I Forum di Amici della Vela

Versione completa: Nuovo trimarano
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
(13-02-2016 14:21)cormax66 Ha scritto: [ -> ]grazie mimita , sei sempre gentile
Stamattina ho carteggiato la traversa di poppa, ho ricavato nello stampo le sedi degli assi da 30 , sono venute molto bene , piu tardi metto qualche foto.
la traversa pesa 18 kg , ma manca ancopra qualche rinforzo , è un monolite ci sono solo 26 strati di unidirezionale di carbonio ...

Non sono gentile ,ma visto che l'anagrafe non mi consente nuove avventure , mi fai rivivere i momenti bellissimi di una realizzazione di questo tipo ,per questo tifo incondizionatamente per te !Thumbsupsmileyanim
qualche foto
altra
altra foto
ultima
Ciao a tutti
vi invio le foto dell'ordinata di prua
dopo stratifica
Complimenti per la manifattura veramente professionale
Di cosa é fatta l'anima del sandwich?
pvc espanso da 200 kg m3 per le ordinate stampate oggi , con tessuto di vetro e unidirezionale di carbonio
per lo scafo sto usando del pvc da 80 kgm3 tessuto quadriassiale da 600 gr
Prima o poi questo puzzle lo metteremo insieme e allora ...vai con i sogni !
Speriamo perché sono passato due anni e manca ancora molto lavoro
(22-02-2016 00:32)cormax66 Ha scritto: [ -> ]Speriamo perché sono passato due anni e manca ancora molto lavoro

ma a parte i costi dei materiali che sono facilmente quantificabili, stai calcolando le ore che ci stai impiegando?
Lupo quando costruisci, è come passare del tempo con la famiglia, puoi tenere traccia delle ore che ci passi ma non devi quantificare il tempo che impieghi. Così devi fare anche se vai a vendere: mai pensare che la tua barca, realizzata con tanto amore e forse meglio di ciò che il mercato ti offriva, valga quanto o più di un'usato di cantiere conosciuto. Forse riesci a vendere se proprio quelle ore le dimentichi, ahimè!!!
riepilogo un pò il lavoro svolto :
ho iniziato a marzo del 2014 sono quindi 2 anni e ho realizzato :
gli scafetti laterali in sandwich vetro pvc e carbonio
le quattro traverse pieghevoli in composito compreso stampo in acciaio
le ordinate strutturali di poppa e prua in composito con stampo in legno
la meccanica dei bracci pieghevoli in alluminio
sto stratiifcando il primo semiscafo centrale
ho preparato la cassa della deriva , devo incollarla
e ho messo a punto il sistema per produrre alberi in carbonio easy che ho pure brevettato
Sono andato in vacanza tutti gli agosti e qualche breve vacanza durante l'anno
Mi posso ritenere soddisfatto di come sta andando il lavoro, per me è un passatempo, ci dedico tempo nei week end , se potessi lavorarci tutti in giorni sarebbe già in acqua da un pezzo .
E' anche vero che non sono proprio un neofita quindi rispetto ad un auto costruttore dilettante ho qualche vantaggio ...considerate che tutta la barca l'ho disegnata in 3d e tutti particolari sono abbastanza messi a punto .
Ho dei dubbi sull'attrezzatura di coperta in quanto non ho mai armato una barca nuova ma confido nel mio amico roberto che ne sa più di me.
questo è lo stato dell'arte ..
Vi ringrazio per l'interessamento che avete a questo mio progetto, in qualche modo mi date la carica a darmi da fare
a presto
quest'anno non riuscirai a metterla a mollo ma l'anno prossimo devi farcelaSmiley32Thumbsupsmileyanim!!!
Me lo auguro , ma credo che anche allestirla richiede del tempo
Ciao. Io ho un trimarano 33 piedi ad ali pieghevoli. Se ti interessa qualche consiglio sull'armo, basta chiedere.
Grazie infinite , mi interessa molto , in quanto non sono esperto in armo e regolazioni in quanto sono andato sempre in contender , se hai la possibilità puoi inviarmi qualche foto con brevi spiegazioni .
i winch ad esempio ho visto che spesso sono nulla tuga a dx sx del tambuccio , la randa ha tutto sul carrello , le rotaie delle vele di prua non saprei in quanto sul disegno non è molto chiaro .
Comunque anche sapere come naviga il trimarano mi interessa anche per farmi un idea.
In questi giorni sto costruendo la cassa della deriva , ci sto prevedendo un sistema di cime per tirare su e giù la deriva , sul tuo trimarano come è fatto ?
Grazie ancora
Ho acquistato il " Virgola 33". Se cerchi c'è la prova del giornale della vela. Armato Harken, randa full, albero girevole, boma su torretta , timone appeso, deriva sollevabile, entrobordo.
In navigazione è di una tranquillità incredibile. La mia non è leggerissima tipo Farrier e quindi non velocissima (anche perché credo di avere portato dal precedente zuanelli 34 il difetto di accumulare di tutto---) e dotata di frigo, inverter, pannelli solari, acqua, gasolio etc...
Comunque ho il pozzetto centrale e il trasto a poppa, quindi regolazione randa molto precisa. Randa su carrelli con lazy fatti con cordini che funziona benissimo, avvolgifiocco e multi senza calza. Per alzare il multi basta salire sulle reti e in tutta tranquillità armi o ammaini.
Quando supera i 6 nodi conviene tirare su il timone perché diventa veramente duro.
In navigazione si comporta come un mono senza sbandare, il passaggio sull'onda è dolce e non ha nulla a che vedere con i cata. Meglio evitare l'onda corta di lato perché alza prima l'amas sopra vento, poi passa sotto quello centrale e quindi sotto quello sottovento facendo sbattere l'amas sopra. Anche con mare e vento basta mettersi prua al vento e si ferma.
i winch ad esempio ho visto che spesso sono nulla tuga a dx sx del tambuccio:
i miei servono per tirare su e giù la deriva che è in cassa centrale a prua dell'albero e internamente fa da paratia per il bagno. Al fondo della deriva sono fissate due cime, una dx e una sx laterali al centro della deriva, rinviate in coperta dentro la scassa. in coperta ci sono due pulegge che rinviano le cime ai winch ai lati del tambuccio. Funziona benissimo, mai avuto problemi. Il winch di dx serve anche per la scotta randa, ma la uso raramente perché è meglio utilizzare il carrello sul trasto a poppa. Così regolo lo svergolamento alzando o abbassando il boma oltre a spostare il punto di mura.

