Rispondi 
CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
Autore Messaggio
Tatone Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.426
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #41
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
(16-04-2015 20:35)Triscele Ha scritto:  Per Tatone, al quarto rigo...........con una fastidiosissima tendenza puggera.... Volevi dire così?
No no, questo è quello che credono molti ma che è completamente falso.
Sulle vecchie barche IOR, specialmente quelle armate a testa d'albero come il GS38, l'immersione della prua provoca una odiosa tendenza orziera impossibile o quasi da contrastare, con la barca che diventa pure "sorda" al timone. Il lavoro da fare per metterle bene a punto è proprio quello di cercare l'assetto che permette lo sbandamento lungo l'asse longitudinale, senza che la prua venga spinta maggiormente in acqua. Un buon metodo per valutare la situazione è controllare l'uscita di poppa: se ben appoggiata sull'acqua le cose vanno bene, se invece l'acqua "stacca" prima dello spigolo e quindi la poppa risulta un po' alta sull'acqua, allora ricadiamo nel caso che ti ho esposto. E, prova pure per credere, in quel caso la barca è fortemente orziera!
17-04-2015 00:55
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
skipperfelice Offline
Senior Utente

Messaggi: 798
Registrato: Dec 2008 Online
Messaggio: #42
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
Il tema mi stuzzica. Ma per aggolettare l'albero come si procede ?
18-04-2015 14:12
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Tatone Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.426
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #43
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
(18-04-2015 14:12)skipperfelice Ha scritto:  Il tema mi stuzzica. Ma per aggolettare l'albero come si procede ?
Ciao, in realtà sulle barche con albero "passante" come il GS 38 è un'operazione abbastanza complessa, da realizzare con molta cura per non sollecitare il profilo nella mastra. Nessun problema invece per quelle armate in coperta.
Di base, è necessario allungare lo strallo di prua e accorciare quello di poppa, normalmente ci sono degli appositi tenditori ma molte barche da crociera hanno gli stralli in misura fissa. In questi ultimi casi si lavora con le prolunghe (qualcuno le chiama anche snodi), oppure tagliando e rifacendo le impiombature (se hai cavi in spiroidale, per non smontare gli stralli si può anche usare i terminali smontabili "norseman". Se invece hai il tondino, hai certamente anche i tenditori...Smiley53).
Trovata la posizione corretta per la testa d'albero, è necessario lavorare sul piede oppure sulla mastra: a volte in mastra ci sono dei cunei dietro l'albero che si possono togliere e che permettono l'arretramento del profilo. Altrimenti, se non c'è spazio, è necessario avanzare il piede di una misura che puoi calcolare facilmente rispettando le proporzioni fra la lunghezza dell'albero e il tratto interno alla barca.
Se pensi di doverlo fare, meglio se ti rivolgi ad un bravo velaio con passato di regatante oppure ad un rigger professionista! Occhio che modificare gli stralli senza cambiare nulla in basso porta a cambiare significativamente la curvatura dell'albero, con effetti catastrofici sulla forma della randa!
Buon divertimento!
Paolo
20-04-2015 13:24
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
skipperfelice Offline
Senior Utente

Messaggi: 798
Registrato: Dec 2008 Online
Messaggio: #44
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
Ho fatto un paio di verifiche e come sapevo ho il tenditore allo strallo regolabile ed anche uno snodo che quando presi la barca pensavo fosse stato messo per favorire il passaggio dell'ancora sotto il tamburo del l'avvolgifiocco. Avevo sempre notato una eccessiva catenaria del Genoa ma alla luce di quanto hai scritto e chiarito, mi rendo conto che forse ho già l'assetto corretto. Per sfizio voglio solo misurare i gradi di inclinazione e verifico se corrisponde alla misura ottimale che avevate raggiunto su Lancelot!
21-04-2015 09:24
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Tatone Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.426
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #45
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
(21-04-2015 09:24)skipperfelice Ha scritto:  Ho fatto un paio di verifiche e come sapevo ho il tenditore allo strallo regolabile ed anche uno snodo che quando presi la barca pensavo fosse stato messo per favorire il passaggio dell'ancora sotto il tamburo del l'avvolgifiocco. Avevo sempre notato una eccessiva catenaria del Genoa ma alla luce di quanto hai scritto e chiarito, mi rendo conto che forse ho già l'assetto corretto. Per sfizio voglio solo misurare i gradi di inclinazione e verifico se corrisponde alla misura ottimale che avevate raggiunto su Lancelot!
Se ti fa troppa catenaria lo strallo di prua, magari non è stato spostato in avanti il piede, controlla l'allineamento dell'albero a riposo. Per verificare il rake, non tenere gli stralli troppo in bando, puntali appena...
22-04-2015 01:38
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
skipperfelice Offline
Senior Utente

