Rispondi 
Normative di progetto, urti e danni conseguenti
Autore Messaggio
spin Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 1.560
Registrato: Mar 2017 Online
Messaggio: #1
Normative di progetto, urti e danni conseguenti
Buongiorno a tutti e scusate se questo post è particolarmente pesante. Premetto che non sono ingegnere strutturale, quindi potrei avere non correttamente interpretato quanto ho letto. Vorrei dare un seguito al mio post riguardo il possibile acquisto di una barca che ha preso uno scoglio, esponendo le considerazioni che mi avevano inizialmente indotto a considerare senza conseguenze un urto a bassa velocità, basandomi su normative e calcoli. Mi scuso in anticipo per le possibili castronerie. La base tecnica per le mie valutazioni è stato lo studio "INTERNATIONAL SMALL CRAFT INDUSTRY CONSULTATION AND VALIDATION STUDY. ISO/DIS-12215 hull construction...Validation against existing boats...". Lo scopo di quest'ultimo era di ricevere un feedback dai Cantieri riguardo i dati di barche a vela a chiglia fissa e di compararli con i requisiti espressi dalla ISO/DIS. La normativa 12215 parte 9 prevede un certo numero di "load cases" da utilizzarsi per definire i parametri di progetto strutturale, in particolare, il LOAD CASE 4 (fore-aft grounding) riguarda gli urti contro la chiglia, in caso di urto orizzontale e parallelo alla direzione di moto, incidente nel punto più profondo del bulbo. Questo è un caso controverso, perché, non ostante sia stato testato a lungo, è ancora considerato "non scientifico" e deve quindi essere utilizzato con cautela. La forza risultante dall'urto viene espressa tramite la:
F = K * g * m(LDC) * [L(WL) / 10]^0.5
dove: K=fattore moltiplicativo, m(LDC)=massa imbarcazione in navigazione, L(WL)=lunghezza al galleggiamento Il fattore K può assumere vari valori: nella sua forma "enhanced" vale 0,8 per barche di 10m e 1,1 per barche di 20m. Nella sua forma "normal" vale 0,4. Il caso "enhanced" è considerato molto severo e alcune barche non lo rispettano senza opportuni rinforzi locali. Mi pare di aver capito che il fattore "enhanced" si potrebbe applicare a barche oceaniche, mentre il "normal" a barche non oceaniche, ma non è chiaro. Gli autori sostengono anche che non è scientificamente valido associare una velocità a questa forza, però concordano nell'assumere, a livello puramente indicativo, che la barca potrebbe arrestarsi in 0,5 secondi e che gli skipper tenderebbero a voler considerare come sicura una velocità di 3-4 Knt, nel senso che si aspetterebbero, urtando a tale velocità, di subire danni nulli o minori. Per la mia valutazione ho assunto il K=0,4, quindi per una barca come il GS35 di 5500 Kg e L(WL) di 8,9m si avrebbe: F = 0,4 * 9,81 * 5500 * (8,9/10)^0,5 = 20360 N
Una barca di 5500 Kg. che si muove a motore a 1 Knt (0,51 m/s) e urta lungo l'asse longitudinale, arrestandosi in 0,5 s subisce una decelarazione di: a = 0,51/0,5 = 1,02 m/s2. e conseguentemente una forza di: Fu = 5500 * 1,02 = 5610 N
Passiamo al confronto dei numeri. Il valore della forza applicata a seguito dell'urto risulta, fatta salva la raccomandazione di slegare la velocità dalla forza, comunque molto minore del valore di progetto, quindi si può assumere che un urto a bassa velocità non dovrebbe danneggiare strutturalmente la barca. Invece pare che le barche talvolta si danneggino, anche gravemente, per urti a bassa velocità. Perché? Azzardo qualche ipotesi, considerando che tale normativa non è ancora in vigore, ma in passato e al presente le barche sono comunque progettate per resistere a urti e forze esterne secondo "best practices" dei progettisti. 1) ho sbagliato i conti e capito un beneamato 2) sino ad oggi le barche sono state progettate con parametri che nulla hanno a che vedere con la normativa nuova 3) le barche sono ben progettate, ma non altrettanto ben costruite 4) viene eseguita una ottimizzazione ciclica del progetto, che porta a risultati corretti ma non più in linea con le linee guida del progetto 5) non è vero che hanno urtato a bassa velocità 6) l'urto è avvenuto con una geometria differente e particolarmente sfavorevole 7) altre ipotesi??? Riconosco che l'argomento è complesso e forse non lo ho trattato con il necessario rigore, però volevo dei numeri, anche grossolani, ai quali fare riferimento. Evidentemente qualcosa non funziona come dovrebbe o forse i casi di progetto sono per l'appunto dei casi e costituiscono unicamente dei riferimenti. Cosa ne pensate?
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 05-06-2018 12:46 da admin.)
05-06-2018 12:41
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
clavy Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.614
Registrato: Jun 2009 Online
Messaggio: #2
RE: Normative di progetto, urti e danni conseguenti
6) Mi sembra che il caso delineato sia poco realistico:
- per fermarsi in 0,5s alla velocità 0,51m/s al secondo vuol dire che si ferma in uno spazio di 25-26cm, se una barca si rompe a queste condizioni mi spaventa.
- se a 4 nodi ti fermi nello spazio di un metro, stai strisciando o hai preso un ostacolo morbido (sabbia, ghiaia), anche in questo caso non mi aspetterei di trovare danni alla barca.
- IMHO il problema maggiore sta nell'angolo di incidenza: a meno che tu non prenda l'ostacolo andando a tutto motore con mare forza olio, di norma la toccata avverrà nella discesa nel cavo dell'onda, in questo caso hai un vettore incidente sull'ostacolo, gli spazi di arresto si riducono notevolmente, E la forza applicata non sarà più o meno parallela alla pelle dello scafo, ecco allora l'effetto apriscatole della deriva che ogni tanto si vede.
05-06-2018 13:23
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
spin Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 1.560
Registrato: Mar 2017 Online
Messaggio: #3
RE: Normative di progetto, urti e danni conseguenti
Il caso considerato prevede un urto rigido contro scoglio e comunque la forza risultante è bassa. Il caso che citi, molto realistico, di urto mentre scendi nel cavo di un'onda è effettivamente molto peggiorativo e potrebbe spiegare certi dsnni
05-06-2018 13:29
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
oudeis Offline
Vecio AdV

