Rispondi 
Idrogeneratore
Autore Messaggio
gourmet Offline
Senior Utente

Messaggi: 2.564
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #21
RE: Idrogeneratore
Buongiorno a tutti... e scusate la domanda idiota...
cos'è che vieta di usare un normale alternatore per auto...???
05-04-2019 10:28
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
IanSolo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.796
Registrato: Nov 2008 Online
Messaggio: #22
RE: Idrogeneratore
Nessuno lo vieta, semplicemente non funziona per il basso numero di giri ottenibile con elica immersa (o pale eoliche), ha pure il difetto che richiede una corrente di eccitazione per funzionare e a riposo consuma energia scaricando le batterie.
05-04-2019 11:15
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gourmet Offline
Senior Utente

Messaggi: 2.564
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #23
RE: Idrogeneratore
(05-04-2019 11:15)IanSolo Ha scritto:  Nessuno lo vieta, semplicemente non funziona per il basso numero di giri ottenibile con elica immersa (o pale eoliche), ha pure il difetto che richiede una corrente di eccitazione per funzionare e a riposo consuma energia scaricando le batterie.

Ho capito... gli alternatori auto... lasciamoli alle auto... Smile
05-04-2019 21:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ecotango Offline
Amico del Forum

Messaggi: 941
Registrato: Mar 2010 Online
Messaggio: #24
RE: Idrogeneratore
Io l'ho fatto con un piede da fuoribordo e un alternatore a magneti permanenti elica con mozzo in alluminio e pale in carbonio.
Ha un senso usarlo nelle lunghe traversate nella traversata da Bermuda a Horta ha fornito in media 2400 watts al giorno che non sono niente maleQuesto contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 05-04-2019 22:11 da ecotango.)
05-04-2019 22:06
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gourmet Offline
Senior Utente

Messaggi: 2.564
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #25
RE: Idrogeneratore
(05-04-2019 22:06)ecotango Ha scritto:  Io l'ho fatto con un piede da fuoribordo e un alternatore a magneti permanenti elica con mozzo in alluminio e pale in carbonio.
Ha un senso usarlo nelle lunghe traversate nella traversata da Bermuda a Horta ha fornito in media 2400 watts al giorno che non sono niente maleQuesto contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Già, purtroppo le lunghe navigazioni ormai son solo ricordi... bei ricordi... ma sempre ricordi...
05-04-2019 23:30
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
alexflibero Offline
Amico del Forum

Messaggi: 671
Registrato: Jan 2013 Online
Messaggio: #26
RE: Idrogeneratore
(04-04-2019 10:12)enio.rossi Ha scritto:  Io ho un alternatore dedicato collegato all'asse dell'elica del motore attraverso una specie di volano che ne aumenta i giri. Questo viene fatto girare dall' asse quando si va a vela ed il motore è in folle. Frena un po la barca (1/2 nodo forse sopra i 6 kn), ma se devi fare lunghe navigazioni e non 6 in regata va benissimo.

Bel sistema ma chi ha il piede come fà ?
08-04-2019 15:20
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Scetti Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.139
Registrato: Jul 2012 Online
Messaggio: #27
RE: Idrogeneratore
se si fa per giocare o per questioni di principio ...va bene tutto .
ma se devo spendere soldi accrocchi vari per la barca ecc.. per fare 50w ossia circa 4ah ... pure perdendo significativemente velocità...
accendo il motore per 10 minuti ogni 2-3 ore e probabilmente metto nelle batterie più energia di quello che mi serve

nulla si crea nulla si distrugge ... ma tutto si trasforma
09-04-2019 18:40
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gourmet Offline
Senior Utente

Messaggi: 2.564
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #28
RE: Idrogeneratore
(09-04-2019 18:40)Scetti Ha scritto:  se si fa per giocare o per questioni di principio ...va bene tutto .
ma se devo spendere soldi accrocchi vari per la barca ecc.. per fare 50w ossia circa 4ah ... pure perdendo significativemente velocità...
accendo il motore per 10 minuti ogni 2-3 ore e probabilmente metto nelle batterie più energia di quello che mi serve

E qui comincia la guerra... pannelli contro generatore... Smile
L'ideale potrebbe essere avere i pannelli ben dimensionati
ed un piccolo generatore di rispetto... Smile
Quando i pannelli non ce la fanno... gli diamo una spinta...
poi, una volta in porto, troviamo il modo di aggiungere pannelli e batterie in modo da non dover più usare il generatore...
Il problema resta il dimensionamento ed il posizionamento dei pannelli... oltre alle batterie...
Da qui sorgerebbe spontanea l'idea di aggiungere un piccolo eolico...
Io l'ho usato nelle lunghe navigazioni ed è risultato estremamente efficace...ma ero in Pacifico... sui laghi il vento è sempre poco... ne varrebbe la pena...???
Personalmente sarei molto molto dubbioso...
09-04-2019 18:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Offline
Tutor AdV

