Rispondi 
La sicurezza e la nav in solitario
Autore Messaggio
rob Online
Vecio ADV

Messaggi: 7.570
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #1
La sicurezza e la nav in solitario
Specificità per la navigazione in solitario (escludendo il "semi solitario" quello/a che naviga con a bordo persone totalmente ignare dell'ambiente marino): proprio chi non ha nessun altro a bordo.

Chi comincia ? Smile

18-04-2016 14:13
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 304
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #2
RE: La sicurezza e la nav in solitario
Questo mi interessa parecchio visto che sono quasi sempre da solo in barca.

Inizio con una banalità: Life line anche quando c'è bel tempo, almeno io cerco di tenermi legato il più possibile.
Se inciampi e vai in acqua quasi sicuramente non riuscirai a risalire.

Ho letto anche di sensori di prossimità da indossare che staccano il motore quando "sei lontano" (leggi a mollo).

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
18-04-2016 14:29
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Edolo Offline
Vecio ADV

Messaggi: 15.562
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #3
RE: La sicurezza e la nav in solitario
L'alimentazione e la gestione del sonno e della temperatura corporea sono fondamentali non avendo nessuno che possa darti il cambio, anche l'idratazione è fondamentale.
Anche della buona strumentazione può essere molto utile a partire dal radar, ais, telecomando per auto pilota, satellitare.
Alimentazione: roba calda, frutta secca e disidratata, a me non piacciono ma anche delle barrette energetiche. Zenzero per eventuale mal di mare pare sia una manna, così come le acciughe.
Acqua, tanta acqua da bere anche quando non si avverte la sete... e dei medicinali per eventualmente stoppare la disidratazione dovuta a vomito o diarrea.
Per il sonno è più complicata la cosa: molti usano il metodo del sonno polifasico, piccoli sonnellini ogni massimo due ore, facendo cose abitudinarie prima del sonno per "indurlo". Aspetto molto delicato e senz'altro da approfondire.

Birbante di un Frap!!!
18-04-2016 14:40
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
RMV2605D Offline
Amico del Forum

Messaggi: 3.173
Registrato: Aug 2009 Online
Messaggio: #4
RE: La sicurezza e la nav in solitario
Credo proprio che navigando in solitario per diletto occorra solo esperienza e buon senso.

Tutte le cose utili in teoria, partendo dall'indossare sempre l'autogonfiabile, essere sempre assicurati al passerino e le mille altre precauzioni che sarebbero indicate alla fine rendono la navigazione non più un diletto ma una sofferenza.

La navigazione in solitario è per definizione una attività rischiosa come può essere lo sci fuori pista, il paracadutismo, il deltaplano, il downhill e chi più ne ha più ne metta.

Per migliorare la sicurezza per assurdo andrebbero anzitutto vietate tutte le attività rischiose.

Ma forse a molti piacciono le attività rischiose anche perché sono rischiose e pompano adrenalina, così sono fatti gli umani.

Anche una certa dose di fatalismo contribuisce: io preferirei tirare le cuoia in mare da solo piuttosto che in un letto di ospedale.

E' una vita che esco da solo e, nonostante questo, ho appena compiuto 75 anni, continuerò a farlo finché potrò infischiandomene dei rischi e confidando solo della mia esperienza e buon senso!

898989
18-04-2016 14:44
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Pietro. Offline
Amico del Forum

Messaggi: 491
Registrato: Feb 2016 Online
Messaggio: #5
RE: La sicurezza e la nav in solitario
sono seduto sul divano con birra e patatine perchè la cosa m'interessa! Smile
18-04-2016 14:52
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bludiprua Offline
Senior Utente

Messaggi: 1.735
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #6
RE: La sicurezza e la nav in solitario
PLB - cintura di sicurezza - salvagente.
Nell'ordine con condizioni in peggioramento.
18-04-2016 14:58
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bludiprua Offline
Senior Utente

Messaggi: 1.735
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #7
RE: La sicurezza e la nav in solitario
(18-04-2016 14:44)RMV2605D Ha scritto:  io preferirei tirare le cuoia in mare da solo piuttosto che in un letto di ospedale.

Potrei essere d'accordo se la scelta fosse nello stesso momento...
In mare a 50 o in un letto a 80 fa un po' di differenza...
18-04-2016 15:00
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
sscer Offline
Amico del Forum

Messaggi: 902
Registrato: Dec 2011 Online
Messaggio: #8
RE: La sicurezza e la nav in solitario
(18-04-2016 14:44)RMV2605D Ha scritto:  Credo proprio che navigando in solitario per diletto occorra solo esperienza e buon senso.

