Rispondi 
Ais e siti internet
Autore Messaggio
Franco.tu Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 172
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #21
RE: Ais e siti internet
(04-07-2019 10:43)Edolo Ha scritto:  Perché scusa? L'ais funziona in automatico, anzi... AIS sta proprio per Automatic Identification System.


L'Ais trasmette i propri dati in modo tale che le altre imbarcazioni che si trovano entro qualche decina di miglia (20-30 in condizioni normali), possono ricevere e visualizzare questi dati sul monitor di un PC.
è uno strumento per evitare le collisioni in mare;
la sua esigenza mi sembra diversa
04-07-2019 10:56
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Edolo Offline
Vecio ADV

Messaggi: 17.273
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #22
RE: Ais e siti internet
Franco... ho l'ais e so bene o male come funziona.
Stavo rispondendo ad un messaggio di infinity che era antecedente al tuo.
Non ho capito a quale esigenza tu ti riferisca.
Ciao

Birbante di un Frap!!!
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-07-2019 11:01 da Edolo.)
04-07-2019 11:00
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
infinity Offline
Amico del Forum

Messaggi: 4.255
Registrato: Aug 2010 Online
Messaggio: #23
RE: Ais e siti internet
(04-07-2019 10:43)Edolo Ha scritto:  Perché scusa? L'ais funziona in automatico, anzi... AIS sta proprio per Automatic Identification System.

Corretto l’ais funziona in automatico, ma mi riesce difficile pensare che un VHF entri automaticamente in modalità trasmissione e poi inizierebbe a farlo solo quando la imbarcazione “detectata” si trovitroppo lontana dalla costa (secondo la tua ipotesi) e quindi la imbarcazione “ritrasmettente” dovrebbe ricevere un segnale che indichi la distanza della seconda imbarcazione, oltre a questo,vista la frequenza di Navigli naviganti, a mio avviso, questa ipotesi comporterebbe che il VHF sia più o meno sempre in modalità trasmissione.
Ripeto questo “a naso”, non sono un tecnico, ma mi sembra quantomeno difficile da realizzare...

Vivi come se tu dovessi morire subito, pensa come se tu non dovessi morire mai!
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-07-2019 11:09 da infinity.)
04-07-2019 11:08
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Franco.tu Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 172
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #24
RE: Ais e siti internet
(04-07-2019 11:00)Edolo Ha scritto:  Franco... ho l'ais e so bene o male come funziona.
Stavo rispondendo ad un messaggio di infinity che era antecedente al tuo.
Non ho capito a quale esigenza tu ti riferisca.
Ciao

mi riferivo all'esigenza dell'amico che ha pubblicato il post

"Ho intenzione di “farmi seguire” da casa durante una traversata, ma temo di creare allarme nel momento in cui mi allontano dalla costa invece che tranquillizzare gli ansiosi"
04-07-2019 11:09
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Edolo Offline
Vecio ADV

Messaggi: 17.273
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #25
RE: Ais e siti internet
(04-07-2019 11:08)infinity Ha scritto:  Corretto l’ais funziona in automatico, ma mi riesce difficile pensare che un VHF entri automaticamente in modalità trasmissione e poi inizierebbe a farlo solo quando la imbarcazione “detectata” si trovitroppo lontana dalla costa (secondo la tua ipotesi) e quindi la imbarcazione “ritrasmettente” dovrebbe ricevere un segnale che indichi la distanza della seconda imbarcazione, oltre a questo,vista la frequenza di Navigli naviganti, a mio avviso, questa ipotesi comporterebbe che il VHF sia più o meno sempre in modalità trasmissione.
Ripeto questo “a naso”, non sono un tecnico, ma mi sembra quantomeno difficile da realizzare...

La trasmissione è automatica e sempre in broadcast (io trasmetto a tutti e tutti quelli in grado di ricevere lo fanno).
La distanza da una imbarcazione non è un dato trasmesso via ais, quello è un calcolo che fa il software, sulla base della propria posizione e di quella ricevuta, così come il CPA in base alla velocità.
Ripeto... non ho certezza che i navigli maggiori abbiano la possibilità di ritrasmettere la posizione dei bersagli nella zona, era una supposizione, nonché forse l'unica soluzione che mi è venuta in mente dal momento che tu hai detto che spesso si vedono sui vari siti marinetraffic navigli minori fuori portata VHF.
Tecnicamente comunque sarebbe possibile.