Messaggi: 10.212
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #29
RE: Idrogeneratore
ma no che guerra, basta fare un bilancio elettrico un minimo sensato e si trovano soluzioni adatte a tutti i profili di utilizzo, non è che nell'assoluto si possa dire "questo sì quello no"

09-04-2019 19:05
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gourmet Offline
Senior Utente

Messaggi: 2.564
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #30
RE: Idrogeneratore
(09-04-2019 19:05)rob Ha scritto:  ma no che guerra, basta fare un bilancio elettrico un minimo sensato e si trovano soluzioni adatte a tutti i profili di utilizzo, non è che nell'assoluto si possa dire "questo sì quello no"

Questo è vero... ma è anche vero che le condizioni di utilizzo di una barca, specialmente se stanziale e quindi saltuariamente operativa, variano da W.E. a W.E.
Per esempio... uscite in solitario o in allegra... buona... e abbondante compagnia...
Uscite da baia a baia... o isolette "vicine"... che vicine non sono mai... carico leggero o pesante... condizioni di pulizia di carena... di vento... di mare...
Diverse sono le lunghe navigazioni programmate dove pesi e consumi son facili da calcolare... (o quasi facili...)
In ogni caso è altrettanto vero che andando a vela abbiamo modo di ovviare a tanti piccoli errori... e aprendo i pannelli stando in baia... abbiamo sempre una buona stazione di servizio a portata di mano...
Io invece vorrei arrivare ad un calcolo che, senza strafare, mi porti a girovagare in tranquillità le 4/5 ore quotidiane... ed un'altro calcolo che mi porti a calcolare il dimensionamento del sistema in caso di navigazione notturna....
Naturalmente il tutto è prettamente accademico... almeno da parte mia... Smile
09-04-2019 21:45
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Scetti Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.139
Registrato: Jul 2012 Online
Messaggio: #31
RE: Idrogeneratore
se vuoi fare un conto preciso , devi misurare con un amperometro l'assorbimento alle batterie .. accendi il pilota , il frigo , le luci di via .. aspetti che tutto sia regime (il frigo quando ha fatto freddo) e vedi che per esempio assorbi mediamente 5A alcuni strumenti fanno loro la media..

quindi se hai un pacco batterie carico da 100ah tu hai una autonomia di circa 100ah/5a = 20 ore dopo di che hai le batterie scariche riduci per sicurezza di un 25% questo tempo ed puoi dire che con 100 ah stai tranquillo per 15ore se hai 200ah stai tranquillo per 30 ore e così via ...
alla fine hai le batterie scariche e le devi ricaricare .. come e in che tempi .. con l'alternatore che ti eroga 50A per caricare le 100ah impieghi circa 3 ore... (sarebbero teorici 2or e ma non entro nei dettagli.. ad un certo punto le batterie assorbono meno... e il tempo allunga..) ovviamente le 200ah serviranno 6ore .. se l'alternatore eroga 100A dimezzi...
Non volendo accendere il motore e ricaricare le batterie da 100ah che hai scaricato in una notte di navigazione (tra tramonto e alba ) in 10 ore devi pompare dentro 12-13A per caricare le batterie (teorici 10A) e 5A per compensare gli assorbimenti totale 18A per 10 ore... ti servono quindi almeno 300W di pannelli 20A corrente di carica x 14V tensione batteria = 300W ..( e non ti bastano perche i pannelli rendono la potenza dichiarata solo quando sono a 90° al sole freddi senza ombre ecc ossia mai .. di solito rendono almeno un 50% in meno nella media della giornata di sole... quindi 600W .. ovvio che non ci stanno in barca...

