Rispondi 
Randa e fiocco o randa e genoa?
Autore Messaggio
TeoV Offline
Amico del Forum

Messaggi: 927
Registrato: Nov 2007 Online
Messaggio: #1
Randa e fiocco o randa e genoa?
Ho visto che sempre più cantieri, su barche ovviamente con armo frazionato, offrono come allestimento randa imponente e fiocco, come ad esempio fa anche x-yacht sul nuovissimo X6.
A parte gli ovvi vantaggi in manovra ed il minor costo dato dal minor materiale, quali altri effetti positivi ha questa soluzione?
Più gestibile con vento forte, ok.
Angolo di bolina?
Con venti leggeri quanto si perderebbe?
Grazie.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 11-10-2016 20:53 da TeoV.)
11-10-2016 20:52
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Edolo Offline
Vecio ADV

Messaggi: 17.152
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #2
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
L'idea di fondo credo che sia un buon angolo di bolina e che alle andature portanti si alzi una vela non inferita tipo uno spi o un gennaker

Birbante di un Frap!!!
11-10-2016 21:12
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
falanghina Offline
Vecio ADV

Messaggi: 5.599
Registrato: Feb 2015 Online
Messaggio: #3
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
con i leggeri è previsto in genere un code 0.
Per una conduzione serena, invece di spi o gennaker si preferisce con code 2.

E' un armo tipico dei cat da crociera veloce.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 11-10-2016 21:31 da falanghina.)
11-10-2016 21:28
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
BeppeZ Offline
Senior Utente

Messaggi: 3.552
Registrato: Oct 2013 Online
Messaggio: #4
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
Sul risparmio sulle vele non credo. Una randa in proporzione costa più di una vela di prua a parità di metratura.
Con un fiocco piccolo invece di un genoa la virata diventa molto più veloce e le regate di oggi si corrono su percorsi a bastone.
Il genoa spinge di più quando allarghi un po' l'angolo.
Personalmente non sono così convinto che la soluzione randa grande fiocco piccolo sia la migliore per una barca da crociera. Una randa più piccola è più facilmente gestibile anche in equipaggio di due persone, anche e soprattutto se devi ridurre. Un genoa grande fa camminare la barca bene in un buon range di andature e rende "rinunciabile" in crociera una vela non inferita tipo spi o gennaker.
Non a caso le barche da crociera oggi hanno rande rollabili.
11-10-2016 22:13
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
zankipal Offline
Amico del Forum

Messaggi: 3.254
Registrato: Jan 2009 Online
Messaggio: #5
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
(11-10-2016 22:13)BeppeZ Ha scritto:  Sul risparmio sulle vele non credo. Una randa in proporzione costa più di una vela di prua a parità di metratura.
Con un fiocco piccolo invece di un genoa la virata diventa molto più veloce e le regate di oggi si corrono su percorsi a bastone.
Il genoa spinge di più quando allarghi un po' l'angolo.
Personalmente non sono così convinto che la soluzione randa grande fiocco piccolo sia la migliore per una barca da crociera. Una randa più piccola è più facilmente gestibile anche in equipaggio di due persone, anche e soprattutto se devi ridurre. Un genoa grande fa camminare la barca bene in un buon range di andature e rende "rinunciabile" in crociera una vela non inferita tipo spi o gennaker.
Non a caso le barche da crociera oggi hanno rande rollabili.

Ma non diventa "rinunciabile" ridurre il fiocco con ventone.....
l'ho sempre detto, la barca è un compromesso Smiley2
11-10-2016 23:42
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
sailflyer Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 77
Registrato: Oct 2016 Online
Messaggio: #6
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
Bé, non è del tutto vero che le barche moderne hanno randa grande e fiocco piccolo, anzi, da quando si sono spostate le sartie a murata, impedendo di fatto l'uso dei genoa a sovrapposizione, gli alberi sono progressivamente andati indietro, e la "J", cioè la base del triangolo di prua, si è sempre più allungata, al punto da poterne anche sacrificare una parte arretrando l'attacco dello strallo per montare il rollafiocco sotto coperta, o "thru-deck". Complice anche l'armamento che ormai è spessissimo a 9/10 o anche più alto, con i piani velici moderni si riescono a fare fiocchi non sovrapposti che hanno solo il 10-15% in meno dell'area della randa.
I vantaggi sono sensibili sotto tutti i punti di vista, non ultima la maneggevolezza e facilità di manovra, ma il piano velico deve essere nato così: convertire a fiocco una barca nata per il genoa in alcuni casi si fa, ma è un'operazione delicata e non sempre di sicura riuscita.
12-10-2016 00:51
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
einstein Offline
Senior Utente

