Rispondi 
Da Marina di Carrara a Poscuso... con Fantasia(spadino)
Autore Messaggio
Trixarc Offline
Vecio ADV

Messaggi: 19.287
Registrato: Jun 2010 Online
Messaggio: #1
Da Marina di Carrara a Poscuso... con Fantasia(spadino)
by spadino (2011)

Come già scritto in altri post ho realizzato il sogno dell'acquisto della mia prima barca a vela, uno Jeanneau Fantasia 27 di 8 metri.

Sabato 18/03/2011 sono arrivato a Marina di Carrara con tre amici per trasferire la barca in Sardegna per la precisione a Portoscuso.

Enzo il comandante, Dino ottimo velista e per l'occasione ottimo cuoco di bordo e Federico anche lui ottimo velista.
Io sono un pivellino della vela avendo avuto sempre barche a motore.

Stavamo monitorando le condizioni meteo da diverso tempo, la settimana era prevista buona con una parentisi di una piccola bassa pressione attesa tra lunedì e martedì.
Avevamo deciso di partire sabato per Livorno e domenica fare l'attraversata da Livorno a Bastia, ma le previsioni venerdì indicano un anticipo di questa bassa pressione per il giorno di domenica quindi sabato siccome il meteo era previsto buone almeno per le 12 ore successive decidiamo di anticipare l'attraversata.

Partiamo alle ore 11 da Marina di Carrara rotta per 202°, per Macinaggio.
Miglia da percorrere 70.

Le prime miglia trascorrono tranquille il mare è calmo c'è il sole navighiamo a motore ad una media di 4,5 nodi.

Le ore trascorrono tranquillamente, stiamo navigando col pilota automatico in alcuni momenti solleviamo il fiocco ammirando la costa che ormai si comincia a vedere in lontananza.
Sono le 13,30 Dino si mette ai fornelli e prepara un'ottima pastasciutta condita col sugo preparato dalla moglie, per secondo un'ottima frittata, poi la frutta e il caffè.
Pranziamo in pozzetto sotto un piacevole sole.
La canna è in pesca ma al momento nessuna toccata.
Alle 14,35 siamo a 54,91 miglia dall'arrivo.
Alle 17,25 continuiamo a navigare a motore il mare sempre calmo vento assente temperatura mite, mancano 42,37 miglia all'arrivo.
Periodicamente controllo il motore e la sentina: tutto ok.
Vediamo alle nostre spalle i fulmini che scendono probabilmente sulla Liguria e dei nuvoloni scuri.
Incrociamo qualche nave mercantile,la navigazione procede tranquilla.
Siamo passati al traverso dell'isola di Gorgona.
Per me è la prima navigazione cosi lunga quindi potete immaginare l'emozione ed anche un pò di paura relativa alla barca visto che non la conoscevo.
Nelle ultime 10 miglia il vento aumenta leggermente il mare è sempre calmo.

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Alle tre del mattino arriviamo a Macinaggio dopo una tranquilla e piacevole navigazione.
Dopo qualche ora si scatena la tempesta. Vento sui 20-25 nodi mare molto mosso.
Dormiamo ugualmente abbastanza bene.
La mattina passeggiata per Macinaggio.
Direzione del porto chiusa. Ufficio capitaneria chiuso.
Avevamo deciso di partire il giorno dopo lunedì.
Alle 15 circa Enzo, Dino e Federico mi propongono all'improvviso di partire per Bastia perché il mare era calato parecchio e le previsioni meteo davano in miglioramento.
Do il mio consenso e usciamo dal porto.
Il mare era calato ma ancora abbastanza mosso il vento era sui 15 nodi.
Le prime miglia di navigazione le ho vissute con un pò di apprensione visto le onde che arrivavano da poppa poi ho capito che la barca si comportava con sicurezza e mi sono tranquillizzato.
Abbiamo fatto qualche surfata a oltre 6 nodi bellissimo.
Bellissima navigazione.

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Arriviamo a port Toga, il marina turistico di Bastia, ma non riusciamo ad entrare visto la grossa risacca e l'ingresso troppo stretto, inoltre eravamo all'imbrunire e non abbiamo rischiato.
Entriamo a Bastia nel porto vecchio, bellissimo!!! .
Il giorno dopo rimaniamo fermi a Bastia perchè il mare si è ingrossato nuovamente.
Facciamo il giro turistico per la città e ne approfittiamo per fare cambusa.
Dino ai fornelli ci organizza un ottimo pranzo innaffiato con un buon vino rosso corso.