Tutte le cose utili in teoria, partendo dall'indossare sempre l'autogonfiabile, essere sempre assicurati al passerino e le mille altre precauzioni che sarebbero indicate alla fine rendono la navigazione non più un diletto ma una sofferenza.

La navigazione in solitario è per definizione una attività rischiosa come può essere lo sci fuori pista, il paracadutismo, il deltaplano, il downhill e chi più ne ha più ne metta.

Per migliorare la sicurezza per assurdo andrebbero anzitutto vietate tutte le attività rischiose.

Ma forse a molti piacciono le attività rischiose anche perché sono rischiose e pompano adrenalina, così sono fatti gli umani.

Anche una certa dose di fatalismo contribuisce: io preferirei tirare le cuoia in mare da solo piuttosto che in un letto di ospedale.

E' una vita che esco da solo e, nonostante questo, ho appena compiuto 75 anni, continuerò a farlo finché potrò infischiandomene dei rischi e confidando solo della mia esperienza e buon senso!

898989

d'accordissimo; in generale direi prendere tutte le precauzioni che ti rendono più tranquilla e rilassata la navigazione. Poi fare 300 miglia da solo o uscire per un giretto cambia un pò le prospettive.........
18-04-2016 15:16
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 304
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #9
RE: La sicurezza e la nav in solitario
(18-04-2016 14:40)Edolo Ha scritto:  L'alimentazione e la gestione del sonno e della temperatura corporea sono fondamentali non avendo nessuno che possa darti il cambio, anche l'idratazione è fondamentale.
Anche della buona strumentazione può essere molto utile a partire dal radar, ais, telecomando per auto pilota, satellitare.
Alimentazione: roba calda, frutta secca e disidratata, a me non piacciono ma anche delle barrette energetiche. Zenzero per eventuale mal di mare pare sia una manna, così come le acciughe.
Acqua, tanta acqua da bere anche quando non si avverte la sete... e dei medicinali per eventualmente stoppare la disidratazione dovuta a vomito o diarrea.
Per il sonno è più complicata la cosa: molti usano il metodo del sonno polifasico, piccoli sonnellini ogni massimo due ore, facendo cose abitudinarie prima del sonno per "indurlo". Aspetto molto delicato e senz'altro da approfondire.

Verissimo!

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
18-04-2016 16:29
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
jetsep Offline
Senior Utente

Messaggi: 3.221
Registrato: Sep 2008 Online
Messaggio: #10
RE: La sicurezza e la nav in solitario
lifeline montate, PLB addosso sempre e giubbetto. Legato in base alla situazione.
la situazione totalmente solitaria mi impegna psicologicamente molto meno di tutte le altre. Alimentazione e idratazione devo tenerle sotto controllo perchè tendo ad allungare gli intervalli.

Ma poi mica possiamo ridurre la cosa alla caduta in mare e stop. Sicurezza mi sembra un concetto un attimo più vasto.

Preferisco il sistema delle "minime di Compagnia" cioè a un determinato vento si riduce e pace. Senza tanti pensieri...aspetta... forse...un attimo. Pensare da stanco può non venire bene.
Avere la barca in ordine pure è sicurezza secondo me. Sapere dove stanno le cose che possono servire in emergenza. Un tender legato male in coperta diventa un casino se le questioni si fanno serie. Così le scotte che si imbrogliano dietro le sise del tender...

Voglio Vincenzo De Blasio PRESIDENTE FIV
...e comunque: le scie ciniche esistono!
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 18-04-2016 17:43 da jetsep.)
18-04-2016 17:28
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
jetsep Offline
Senior Utente

Messaggi: 3.221
Registrato: Sep 2008 Online
Messaggio: #11
RE: La sicurezza e la nav in solitario
(18-04-2016 14:44)RMV2605D Ha scritto:  Credo proprio che navigando in solitario per diletto occorra solo esperienza e buon senso.

Tutte le cose utili in teoria, partendo dall'indossare sempre l'autogonfiabile, essere sempre assicurati al passerino e le mille altre precauzioni che sarebbero indicate alla fine rendono la navigazione non più un diletto ma una sofferenza.

La navigazione in solitario è per definizione una attività rischiosa come può essere lo sci fuori pista, il paracadutismo, il deltaplano, il downhill e chi più ne ha più ne metta.

Per migliorare la sicurezza per assurdo andrebbero anzitutto vietate tutte le attività rischiose.

Ma forse a molti piacciono le attività rischiose anche perché sono rischiose e pompano adrenalina, così sono fatti gli umani.