Chiaro se riduci l'assorbimento medio a 2A .. tutto si dimezza... generatori eolici aiutano molto ... lavorano anche la notte (forse sono la vera fonte alternativa al motore) .
I pannelli sono più un mantenimento secondo me ... per arrivare al weekend successivo e trovare le batterie cariche e pronte a navigare ...
Il motore secondo me è la vera fonte di energia e gli alternatori generosi in corrente delle nostre barchette ... sono li per un motivo....


non so se sono stato chiaro....

nulla si crea nulla si distrugge ... ma tutto si trasforma
10-04-2019 18:53
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gourmet Offline
Senior Utente

Messaggi: 2.564
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #32
RE: Idrogeneratore
non so se sono stato chiaro....
[/quote]

Smiley32 Grazie Scetti, Più che chiaro... direi limpido...!!!
Adesso mi aspettano i compiti a casa... Smile Smile Smile
11-04-2019 11:02
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
IanSolo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.796
Registrato: Nov 2008 Online
Messaggio: #33
RE: Idrogeneratore
(10-04-2019 18:53)Scetti Ha scritto:  ...alla fine hai le batterie scariche e le devi ricaricare .. come e in che tempi .. con l'alternatore che ti eroga 50A per caricare le 100ah impieghi circa 3 ore... (sarebbero teoriche 2ore ma non entro nei dettagli.. ad un certo punto le batterie assorbono meno... e il tempo allunga..) ovviamente per le 200ah serviranno 6ore .. se l'alternatore eroga 100A dimezzi...
Va fatta una nota a tutto cio' poiche' la vita utile di una batteria e' funzione inversa dell'intensita' di corrente con cui la si ricarica (o la si scarica) ovvero una batteria e' stata progettata per essere normalmente ricaricata ad una corrente numericamente pari ad 1/10 della sua capacita' nominale quindi una batteria da 100Ah e' progettata per essere ricaricata a circa 10A per poco piu' di 10 ore, e' tollerabile senza cali vistosi della vita utile operare ad 1/5 della capacita' ma correnti piu' forti possono influire anche abbastanza negativamente sulla durata operativa. Ricaricare (intendo l'intera carica) in 2 o 3 ore e' eccessivo per batterie che non siano state appositamente progettate per tollerare correnti cosi' forti e con un sistema di ricarica che non mantenga sotto contollo la temperatura durante l'operazione. La specifica della batteria utilizzata sicuramente fornisce i parametri corretti per non accorciarne troppo la vita.
Una seconda nota riguarda i normali alternatori che se anche nominalmente capaci di erogare una certa corrente in realta' lavorano a tensione costante e quindi la forniscono solo nei primi momenti della ricarica calando poi rapidamente mano mano che la batteria sale di tensione, non e' quindi reale (salvo il caso di alternatori con regolatori speciali) pensare che un alternatore da 50A possa ricaricare in poco piu' di 2 ore una batteria da 100Ah, impieghera' tempi di gran lunga superiori.
Per quanto detto ci sono varie discussioni al riguardo con buona trattazioni e adeguati riferimenti, invito a cercarle se si vuole approfondire.
11-04-2019 18:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
fontma Offline
Amico del Forum

Messaggi: 607
Registrato: Jun 2010 Online
Messaggio: #34
RE: Idrogeneratore
Per rimanere in tema, a parte tutti i calcoli che si possono fare, sui consumi e sulle ricariche con alternatore, coi pannelli, ecc...ecc..., l' idrogeneratore è l' unico (forse un alternativa è l' EFOY che non ho mai provato) sistema che ti consenta, di arrivare al mattino con le batterie cariche, e non avere pensieri, questo , navigando in oceano fa si che si abbia una condizione ed una serenità che ti faccia dimenticare che quegli AH che stai producendo se calcoli sono parecchio più costosi che gli altri.
Navigando in Oceano spesso il motore non lo puoi accendere per il forte rollio, almeno io non lo accendo, ma non perchè mi dia fastidio il rumore, ma per le preoccupazioni di non pescaggio olio.
Oltre tutto i tempi di ricarica dell' alternatore vista sul Battery Monitor sono molto teorici, si parte con 25 A, dopo mezz' ora sono 15, dopo un ora 8 e via a decrescere.
Ovviamente se uno naviga, facendo non più di una giornata intera in mare, il problema dell' idrogeneratore non dovrebbe ne anche porsi, economicamente non conviene.
Tutto sta ai programmi che uno spera di avere.
Al momento i miei sono di scorrazzare tra le isolette della Grecia, pertanto, anche se ne ho perso l' elica non mi preoccupo, non mi serve.
Il giorno che deciderò di passare le Colonne, od anche solo puntare le Baleari sarà uno dei miei primi pensieri e se non avrò risolto ritrovando l' elica, o con altro sistema, visto che anche in quello c' è un evoluzione, ne sentirò molto la mancanza.
L' eolico non è la stessa cosa, se non c' è parecchio vento, e se è portante non ti da certezza di produzione, può produrre ma anche no, non è affidabile, se c' è buon vento produce tantissimo e ti fa sprecare, se non c' è vento produce poco niente.
Quindi il vantaggio dell' Idro è l' affidabilità, finchè la barca va a 5/6 nodi ti produce quasi certamente quei 4/6 A costanti necessari a farla andare senza sprechi , che alla fine sono: pilota, frigo, radar ad intermittenza, luci led, in pratica il moto perpetuo, che ne anche i pannelli possono garantire perchè se è nuvoloso non rendono, e di notte sicuramente non producono.
11-04-2019 19:32
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ZK Offline
Vecio AdV

