Rispondi 
Barca Legno
Autore Messaggio
Alvelo Offline
Banned

Messaggi: 215
Registrato: Jun 2018 Online
Messaggio: #21
RE: Barca Legno
Per me hai essenzialmente due possibilità:

1) fai come dice Andros, canapa e pittura morbida come clorocaucciù (eviterei la pece...). Prima richiodatura completa. La metti in acqua, farà acqua un po' e poi i comenti si chiuderanno una volta che il legno si sarà tonfato.

2) al contrario la asciughi bene, richiodatura completa, pulisci bene i comenti, fai calafà con cotonina ed epossidico, dopo aver ben spennellato (due o tre mani) di epossidico il fasciame ed i comenti. A quel punto stuoia di biassiale e stuccatura.

Personalmente sono passato attraverso entrambi i trattamenti, la discriminante è lo stato del legno: se recente rinviene e si stagna bene, se vecchio non c'è niente da fare, prima o poi inizia a fare acqua da qualche parte. Da quando ho fatto il lavoro in epossidico ho smesso di seccare la barca.

Ultima considerazione: se la barca è storica ed ha un qualche valore puoi solo usare il metodo classico.

Buon lavoro
20-03-2019 10:11
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
andros Offline
Vecio AdV

Messaggi: 20.989
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #22
RE: Barca Legno
(20-03-2019 10:11)Alvelo Ha scritto:  Per me hai essenzialmente due possibilità:

1) fai come dice Andros, canapa e pittura morbida come clorocaucciù (eviterei la pece...). Prima richiodatura completa. La metti in acqua, farà acqua un po' e poi i comenti si chiuderanno una volta che il legno si sarà tonfato.

2) al contrario la asciughi bene, richiodatura completa, pulisci bene i comenti, fai calafà con cotonina ed epossidico, dopo aver ben spennellato (due o tre mani) di epossidico il fasciame ed i comenti. A quel punto stuoia di biassiale e stuccatura.

Personalmente sono passato attraverso entrambi i trattamenti, la discriminante è lo stato del legno: se recente rinviene e si stagna bene, se vecchio non c'è niente da fare, prima o poi inizia a fare acqua da qualche parte. Da quando ho fatto il lavoro in epossidico ho smesso di seccare la barca.

Ultima considerazione: se la barca è storica ed ha un qualche valore puoi solo usare il metodo classico.

Buon lavoro

questo mi pare puro buon senso.

quando milioni di poveracci sono convinti che i propri problemi dipendano da chi sta peggio di loro,siamo di fronte al capolavoro delle classi dominanti.
quando muori,non sai di essere morto,non soffri tu ma soffrono gli altri. la stessa cosa quando sei un imbe..lle
20-03-2019 10:55
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luca 28 Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 13
Registrato: Feb 2019 Online
Messaggio: #23
RE: Barca Legno
Grazie dei consigli
Io vorrei rifare in modo classico
Consigli per lo stucco ?
20-03-2019 14:06
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bullo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 10.536
Registrato: Feb 2008 Online
Messaggio: #24
RE: Barca Legno
Però ocio che se è aperta sull'opera viva su quella morta, ginocchio e bracciolo i comenti saranno più larghi.-
20-03-2019 18:02
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
andros Offline
Vecio AdV

Messaggi: 20.989
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #25
RE: Barca Legno
(20-03-2019 14:06)Luca 28 Ha scritto:  Grazie dei consigli
Io vorrei rifare in modo classico
Consigli per lo stucco ?
se il elgno è asciuto ci sono i vari sigillanto poliuretanici che sono affidabilissismi scartavetrabili e verniciabili l'unico problema è il costo.
altrimenti resine come da filmato ma deve esserci in ogni caso il cordoncino a fare da tenuta come nei report postati.
dà retta,una telefonata a Cecchi aiuta.