Anche una certa dose di fatalismo contribuisce: io preferirei tirare le cuoia in mare da solo piuttosto che in un letto di ospedale.

E' una vita che esco da solo e, nonostante questo, ho appena compiuto 75 anni, continuerò a farlo finché potrò infischiandomene dei rischi e confidando solo della mia esperienza e buon senso!

898989

Proprio perchè sei una persona saggia prova a cambiare prospettiva nel vedere la cosa.
35 enne con famiglia a casa, appassionato di vela, poca esperienza. Se la sente di uscire anche da solo. O la va o la spaca fino a esperienza fatta?

Il nostro amico aveva esperienza e buon senso e non era nemmeno solo. Qualcosa non torna e la sola "fatalità" temo non risolva.

Voglio Vincenzo De Blasio PRESIDENTE FIV
...e comunque: le scie ciniche esistono!
18-04-2016 17:57
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
etrusco69 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 684
Registrato: Apr 2015 Online
Messaggio: #12
RE: La sicurezza e la nav in solitario
dopo l'incidente di ieri oggi sono andato in barca e ho trovato in dinette la life line e l'imbracatura... gia posizionati nel pavone in pozzetto.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 18-04-2016 17:59 da etrusco69.)
18-04-2016 17:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Mirtus Offline
Amico del Forum

Messaggi: 896
Registrato: Jul 2011 Online
Messaggio: #13
RE: La sicurezza e la nav in solitario
oltre a quello già detto, pensieri random

-stroppi a portata di mano per serrare le vele in fretta se serve.
-manina della buona notte, preferisco andare più lento ma non dover ridurre al buio da solo.
- luce frontale a led, se rossa ancora meglio
- epirb e grab bag in zona discesa non sarebbe male.
- un autopilota che nell'ordine di affidabilità viene dopo la mamma e prima della moglie.
- niente o poco alcool 60

Tutto quello che scrivo è preceduto da IMHO
18-04-2016 18:49
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Nimbo Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.208
Registrato: Mar 2010 Online
Messaggio: #14
La sicurezza e la nav in solitario
Seriamente.....stare a casa......oppure fare cio che il singolo ritiene corretto. Perche non puoi convincere chi non vuole. Personalmente legato sempre, nutrito e riposato....poi cerco di camminare al meglio, ma resta secondario alle prime, e poi alcune regole ferree scritte su carta, aiutano ad aiutarsi

inviato premendo enter sul mio vecchio pc

Matteo
18-04-2016 20:23
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Online
Vecio ADV

Messaggi: 7.570
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #15
RE: La sicurezza e la nav in solitario
(18-04-2016 14:40)Edolo Ha scritto:  L'alimentazione e la gestione del sonno e della temperatura corporea sono fondamentali non avendo nessuno che possa darti il cambio


...

Sulla stessa falsariga, più a titolo di curiosità che altro..
Nelle tratte più lunghe non è male cercare di "tenersi sott'occhio" in modo trasversale per cosi' dire, come se fosse qualcun altro a osservarci: non essendo medico né avendo materiale medico sofisticato, esistono dei questionari qualitativi da fare ogni giorno che permettono di seguire un po' la propria evoluzione, presi a prestito dalla medicina dello sport dove mi sembra vengano usati per individuare stress, sovrallenamento. AlfreDoc è il grande esperto non so se legge (?) mi sgriderà se dico bestialità.
Più per curiosità che altro, ne ho adattato uno molto caserecciamente alla barca (tipo ho tolto le voci dove diceva "avete litigato con qualcuno" Big Grin sostituendole con altre). In sostanza si risponde a una serie di domande generiche (avuto incubi? preso spavento? sentita amarezza? eccetera), sempre le stesse, con "di più - uguale - di meno" rispetto alle 24 ore precedenti, si attribuiscono dei punti e si traccia un grafico giorno dopo giorno.

Oh, devo dire che ha il suo interesse, se non altro ludico per farsi il quizzettino ogni giorno, per esempio dopo la prima settimana mi ha mostrato un peggioramento radicale delle condizioni psicofisiche Big Grin
che pero' pensandoci corrispondeva a uno stato generale meno entusiasta rispetto all'inizio
a parte gli scherzi, non è male
   

19-04-2016 00:32
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
squale Online
Amico del Forum