Messaggi: 10.159
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #35
RE: Idrogeneratore
e' da quando sono un bimbetto che gioco con le savonius, penso che sia l' unica possibilita se si vuole energia con due metri al secondo di velocita.
ne fanno diversi tipi per canali e lavorano pure in "galleggiamento", il diagramma di generazione e' quasi lineare con la velocita, forse si possono pure usare in verticale come per l' eolico

amare le donne, dolce il caffe.
11-04-2019 20:26
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ciro_ma_non_ferrara Offline
Senior Utente

Messaggi: 936
Registrato: Jun 2007 Online
Messaggio: #36
RE: Idrogeneratore
Posso riferire quella che è la mia esperienza e quello che è il mio personalissimo parere, con la premessa che non ho mai avuto nè provato un idrogeneratore.

Per evitare il più possibile di restare senza energia per prima cosa mi sono munito di un "serbatoio" capiente, un banco servizi di 400A (capiente per la mia barca di 34', ritengo sia necessario salire propozionalmente in base alle dimensioni).
Seconda cosa ho montato sistemi di ricarica diversificati, vale a dire 200W di fotovoltaico, tutto quello che ho potuto piazzare sul rollbar, e un eolico da 400W per le giornate nuvolose e per la notte.
Perchè non c'è peggior cosa che avere sole e vento in quantità e avere a metà mattina un banco servizi sottodimensionato stracarico, sapendo che andrà in crisi già a metà serata, quando il sole sarà calato da un pezzo assieme al vento.

Devo dire che, sia in Grecia dove navigo abitualmente, che in Ionio e in Tirreno, sono stati rarissimi i casi in cui sono stato costretto ad accendere l'entrobordo per ricaricare il banco.
Perchè quando è nuvolo il solare carica poco, ma carica, quando c'è poco vento l'eolico carica poco, ma anche lui dà il suo; assieme contribuiscono almeno a far si che la scarica avvenga più lentamente e, fino ad oggi, a me è bastato.
12-04-2019 11:27
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ZK Offline
Vecio AdV

Messaggi: 10.159
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #37
RE: Idrogeneratore
(10-04-2019 18:53)Scetti Ha scritto:  ...
Chiaro se riduci l'assorbimento medio a 2A .. tutto si dimezza... ....

non so se sono stato chiaro....

chiarissimo direi, i soldi meglio spesi sono quelli spesi per consumare meno..
e come non essere d' accordo100

amare le donne, dolce il caffe.
12-04-2019 11:40
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Stranizzadamuri Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 575
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #38
RE: Idrogeneratore
(12-04-2019 11:27)ciro_ma_non_ferrara Ha scritto:  Posso riferire quella che è la mia esperienza e quello che è il mio personalissimo parere, con la premessa che non ho mai avuto nè provato un idrogeneratore.

Per evitare il più possibile di restare senza energia per prima cosa mi sono munito di un "serbatoio" capiente, un banco servizi di 400A (capiente per la mia barca di 34', ritengo sia necessario salire propozionalmente in base alle dimensioni).
Seconda cosa ho montato sistemi di ricarica diversificati, vale a dire 200W di fotovoltaico, tutto quello che ho potuto piazzare sul rollbar, e un eolico da 400W per le giornate nuvolose e per la notte.
Perchè non c'è peggior cosa che avere sole e vento in quantità e avere a metà mattina un banco servizi sottodimensionato stracarico, sapendo che andrà in crisi già a metà serata, quando il sole sarà calato da un pezzo assieme al vento.

Devo dire che, sia in Grecia dove navigo abitualmente, che in Ionio e in Tirreno, sono stati rarissimi i casi in cui sono stato costretto ad accendere l'entrobordo per ricaricare il banco.
Perchè quando è nuvolo il solare carica poco, ma carica, quando c'è poco vento l'eolico carica poco, ma anche lui dà il suo; assieme contribuiscono almeno a far si che la scarica avvenga più lentamente e, fino ad oggi, a me è bastato.