quando milioni di poveracci sono convinti che i propri problemi dipendano da chi sta peggio di loro,siamo di fronte al capolavoro delle classi dominanti.
quando muori,non sai di essere morto,non soffri tu ma soffrono gli altri. la stessa cosa quando sei un imbe..lle
20-03-2019 18:10
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Alvelo Offline
Banned

Messaggi: 215
Registrato: Jun 2018 Online
Messaggio: #26
RE: Barca Legno
Costruzione moderna di barche in legno di Paolo Lodigiani, euro ben spesi prima di cominciare i lavori.
Buona lettura
20-03-2019 18:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #27
RE: Barca Legno
In gioventù ho avuto qualche esperienza di legni e relative costruzioni e qualcosa avevo anche scritto qui; faccio delle considerazioni a mente libera, riesumando i ricordi di quando in gioventù ci mettevo le mani, ma senza nessuna pretesa di esaustività sull'argomento.
Per mia linea di principio sono dell'opinione che resinare uno scafo a fasciane in tavole di legno vuol dire ucciderlo prima del tempo: prima di tutto perché l'elasticità del legno e quella della resina sono differenti e, non dilatandosi di conserva, poi qualcosa si nuove abbastanza presto, perché è molto difficile riuscire a isolare perfettamente tutta la struttura, la quale peraltro, prima o poi, prenderà una botta o un bel graffio, aprendo la strada all'umidità
Poi perché il legno ha sempre una umidità un po' variabile e anche essiccato con tutti i tempi e crismi, risente dell'umidità ambientale del momento, ne consegue che si dovrebbe rivestire lo scafo dentro e fuori in giornata, cosa difficile, e questo perché dalla sera alla mattina, salvo situazioni felici, il tasso di umidità relativa cambia (sembra un sofismo operativo, ma è la ragione per la quale molte operazioni di protezione dei materiali non riescono perfette)
Si potrebbe tentare con un isolante liquido da usare prima come impregnante, ma sono da verificare e provare le compatibilità tra materiali (per esempio saturare il legno con alcoli o cose simili in modo da eliminarne l'umidità) ma sono cose che non conosco a fondo e, francamente, non ne condividerei la fatica e l'alea
A maggior ragione il legno di una barca datata, anche se in secca da anni, perché ha assorbito sale e il sale essendo fortemente igroscopico fa risentire molto delle variazioni di umidità al supporto (classico esempio del maglione bagnato di acqua salata, che asciugato perfettamente al sole, la sera torna ad essere umido)
Sembrano cose da nulla, ma secondo la mia esperienza fanno la differenza
Diverso è il caso del lamellare perché il legno resta già impregnato di colla nella lavorazione, gli spessori sono di pochi millimetri (e sovrapposti) e non di centimetri come il fasciame tradizionale
Ma questa è la mia opinione, confortata da esperienze dirette nelle quali ho trovato conferma di quanto detto sopra, e di due ne ho già raccontato anche qui
Da come vedo la foto, non capisco se il fasciame è doppio e se è doppio e fatto da tavole incrociate o parallele e sovrapposte, se c'è spazio fra i corsi e se le tavole sono incollate tra loro, insomma non è chiaro di quale tipo di costruzione si tratti, quindi il tutto è detto in linea generale
Allego quel po' di link che ho trovato sull'argomento e non trovo un passaggio che mi pare di ricordare d'aver scritto una decina d'anni fa sulla calafatura e sulla riparazione di qualche corso di fasciame, provo a vedere se ne è rimasta traccia nei miei appunti
Poi alla specifica del tipo di costruzione, magari qualcosa in più si riesce a dire


N.B. In questo post, sembrerebbe ci fosse stato un bisticcio con Bob Novecento, chiarito il giorno dopo per telefono e sfociato in una cordiale amicizia
http://forum.amicidellavela.it/showthrea...t=fasciame

http://forum.amicidellavela.it/showthrea...+di+caccio

http://forum.amicidellavela.it/showthrea...+di+caccio

http://forum.amicidellavela.it/showthrea...t=fasciame

http://forum.amicidellavela.it/showthrea...t=fasciame
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2019 20:22 da dapnia.)
20-03-2019 20:17
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
faber Offline
Vecio AdV

