Rispondi 
Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Autore Messaggio
kavokcinque Offline
Amico del Forum

Messaggi: 3.045
Registrato: Nov 2015 Online
Messaggio: #21
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
(31-07-2018 12:09)matteo Ha scritto:  Barca leggera da 10 m, ancora buona da 12/14 kg, 25 m di catena dell'8, 50 di cima 8 legnoli square line (piuttosto elastica, è importante) da 16 mm, entro i 10 m di fondo e < 50 Kts di vento non mi smuove più niente se fondo buon tenitore.
Prima, con altra linea di ancoraggio (tutta catena) e altra ancora (da tanti però considerata ottima) in condizioni > 30 kts dovevo appennellare una seconda ancora altrimenti (più o meno) lentamente aravo.
matteo

P.S. l'ammiragliato - tanto cara a Bullo - resta da anni in fondo al gavone con altra linea di ancoraggio completa, ma semplificata.
Direi che citare i due modelli di ancora porti solo informazione...
31-07-2018 21:59
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luciano53 Offline
Tutor AdV

Messaggi: 12.341
Registrato: Jan 2014 Online
Messaggio: #22
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
(31-07-2018 18:41)Pepi Ha scritto:  non ho capito la tabella, puoi spiegarla? grazie

Non è opera ma, è di Rob.
Comunque è intuitiva, fornisce la lunghezza di catena (del 10) per ogni profondità di ancoraggio e con 5 forze del vento diverse.
Lunghezza necessaria a non far alzare dal fondo il primo anello della catena.
Avevo fotografato anche la pagina della discussione ma non riesco ad allegarla, vediamo se trovo il 3d
31-07-2018 23:23
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Casper Offline
Senior Utente

Messaggi: 1.150
Registrato: Dec 2004 Online
Messaggio: #23
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
(31-07-2018 23:23)Luciano53 Ha scritto:  Lunghezza necessaria a non far alzare dal fondo il primo anello della catena.

...e quindi a garantire il tiro orizzontale dell'ancora, tanto per essere chiari...
03-08-2018 21:33
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lupo planante Offline
Vecio AdV

Messaggi: 8.036
Registrato: Nov 2007 Online
Messaggio: #24
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Mia regola: barca Gs45 frers, ancora Rocna da 25kg, catena 75mt Maggi 10mm grado 4.... di norma do 3 volte fondo in acqua medio alta (10mt) prima di dormire se non c'è nessuno intorno do altri 10...quando fischiano le sartie (18/22kn) altri 10... temporale o neverino 60/70. Odio misto tessile/catena(mia opinione).
06-08-2018 06:49
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bullo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.664
Registrato: Feb 2008 Online
Messaggio: #25
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Per sentire il fischio ci vogliono 25 nodi e più.
A 60 nodi il vento è 85 volte più forte che a 20.-
06-08-2018 12:42
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lupo planante Offline
Vecio AdV

Messaggi: 8.036
Registrato: Nov 2007 Online
Messaggio: #26
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
(06-08-2018 12:42)bullo Ha scritto:  Per sentire il fischio ci vogliono 25 nodi e più.
A 60 nodi il vento è 85 volte più forte che a 20.-