Birbante di un Frap!!!
04-07-2019 11:19
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
El_Nano Offline
Amico del Forum

Messaggi: 352
Registrato: Aug 2011 Online
Messaggio: #26
RE: Ais e siti internet
Quelle fuori portata dalle stazioni AIS utilizzano il sistema LRIT.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-07-2019 11:30 da El_Nano.)
04-07-2019 11:30
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
florenzo Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 9
Registrato: Feb 2011 Online
Messaggio: #27
RE: Ais e siti internet
(03-07-2019 15:20)Sgnapiz Ha scritto:  Ho intenzione di “farmi seguire” da casa durante una traversata, ma temo di creare allarme nel momento in cui mi allontano dalla costa invece che tranquillizzare gli ansiosi. Smile

Ciao. L' AIS nel tuo caso non è proprio il dispositivo più indicato... molto meglio un tracker satellitare. Personalmente preferisco Iridium InReach rispetto ai vari Spot Connect che utilizzano la costellazione Globalstar.

Enzo
04-07-2019 13:43
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
iv3wjr Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 169
Registrato: Jun 2014 Online
Messaggio: #28
RE: Ais e siti internet
Per chi è curioso (come me21):
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Il tempo è una risorsa non rinnovabile.
05-07-2019 08:40
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Sgnapiz Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 46
Registrato: Jun 2015 Online
Messaggio: #29
RE: Ais e siti internet
Penso sia meglio non farmi seguire via web. Meglio la classica telefonata all’arrivo Big Grin
08-07-2019 19:22
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Sgnapiz Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 46
Registrato: Jun 2015 Online
Messaggio: #30
RE: Ais e siti internet
(04-07-2019 10:28)Franco.tu Ha scritto:  Se la tua esigenza è quella di tenere qualcuno informato delle tue posizioni lungo la rotta e l'ais ti crea questi dubbi puoi orientarti verso uno strumento di tracciamento tipo lo SPOT GEN3, piccolo dispositivo personale che oltre l'SOS (tipo PLB) consente quando sei in movimento di inviare, tramite satelliti, un messaggio a tempi programmati di 5 o 10 minuti (ma puoi anche attivarlo per i 2 minuti) con la tua posizione gps pertanto chi riceve i messaggi avrà continuamente la tua posizione aggiornata; costo inferiore ai 150€ non necessita di documenti particolari se non la registrazione, batterie ricaricabili, tascabile, necessita però di abbonamento con diversi piani di pochi euro mensili.

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

...Molto interessante il gingillo...
08-07-2019 19:23
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dagide Online
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 20
Registrato: Nov 2017 Online
Messaggio: #31
RE: Ais e siti internet
Per quanto riguarda l'AIS, le navi / barche inviano i dati su due frequenze VHF; lontano dalla costa di solito inviano meno dati, mentre quando sono in manovra vicino alla costa o in un porto, inviano parecchie posizioni al minuto; lungo le coste di tutto il mondo ci sono innumerevoli stazioni AIS che ricevono i dati e li mandano ai siti di tracking.
MarineTraffic per esempio, sotto richiesta ti invia a casa gratuitamente tutta la strumentazione necessaria per diventare una loro stazione (e stiamo parlando di circa 1000 euro di strumentazione Big Grin).

Il fatto che talvolta sia possibile visualizzare su determinati siti i dati AIS di imbarcazioni molto lontane dalla costa puo' dipendere da due fattori:
- tropospheric ducting: in determinate condizioni atmosferiche, e' possibile ricevere segnali di navi molto molto distanti dalle stazioni; con la mia di recente ho ricevuto dati di navi a distanza di 380 miglia dall mia antenna (che e' anche a pochi metri sopra il livello del mare)
- sat-ais (come avete suggerito): esistono dei satelliti ad orbita bassa che catturano i dati AIS (sempre in VHF) delle navi in giro per il mondo, e li forniscono ai vari siti di tracking, che poi li forniscono a pagamento ai propri utenti.

Sicuramente la piattaforma di questo genere che ha piu' copertura a livello mondiale e' MarineTraffic (avevo fatto numerose ricerche a riguardo).

Tornando al topic della conversazione, come detto da altri utenti, l'AIS non e' adatto per "farsi seguire" a distanza da amici o parenti, per tale scopo e' molto meglio adoperare uno spot o un dispositivo analogo, e li sei sicuro che hai copertura globale.
08-07-2019 20:00
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
renato ciamarra Offline
Amico del Forum

Messaggi: 329
Registrato: Sep 2011 Online
Messaggio: #32
RE: Ais e siti internet
(08-07-2019 19:23)Sgnapiz Ha scritto:  ...Molto interessante il gingillo...

+ 1
È poi, ho visto i costi di abbonamento mi sembrano contenuti.
13-07-2019 07:24
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: g.a.a., 1 Ospite(i)