Messaggi: 4.828
Registrato: Dec 2008 Online
Messaggio: #7
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
http://forum.amicidellavela.it/showthread.php?tid=62119
ciao
12-10-2016 08:26
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
France WLF Sailing Team Offline
Senior Utente

Messaggi: 2.641
Registrato: Apr 2007 Online
Messaggio: #8
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
Così come sono cambiati gli armi delle barche, le vele si sono adattate.
Tutto fatto al fine della semplificazione e dell'easy sailing, credo che storicamente la cosa sia andata cosi:

-Vecchi armi IOR (anni '70/80), crocette longitudinali, corte, lande strette a fianco della tuga, volanti strutturali, rande piuttosto grandi (per via delle volanti) e genoa generosi con poco vento (anche 140%), scotte esterne alle sartie, poi in corredo avevano il medio (facciamo un %110), il pesante (tipo 100%) e l'olimpico, ancor più corto e stretto in alto. Grazie alle lande strette potevano permettersi di cazzare bene pure i grandi genoa permettendogli delle boline molto strette comunque, nonostante facessero passare le scotte esterne alle sartie.

- Nuovi armi con sartie acquartierate e lande a murata (dai '90 in poi circa), scotta fiocco che passa interna alle sartie ed una sovrapposizione che va circa al 110%. Per poter avere maggiore superficie c'è chi dopo i 2000 ha iniziato a fare le crocette a boomerang (con il lato concavo verso prua e la parte convessa a poppa), questo permette di avere un fiocco ancora più grande la cui balumina poteva andare a toccare le crocette virtualmente poste più a poppavia, pur mantenendo le lande nella stessa posizione di un armo con crocette acquartierate standard. Il fiocco medio e pesante di queste barche spesso ha la stessa dimensione in mq. del leggero, cambia solo la grammatura fra leggero e medio ed un pò di superficie con il pesante.
Per sopperire alla mancanza di superficie velica alle boline strette sono poi nate rollabili da montare sui pulpiti ma questa è un'altra storia.
Io vengo dalla vecchia scuola, dove in effetti ogni volta per virare serviva tanta cattiveria e bisognava essere in due piuttosto motivati per farla venire bene (tanta, tanta cima da cazzare, e prima che fosse a segno andava girata tanta manovella...), ora con le barche più moderne virare è una passeggiata, se si azzecca il tempismo giusto si da giusto qualche giro di manovella ma la cosa finisce li..
12-10-2016 11:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
mhuir Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.668
Registrato: Oct 2009 Online
Messaggio: #9
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
[quote='France WLF Sailing Team' pid='439012021' dateline='1476263904']
Così come sono cambiati gli armi delle barche, le vele si sono adattate.
Tutto fatto al fine della semplificazione e dell'easy sailing, credo che storicamente la cosa sia andata cosi:

-Vecchi armi IOR (anni '70/80), crocette longitudinali,

direi piuttosto anni 80' negli anni 70 le rande erano minime e i genoa pazzeschi un 150% sup anche doppia della randa, questo perchè al rating non pagava la superfice ma il triangolo di prua......

Rande grandi e fiocco piccolo è un ritorno al passato... negli anni 60 e a scendere , rande grandi e fiocchi piccoli.

Adesso mi sembra che i piani siano mediamente più equilibrati, con genoa"grande"110/115% di superfice pari alla randa.