Martedì alle ore 7 stiamo uscendo dal porto di Bastia direzione Solenzara.
Vento leggero onda lunga da NE, sole.
La canna è sempre in pesca ma nessun tocco.

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Arriviamo a Solenzara verso le 19.
Anche qui l'ingresso del porto è abbastanza stretto ma entriamo agevolmente senza problemi.
La serata è molto fredda sopra di noi abbiamo i monti innevati, bellissimo paesaggio, tramonto da cartolina.
Con l'aiuto di un ragazzo che lavorava su un peschereccio ormeggiato a fianco mi faccio accompagnare in paese per fare gasolio.
Quando torno un ragazzo che pescava a spinning sulla scogliera mi regala un barracuda appena pescato.
Chiamo agli amici che si trovavano in paese, li avviso del nuovo ospite a bordo, giusto cosi... per comprare qualcosa per potergli fare compagnia in pentola.......

A cena: spaghetti con la bottarga, barracuda in verde con le patate con un goccio di vinello bianco. Dino sei mitico!!

Mercoledì partenza da Solenzara direzione Santa Teresa di Gallura
Mare quasi calmo, vento inizialmente assente, poi sale sino a 15 nodi.
Sole.
Ma possibile che la canna non parta, sino a questo momento neppure un tocco....abbiamo provato diversi artificiali ma nulla.
Eppure stiamo attraversando una zona famosa per la sua presenza di pesce.
Inoltre nessun avvistamento di delfini o altri pesci.
Stiamo usando una cannetta da 8-16 lb con un mulinello penn senator 4/0 con frizione a stella. Lenza in bobina dello 0,40.

Costeggiamo Cavallo e Lavezzi entriamo nelle bocche!!!!!
Sembra una giornata estiva!!!
Nel frattempo il vento è calato nuovamente e procediamo sempre a vela e motore ad una media di 5,5 nodi.

Alle 14,30 arriviamo a Santa Teresa di Gallura.
La barca si sta comportando benissimo la navigazione è piacevole, ottima la compagnia a bordo.
Enzo, il comandante, ha saputo fare le scelte giuste nei momenti più delicati, in particolare ha preso un ottima decisione nel voler partire sabato e fare la traversata diretta anticipando l'arrivo della prevista perturbazione.

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

La mattina successiva ci alziamo alle 6,30 usciamo in pozzetto ci accoglie un cielo che sta cominciando a colorarsi di azzurro mentre il sole non si fa ancora vedere.
Sentiamo uno sciaquio ci giriamo incredibile!!!
Due delfini a pochi metri dalla nostra barca dentro il porto!!

Nel frattempo molliamo gli ormeggi per partire.
Sono esattamente le 7,00

I delfini sono sempre al nostro fianco e ci accompagnano all'uscita del porto.
Sono due tursiopi di circa due metri di
lunghezza.
Usciamo dal porto in direzione Stintino, prossima tappa.

Mare calmo vento assente, sole, navigazione a motore.
Si parla, si scherza, ammiriamo la costa nord della Sardegna, improvvisamente parte la canna poi smette subito....falso allarme.
nell'occasione stiamo trainando un rapala con tonalità azzurre.
dopo circa mezz'ora riparte la canna questa volta non si ferma la lenza esce, esce, esce...prendo la canna e grido a Federico che era vicino al pilota di virare e inseguire il pesce che stava scappando dalla parte opposta.
Recupero e riparte, recupero e riparte penso prima ad una ricciola poi ad un certo punto sale senza opporre resistenza ho pensato anche ad un dentice che magari passeggiava 'in alto' poi si punta e riparte verso il fondo velocissimo il tira e molla continua per circa 30 minuti poi sale, sale, io mi sono convinto che sia una ricciola Enzo lo vede per primo e grida è un tonno!!!!!!
Io ancora non ci credo e per la mia esperienza di trainista (?!) sono convinto sia una ricciola vedevo i riflessi chiari era grossa (non si può prendere un tonno con una cannetta da 8-16 libbre e un vecchissimo
penn 4/0 penso io...).
Ad un certo punto sale ancora ormai e a galla praticamente inerme e mi passa davanti......è un tonnoooooo!!!!!!!!!
Si muove ancora ma molto lentamente.
Facciamo acrobazie per raffiarlo e tirarlo a bordo.
Ormai era morto non potevamo liberarlo.