Messaggi: 798
Registrato: Dec 2008 Online
Messaggio: #46
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
Per Tatone,
Con mia sorpresa ho constatato che l'albero poggia su una "impronta" in materiale "strano" avvitato sul fondo barca. Secondo Te come è opportuno alzare di quei tre cm l'albero per verificare lo stato del fondo scassa e spostarlo verso prua?
13-05-2015 16:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Tatone Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.426
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #47
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
(13-05-2015 16:18)skipperfelice Ha scritto:  Per Tatone,
Con mia sorpresa ho constatato che l'albero poggia su una "impronta" in materiale "strano" avvitato sul fondo barca. Secondo Te come è opportuno alzare di quei tre cm l'albero per verificare lo stato del fondo scassa e spostarlo verso prua?
Ciao, non vorrei dirti una scemenza ma mi sembra che il materiale strano fosse comunque alluminio. Quindi, non dovrebbe esserci corrosione, a meno che abbia vissuto sott'acqua. Per alleggerire il carico dell'albero e spostare la scassa, potresti provare ad usare, con estrema cautela, gli arridatoi appena sotto alla mastra, che servono per controventare gli sforzi dei bozzelli delle drizze a piede d'albero. Estrema cautela perché devi assolutamente metterci un puntone accanto, meglio uno per parte, quindi controllare bene gli attacchi prima di tirare. Naturalmente, stralli, sartie e drizze totalmente in bando, via il genova avvolgibile, io smonterei anche il boma, tanto basta un bullone...
L'albero non è pesantissimo, saranno max 150Kg l'estruso + sartie, stralli, crocette, cavi elettrici. Un totale di meno di 250Kg molto a spanne.
Buon lavoro!
16-05-2015 18:35
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
skipperfelice Offline
Senior Utente

Messaggi: 798
Registrato: Dec 2008 Online
Messaggio: #48
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
Grazie Tatone delle indicazioni, ci provo e Ti relaziono
17-05-2015 08:35
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
skipperfelice Offline
Senior Utente

Messaggi: 798
Registrato: Dec 2008 Online
Messaggio: #49
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
Grazie alle preziose indicazioni di Tatone ho regolato al meglio l'albero della mia barca che, nonostante l'annuncio di vendita, mi piace sempre più. certo che se mai la vendessi non penso riuscirei a trovare una degna sostituta
29-10-2015 09:38
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Tatone Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.426
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #50
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
(29-10-2015 09:38)skipperfelice Ha scritto:  Grazie alle preziose indicazioni di Tatone ho regolato al meglio l'albero della mia barca che, nonostante l'annuncio di vendita, mi piace sempre più. certo che se mai la vendessi non penso riuscirei a trovare una degna sostituta

Mi fa molto piacere, bravo!
Certo, se ti piace il modo di navigare delle barche di quel periodo ed il "sapore" dei loro interni, è molto difficile identificare sostitute che non ti facciano perdere qualcosa... Oltretutto, il GS 38, così come il Comet 38 realizzato sul suo stesso stampo, sono barche che navigano davvero bene in tutte le andature, anche in poppa sono veloci e stabili, molto sicure come comportamento marino. Per migliorare, dovresti forse salire di dimensione, ma non so se rientra nei tuoi programmi. Oppure "osare" su qualche cosa di davvero innovativo, a me tecnicamente attizzano parecchio le barche con doppio timone (pala, non ruota!), tipo le Francesi (RM, anche Jeanneau adesso fa un 38 così) o gli Elan, ma spesso gli interni sono piuttosto deludenti, almeno per il mio gusto retrò...
29-10-2015 19:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
renato ciamarra Offline
Amico del Forum

Messaggi: 288
Registrato: Sep 2011 Online
Messaggio: #51
RE: CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 38
Ho avuto per qualche anno un COmet 38 tre cab e due bagni. E quindi ringrazio Tatone della citazione. Sono stato molto soddisfatto della barca. Nel 2007 , con equipaggio di amici e con vele bianche vincemmo la Comet cup in categoria crociera regata con 25 iscritti. E fra questi vi erano molti Comet della nuova serie s. Barca molto equilibrata, senza spunti particolari di velocità ma con buon passo. Sentii dire che la cura Comet rispetto al gs riguardo' proprio l'irrigidimento della struttura forse cin un maggior numero di madieri.. Pinna in piombo pescaggio 2,10 . Dopo qualche anno affrontai un problema serio: entrava acqua a barca samba data dalla la falchetta in alluminio . Tolsi la falchetta, e previa resinatura , misi un bottazzo in legno . Lavoro perfetto. Insomma una bella barca, è un ottimo progetto.
01-11-2015 18:49
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 41 vaipermare 66 11.468 13-06-2017 10:03
Ultimo messaggio: masquar
  CANTIERE DEL PARDO - IT - Grand Soleil 34 bullo 58 15.459 17-11-2016 11:33
Ultimo messaggio: spezza
  CANTIERE DEL PARDO - IT - Grand Soleil 45 versione German Frers anonimone 74 14.799 01-06-2016 22:42
Ultimo messaggio: eba
  Vagabond 47 ketch aa 1979 del cantiere Velmare Ondina 8 5.131 12-07-2015 19:30
Ultimo messaggio: bellubentu
  CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 45 elan 333 41 7.154 07-03-2015 23:35
Ultimo messaggio: Andrea74
  CANTIERE DEL PARDO - IT - Grand Soleil 40 Udaya 2 1.853 16-08-2014 16:05
Ultimo messaggio: novelli giancarlo
  CANTIERE DEL PARDO - IT - Grand Soleil 39 Skipper 48 14 3.022 16-08-2014 16:02
Ultimo messaggio: novelli giancarlo
  AAA cantiere e modello in ordine alfabetico carcat 21 3.765 16-05-2013 06:24
Ultimo messaggio: delfino302003
  CANTIERE DEL PARDO - IT - GS 343 Sebastian 46 8.718 05-02-2013 05:35
Ultimo messaggio: Triscele
  Come posso individuare il cantiere di costruzione? GDG612 2 1.150 26-07-2012 05:27
Ultimo messaggio: GDG612

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)