Rispondi 
Calafataggio
Autore Messaggio
cla4lenza Offline
Amico del Forum

Messaggi: 319
Registrato: Aug 2010 Online
Messaggio: #1
Calafataggio
Buongiorno a tutti, un paio d'anni fa io e la mia compagna abbiamo rimesso in acqua una splendida goletta di 15 mt che vessava in stato di abbandono da 10 anni di cui 5 in secca... Si è reso necessario , oltre alla sostituzione di diverse tavole, il rifacimento di quasi tutto il calafataggio.. Essendo la prima volta che ci cimentavamo in questo tipo di lavoro abbiamo chiesto pareri a diversi mastri d'ascia e al famoso produttore di resina epossidica e vernici. L'indecisione era tra fare il classico calafataggio con stoppa oppure usare il sistema innovativo del famoso produttore con cotonina e resina epossidica. Alla fine abbiamo optato per il sistema tradizionale ma vorrei chiedere se qualcuno ha provato il calafataggio con cotonina e resina e con quali rusultati?
06-01-2019 10:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
giulianotofani Online
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 1.146
Registrato: Nov 2010 Online
Messaggio: #2
RE: Calafataggio
Nel 1996 facemmo restaurare un 12MSI del 1923 da Camper e Nicholson in UK e usarono gomma poliuretanica, tipo Sika, o forse era 3M per intenderci, per mantenere l'elasticità tra le tavole. Ho il dubbio che usando epoxy e cotonina praticamente vai a fare un incollaggio rigido e quindi strutturale, che va a lavorare col movimento generale della struttura scafo. A naso mi piace per zone piccole, ma non lo vedo bene per tavole lunghe. Sto a Viareggio e se mi capita passo a sentire cosa propone il Nostro amico. ( Devo prendere le ferie perché quando attacca a parlare.... )
06-01-2019 10:49
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
giulianotofani Online
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 1.146
Registrato: Nov 2010 Online
Messaggio: #3
RE: Calafataggio
Sul sito si vede il calafataggio di un gozzo. Bisogna vedere con barche lunghe e a vela che sotto trazione dei paterazzo flettono cosa succede. Indagherò, che mi interessa.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 06-01-2019 11:05 da giulianotofani.)
06-01-2019 10:52
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
cla4lenza Offline
Amico del Forum

Messaggi: 319
Registrato: Aug 2010 Online
Messaggio: #4
RE: Calafataggio
Infatti il problema elasticità mi ha fatto propendere per il calafataggio classico, tutti i mastri d'ascia sostenevano questa tesi. All'epoca parlai al telefono con l'amico resina, gli mandai le foto e mi disse che col suo sistema non avrei avuto problemi... Però non me la son sentita...
06-01-2019 12:44
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
cla4lenza Offline
Amico del Forum

Messaggi: 319
Registrato: Aug 2010 Online
Messaggio: #5
RE: Calafataggio
Questa è la barca al termine dei lavori..


Allegati Anteprime
   
06-01-2019 12:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Offline
Tutor AdV

Messaggi: 6.289
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #6
Calafataggio
bella, di che si tratta?
molto bella complimenti

chi si è bagnato con l'acqua di mare non si asciuga più (cit. vecchi marinai :-)
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 06-01-2019 14:48 da marcofailla.)
06-01-2019 14:46
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
cormax66 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.004
Registrato: Nov 2010 Online
Messaggio: #7
RE: Calafataggio
Salve a tutti vi racconto la mia esperienza :
ho restaurato un gozzo di mogano di 9 metri anni fa facendo il calafataggio con il metodo tradizionale , dopo aver fatto una serie considerazioni ed esperienze.
Per l'utilizzo della resina epossidica la barca deve nascere in epossidica , che ha delle caratteristiche eccezionali , ho costruito un contender in resina epossidica e lamellare di mogano e dopo quasi 20 anni la barca è ancora li nuova , sembra in composito .
Per l'utilizzo su una imbarcazione realizzata con il metodo tradizionale ,con pochi incollaggi , il legno in sentina rimane bagnato e la stoppa con lo stucco grasso viene compressa dalla dilatazione del legno e fa "tenuta ".
e va bene cosi , la barca è nata per lasciare muovere il legno e che va assecondato.
con la resina epossidica , dovresti avere la barca asciutta al 100% impossibile nella realtà e dovresti resinare tutta la barca completamente da renderla indifferente dall'ambiente esterno .
Questo purtroppo non è possibile per ragioni di costi e pratiche .
il mio consiglio è :avete fatto bene ad usare il sistema tradizionale , andate sereni , la barca durerà ancora anni .
Cosa che non succederebbe impermeabilizzando il legno con l'epossidica che marcirebbe in qualche punto sicuramente .
ultima cosa :
la barca la dovete immaginare come un elemento vivo con i suoi micro movimenti e dilatazioni , non è con la resina sui comenti che si realizza la rigidezza , è un problema progettuale .
Vi auguro buon vento

