Rispondi 
Christina - Sicyd
Autore Messaggio
Leonardo Vecchi Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 26
Registrato: Sep 2008 Online
Messaggio: #1
Christina - Sicyd
Stando a quel che leggo in questo ed altri forum, la barca che vi presento, dovrebbe essere in possesso dei requisiti previsti per BARCA CLASSICA / BARCA DI INTERESSE STORICO.

Correggetemi se sbaglio o non sono aggiornato.

Il cantiere SICYD (Società Italiana Costruzione Yacht da Diporto) non esiste più da decenni...
Il Christina veniva costruito in versioni differenti. Anni fà ho creato un blog, grazie al quale ho censito qualche esemplare ancora in circolazione... Ho pubblicato immagini, disegni e schede qui:
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

In sintesi, una gran bella barca, ancora performante, sicura, molto marina e boliniera. Per contro, difficile da governare a motore (chiglia lunga) e non confrontabile, in fatto di comfort, con barche moderne della stessa lunghezza/stazza, che offrono un'abitabilità ben maggiore.
L'armo velico di origine, pare prevedesse randa e trinchetta. Ma esistono modelli sia a sloop che a cutter (armando uno yankee sullo strallo di prua)

grazie dell'attenzione
01-10-2018 18:53
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
pegaso Online
Senior Utente

Messaggi: 1.955
Registrato: Mar 2007 Online
Messaggio: #2
RE: Christina - Sicyd
Mancano informazioni sul periodo nel quale sono state costruite queste barche, immagino che stiamo parlando della seconda metà degli anni 60, anni in cui cantieri come Alpa, Nordcantieri, Benello, Mariver, etc producevano barche in vtr, in piccola serie, da 8 a 15 mt (Alpa) nello stesso periodo sono nati anche altri piccoli cantieri artigianali, piccole realtà, poi scomparse senza lasciar traccia.
Non mi è chiaro chi fosse il progettista comunque molto simile ad analoghi progetti inizio anni 60 inglesi.
Se vogliamo essere dei pignoli la denominazione: barche classiche (stazzate AIVE), sono quelle costruite dal 1950 al 1975 (quelle anteriori sono barche d'epoca) ma non comprende quelle costruite in vtr.
Anche barche ben più blasonate come Alpa Maica di Illingworth, Alpa 12 70 S&S, Benello Freya e Gaia sempre S&S non sono accettate come barche classiche e in italia non sono neanche riconosciute come barche di "interesse storico", categoria inesistente in Italia, invece riconosciuta in Francia, però devono essere veramente di interesse storico non una qualunque barca da diporto in vtr.
Tornando a noi, assolutamente da lodare il tuo impegno volto a tener viva la conoscenza di una bella barca anni 60, che ancora oggi credo si distingua per le sue linee eleganti.
Poi sposterò questa discussione nelle "barche di ieri" dove è la sua giusta collocazione.
Raccontaci magari anche un pò più della tua barca, il Garuda, credo.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 07-10-2018 19:56 da pegaso.)
07-10-2018 19:48
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Leonardo Vecchi Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 26
Registrato: Sep 2008 Online
Messaggio: #3
RE: Christina - Sicyd
L'anno di costruzione del Garuda è il 1963. Da ricerche che ho fatto, consultando il figlio del progettista Ciso Delneri, molte di queste barche sono state consegnate a Malta. Ne sarebbero state fatte in totale una settantina, a partire dagli inizi degli anni 60 (quindi precedentemente alle Alpa).
Sul blog http://cristinasicyd.blogspot.com/ si trovano tante altre informazioni, riportate da altri armatori dello stesso modello. C'è chi afferma che Sciarrelli era amico di Delneri e lo avrebbe aiutato a concepire il progetto... Non ho avuto modo di verificarlo, e mi interessa poco..
Il mio approccio sulla barca, dal suo acquisto (come usato) ad oggi, è stato di tipo conservativo. Ho mantenuto albero e boma in douglas, il motore (molti mi dicevano di sostituirlo) e ripristinato l'aspetto originale, rimuovendo parti aggiunte da precedenti proprietari.
Non ho a nuovo lo scafo, per motivi economici e di tempo. Per fare questo, andrebbe interamente sabbiata fino alla resina (da ricerche svolte, si tratterebbe della migliore dell'epoca, la "old register London"), ridato il gelcoat con spessori adeguati. Mi han detto che a quei tempi eccedevano nello spessore, e questo ha causato crepe a ragnatela superficiali.
08-10-2018 12:27
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
pegaso Online
Senior Utente

Messaggi: 1.955
Registrato: Mar 2007 Online
Messaggio: #4
RE: Christina - Sicyd
(08-10-2018 12:27)Leonardo Vecchi Ha scritto:  L'anno di costruzione del Garuda è il 1963. Da ricerche che ho fatto, consultando il figlio del progettista Ciso Delneri, molte di queste barche sono state consegnate a Malta. Ne sarebbero state fatte in totale una settantina, a partire dagli inizi degli anni 60 (quindi precedentemente alle Alpa).