Azzardo: genoa piccoli più efficent, meno "carico" sulle strutture ( alberi sartie winch più piccoli) più facili da gestire, si riducono/rullano più tardi, quindi restano più efficenti ( anche l 'avvolgifiocco è di dimensioni minori)

concludendo, per le barche da crociera: meno sforzi meno strutture= minori costi, ma anche più facilità di conduzione.
12-10-2016 11:35
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ZK Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.568
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #10
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
i genova sono un' invenzione IOR, un po come gli slanci e i fondi piatti.
non credo salvo rare autocostruzioni e nordici motor sailor che esista un progettista-cantiere che dopo il times rule (prima formula di compenso) abbia mai progettato una barca senza tener conto del rating.
prima dello Ior non c'erano slanci, sopratutto a prua,(minimalisti, solo per motivi strutturali) e non c'erano genova.. salvo sulle barche genovesi (che i genovesi si sa) che pur di risparmare sugli alberi erano disposti ad accettare anche vele cosi sgraziate (dal punto di vista aereodinamico)
con l' orc le potenzialita di "portanza" delle vele sono state aggiustate, la randa non incide piu per il doppio della sua superficie, e questo e' bastato per tornare a piani velici onesti. la facilita di gestione e l' efficienza non c'entrano nulla.. e' solo una storia di compensi.. spesso quelli che pensano di avere una barca marina e non da regata, navigano su "fulmini da guerra" barche lente e poco sicure, fatte cosi solo per fregare il regolamento.

ci ho messo molto tempo a capire che mimi la sa piu lunga di me.
la destinazione d'uso.. solo quella conta
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 12-10-2016 13:42 da ZK.)
12-10-2016 13:40
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Offline
Amico del Forum

Messaggi: 4.729
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #11
Randa e fiocco o randa e genoa?
(12-10-2016 13:40)ZK Ha scritto:  spesso quelli che pensano di avere una barca marina e non da regata, navigano su "fulmini da guerra" barche lente e poco sicure, fatte cosi solo per fregare il regolamento.

evviva la schiettezza
temo che questo sistema influenzi anche la progettazione delle barche moderne, anche quelle da crociera
e siccome il regolamento a certi livelli penso possa essere piegato dagli interessi dei grandi gruppi di costruttori la risultante rischia essere una mediocre "regola" per barche altrettanto mediocri (nell'innovazione tecnologica....)
failla non capisci una sega... la prova? prendi un catalogo di motociclette, dalla superbike da pista alla motoguzzi custom a parità di cilindrata é come se la differenza di velocità fosse compresa al massimo in 20 km/h... tale é (più o meno) il rapporto tra le velocità di una barca da crociera di cinquantanni fa con un racer ORC/IRC di carbonio (parliamo di bolina)





Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

chi si è bagnato con l'acqua di mare non si asciuga più (cit. vecchi marinai :-)
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 12-10-2016 14:05 da marcofailla.)
12-10-2016 13:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
France WLF Sailing Team Offline
Senior Utente

Messaggi: 2.641
Registrato: Apr 2007 Online
Messaggio: #12
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
Beh, forse ho azzardato a dire che gli armi moderni sono incentrati SOLO sull'easy sailing, ma è altrettanto azzardato dire che è solo questione di compensi.

Le regole negli anni sono cambiate ed i progettisti han modificato i piani di scafo ed appendici in accordo con la massima prestazione finalizzata ai compensi, altrettanto conseguentemente la produzione commerciale (i plasticoni) seguono le "mode" dettate dalle competizioni.

Non credo che una barca con armo frazionato e crocette corte sia più costoso di un più moderno armo senza volanti e con crocette acquartierate, penso semmai il contrario, ovvero che un armo moderno costi di più (in termini di costruzione, di rinforzi, di albero, di strutture in generale) rispetto ad un vecchio frazionato, ma il mercato incentrato sull'easy sailing vuole gli armi acquartierati e senza volanti strutturali.

C'è un sottile compromesso, un connubio fra prestazioni e marketing che vuole adesso armi con crocette acquartierate (e quindi lande a murata e quindi fiocchi più corti).

