Rispondi 
video su come stratificare carena
Autore Messaggio
corto-armitage Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #21
RE: video su come stratificare carena
Ti ringrazio molto di aver attirato la mia attenzione su questo passo. Avevo gia' usato il manuale per un madiere ma non avevo visto questa appendice. Avevo le istruzioni sotto agli occhi! Come piccolo ringraziamento verso il forum ho tradotto in italiano l'appendice. Non so se c'è una sezione dove si può postare.

(13-05-2017 09:02)marcofailla Ha scritto:  manuale West System...
http://www.westsystem.com/ss/assets/HowT...enance.pdf
pagina 84 appendice C
non ci sono andato lontano....


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
14-05-2017 11:46
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
corto-armitage Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #22
RE: video su come stratificare carena
Ecco le foto, come si vede ci siamo fermati al woven roving rimuovendo 3 strati di mat (si chiama stuoia in italiano? è quello grosso fatto con gruppi di fibre intrecciate che di solito viene intervallato a mat). Dalla foto della presa a mare si capisce un po' lo spessore del mat tolto (anche se lì in realtà può darsi che ce ne fosse di piu'). La carena non è stata ancora pareggiata con la roto-orbitale e le prese a mare non sono state ancora rimosse.


Allegati Anteprime
       
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-05-2017 17:26 da corto-armitage.)
15-05-2017 17:12
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Francesco Offline
Amico del Forum

Messaggi: 203
Registrato: Mar 2005 Online
Messaggio: #23
RE: video su come stratificare carena
pensi di togliere il bulbo?
19-05-2017 17:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
robertobaffigo Offline
Amico del Forum

Messaggi: 971
Registrato: Oct 2012 Online
Messaggio: #24
RE: video su come stratificare carena
sembra molto "secco" potresti anche incominciare con un impregnante epossidico
19-05-2017 18:41
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
corto-armitage Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #25
RE: video su come stratificare carena
(19-05-2017 18:41)robertobaffigo Ha scritto:  sembra molto "secco" potresti anche incominciare con un impregnante epossidico

Se ti riferisci al bianco sì ci sono ancora della macchie che credo di dover togliere. L'altro giorno abbiamo disegnato un reticolato e misurato l'umidità nei vari quadrati. Sulla opera morte ci dà un valore 10-12 nella prima metà siamo a 17 quindi abbastanza bene ma scendendo ci sono dei punti in cui arriva 40 per cui tocca aspettare (lo strumento è un Dortmann pinless che ci hanno prestato). Quando sarà l'idea era per prima cosa di impregnare di epossidica e poi bagnato su bagnato dare epossidica con microfibre per pareggiare il piu' possibile, poi 2-3 starti di tessuto e poi il resto del trattamento Cecchi.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 19-05-2017 19:10 da corto-armitage.)
19-05-2017 19:08
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
corto-armitage Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #26
RE: video su come stratificare carena
(19-05-2017 17:54)Francesco Ha scritto:  pensi di togliere il bulbo?

Veramente no, ne lo mai sentita
23-05-2017 12:02
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Francesco Offline
Amico del Forum

Messaggi: 203
Registrato: Mar 2005 Online
Messaggio: #27
RE: video su come stratificare carena
sarebbe per dare continuità strutturale alla rilaminazione, me lo disse un perito
26-05-2017 18:58
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
corto-armitage Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #28
RE: video su come stratificare carena
(26-05-2017 18:58)Francesco Ha scritto:  sarebbe per dare continuità strutturale alla rilaminazione, me lo disse un perito

Mah... mi sembra senza senso. Gli gli strati di mat tolti partivano dalla fiancata per finire sui due lati del bulbo stesso fazzolettandolo. Questi vanno rimpiazzati con tessuto nella stessa posizione. Se togli il bulbo che guadagni? Butti solo un paio di migliaia di euro.
26-05-2017 19:32
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
corto-armitage Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #29
RE: video su come stratificare carena
Si sta avvicinando il momento degli acquisti. Volevo chiedere il motivo per cui qualcuno sconsigliava il biassiale (la fibra non intessuta ma incollata) al posto del tessuto tradizionale. Lo dico perché il biassiale in teoria dovrebbe essere piu' forte e inoltre quello da 300 g costa circa 300 euro per 100 mq mentre il tessuto da 290 g (ho trovato sinora solo il twill) costa 650 euro. Forse è piu' difficile da stendere?
03-06-2017 08:51
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Online
Amico del Forum

Messaggi: 4.343
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #30
video su come stratificare carena
il biassiale segue bene le forme della carena quindi si stende bene ma...si impegna molto molto male a mano, fai conto che ti ci vorrà molta più resina a danno delle proprietà strutturali del laminato, perciò il vantaggio strutturale per il lavoro che devi fare secondo me non esiste