, la randa ha tutto sul carrello : infatti, come sopra descritto. Utilizzo la scotta randa solo in poppa per aprire la randa, ma non più di tanto essendo fermata dalle sartie fissate sugli amas. In poppa il tri va come un mono, per cui preferisco issare il multi e zigzazare aumentando la velocità.

le rotaie delle vele di prua non saprei in quanto sul disegno non è molto chiaro: le mie sono molto lunghe. Ho anche uno stralletto volante per la tormentina, in realtà solo provato. A Hvar ho preso 30-40 nodi. Ho risalito a nord protetto dall'isola con randa e motore riparandomi nella prima baia senza problemi. Ero solo con compagna, altrimenti con equipaggio sarebbe stato da provare.......mani, stralletto e via.

Comunque anche sapere come naviga il trimarano mi interessa anche per farmi un idea. Rispetto al mono non c'è differenza, stringe un po' meno, in poppa è identico, passaggio sull'onda dolce, entusiasmante anche con 10 nodi di vento quando di bolina fa 7-8 nodi, virata senza problemi. Meno manovrabilità in darsena, l'albero alare fa 6 mq quindi anche a secco di vele.... Quando è aperto sono 8,40 m di larghezza per 10 di lunghezza. Internamente è sfruttato molto bene, ma ha un baglio di 2 m. cuccetta di prua dove si dorme in due, bagno diciamo usabile (non come i bagni di un 10 di oggi) dinette per quattro / sei tranquilli, cucina e stipetti sufficienti. Dinette trasformabile in letto matrimoniale abbassando il tavolo. Cabina di poppa 2x 2 m altezza centrale 1,90 con qualche difficoltà di accesso, può essere trasformato con due cuccette laterali o un grande lettone. Molto comodo. In navigazione è di una tranquillità incredibile e ci si diverte: tutti gli amici che l'hanno provato non volevano mollare il timone. <il timone è basculante, nel senso che può lavorare sia in centro pozzetto che essere spostato lateralmente lasciando libero il passaggio in pozzetto. In navigazione è divertente stare sulle reti a prendere il sole rinfrescati da qualche spruzzo, mentre in rada con tendalino sono l'ideale per stendersi, farsi la doccia, presa di gavitello, fare da box al tender, tuffi etc. Tirando su deriva e timone pesca 50 cm (piede sail drive). Ovviamente è la mia barca.... Difetti? Abitabilità ridotta rispetto ai 10 m moderni, poca manovrabilità in spazi ristretti, con vento in rada tende a brandeggiare, quando va il pilota non ce la fa dato che il timone diventa duro.
In questi giorni sto costruendo la cassa della deriva , ci sto prevedendo un sistema di cime per tirare su e giù la deriva , sul tuo trimarano come è fatto ? spiegato sopra- alla prox.
URL di riferimento