Messaggi: 453
Registrato: Sep 2012 Online
Messaggio: #16
RE: La sicurezza e la nav in solitario
(18-04-2016 20:23)Nimbo Ha scritto:  Seriamente.....stare a casa......oppure fare cio che il singolo ritiene corretto. Perche non puoi convincere chi non vuole. Personalmente legato sempre, nutrito e riposato....poi cerco di camminare al meglio, ma resta secondario alle prime, e poi alcune regole ferree scritte su carta, aiutano ad aiutarsi

inviato premendo enter sul mio vecchio pc

L'idea di scrivere " le regole ferree " a prima vista potrebbe sembrare esagerata, ma per chi non va in barca tutto l'anno un ripasso all'inizio dell'estate sarebbe eccellente ( lo faccio per la subacquea) . Ti esorto a riportarle qui per tutti noi. Grazie e BV

Dove c'è gusto, non c'è perdenza!
19-04-2016 07:31
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
franco53 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.838
Registrato: Mar 2010 Online
Messaggio: #17
RE: La sicurezza e la nav in solitario
(18-04-2016 14:44)RMV2605D Ha scritto:  Credo proprio che navigando in solitario per diletto occorra solo esperienza e buon senso.

Tutte le cose utili in teoria, partendo dall'indossare sempre l'autogonfiabile, essere sempre assicurati al passerino e le mille altre precauzioni che sarebbero indicate alla fine rendono la navigazione non più un diletto ma una sofferenza.

La navigazione in solitario è per definizione una attività rischiosa come può essere lo sci fuori pista, il paracadutismo, il deltaplano, il downhill e chi più ne ha più ne metta.

Per migliorare la sicurezza per assurdo andrebbero anzitutto vietate tutte le attività rischiose.

Ma forse a molti piacciono le attività rischiose anche perché sono rischiose e pompano adrenalina, così sono fatti gli umani.

Anche una certa dose di fatalismo contribuisce: io preferirei tirare le cuoia in mare da solo piuttosto che in un letto di ospedale.

E' una vita che esco da solo e, nonostante questo, ho appena compiuto 75 anni, continuerò a farlo finché potrò infischiandomene dei rischi e confidando solo della mia esperienza e buon senso!

898989
....hai ragione,meglio in mare da solo che in ospedale attorniato da tanta gente,certo il più tardi possibile...

si diventa vecchi quando si smette di sognare ed io non ho smesso.
19-04-2016 07:49
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Nimbo Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.208
Registrato: Mar 2010 Online
Messaggio: #18
RE: La sicurezza e la nav in solitario
Le regole feree per me sono quelle regole che normalmente si seguirebbero me che in condizione di stanchezza possono essere trascurate. Per esempio un cartello prima dell'uscita con scritto 'Legato sempre' l'elenco delle verifiche gioranaliere (livello batterie, acqua, registrazione del meteo, contaollo rotta e analisi rotta futura) per me queste sono le regole che seguo e che messe nero su bianco aiutano a evitare problemi causati dalla stanchezza, poi la cavolata e' sempre in agguato

inviato premendo enter sul mio vecchio pc

Matteo
20-04-2016 09:30
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Jak Offline
Senior Utente

Messaggi: 1.646
Registrato: Jul 2006 Online
Messaggio: #19
RE: La sicurezza e la nav in solitario
Una domanda: i telecomandi degli autopiloti sono stagni? E fino a che distanza dalla barca funzionano?

Inviato dal mio ZP999 utilizzando Tapatalk
20-04-2016 18:50
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Online
Vecio ADV

Messaggi: 7.570
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #20
RE: La sicurezza e la nav in solitario
(20-04-2016 18:50)Jak Ha scritto:  Una domanda: i telecomandi degli autopiloti sono stagni? E fino a che distanza dalla barca funzionano?

Inviato dal mio ZP999 utilizzando Tapatalk

penso che i sistemi di sicurezza funzionino in modo opposto rispetto ai telecomandi: fin quando sei in barca inviano un segnale al pilota perché non faccia niente, se caschi fuori il pilota rileva la mancanza del segnale e impone un certo tipo di manovra in automatico

20-04-2016 20:15
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  sicurezza sotto spi poiuuuu 18 553 13-11-2017 18:53
Ultimo messaggio: oudeis
  una nuova proposta per la sicurezza marittima daniele.stagliano 5 467 29-08-2017 18:48
Ultimo messaggio: Baladin
  Sicurezza in regata rob 0 410 06-06-2016 21:43
Ultimo messaggio: rob
  Arresto sicurezza timone automatico e motore Roberto Adrianopoli 7 899 20-04-2016 07:39
Ultimo messaggio: Roberto Adrianopoli
  POS: Piano Operativo di Sicurezza starghost 16 766 29-06-2013 15:17
Ultimo messaggio: starghost

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)