Conoscenza è esperienza , il resto è solo informazione .
A.Einstein
06-01-2019 14:53
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
cla4lenza Offline
Amico del Forum

Messaggi: 319
Registrato: Aug 2010 Online
Messaggio: #8
RE: Calafataggio
È una goletta ligure del 63 costruitabe varata a pra (genova) progetto franco harrauer. Pare che il primo proprietario sia stato il sig scottex.. (Quello della carta da c...)
06-01-2019 14:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
cla4lenza Offline
Amico del Forum

Messaggi: 319
Registrato: Aug 2010 Online
Messaggio: #9
RE: Calafataggio
(06-01-2019 14:53)cormax66 Ha scritto:  Salve a tutti vi racconto la mia esperienza :
ho restaurato un gozzo di mogano di 9 metri anni fa facendo il calafataggio con il metodo tradizionale , dopo aver fatto una serie considerazioni ed esperienze.
Per l'utilizzo della resina epossidica la barca deve nascere in epossidica , che ha delle caratteristiche eccezionali , ho costruito un contender in resina epossidica e lamellare di mogano e dopo quasi 20 anni la barca è ancora li nuova , sembra in composito .
Per l'utilizzo su una imbarcazione realizzata con il metodo tradizionale ,con pochi incollaggi , il legno in sentina rimane bagnato e la stoppa con lo stucco grasso viene compressa dalla dilatazione del legno e fa "tenuta ".
e va bene cosi , la barca è nata per lasciare muovere il legno e che va assecondato.
con la resina epossidica , dovresti avere la barca asciutta al 100% impossibile nella realtà e dovresti resinare tutta la barca completamente da renderla indifferente dall'ambiente esterno .
Questo purtroppo non è possibile per ragioni di costi e pratiche .
il mio consiglio è :avete fatto bene ad usare il sistema tradizionale , andate sereni , la barca durerà ancora anni .
Cosa che non succederebbe impermeabilizzando il legno con l'epossidica che marcirebbe in qualche punto sicuramente .
ultima cosa :
la barca la dovete immaginare come un elemento vivo con i suoi micro movimenti e dilatazioni , non è con la resina sui comenti che si realizza la rigidezza , è un problema progettuale .
Vi auguro buon vento

Abbiamo fatto lo stesso ragionamento . .
06-01-2019 14:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Offline
Tutor AdV

Messaggi: 6.289
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #10
Calafataggio
complimenti per la scelta e il restauro
prima o poi spero di fare anch'io una pazzia simile

chi si è bagnato con l'acqua di mare non si asciuga più (cit. vecchi marinai :-)
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 06-01-2019 14:58 da marcofailla.)
06-01-2019 14:58
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
cla4lenza Offline
Amico del Forum

Messaggi: 319
Registrato: Aug 2010 Online
Messaggio: #11
RE: Calafataggio
Grazie, sicuramente più impegnativa di un plasticone ma l'emozione di farla rivivere e navigare ti ripaga di tutti gli sforzi...
06-01-2019 19:26
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Offline
Tutor AdV

Messaggi: 6.289
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #12
Calafataggio
tutta la grande marineria da pesca qui da noi é in legno, uno su trenta, forse più, acciaio
li vedo tranquillissimi
e resto fiducioso anche se conosco ovviamente le storie di chi si é scottato


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

chi si è bagnato con l'acqua di mare non si asciuga più (cit. vecchi marinai :-)
06-01-2019 20:43
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
cla4lenza Offline
Amico del Forum