Messaggi: 8.031
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #4
RE: Normative di progetto, urti e danni conseguenti
Oooppinioni e nuuuummeri nun s'accoppiano?
1- ma no, dai, 7+Thumbsupsmileyanim
2- mah?Smiley30
3- eh, capita, capita spesso91
4- grandi serie, x% di errori ci starebbeSmiley57
5- questo si scopre... 21
6- probabile, se c'è onda ecc.
7- se hai un fattore K adeguato puoi fare tutto: un mio amico
prese scoglio greco a 7,5 nodi, la moglie è caduta in pozzetto.
Poteva venir giù l'albero, staccarsi il bulbo, sfondarsi
la carena, ma l'unico danno è stato lo scollamento della vtr
di rivestimento del bulbo.
Altro tizio restituì la barca noleggiata senza dire nulla, ma una
rapida ispezione mostrò un madiere spezzato, alata si vide
subito una bella gnocca nel piombo.
Sono passati molti anni ma credo le barche siano ancora a galla.

Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore.
(Porfirio)
05-06-2018 15:28
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
spin Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 1.560
Registrato: Mar 2017 Online
Messaggio: #5
RE: Normative di progetto, urti e danni conseguenti
@oudeis.
#2: intendo dire che la citata normativa è ad oggi nella fase di verifica e approvazione. Quindi le barche non sono ancora costruite con questi parametri. Dall'esame che hanno fatto su un certo numero di barche attuali risulta che alcune non rispettano i parametri esposti e dovrebbero essere rinforzate. Principalmente a causa del sistema di ancoraggio del bulbo e delle griglie
05-06-2018 17:25
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
oudeis Offline
Vecio AdV

Messaggi: 8.031
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #6
RE: Normative di progetto, urti e danni conseguenti
(05-06-2018 17:25)spin Ha scritto:  @oudeis.
#2: intendo dire che la citata normativa è ad oggi nella fase di verifica e approvazione. Quindi le barche non sono ancora costruite con questi parametri. Dall'esame che hanno fatto su un certo numero di barche attuali risulta che alcune non rispettano i parametri esposti e dovrebbero essere rinforzate. Principalmente a causa del sistema di ancoraggio del bulbo e delle griglie
Ma no?Smiley26Smiley26Smiley26
Il punto è: non sanno progettare/calcolare o sono i controllori a cercare il pelnelluovo?
Oppure dopo tutti i distacchi degli ultimi mesi si stanno dando una regolata?
Eccheccavolo ti rinforzi su un già malfatto scafo?
Fooorse la corsa alla barca leggera, veloce, economica e fatta in grandissima serie per affibbiarla ai charteroni andrebbe rivista.
Ho qualche dubbio anche su certe tiratissime da regata riallestite per lo sbrasone domenicale26

Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore.
(Porfirio)
05-06-2018 20:05
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
spin Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 1.560
Registrato: Mar 2017 Online
Messaggio: #7
RE: Normative di progetto, urti e danni conseguenti
Bisognerebbe leggere (e soprattutto capire!) la parte 5 della normativa, dove espone proprio le problematiche relativa alle griglie. Appena ho tempo provo ad approfondire, ammesso che riesca a capire bene, perchè è inglese tecnico non della mia disciplina.
05-06-2018 22:38
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  In cerca di un progetto... Corto 22 695 22-06-2018 23:33
Ultimo messaggio: Corto
  cutter in lamellare 10 mt, progetto foschi maurob 49 3.229 30-05-2018 15:01
Ultimo messaggio: maurob
  Restauro Sloop 52, progetto n.110 Sciarrelli Vicarius 38 14.495 26-01-2015 14:14
Ultimo messaggio: Vicarius
  Progetto ex novo deriva fissa in loco della mobile. renato pacini 16 4.496 14-10-2014 13:23
Ultimo messaggio: renato pacini
  Progetto per autocostruzione maitroppotardi 57 6.995 08-12-2012 07:28
Ultimo messaggio: umbosly
  Progetto (per ora) di un Micro Transat 400 vento forza10 13 2.068 31-03-2011 22:46
Ultimo messaggio: zankipal
  Riparare i danni da ormeggio... mikael 12 3.734 18-09-2010 06:09
Ultimo messaggio: mikael
  Progetto di scala per salire in testa d’albero vento forza10 37 5.605 28-03-2009 20:14
Ultimo messaggio: Williwaw
  COME RICONOSCERE IL PROGETTO DI QUESTA IMBARCAZION antonio84 11 1.686 02-12-2008 20:26
Ultimo messaggio: mania2

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)