Siamo felici dell'avventura appena vissuta, brindisi fotografie e filmato.
Io rimango incredulo per qualche tempo.
Il tonno non l'abbiamo potuto pesare ma l'abbiamo misurato era lungo cm. 130
Peso stimato 35-40 kg.
Enzo avendo da giovane lavorato in tonnara esegue, dopo averlo eviscerato, un taglio da manuale, sfilettando il tonno in modo da lasciare la parte ossea e le spine in un unica soluzione separandole intere dalla polpa.

Continuiamo la navigazione per Stintino, dopo qualche minuto altre grida, balene, balene!!!
Due grosse balene ci passano a 20-30 metri dalla barca bellissimo!!!!
In questa giornata un'emozione dietro l'altra.

A pranzo Dino ci fa già assaggiare il tonno, appena pescato, bollito con cipolle e pomodorini.
Che devo dire...strepitoso!!

Alle 17 arriviamo di fronte a Stintino il mare è calmo le previsioni meteo sono buone per le ore successive ed allora decidiamo di continuare per Porto Conte (Alghero) e fermarci li per la notte.

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Alle 23 arriviamo a Porto Conte il mare è calmo, il vento assente, le previsioni per le ore successive sono ancora buone, sentiamo il profumo di casa e decidiamo di non fermarci e continuare direttamente per Portoscuso, facendo la notte in navigazione.
La navigazione procede tranquilla.
A cena si mangia ancora tonno pescato la mattina. Ottimo!!
Facciamo turni da due ore per la notte che procede senza problemi.

All'altezza del golfo di Oristano si alza un vento da sud sud-est che si stabilizza sui 10 nodi .
La navigazione divente più difficoltosa e più lenta con vento quasi in prua.
La notte è stata fredda ed anche il vento è freddo.
Al traverso di Capo Pecora il vento cala la navigazione procede tranquilla, ormai siamo a casa.....(mai dire siamo a casa sin quando non si mette piede in banchina...).
Scendo in cabina e sento puzza di gasolio.
Apro il vano motore (l'ho controllavo ogni 2-3 ore circa) e sul fondo della sentina vedo un pò di gasolio.
Guardo il motore ma non vedo nessun trafilaggio.
Guardo dietro, il filtro del gasolio perdeva leggermente ma non potevamo continuare cosi.
Spegniamo il motore apriamo il filtro,la guarnizione si era rotta.
Una stupidaggine che poteva compromettere la navigazione se fosse successa prima.
Togliamo il filtro (non avevo una guarnizione simile) mettiamo un tubetto diretto.
Continuiamo senza problemi.

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Alle 19,10 stiamo entrando in porto a Portoscuso dopo 36 ore di navigazione continua.

Bellissima esperienza.
Grandissime emozioni.

Un grazie ad Enzo, Dino e Federico che con la loro esperienza mi hanno guidato in questo trasferimento dandomi una sensazione di sicurezza e tranquillità. Hanno saputo fare sempre le scelte giuste nei momenti più delicati, sempre col sorriso sulle labbra.

So di essere stato fortunato per tutta una serie di motivi in primis le condizioni meteo ci hanno permesso di passare da Stintino come volevamo perché passando da Olbia avremo fatto circa 50 miglia in più.
Tutto questo lo considero un personale regalo del mio amico mare che frequento e rispetto da quando son nato e lo considero il giardino di casa mia.
29-01-2016 21:15
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Trixarc Offline
Vecio ADV

Messaggi: 19.287
Registrato: Jun 2010 Online
Messaggio: #2
RE: Da Marina di Carrara a Poscuso... con Fantasia(spadino)
Il link della discussione è http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=56081

https://www.youtube.com/user/trixarc100
29-01-2016 21:16
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  PORTOSCUSO - Trasferimento da Marina di Carrara Petrel II 1 1.195 26-07-2011 14:11
Ultimo messaggio: Petrel II

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)