Messaggi: 2.811
Registrato: Jun 2009 Online
Messaggio: #28
RE: Barca Legno
Del legno ho poca esperienza, in gioventù mi sono costruito una barca a vela di 6,40 metri comperando il progetto di un certo J. Clark ma si trattava di compensato marino di mogano e non di fasciame..
Sono entrato nella discussione soltanto per fare i complimenti a dapnia per le sue sempre esaustive spiegazioni.
Questo è il bello del forum, leggere di persone serie e competenti che lo animano e lo tengono vivo.
Grazie!
Smiley53

E' meglio lasciare dietro di sé una scia pulita...
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-03-2019 20:29 da faber.)
20-03-2019 20:29
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luca 28 Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 13
Registrato: Feb 2019 Online
Messaggio: #29
RE: Barca Legno
Intanto Grazie
Domani arriva il libro
È a doppio fasciame incrociato a 45*
Il problema è trovare qualcuno che voglia lavorarci senza usare epossidica Non ne ho ancora trovato
20-03-2019 21:51
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
andros Offline
Vecio AdV

Messaggi: 20.989
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #30
RE: Barca Legno
(20-03-2019 21:51)Luca 28 Ha scritto:  Intanto Grazie
Domani arriva il libro
È a doppio fasciame incrociato a 45*
Il problema è trovare qualcuno che voglia lavorarci senza usare epossidica Non ne ho ancora trovato
il mestiere del calafatore sta scomparendo per ovvi motivi.
oggi sono resinatori giocoforza.

quando milioni di poveracci sono convinti che i propri problemi dipendano da chi sta peggio di loro,siamo di fronte al capolavoro delle classi dominanti.
quando muori,non sai di essere morto,non soffri tu ma soffrono gli altri. la stessa cosa quando sei un imbe..lle
20-03-2019 22:39
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #31
RE: Barca Legno
Qualcuno che calafata e lavora di fasciami, anche abbastanza giovane, c'è ancora nei cantieri che trattano pescherecci; tempo addietro, trovandomici, ero andato a curiosare nel cantiere (per pesca !) a Licata, c'erano due Operai (oramai Artisti) che calafatavano un peschereccio con fasciame di tavole spesse così, me ne hanno fatto fare un paio di corsi e non sembravo così giù di mano, malgrado gli anni trascorsi Smiley4
Comunque gente che fa ce n'è ancora, basta trovare dove e andare a vedere come fanno: non è difficile e si impara presto, il difficile è farlo bene come loro, ma con un po' di pratica ci si riesce
Uno dei posti dove si trovano ancora cose interessanti è questo
https://www.alabordage.fr/it/
E' un po' lontano, ma spediscono e sono molto gentili nelle spiegazioni, però parlano Francese (e un po' masticato Smiley4) ma ci si intende; lì trovi gli attrezzi e i materiali che servono per il tuo lavoro se decidi di farlo
Oh, poi, per calafatare va bene anche la stoppa da idraulico, solo che va trecciata e ci si mette parecchio, e per lo scalpello, un buon scalpello da 60 con la lama molata piatta e poi con leggero smusso sui bordi e un mazzuolo di legno fanno il resto
Per le vernici va bene un buon flatting che è elastico quel che serve
Basta volerlo fare non perdersi d'animo sapendo che tutti, ma proprio tutti, quello che sanno fare lo hanno imparato da qualcuno da qualche parte
20-03-2019 23:47
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luca 28 Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 13
Registrato: Feb 2019 Online
Messaggio: #32
RE: Barca Legno
Domani provo a Cesenatico Cervia (DeCesari) e Porto Garibaldi
I corsi da calafatare non sono tutti Solo alcuni
Fino adesso erano coperti con stucco metallico
20-03-2019 23:59
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #33
RE: Barca Legno
(20-03-2019 23:59)Luca 28 Ha scritto:  I corsi da calafatare non sono tutti Solo alcuni
Fino adesso erano coperti con stucco metallico Smiley26