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

chi si è bagnato con l'acqua di mare non si asciuga più (cit. vecchi marinai :-)
03-06-2017 10:43
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
robertobaffigo Offline
Amico del Forum

Messaggi: 971
Registrato: Oct 2012 Online
Messaggio: #31
RE: video su come stratificare carena
Perdonami se insisto, a meno che voi non vi attrezziate con il vuoto il tessuto da 290 g è troppo pesante per laminare decentemente a testa in su, figuriamoci il biassiale (come dice marco è praticamente impossibile usarlo bene senza vuoto)!
Cerca del tessuto tra i 150 e 200 g e in confronto sarà una passeggiata .....
P.s. Con 100 mq fai tutta la carena di almeno due barche, è vero che in proporzione i tessuti leggeri costano di più, ma così a occhio vi bastano e avanzano 20 mq....

Buon lavoro
03-06-2017 13:03
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
corto-armitage Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #32
RE: video su come stratificare carena
Piccolo aggiornamento. Abbiamo continuato i lavori di frullinatura, scavando anche nelle stuoie nei punti dove dava umidità trovano liquido in quasi tutti. Ci siamo ritrovati alla fine con la bellezza di 89 crateri dai 5 ai 30 cm e spesso arrivando quasi a bucare la barca per arrivare al liquido (in 4 casi abbiamo effettivamente bucato). Ho l'impressione che in questi casi l'acqua fosse arrivata dall'interno il che spiegherebbe perché scavavamo mezzo centimetro di vetroresina buona per arrivare al tessuto delaminato con il liquido (praticamente la stuoia finale). L'altro motivo è che questi punti di delaminazione profonda era quasi tutti a prua dove c'era il serbatoio dell'acqua e lungo la sentina. Quando abbiamo comprato la barca mi ricordo che c'era l'acqua dentro, oblò e passa uomo facevano passare l'acqua e probabilmente è rimasta anni in secca con l'acqua piovana dentro. Dopodiché abbiamo ripianato i crateri con epossidica e tessuto. Finalmente da una settimana abbiamo grattato tutto ed iniziato a stendere i due strati di tessuto da 300 grammi (temo biassiale per qualche motivo alla fine ci siamo trovati quello), piu' degli ulteriori strati in alcuni punti (vicino al bulbo, lungo la chiglia e a prua). Ci stiamo trovando bene con strisce larghe 65 cm (metà della larghezza del rotolo) e lunghe quando la murata quindi anche due metri arrotolate a secco su un tubo. Se dopo aver dato la resina si aspetta una mezzora il tessuto si appiccica subito mentre lo strotoli. Dopodiché lo impregnamo con rullo (o pennello nei punti piu' ostici) finchè non diventa completamente trasparente, eliminando bolle d'aria e eccessi di resina. Sui due strati diamo subito una stuccatura di stucco epossidico in modo da ridurre al massimo la grattatura. Adesso siamo a metà barca, finito il tutto, gratteremo leggermente la stuccatura, faremo una seconda passata, poi daremo altri due - tre strati di epossidica, poi primer e antivegetativa.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 28-09-2017 21:31 da corto-armitage.)
28-09-2017 21:21
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Tatone Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.690
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #33
RE: video su come stratificare carena
(28-09-2017 21:21)corto-armitage Ha scritto:  Piccolo aggiornamento. Abbiamo continuato i lavori di frullinatura, scavando anche nelle stuoie nei punti dove dava umidità trovano liquido in quasi tutti. Ci siamo ritrovati alla fine con la bellezza di 89 crateri dai 5 ai 30 cm e spesso arrivando quasi a bucare la barca per arrivare al liquido (in 4 casi abbiamo effettivamente bucato). Ho l'impressione che in questi casi l'acqua fosse arrivata dall'interno il che spiegherebbe perché scavavamo mezzo centimetro di vetroresina buona per arrivare al tessuto delaminato con il liquido (praticamente la stuoia finale). L'altro motivo è che questi punti di delaminazione profonda era quasi tutti a prua dove c'era il serbatoio dell'acqua e lungo la sentina. Quando abbiamo comprato la barca mi ricordo che c'era l'acqua dentro, oblò e passa uomo facevano passare l'acqua e probabilmente è rimasta anni in secca con l'acqua piovana dentro. Dopodiché abbiamo ripianato i crateri con epossidica e tessuto. Finalmente da una settimana abbiamo grattato tutto ed iniziato a stendere i due strati di tessuto da 300 grammi (temo biassiale per qualche motivo alla fine ci siamo trovati quello), piu' degli ulteriori strati in alcuni punti (vicino al bulbo, lungo la chiglia e a prua). Ci stiamo trovando bene con strisce larghe 65 cm (metà della larghezza del rotolo) e lunghe quando la murata quindi anche due metri arrotolate a secco su un tubo. Se dopo aver dato la resina si aspetta una mezzora il tessuto si appiccica subito mentre lo strotoli. Dopodiché lo impregnamo con rullo (o pennello nei punti piu' ostici) finchè non diventa completamente trasparente, eliminando bolle d'aria e eccessi di resina. Sui due strati diamo subito una stuccatura di stucco epossidico in modo da ridurre al massimo la grattatura. Adesso siamo a metà barca, finito il tutto, gratteremo leggermente la stuccatura, faremo una seconda passata, poi daremo altri due - tre strati di epossidica, poi primer e antivegetativa.