..IMHO
12-10-2016 14:25
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ZK Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.568
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #13
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
(12-10-2016 14:25)France WLF Sailing Team Ha scritto:  Non credo che una barca con armo frazionato e crocette corte sia più costoso di un più moderno armo senza volanti e con crocette acquartierate,

..IMHO

direi che pensi male.
le crocette indietro sono nate per i crocieroni e per i compensi, sono quasi 10 secondi a miglio in meno con le corcette a quartiere, che con quelle dritte e volanti su un 35 piedi.(magari se le guadagna sull' acqua e magari no)
sui costi le differenze sono importanti, a cominciare dalle lande, quelle a murata stanno su un rinforzino dello scafo, quelle sui passavanti vanno riportate in chiglia,o in prossimita, cavi, lande e.. e problemi veri quando poi devi "arredare" gli interni.
sull' albero che posso dire? l' angolo di lavoro delle sartie e' intorno ai 12 gradi, se fai le crocette strette ce ne vogliono di piu (di crocette) a parita di lunghezza d' albero e le volanti.. non sono oggetti cosi economici, sia di progettazione che di materiali, lande e bozzelli.

io non mi fisserei sui prezzi, i costi per diventare prezzi si moltiplicano in genere x 5. 2000 euro di lande, rinforzi e bozzelli diventano 10.000 al cliente finale, generano differenze importanti... e poi ragioniamone a cuore aperto, il rapporto di allungamento dei genova (lunghezza/base) non e' buono per un ala, gia un valore 5 sarebbe migliore ma.. gli alberi costano e il compenso te li bastona subito.

ci ho messo molto tempo a capire che mimi la sa piu lunga di me.
la destinazione d'uso.. solo quella conta
12-10-2016 15:04
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
clavy Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.630
Registrato: Jun 2009 Online
Messaggio: #14
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
Faccio una domanda che penso sia collegata,io penso proprio in ottica easy sailing sia meglio avere fiocco che passa facilmente ed una randa square magari ben a poppa rispetto all'armo, però lo svantaggio è il doppio paterazzo o flicker, è molto svantaggioso in termini di costi avere un corno in testa d'albero che sormonti la tavoletta e renda "inutile" il sistema sopraccitato?

In aggiunta si era parlato qui nel forum di piani di crocette basse strette e alte larghe per aumentare il sormonto della vela di prua, ma sarebbe veramente necessario visti i discorsi di aspect ratio fatti qua?
12-10-2016 15:45
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Offline
Amico del Forum

Messaggi: 4.729
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #15
Randa e fiocco o randa e genoa?
easy sailing per easy sailing...paterazzo volanti e/o crocette acquartierate lavorano principalmente per la tensione dello strallo (leggi catenaria fiocco)... armo a cat (senza vela di prua) e mega randa square top...funziona molto bene ed é anche molto semplice
chissà perché sono così poche le barche armate a cat...boh?
[Immagine: 2e575ffb336d93f4e0729897aad839cf.jpg]
[Immagine: c0eaf9a7f612e1a6aef7b6fbe91a5a91.jpg]
nonsuch 36, anni ottanta, oggi sarebbe con albero alare rotante in carbonio, magari incernierato, randa full batten e square top...tipo....
[Immagine: 2e31acd9c5be51e38685ea3b61401bf8.jpg]
Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

chi si è bagnato con l'acqua di mare non si asciuga più (cit. vecchi marinai :-)
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 12-10-2016 16:10 da marcofailla.)
12-10-2016 15:50
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ZK Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.568
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #16
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
ci sono barche senza paterazzo, in genere: nate per la crociera facile, o nate al di fuori dei parametri di rating.
le piu evolute, tipo "solaris 36 od" hanno la regolazione continua della tensione dello strallo.. ghinda o idraulica che sia (oltre a tutti gli effetti del paterazzo riduce il rake invece di aumentarlo) e poi quelle nate cosi per fare vela facile.. vismara 34 (che gli e' venuta male, nel senso che tutto e' meno che facile.. opss ciao @jetsep) che alla fine finiscono per montarlo. (stessa cosa per i solaris che vogliono correre in compensato)

ci sono dei parametri delle vele dai quali non si transige, (ed e' il motivo per cui le barche armate a cat non sono cosi "prestanti", hanno l' albero corto!) le ali sotto un certo allungamento non funzionano, ovvero non spingono se confrontate con pari superficie ma piu "allungate".
l' albero pesa, da un punto di vista economico non usare lo strallo di prua (che in linea di massima ci vuole se si vuol fare una cosa robusta e leggera) e' disastroso, e usare un altro albero per un altra randa un massacro.