quando ho lo strallo della trinca a riposo agganciato sulla landa, si forma un pacchetto di 3 sartie. A 20 kn fischiano...sulla mai, sulle altre non so. Io ho dei riferimenti ormai consolidati come credo ogniuno ha sulla sua barca. Si conoscono rumorini, scricchiolii ecc
06-08-2018 13:30
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bullo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.664
Registrato: Feb 2008 Online
Messaggio: #27
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Mi correggo non è che sia un vero fischio, più un fruscio, i cavi sono grossi.
Come dici tu la barca ha dei suoni particolari, anche stando sotto si capisce quanto vento c'è fuori e anche dalle vibrazioni dell'albero quanto corre.-
06-08-2018 23:42
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
FaBento Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 263
Registrato: Oct 2015 Online
Messaggio: #28
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
BArca 10m, circa 4T di stazza; 50m catena da 8mm, 40 m cima da 16mm, ho rinforzato il dritto di prua e montato un golfare da 12mm con collegata spezzone di cima e aggancio per catena.
Cosi elimino quasi 1m di altezza e scarico il salpa ancora; la catena rimane comunque sul barbotin per recupero velocemente.
Con ancora Bruce su fondi di sabbia, fango ti ne bene fino a 40 nodi (passato 5gg a Unje sotto bora nella baia del paese).
04-09-2018 17:23
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
oudeis Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.535
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #29
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
(31-07-2018 15:15)timeout Ha scritto:  Partiamo dal presupposto che sei all'ancora , vuol dire che sei ridossato quindi il vento ti spinge al largo, se così non fossei vuol dire che già hai sbagliato tutto.
Se giungono venti sostenuti puoi filare ancora tanto quanto basta per rimanere in baia ma se il vento rinforza a mio avviso la cosa migliore è quella di mollare gli ormeggi ed andare a mare aperto dove i problemi sono infinitamente minori piuttosto che aggiungere ancore o filare catena che possono solo peggiore situazioni in caso di fuga forzata.
Ma questa è una mia opppinnionee
Due venerdi fa alle 6 del mattino è arrivato un groppo alle Eolie e ci siamo trovati con amici in mare aperto senza se e senza ma, chi è rimasto all'ancora ha avuto 30 minuti di incubo.
Buon vento
Preciso Timeout! Meglio al largo che a sbattere con catene e cime.
Mi è capitato di dover sostenere un paio di volte un ancoraggio
diciamo critico, e mi è dispiaciuto assai di non potermene andare.

Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore.
(Porfirio)
04-09-2018 21:53
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ingloriousbastard Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 27
Registrato: Nov 2009 Online
Messaggio: #30
Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
(30-07-2018 16:58)ReeX Ha scritto:  Ciao ragazzi, tempo fa il meteo annuncia maestrale di 25 nodi con raffiche a 30 nodi. La notte, tutti in porto. Anzi no, alcuni all'ancora fuori dal porto. Come gli sarà andata?
Racconta la tua esperienza, in che condizioni limite hai ancorato in rada, che profondità e fondale, che ancora e calumo (misto catena nylon?)


https://www.petersmith.net.nz/boat-ancho...horing.php

È un po’ lungo lo lessi un po’ di tempo fa.

Non è un racconto di mare ma un riferimento teorico affidabile (anche se di fonte Rocna) che dice che:
1) afforcare è meglio che appennellare
2) mettere dei pesi sulla catena (kettel) sperando che abbiano la funzione di mantenere la catena sul fondo e la trazione orizzontale in caso di raffica, in pratica non serve a niente

Meglio un’ancora unica che sia ben dimensionata che non dover far subito affidamento a 2 ancore ma se devi ... afforca.

Infine credo dalla mia esperienza che gli strattoni peggiori siano dovuti al brandeggio, in quelle occasioni la barca solleva anche molto calumo dal fondo e l’ancora può spedare e non riuscire più a far testa ma “planare” sul fondo.

Utile quindi o la veletta antibrandeggio o, abbattendo tutto, (spray e Bimini) provare ad ancorare di poppa.

Il misto catena tessile conferisce elasticità e riduce in parte gli strattoni.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
01-11-2018 22:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ciro_ma_non_ferrara Offline
Senior Utente

Messaggi: 894
Registrato: Jun 2007 Online
Messaggio: #31
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
(01-11-2018 22:54)ingloriousbastard Ha scritto:  Non è un racconto di mare ma un riferimento teorico affidabile (anche se di fonte Rocna) che dice che:
1) afforcare è meglio che appennellare
Permettimi di avere forti dubbi, salvo casi molto particolari.