Messaggi: 319
Registrato: Aug 2010 Online
Messaggio: #13
RE: Calafataggio
(06-01-2019 20:43)marcofailla Ha scritto:  tutta la grande marineria da pesca qui da noi é in legno, uno su trenta, forse più, acciaio
li vedo tranquillissimi
e resto fiducioso anche se conosco ovviamente le storie di chi si é scottato


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Sei dalle parti di san benedetto ancona ??
06-01-2019 21:31
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
oudeis Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.318
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #14
RE: Calafataggio
Grande Harrauer, fa tenerezza a vedere le sue originali.
Hai fatto bene, Cormax ha ben precisato il punto: la barca in
fasciame è un oggetto vivo ed elastico, scorciatoie in epox
non le fanno bene, salvo radicale rivestimento e conseguente
distruzione per asfissia. (ho le prove)
Dove sei? Mi piacerebbe farci un giro!
Complimenti e BV.

Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore.
(Porfirio)
06-01-2019 22:35
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
cla4lenza Offline
Amico del Forum

Messaggi: 319
Registrato: Aug 2010 Online
Messaggio: #15
RE: Calafataggio
(06-01-2019 22:35)oudeis Ha scritto:  Grande Harrauer, fa tenerezza a vedere le sue originali.
Hai fatto bene, Cormax ha ben precisato il punto: la barca in
fasciame è un oggetto vivo ed elastico, scorciatoie in epox
non le fanno bene, salvo radicale rivestimento e conseguente
distruzione per asfissia. (ho le prove)
Dove sei? Mi piacerebbe farci un giro!
Complimenti e BV.

Adesso a brindisi, in estate grecia zona Corfù.. Quando vuoi!
06-01-2019 22:50
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Offline
Tutor AdV

Messaggi: 6.289
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #16
Calafataggio
io sono in Sicilia


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

chi si è bagnato con l'acqua di mare non si asciuga più (cit. vecchi marinai :-)
06-01-2019 22:56
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
luca boetti Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 197
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #17
RE: Calafataggio
Io ho calafatato qualche barca, è abbastanza semplice, l importante è che le tavole siano fissate bene sulle ordinate, che non si muovono, rivetti, chiodi o viti, quando i serisci la stoppa, le tavole non devono rimbalzare altrimenti poi la corda esce.
03-02-2019 10:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
luca boetti Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 197
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #18
RE: Calafataggio
Comunque si può anche stratificare, se è fatto bene tiene almeno 20 anni, abbiamo stratificato dei gozzi, delle bar he à vela e pure un 12m Si è naviga tutt'ora senza acqua in sentina, certo che è più caro
03-02-2019 10:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Alvelo Offline
Banned

Messaggi: 217
Registrato: Jun 2018 Online
Messaggio: #19
RE: Calafataggio
Qui a Venezia cerchiamo di recuperare/mantenere vecchie barche in fasciame come meglio si può. La calafatura tradizionale va benissimo fintanto che il legno "risponde", dopodichè diventa piuttosto difficile gestire la tenuta. Rifare il fasciame di alcune barche in tavola è complesso: pochi ormai sanno piegare a fuoco le tavole nei due sensi (longitudinale e trasversale).
Raggiunta una certa età la cosa migliore da fare è asciugare bene la barca, cioè alarla in estate, sanare i comenti, in caso rinvergare e impermeabilizzare con epossidico. Ormai ci sono barche che hanno fatto il trattamento da più di 10 anni e va tutto bene.
Ovvio che devono rimanere asciutte anche dentro, altrimenti la soluzione diventa un problema.
Da non dimenticare: non si tratta di una scorciatoia, se il fasciame è marcio va cambiato prima del trattamento.
18-02-2019 14:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Temasek Offline
Senior Utente

Messaggi: 4.996
Registrato: May 2008 Online
Messaggio: #20
RE: Calafataggio
(06-01-2019 14:58)marcofailla Ha scritto:  complimenti per la scelta e il restauro
prima o poi spero di fare anch'io una pazzia simile
Bene! 100
Comincio a mettere i soldi da parte per Fax Smiley34
27-03-2019 12:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Gozzo Pexino calafataggio labrugio 13 3.746 14-06-2016 13:58
Ultimo messaggio: labrugio

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 2 Ospite(i)