I Forum di Amici della Vela
ridefinizione ricarica batterie - Versione stampabile

+- I Forum di Amici della Vela (http://forum.amicidellavela.it)
+-- Forum: TECNICA E MANUTENZIONE (/forumdisplay.php?fid=12)
+--- Forum: Elettricita' ed Elettronica (/forumdisplay.php?fid=15)
+--- Discussione: ridefinizione ricarica batterie (/showthread.php?tid=128375)



ridefinizione ricarica batterie - snow-sea - 07-12-2017 01:05

Mi rivolgo umilmente agli esperti, dei quali non è più necessario fare i nomi Smiley34 18 per avere una conferma o un miglioramento a quanto da me pensato.

Ho cambiato il regolatore di tensione del mio alternatore che ora mi "regala" corrente a 14.8 V.
Ritenendola un po' eccessiva per caricare la sola batteria ad acido libero del motore ho pensato di aggiungere un ripartitore di tensione a diodi che mi assorbe 08 V per collegare allo stesso anche le due batterie servizi (AGM) mettendole sotto staccabatteria per poterle eventualmente ricaricare con il motore.
Il tutto avverrebbe a 14 V.
Attualmente le batterie servizi vengono alimentate con un pannello solare ed un buon caricabatterie a 220 V.

allego un semplice schema
[hide][attachment=30440][/hide]

Chiedo: è abbastanza corretto quanto "progettato" o devo applicare qualche modifica?

Ringrazio dal mio bassissimo livello. Thumbsupsmileyanim
Mario


RE: ridefinizione ricarica batterie - IanSolo - 07-12-2017 11:24

(07-12-2017 01:05)snow-sea Ha scritto:  Ho cambiato il regolatore di tensione del mio alternatore che ora mi "regala" TENSIONE a 14.8 V.
Ritenendola un po' eccessiva per caricare la sola batteria ad acido libero del motore ho pensato di aggiungere un ripartitore di tensione a diodi che mi assorbe 08 V per collegare allo stesso anche le due batterie servizi (AGM) mettendole sotto staccabatteria per poterle eventualmente ricaricare con il motore.
Il tutto avverrebbe a 14 V.
Attualmente le batterie servizi vengono alimentate con un pannello solare ed un buon caricabatterie a 220 V.

allego un semplice schema
...
Chiedo: è abbastanza corretto quanto "progettato" o devo applicare qualche modifica?

In effetti 14,8V dall'alternatore sono troppi, una normale tensione di "floating" (gli alternatori sono concepiti per operare a quel livello) dovrebbe stare fra 13,5V e 13,9V (accettabile anche 14V), questo dato per scontato che il voltmetro utilizzato misuri correttamente. Quindi l'inserzione del ripartitore fa' solo del bene alle batterie (di qualunque tipo costruttivo siano).
Solo una nota: un regolatore che eroghi una tensione cosi' alta mi fa' pensare che possa avere anche un ingresso di "sensing" per monitorare la tensione del banco batterie e adattarsi di conseguenza, se riesci a identificarlo puo' valer la pena di collegarlo altrimenti lascia la configurazione fatta che va' bene cosi'.

Sullo schemino NON vedo il regolatore per i pannelli solari che se di potenza nominale superiore ad 1/10 della capacita' nominale delle batterie possono alla lunga danneggiarle (con 1/10 della potenza a 12V si rimane nel campo di correnti pari a meno di 1/100 della capacita' nominale delle batterie, corrente che compensa l'autoscarica ma non le deteriora). Se la potenza dei pannelli e', come penso, superiore a quanto detto il regolatore e' necessario.


RE: ridefinizione ricarica batterie - snow-sea - 07-12-2017 15:22

(07-12-2017 11:24)IanSolo Ha scritto:  ..................
Solo una nota: un regolatore che eroghi una tensione cosi' alta mi fa' pensare che possa avere anche un ingresso di "sensing" per monitorare la tensione del banco batterie e adattarsi di conseguenza, se riesci a identificarlo puo' valer la pena di collegarlo altrimenti lascia la configurazione fatta che va' bene cosi'.

Sullo schemino NON vedo il regolatore per i pannelli solari che se di potenza nominale superiore ad 1/10 della capacita' nominale delle batterie possono alla lunga danneggiarle (con 1/10 della potenza a 12V si rimane nel campo di correnti pari a meno di 1/100 della capacita' nominale delle batterie, corrente che compensa l'autoscarica ma non le deteriora). Se la potenza dei pannelli e', come penso, superiore a quanto detto il regolatore e' necessario.

Ho montato IL regolatore di tensione per l'alternatore, l'unico che ho trovato via internet (con fatica) come quello prescritto.
La tensione di uscita è stata misurata anche da un elettricista. Quello in foto è quello originale, poi guasto!
L'alternatore è un vecchio Paris Rhone A 13 N 1 M (allego foto) che non credo presenti un ingresso di sensing, ma non me ne intendo per riconoscerlo.

[hide][attachment=30448][/hide]

Comunque ora forse potrebbe essere superfluo, montando questo ripartitore
https://www.pontemagra.com/Separatore-di-carica-Sic-50A-2-batterie .

Hai ragione, nello schema manca il regolatore (non indicato per semplicità) per il pannello ma c'è: un MPTT da 15 A.

Ti ringrazio.
Se verrai a Chioggia avvertimi, ti sarò riconoscente 18 15!
BV
Mario