Alla fine sarai pronto a costruirti una barca nuova, bravo! Smiley32
29-09-2017 09:21
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
mimita Offline
Vecio AdV

Messaggi: 12.039
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #34
RE: video su come stratificare carena
scusami ma non ho letto tutto. Sarebbe intressante anche sapere il modello di barca e soprattutto l,anno di costruzione,perche ho visto ancora danni del genere provocati dall'osmosi in barche costruite anni ottanta novanta,ma per arrivare a questo punto bisogna darsi da fare .

Più in alto sale la scimmia..più fa vedere il posteriore! ( De Montaigne)
29-09-2017 11:39
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
tommy62 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 493
Registrato: Dec 2006 Online
Messaggio: #35
RE: video su come stratificare carena
se posso suggerire, alcuni video utili su questi lavori in carena li trovi su youtube cercando cecchi gustavo.
non credo sia pubblicità perché è come citare la coca-cola

Datti un'occhiata anche ad un video su allungamento di un timone, spiegano molto bene come va utilizzato il mat e la stuccatura epossidica con spatola dentata, sicuramente la soluzione ideale per il lavoro che stai facendo.
Non ti impressionare, vedrai che tornerà bella come prima
Buon lavoro
29-09-2017 14:43
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
corto-armitage Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #36
RE: video su come stratificare carena
Grazie degli auguri! La barca è un Classis 35 Lady Laura del 1982. Ieri abbiamo fatto un altro quarto (2 teli e stuccatura), oggi se siamo bravi (dubito, perché c'è già un andazzo "io ho una festa", "io arrivo alle 11", "io vado via alle 16"), finiamo.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 30-09-2017 08:30 da corto-armitage.)
30-09-2017 08:27
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
velas Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 227
Registrato: Oct 2015 Online
Messaggio: #37
RE: video su come stratificare carena
Io sono allibito da come viene affrontato un lavoro strutturale come questo. Qui non si tratta di fare spessore e basta ma di ripristinare l'integrità strutturale della barca. I tessuti andrebbero messi secondo una direzione precisa e secondo i piani di stratificazione originale.

Ad esempio se ho capito bene, state procedendo con tessuto biassiale da 300 in strisce verticali da soli 65cm. Se non opportunamente stratificato da altro tessuto "incrociato" rispetto alle direzioni principali ora, vi state per ritrovare con una ridotta rigidità longitudinale nei punti di giuntura. L'intera struttura sarà molto più debole nel senso longitudinale che sono le forze da sostenere scendendo dall'onda e che si contrappongono al peso del bulbo (tando per dire).

Avreste fatto molto meglio a seguire il consiglio di stratificare con tessuti leggeri in più strati dalla lunghezza massima possibile. Il biassiale andava messo lungo la carena da prua a poppa in strisce sovrapposte di almeno 20-30cm ed usando il vuoto.

Don't make me work when I want to sail.
01-10-2017 14:37
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
robertobaffigo Offline
Amico del Forum

Messaggi: 971
Registrato: Oct 2012 Online
Messaggio: #38
RE: video su come stratificare carena
(01-10-2017 14:37)velas Ha scritto:  Io sono allibito da come viene affrontato un lavoro strutturale come questo. Qui non si tratta di fare spessore e basta ma di ripristinare l'integrità strutturale della barca. I tessuti andrebbero messi secondo una direzione precisa e secondo i piani di stratificazione originale.

Ad esempio se ho capito bene, state procedendo con tessuto biassiale da 300 in strisce verticali da soli 65cm. Se non opportunamente stratificato da altro tessuto "incrociato" rispetto alle direzioni principali ora, vi state per ritrovare con una ridotta rigidità longitudinale nei punti di giuntura. L'intera struttura sarà molto più debole nel senso longitudinale che sono le forze da sostenere scendendo dall'onda e che si contrappongono al peso del bulbo (tando per dire).

Avreste fatto molto meglio a seguire il consiglio di stratificare con tessuti leggeri in più strati dalla lunghezza massima possibile. Il biassiale andava messo lungo la carena da prua a poppa in strisce sovrapposte di almeno 20-30cm ed usando il vuoto.