Una precisazione: L'Alpa ha incominciato a costruire la prima barca in vtr alla fine degli anni 50, era una deriva, la prima Alpa 15 (15 mt, un record per l'epoca) era del 1961, stesso periodo per l'Alpa 11 Maica e l'Alpa 9 quindi non è in discussione chi ha iniziato per primo a costruire barche in vtr.
Poi 70 barche sono una cifra esagerata, non credo che Malta pulluli di Christina, fra l'altro ci sono stato anche recentemente e come mia abitudine ho girato tutti i porti, non mi ricordo di averne vista una.
Non sono numeri pensabili per quell'epoca.
Il progettista è uno sconosciuto, ci stà, basta ispirarsi ai progettisti inglesi, anche Buchanan lavorava a Trieste a quell'epoca.
Quanto a Sciarrelli nel 1960 aveva 26 anni era un autodidatta e proprio a quell'epoca stava progettando, per se, la sua prima barca un 8mt armato a cutter che lo fece conoscere sui campi di regata.
Il suo primo progetto commissionato da un armatore è del 1965: L'Aglaia, fra l'altro una barca molto particolare.
Quindi anche qui non penso ci sia stato un legame.
Questo non toglie niente alla validita del Christina che io trovo rispetto a barche della stessa epoca (es. Alpa 9) più elegante e che sicuramente continuerà a darti tante soddisfazioni.
Mi permetto di inserire una foto della tua barca, così magari uno è invogliato ad approfondire seguendo il link da te postato
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 08-10-2018 14:37 da pegaso.)
08-10-2018 14:24
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Leonardo Vecchi Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 26
Registrato: Sep 2008 Online
Messaggio: #5
RE: Christina - Sicyd
Ti ringrazio delle precisazioni. Il numero di unità mod. Christina e della collocazione di molte di esse a Malta, mi è stato riferito dal figlio del progettista. Giusto essere scettici sul coinvolgimento di Sciarrelli. Concordo sulle valutazioni inerenti all'eleganza della barca. Non ho postato foto, ma solo il link del blog presso il quale si possono trovare molte foto, immagini ed altro.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 03-11-2018 00:39 da HAL9001.)
11-10-2018 23:13
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Leonardo Vecchi Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 26
Registrato: Sep 2008 Online
Messaggio: #6
RE: Christina - Sicyd
(07-10-2018 19:48)pegaso Ha scritto:  Mancano informazioni sul periodo nel quale sono state costruite queste barche, immagino che stiamo parlando della seconda metà degli anni 60, anni in cui cantieri come Alpa, Nordcantieri, Benello, Mariver, etc producevano barche in vtr, in piccola serie, da 8 a 15 mt (Alpa) nello stesso periodo sono nati anche altri piccoli cantieri artigianali, piccole realtà, poi scomparse senza lasciar traccia.
Non mi è chiaro chi fosse il progettista comunque molto simile ad analoghi progetti inizio anni 60 inglesi.
Se vogliamo essere dei pignoli la denominazione: barche classiche (stazzate AIVE), sono quelle costruite dal 1950 al 1975 (quelle anteriori sono barche d'epoca) ma non comprende quelle costruite in vtr.
Anche barche ben più blasonate come Alpa Maica di Illingworth, Alpa 12 70 S&S, Benello Freya e Gaia sempre S&S non sono accettate come barche classiche e in italia non sono neanche riconosciute come barche di "interesse storico", categoria inesistente in Italia, invece riconosciuta in Francia, però devono essere veramente di interesse storico non una qualunque barca da diporto in vtr.
Tornando a noi, assolutamente da lodare il tuo impegno volto a tener viva la conoscenza di una bella barca anni 60, che ancora oggi credo si distingua per le sue linee eleganti.
Poi sposterò questa discussione nelle "barche di ieri" dove è la sua giusta collocazione.
Raccontaci magari anche un pò più della tua barca, il Garuda, credo.

Sì, probabilmente ho fatto confusione tra barche classiche e di interesse storiche. Avevo consultato una normativa (evidentemente era solo un disegno) nella quale erano elencati una serie di requisiti (credo 6 o 7) secondo la quale, qualora la barca risultasse in possesso di un certo numero fra questi requisiti, veniva considerata di interesse storico. Non ho nessun motivo per non ritenere attendibili le tue informazioni. Grazie
11-10-2018 23:19
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)