Da levare con scalpello sottile senza rovinare troppo i comenti
Bullo ha citato la rinvergatura, a mio avviso non è necessaria per come vedo dalla foto, anche dato che il resto dici essere a posto, a meno che non ci sia uno spazio di oltre tre/quattro millimetri
21-03-2019 00:17
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luca 28 Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 13
Registrato: Feb 2019 Online
Messaggio: #34
RE: Barca Legno
Parlato oggi con unico maestro d’ascia che mi ha dato udienza Altri non avevano tempo prima di settembre
Di Cervia mi dice
Bagnala
Minio
Stucco morbido monocomponente (stoppani9992) che però non è più commercializzato
Troverò un similare
Dice . Se non era calafatata prima non farlo adesso
Falla bagnare e stuccala
In effetti nei commenti non c’è stoppa Solo ricoperti di stucco
Se non si stagna poi ne parliamo
21-03-2019 22:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #35
RE: Barca Legno
Giustamente disse: se i comenti non sono eccessivi, quando la barca va in acqua si serrano da se perché il legno rinviene e si gonfia un po'
Per loo stucco morbido, io usavo della polvere di litopone (si trova in un vecchio colorificio, o nelle zone di pescherecci
Lo mischi con del flatting, roba tipo Keller Lac se non hanno modificato la formulazione
21-03-2019 23:42
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luca 28 Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 13
Registrato: Feb 2019 Online
Messaggio: #36
RE: Barca Legno
Ma uno stucco mono componente in commercio ?
Possiamo fare pubblicità?
Il brava 4.7 ?
22-03-2019 00:37
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #37
RE: Barca Legno
(22-03-2019 00:37)Luca 28 Ha scritto:  Ma uno stucco mono componente in commercio ?
Possiamo fare pubblicità?
Il brava 4.7 ?

Non lo conosco, ma è semplice provare: prendi un pezzo di mogano, ci fai una bella scanalatura e la stucchi
Lasci asciugare bene, poi la metti in mare e ce la lasci una settimana
22-03-2019 00:45
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luca 28 Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 13
Registrato: Feb 2019 Online
Messaggio: #38
RE: Barca Legno
Follia
Sto calafatando con in sika
26-03-2019 23:01
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  rendere abbattibile un albero di legno Zorba53 3 244 13-12-2019 02:08
Ultimo messaggio: Zorba53
  Stucco/resina per fisaggio struttura legno marco.st 10 589 28-11-2019 16:12
Ultimo messaggio: Markolone
  Legno interni Sgnapiz 7 690 02-11-2019 16:58
Ultimo messaggio: andros
  acqua sul legno gavoni bettin.nicola 2 279 31-07-2019 21:01
Ultimo messaggio: dapnia
  Stucco legno tenace Sailor 9 474 26-03-2019 09:29
Ultimo messaggio: Sailor
  Legno da usare per scaletta/passerella giallok 59 5.441 02-01-2019 10:46
Ultimo messaggio: starghost
  Stuccatura e verniciatura timone in legno Arakide 7 987 21-05-2018 15:24
Ultimo messaggio: Arakide
  che colla per i tappi di legno delle viti sul teak elmer50 46 6.294 09-02-2018 19:27
Ultimo messaggio: dapnia
  Legno per supporto piede albero (abbattibile) Jippo 6 1.000 06-02-2018 15:48
Ultimo messaggio: Jippo
  lucidatura e sbiancamento del legno di mogano interno Domeciccio 11 1.696 06-12-2017 22:14
Ultimo messaggio: andros

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)