
Ma stai parlando di scala a pioli( rigida ) o di scala a corda?
Io uso due maniglie da alpinismo con relativo imbrago ( no banzigo). Drizza cazzata e drizza spy o randa di sicurezza. Anche alla mia veneranda età riesco ad andare in testa senza farmi sollevare come un sacco di patate. Ovviamente con qualcuno che controlla.
Come scritto spesso la salita in testa d'albero resta per me un'operazione che ancora non ho mai fatto dopo quasi trentanni di militanza (sulla barca precedente abbattevo l'albero..Big GrinBig Grin). Rappresenta quindi per me un sogno apparentemente irraggiungibile perché appunto su questo non ho esperienza, sono pesante e il mio 'aiuto' che mi dovrebbe tirare su... lasciamo perdere. Per cui ho sempre seguito con attenzione tutte le discussioni che trattavano l'argomento e soprattutto descrivevano metodi o dispositivi che non prevedevano l'intervento di altri al di fuori della persona impegnata a salire. Sono quindi inevitabilmente capitato sui 3d di piero.sensi e chiedi oggi, chiedi domani alla fine ho convinto il nostro inventore a fare una prova sulla mia barca del suo sistema. Piero si è dimostrato molto disponibile e mi ha mostrato con entusiasmo quanto da lui concepito, studiato e perfezionato nel tempo. Ora non so in che fase si trovi la sua creazione che comunque dovrebbe aver già brevettata, in ogni caso vi posso dire che funziona benissimo e mi ha aperto sicuramente nuovi orizzonti. Ora aspetto di vedere che cosa succederà.28
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=75716
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=75437
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=72558
Citazione:Trixarc ha scritto:
Come scritto spesso la salita in testa d'albero resta per me un'operazione che ancora non ho mai fatto dopo quasi trentanni di militanza (sulla barca precedente abbattevo l'albero..Big GrinBig Grin). Rappresenta quindi per me un sogno apparentemente irraggiungibile perché appunto su questo non ho esperienza, sono pesante e il mio 'aiuto' che mi dovrebbe tirare su... lasciamo perdere. Per cui ho sempre seguito con attenzione tutte le discussioni che trattavano l'argomento e soprattutto descrivevano metodi o dispositivi che non prevedevano l'intervento di altri al di fuori della persona impegnata a salire. Sono quindi inevitabilmente capitato sui 3d di piero.sensi e chiedi oggi, chiedi domani alla fine ho convinto il nostro inventore a fare una prova sulla mia barca del suo sistema. Piero si è dimostrato molto disponibile e mi ha mostrato con entusiasmo quanto da lui concepito, studiato e perfezionato nel tempo. Ora non so in che fase si trovi la sua creazione che comunque dovrebbe aver già brevettata, in ogni caso vi posso dire che funziona benissimo e mi ha aperto sicuramente nuovi orizzonti. Ora aspetto di vedere che cosa succederà.28
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=75716
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=75437
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=72558



quando ti devi distaccare dall'albero ( x es. controllare la testa delle crocette) come si fa con quell'aggeggio[?]
Citazione:Anghelos ha scritto:



quando ti devi distaccare dall'albero ( x es. controllare la testa delle crocette) come si fa con quell'aggeggio[?]

In realtà sei completamente indipendente dall'albero che usi solo come 'riferimento' per salire. Ti puoi allontanare da esso tranquillamente afferrandoti alle sartie. Tu sei comunque appeso come con un normale banzigo. Rispetto al filmato, l'ideale sarebbe salire dalla parte dell'inferitura dell'albero perché hai meno ostacoli. Nel mio caso io ho la randa rollabile per cui non era possibile in quel momento utilizzare la sua drizza. Organizzando le cose meglio si poteva utilizzare l'amantiglio. Noi abbiamo utilizzato le due drizze dello spy a proravia dell'albero. Una drizza serve per portare su la drizza dell'attrezzo che ha appunto la sua, l'altra per avere una cima di sicurezza.
È un anno che devo sostituire il trasduttore del vento in testa d'albero e continuo a rimandare perchè non trovo nessuno che mi aiuti a salire.
Sono più che interessato alla soluzionedi Piero ma io il filmato non lo vedo!
Al salone di Southampton ho pensato proprio all' 'attrezzo di Piero', ce n'era uno molto simile, credo. Molto venduto in Inghilterra e Francia già da un anno....
Con questo sistema c'è comunque bisogno di una persona che recuperi la drizza (senza sforzo), anche la discesa avviene in modo classico cioè con uno che fila la drizza.
http://www.mastaclimba.com
L'attrezzo era montato su una cima da 13mm e ho pensato che le drizze sono di diametro inferiore, quindi ero un po' perplessa...il prezzo era di 190 sterline.