Afforcare è utile per limitare il diametro della ruota, ma ben difficilmente le due ancore lavoreranno a lungo contemporaneamente, quindi in pratica, se posizionate perfettamente e ammesso che la direzione del vento rimanga più o meno costante, il brandeggio stesso ne solleciterà il tiro a turno, un po' una e un po' l'altra.
Ora, considerando che di solito a bordo non si tengono quasi mai due ancore identiche per peso e forma, l'averne afforcate due differenti comporterà due diverse reazioni sul fondo, con tutte le problematiche del caso, compreso quelle relative all'eventualità di dover salpare il tutto in ugenza.

Son d'accordo con chi sostiene che è molto meglio un'unica buona linea principale con un'altrettanta buona ancora, ma nel caso questo non bastasse, recuperare qualche decina di metri di catena, ammanigliare una seconda ancora (mantenendo tra questa e la prima una lunghezza di catena pari almeno a 1,5 il fondo) e ricalare tutta la linea a disposizione, è un'operazione relativamente semplice che si può fare anche in condizioni critiche, purchè naturalmente ci sia acqua libera sottovento.

A scanso di polemiche preciso che è solo il mio personalissimo parere.
29-11-2018 19:07
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
oudeis Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.535
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #32
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
In effetti afforcare è lavoro complesso e non ho visto molte barchette adeguatamente attrezzate e con
equipaggi... svelti. Immagina in una rada delle nostre più gettonate che sbroglio ne potrebbe venire.
Il brandeggio può essere un problema serio, se c'è anche onda rischia di rendere insostenibile la permanenza.
E ricadiamo nell'idea che meglio fuggire finchè si poteva. Un classico di Ponza: in rada al Frontone la sera e fuga a Chiaia di Luna alle due di notte. Infatti non mi ci avete mai vistoSmiley4Smiley4Smiley4

Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore.
(Porfirio)
29-11-2018 19:33
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bullo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.664
Registrato: Feb 2008 Online
Messaggio: #33
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Ci si afforca per limitare il settore di brandeggio della barca non per aumentare la tenuta.
Un'ancora da 40 kg. tiene più di due ancore da 20 kg. appennellate.
Il problema è che a prua il peso in navigazione la fa affondare e per le barche di dimensioni ridotte non si può appesantirla troppo, perciò ci si appennella.
Altro problema è che la gente non sa appennellarsi, non serve recuperare niente di quello già filato, è sulla fine della catena che si lega la seconda ancora e ci vuole un'ammiragliato o un grappino più altra catena e cavo tessile.
Bastard quelli della rocna hanno detto delle grandi put.......tanate e che l'ancora plani è la prima volta che lo sento, di solito ara.
Moitessier aveva 5/6 ancore a bordo però dava fondo sempre all'ammiragliato.-
29-11-2018 19:57
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
oudeis Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.535
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #34
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
(29-11-2018 19:57)bullo Ha scritto:  Ci si afforca per limitare il settore di brandeggio della barca non per aumentare la tenuta.Smiley57
Un'ancora da 40 kg. tiene più di due ancore da 20 kg. appennellate.Smiley32
Il problema è che a prua il peso in navigazione la fa affondare e per le barche di dimensioni ridotte non si può appesantirla troppo, perciò ci si appennella.
Altro problema è che la gente non sa appennellarsi, non serve recuperare niente di quello già filato, è sulla fine della catena che si lega la seconda ancora e ci vuole un'ammiragliato o un grappino più altra catena e cavo tessile.
Bastard quelli della rocna hanno detto delle grandi put.......tanate e che l'ancora plani è la prima volta che lo sento, di solito ara.
Moitessier aveva 5/6 ancore a bordo però dava fondo sempre all'ammiragliato.-
Menomale che Bullo c'èSmiley4Smiley32
Ah, mi capitò di afforcare in un caso piuttosto critico, ma se poi non portavo una cima sullo scoglio sopravento spiaggiavo come un pirla;-((

Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore.
(Porfirio)
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 29-11-2018 22:16 da oudeis.)
29-11-2018 22:13
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Nanni Offline
Amico del Forum

Messaggi: 408
Registrato: Feb 2006 Online
Messaggio: #35
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Due esperienze risolte allo stesso modo .