Dalla descrizione sembra che abbiano tolto solo matt.....
01-10-2017 17:26
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
velas Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 227
Registrato: Oct 2015 Online
Messaggio: #39
RE: video su come stratificare carena
(01-10-2017 17:26)robertobaffigo Ha scritto:  Dalla descrizione sembra che abbiano tolto solo matt.....
Si, ma dopo prosegue e cito :
Citazione:Ci siamo ritrovati alla fine con la bellezza di 89 crateri dai 5 ai 30 cm e spesso arrivando quasi a bucare la barca per arrivare al liquido (in 4 casi abbiamo effettivamente bucato). Ho l'impressione che in questi casi l'acqua fosse arrivata dall'interno il che spiegherebbe perché scavavamo mezzo centimetro di vetroresina buona per arrivare al tessuto delaminato con il liquido (praticamente la stuoia finale)

Don't make me work when I want to sail.
01-10-2017 21:46
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
corto-armitage Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #40
RE: video su come stratificare carena
Non credo che il tuo discorso stia in piedi. I due-tre strati di tessuto sostituiscono il mat, come fa notare Roberto, il quale non ha ovviamente una direzione precisa. I crateri dove è stato asportato il combi sono stati riempiti non con 2 ma come ho scritto con 5-15 strati di tessuto variamente orientati e con epossidica fino ad arrivare allo spessore originale (circa 1 cm), sopra al quale sono andati i due di tessuto per cui a quello che ho capito almeno in quei punti dovrebbero essere piu' forti dell'originale. Del resto il metodo Cecchi prevede che siano riempiti di epossidica con microfibre, credo che il tessuto sia molto piu' forte. La larghezza di 65 cm è quella raccomandata dal manuale della West System e corrisponde piu' o meno a quanto mi avevano suggerito gli amici del forum, poichè dimensioni "piu' lunghe possibili" come suggerisci tu risultano difficili da gestire. Finchè si lavora bagnato su bagnato sovrapponendo i fogli a squame non credo faccia molto differenza perché i fogli si legano chimicamente gli uni agli altri. Poi sicuramente sarebbe stato meglio usare il vuoto, ed altri accorgimenti ma noi non eravamo capaci. Mi rassicura pensare che anche quando hanno costruito la barca nel 1982 non hanno usato il vuoto, ma la barca è ancora qui.

(01-10-2017 14:37)velas Ha scritto:  Io sono allibito da come viene affrontato un lavoro strutturale come questo. Qui non si tratta di fare spessore e basta ma di ripristinare l'integrità strutturale della barca. I tessuti andrebbero messi secondo una direzione precisa e secondo i piani di stratificazione originale.

Ad esempio se ho capito bene, state procedendo con tessuto biassiale da 300 in strisce verticali da soli 65cm. Se non opportunamente stratificato da altro tessuto "incrociato" rispetto alle direzioni principali ora, vi state per ritrovare con una ridotta rigidità longitudinale nei punti di giuntura. L'intera struttura sarà molto più debole nel senso longitudinale che sono le forze da sostenere scendendo dall'onda e che si contrappongono al peso del bulbo (tando per dire).

Avreste fatto molto meglio a seguire il consiglio di stratificare con tessuti leggeri in più strati dalla lunghezza massima possibile. Il biassiale andava messo lungo la carena da prua a poppa in strisce sovrapposte di almeno 20-30cm ed usando il vuoto.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 02-10-2017 19:41 da corto-armitage.)
02-10-2017 19:38
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Pulizia carena prima della 10 10 Arakide 15 744 14-06-2018 18:55
Ultimo messaggio: corto-armitage
  Crateri in carena, come operare? drillo2k 8 646 27-04-2018 11:23
Ultimo messaggio: Fides
  pulire un po' la carena con barca in acqua mk 2 482 19-03-2018 10:49
Ultimo messaggio: pepe1395
  preparazione e verniciatura carena sea dweller 10 1.272 11-03-2018 12:25
Ultimo messaggio: Luciano53
  Prese a mare a filo carena Alfonso69 3 708 15-12-2017 17:06
Ultimo messaggio: Alfonso69
  Preparazione Carena a zero con Antivegetativo cambio da Matrice Dura ad Autolevigante marelom 5 1.030 01-09-2017 19:01
Ultimo messaggio: JARIFE
  pulizia carena scud 28 2.651 25-08-2017 22:11
Ultimo messaggio: lord
  Consiglio restauro carena. enricottero 7 551 14-06-2017 16:09
Ultimo messaggio: orteip
  metodi per togliere umidità dalla carena Francesco 15 1.823 16-05-2017 23:19
Ultimo messaggio: Casper
  Carena dopo un anno in Laguna veneta pajasss 26 3.489 27-04-2017 21:06
Ultimo messaggio: Edolo

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)