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .


Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

questo è il video del venditore (erano proprio loro due nello stand Smile

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
Non so quello inglese, ma con quello di piero non hai bisogno di nessuno se non per... sostegno morale.Big GrinBig Grin. Come è successo a me nel video, che non avevo capito come si faceva, la discesa è avvenuta nel modo tradizionale facendo mollare la drizza a un altro. Altrimenti scendi, come sei salito, perfettamente da solo.

p.s. non capisco perché marakka non riesce a vedere il video. E' un normalissimo video su youtube
Comunque in tutti e due i sistemi si va su a forza di gambe....qualcuno che fatica c'è sempre Cool
X bordé
per favore puoi copiare/allegare/inviarmi, copia dell'articolo
del velista francese al fine di costruire una scala a pioli.


Giorni or sono ho aperto una discussione in merito :
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=77891

sono stato 'dirottato' a questa discussione:
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=77264
Ho letto velocemente il tutto ma senza risultato.
ossia si discute di tecniche alternative ,di sicurezza ecc.ecc.
ma NON come costruirsi una scala di corda.

Se per favore puoi mettere in evidenza quanto scritto dal velista francese..........

Grazie Mille

B.V.
Citazione:Trixarc ha scritto:

p.s. non capisco perché marakka non riesce a vedere il video. E' un normalissimo video su youtube

sull'ipad non è attivo il riquadro del video quindi l'ho cercato e visto direttamente su youtube

grazie
Citazione:extrabit ha scritto:
Al salone di Southampton ho pensato proprio all' 'attrezzo di Piero', ce n'era uno molto simile, credo. Molto venduto in Inghilterra e Francia già da un anno....
Con questo sistema c'è comunque bisogno di una persona che recuperi la drizza (senza sforzo), anche la discesa avviene in modo classico cioè con uno che fila la drizza.
http://www.mastaclimba.com
L'unica cosa simile sono le pedane.....
ma con l'ultima modifica,
adesso...neanche quelle!!!!Smile

Per GT
Andare su con l''Attrezzo'......
da una fastidiosa incombenza, per me....
è diventato un divertimento,
...dopo i 57Big GrinBig GrinBig Grin
Ho 64 anni e salgo e scendo da solo in TA con le maniglie GRI-GRI. una si collega al moschettone del banzigo e l'altra al moschettone di due fettucce con relativi appoggia piedi. Uso 2 drizze e anche una cintura ombelicale ( per ulteriore sicurezza). Il banzigo è di quelli per speleologia. costo complessivo 100 euro ( 50 il banzigo e 50 le pinze Gri-Gri
Citazione:stevern ha scritto:
Ho 64 anni e salgo e scendo da solo in TA con le maniglie GRI-GRI. una si collega al moschettone del banzigo e l'altra al moschettone di due fettucce con relativi appoggia piedi. Uso 2 drizze e anche una cintura ombelicale ( per ulteriore sicurezza). Il banzigo è di quelli per speleologia. costo complessivo 100 euro ( 50 il banzigo e 50 le pinze Gri-Gri
6 un grandeBig Grin
Citazione:mibe ha scritto:


X bordé
per favore puoi copiare/allegare/inviarmi, copia dell'articolo
del velista francese al fine di costruire una scala a pioli.