1) 40 knts di maestrale da terra per 3 gg. a Cala Brandinchi - Fondo 4 metri - Ancora CQR - 40 metri catena da 10 - Senza onda - Superato senza grandi problemi
2) 60 knts da terra nel golfo di Orosei - Ridossato sotto una scogliera che mi ha regalato vento catabatico da 30 a 40 kts - Fondo 5 metri - Ancora CQR - 40 metri catena da 10 - Senza onda

Ho imparato sulla pelle che all'ancora si deve fuggire da onda , dalle altre barche e non dal vento

MMSI 205859030
29-11-2018 23:44
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
spin Offline
Senior utente

Messaggi: 2.675
Registrato: Mar 2017 Online
Messaggio: #36
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Questo ha usato un ancora bella grossa, ma ha tenuto un bel ventaccio
https://youtu.be/52vu7bbvqC0
29-11-2018 23:48
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Nanni Offline
Amico del Forum

Messaggi: 408
Registrato: Feb 2006 Online
Messaggio: #37
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Sopratutto durante l'uragano si è mangiato una pentola di spaghetti !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

MMSI 205859030
30-11-2018 00:40
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ciro_ma_non_ferrara Offline
Senior Utente

Messaggi: 894
Registrato: Jun 2007 Online
Messaggio: #38
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
(29-11-2018 19:57)bullo Ha scritto:  Altro problema è che la gente non sa appennellarsi, non serve recuperare niente di quello già filato, è sulla fine della catena che si lega la seconda ancora e ci vuole un'ammiragliato o un grappino più altra catena e cavo tessile.
Se hai già filato tutto il filabile e vuoi appennellare, devi per forza recuperare un po' di calumo, altrimenti la seconda ancora la appendi al musone come una palla all'albero di Natale!Smiley4
Per la cronaca: le rare volte che appennello (come nel caso debba lasciare la barca da sola in rada per più giorni), uso un grappino che pesa poco meno dell'ancora principale; mal che vada mi funzionerà da salmone.
30-11-2018 14:48
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Fraaa Offline
Amico del Forum

Messaggi: 230
Registrato: Apr 2009 Online
Messaggio: #39
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Una mia impressione negativa del sistema appennelato o tandem (come riportato nell'articolo https://www.petersmith.net.nz/boat-ancho...horing.php )
è che l'ancora tandem con la sua trazione impedirebbe a quella principale di affondare ulteriormente diminuendone la tenuta. Se la principale è ben dimensionata non è meglio lasciarla da sola ?
Inoltre, invece di afforcare le ancore con un certo angolo, non sarebbe meglio disporle nella stessa direzione su due linee indipendenti ma a distanza diversa. Più facili da posizionare, non impedirebbero il brandeggio ma lavorerebbero entrambe ed in caso non tenuta di una ci sarebbe sempre l'altra.
Avendo un'ancora a poppa, potrei anche pensare di metterne una a poppa l'altra a prua: non avrei brandeggio e mi garantisco la tenuta anche con rotazione del vento di 180 . Che ne dite?Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
30-11-2018 14:56
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
timeout Offline
Amico del Forum

Messaggi: 3.336
Registrato: May 2010 Online
Messaggio: #40
RE: Ancoraggio in condizioni estreme ~ racconta la tua esperienza
Dico che un ancora ben dimensionata e una catena ben dimensionata sono sufficienti per fare rada.

Se non basta questa linea di ancoraggio, per me significa che:

1) non ho visto il meteo prima dell'ancoraggio;
2) l'ho visto ma il meteo ha cannato, quindi salpo e vado altrove.

Tutto il resto serve per farsi del male
Buon vento
30-11-2018 15:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Esperienza con gli autogonfiabili crafter 3 411 20-05-2018 16:59
Ultimo messaggio: Nimbo
  KIT ANCORAGGIO darcopad 23 1.723 21-06-2017 17:07
Ultimo messaggio: orteip

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)