alla fine.. per meri motivi funzionali si tornera (sta gia succedendo) alla conformazione: randone, trinca e yankee sul bompresso. i conti servono ma i secoli di esperienza, accumulati da tutti i popoli, assumendo le migliori teste pensanti (galileo, eulero, ecc di quello campavano, di studi per la nautica) non si cancellano con la matematica, solo coi rating ci si poteva riuscire.

ci ho messo molto tempo a capire che mimi la sa piu lunga di me.
la destinazione d'uso.. solo quella conta
12-10-2016 18:09
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
TeoV Offline
Amico del Forum

Messaggi: 927
Registrato: Nov 2007 Online
Messaggio: #17
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
Quindi Marco, secondo te, tralasciando le considerazioni sul rating, randone + fiocco è più performante come soluzione in bolina?
12-10-2016 18:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
TeoV Offline
Amico del Forum

Messaggi: 927
Registrato: Nov 2007 Online
Messaggio: #18
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
@Einstein: bentornato, era un po' che non scrivevi, e si sentiva la tua mancanza.
Ora mi leggo tutta la vecchia discussione, grazie.
12-10-2016 18:59
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Franzdima Offline
Amico del Forum

Messaggi: 4.724
Registrato: Jan 2011 Online
Messaggio: #19
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
Rifacendo le vele sono passato da un genova 140% ad uno 105%, randa da semi-steccata a tutta steccata.
Ho perso un po' con venti leggeri, ho guadagnato ben oltre le aspettative in bolina, ragione per cui ho deciso di modificare il piano velico.
Ora l'ideale sarebbe installare un bompresso per issare un gennaker per le ariette. E' un lavoro che farò prossimamente assieme all'elica "nobile" anziché fissa.
12-10-2016 19:34
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
einstein Offline
Senior Utente

Messaggi: 4.828
Registrato: Dec 2008 Online
Messaggio: #20
RE: Randa e fiocco o randa e genoa?
(12-10-2016 18:59)TeoV Ha scritto:  @Einstein: bentornato, era un po' che non scrivevi, e si sentiva la tua mancanza.

Ti ringrazio del pensiero ma, come vedi, ultimamente mi vedo costretto a ripescare vecchie discussioni perché gli argomenti, bene o male, si ripetono; credo di aver già dato il meglio di me.
ciao
12-10-2016 19:50
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Randa avvolgibile bloccata. Fabriziof Floriano 13 279 ieri 09:06
Ultimo messaggio: Fabriziof Floriano
  albero per randa avvolgibile Frappettini 4 157 18-09-2018 18:10
Ultimo messaggio: ITA-16495
  Costo approssimativo randa full batten rigel123 33 829 14-09-2018 18:57
Ultimo messaggio: rob
  Carrelli randa full batten skippy2 22 801 10-09-2018 12:35
Ultimo messaggio: marcofailla
  Randa non sale in testa Elimo 13 782 01-09-2018 09:37
Ultimo messaggio: ciro_ma_non_ferrara
  Quale randa in dacron ? anpast 29 3.336 16-08-2018 11:53
Ultimo messaggio: Markolone
  fiocco olimpico Gs39 subary 53 8.914 11-08-2018 19:45
Ultimo messaggio: senzadimora
  Randa sfregiata Charly Alba 17 809 19-07-2018 16:57
Ultimo messaggio: Charly Alba
  Trasto randa kitegorico 18 730 03-07-2018 07:40
Ultimo messaggio: lord
  Base randa su barca Lft 5,6 m sgiulio 0 147 27-06-2018 11:40
Ultimo messaggio: sgiulio

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)