Giorni or sono ho aperto una discussione in merito :
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=77891

sono stato 'dirottato' a questa discussione:
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=77264
Ho letto velocemente il tutto ma senza risultato.
ossia si discute di tecniche alternative ,di sicurezza ecc.ecc.
ma NON come costruirsi una scala di corda.

Se per favore puoi mettere in evidenza quanto scritto dal velista francese..........

Grazie Mille

B.V.


forse è questo ?

http://www.hisse-et-oh.com/articles/888-monter-au-mat
Quando devo salire in testa d'albero mi faccio tirar su da mia moglieWink
Essendo un marcantonio di 1.91, di corporatura falso esileBlush sopra il quintaletto, come farà?
Lo fa a mano, senza ausilio di maniglie e senza usare il salpa ancora(che è solo per catena).
La drizza della randa è incocciata, dopo averci magari fatto una gassa d'amante per la ritenuta sotto le braccia, all'anello del banzigo.
L'amantiglio( che non è da 6) passa attraverso il grillo della drizza e finisce con un anello di cima doppio in cui infilo i piedi(calzati).
In pratica le fasi per chi è ai winch sono:
Chiusura 2 stopper
1) recupero drizza sino a banzigo sul qulo
2) recupero dell'amantiglio mentre io alzo i piedi
3) recupero drizza mentre io mi metto in piedi caricando l'anello di corda attaccato all'amantiglio e scaricando il banzigo(qulo)
Poi si ripetono i punti 2 e 3 sino a quando si è arrivati in cima.

Quando si è finito basta che vengano riaperti gli stopper e fatta scorrere in modo frenato(è un discorso di fiducia) drizza e amantiglio sino alla coperta.
Più o meno come con i climber ma senza attrezzatura.
Nessuno sudaCool
Citazione:Maro ha scritto:
Quando devo salire in testa d'albero mi faccio tirar su da mia moglieWink
Essendo un marcantonio di 1.91, di corporatura falso esileBlush sopra il quintaletto, come farà?
Lo fa a mano, senza ausilio di maniglie e senza usare il salpa ancora(che è solo per catena).
La drizza della randa è incocciata, dopo averci magari fatto una gassa d'amante per la ritenuta sotto le braccia, all'anello del banzigo.
L'amantiglio( che non è da 6) passa attraverso il grillo della drizza e finisce con un anello di cima doppio in cui infilo i piedi(calzati).
In pratica le fasi per chi è ai winch sono:
Chiusura 2 stopper
1) recupero drizza sino a banzigo sul qulo
2) recupero dell'amantiglio mentre io alzo i piedi
3) recupero drizza mentre io mi metto in piedi caricando l'anello di corda attaccato all'amantiglio e scaricando il banzigo(qulo)
Poi si ripetono i punti 2 e 3 sino a quando si è arrivati in cima.

Quando si è finito basta che vengano riaperti gli stopper e fatta scorrere in modo frenato(è un discorso di fiducia) drizza e amantiglio sino alla coperta.
Più o meno come con i climber ma senza attrezzatura.
Nessuno sudaCool

Praticamente come il 'Mastaclimba'....
senza le pedaneBig Grin

E comunque...hai sempre bisogno obbligatoriamente,
di un'altra persona
....fidataSmile
Poi sulla discesa con i stopper aperti......
una sudatina.....io me la fareiSadsmiley


E la drizza di sicurezza[?]
Citazione:sensi piero ha scritto:
Citazione:Maro ha scritto:
....

Praticamente come il 'Mastaclimba'....
senza le pedaneBig Grin
EEEsatto!La sequenza è quella ma non c'è bisogno di nessun attrezzo
Citazione:E comunque...hai sempre bisogno obbligatoriamente,
di un'altra persona
....fidataSmile
è l'ultima parola il perno della situazione...Wink
Citazione:Poi sulla discesa con i stopper aperti......
una sudatina.....io me la fareiSadsmiley
se fa calddo un pochino...
comunque così la vedo dura scendere con gli stopper chiusiSmile
Citazione: E la drizza di sicurezza[?]
L'amantiglio, che è la drizza di rispetto per la randa, non un sagolinoSmiley14
Pagine: 1 2
URL di riferimento