Su un 34 abbiamo anche noi la stessa configurazione, 400 A di batterie, pannelli per 200watt, al posto di un unico eolico ne abbiamo due piccoli. Normalmente siamo a posto, a parte nelle lunghe (2000 miglia) quando c'e' poco sole e durante la notte alle portanti gli eolici lavorano poco. Ci capita quindi verso mezzanotte di fare un oretta di motore, che fa' anche bene all'invertitore per raffreddarlo un po'.
Bv Angelo
12-04-2019 15:19
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Scetti Offline
Amico del Forum

Messaggi: 1.139
Registrato: Jul 2012 Online
Messaggio: #39
RE: Idrogeneratore
(11-04-2019 18:57)IanSolo Ha scritto:  Va fatta una nota a tutto cio' poiche' la vita utile di una batteria e' funzione inversa dell'intensita' di corrente con cui la si ricarica (o la si scarica) ovvero una batteria e' stata progettata per essere normalmente ricaricata ad una corrente numericamente pari ad 1/10 della sua capacita' nominale quindi una batteria da 100Ah e' progettata per essere ricaricata a circa 10A per poco piu' di 10 ore, e' tollerabile senza cali vistosi della vita utile operare ad 1/5 della capacita' ma correnti piu' forti possono influire anche abbastanza negativamente sulla durata operativa. Ricaricare (intendo l'intera carica) in 2 o 3 ore e' eccessivo per batterie che non siano state appositamente progettate per tollerare correnti cosi' forti e con un sistema di ricarica che non mantenga sotto contollo la temperatura durante l'operazione. La specifica della batteria utilizzata sicuramente fornisce i parametri corretti per non accorciarne troppo la vita.
Una seconda nota riguarda i normali alternatori che se anche nominalmente capaci di erogare una certa corrente in realta' lavorano a tensione costante e quindi la forniscono solo nei primi momenti della ricarica calando poi rapidamente mano mano che la batteria sale di tensione, non e' quindi reale (salvo il caso di alternatori con regolatori speciali) pensare che un alternatore da 50A possa ricaricare in poco piu' di 2 ore una batteria da 100Ah, impieghera' tempi di gran lunga superiori.
Per quanto detto ci sono varie discussioni al riguardo con buona trattazioni e adeguati riferimenti, invito a cercarle se si vuole approfondire.
Condivido parola per parola.. non volevo entrare nei dettagli...

quello che vorrei dire , che il miglior generatore è ridurre il consumo , e se si deve investire dei soldi prima di tutto verso apparati a basso consumo... i frigoriferi raffreddati ad acqua di mare rendono molto meglio di altri ecc..

Che un eolico per quanto brutto e ingombrante e fastidioso lavora sempre vento permettendo , ma se non c'è vento vai a motore....
I pannelli solari che io stesso ho installato sulla mia barchetta rendono molto meno di quello che ci si aspetta , vuoi per le ombre , vuoi per il mai perfetto orientamento .

Idrogeneratore potrebbe avere un senso se integrato con il sail drive o linea d'assi , una frizione dovrebbe disconnettere il riduttore e far girare il nostro generatore a magneti permanenti... (se si trascina tutti gli ingranagggi rende meno e frena di più) per la linea d'assi forse è più facile..ovviamente l'elica a pale abbatibili non va più bene ...

In più hai un generatore che lavora anche quando vai a motore , una ridondanza in caso di avaria dell'alternatore.

nulla si crea nulla si distrugge ... ma tutto si trasforma
13-04-2019 07:40
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ciro_ma_non_ferrara Offline
Senior Utente

Messaggi: 936
Registrato: Jun 2007 Online
Messaggio: #40
RE: Idrogeneratore
(12-04-2019 15:19)Stranizzadamuri Ha scritto:  Su un 34 abbiamo anche noi la stessa configurazione, 400 A di batterie, pannelli per 200watt, al posto di un unico eolico ne abbiamo due piccoli. Normalmente siamo a posto, a parte nelle lunghe (2000 miglia) quando c'e' poco sole e durante la notte alle portanti gli eolici lavorano poco. Ci capita quindi verso mezzanotte di fare un oretta di motore, che fa' anche bene all'invertitore per raffreddarlo un po'.
Bv Angelo

E checchè ne dicano, o ne abbiano detto, i super esperti, è la configurazione classica del 95% dei giramondo.Smiley2

(13-04-2019 07:40)Scetti Ha scritto:  Idrogeneratore potrebbe avere un senso se integrato con il sail drive o linea d'assi , una frizione dovrebbe disconnettere il riduttore e far girare il nostro generatore a magneti permanenti... (se si trascina tutti gli ingranagggi rende meno e frena di più) per la linea d'assi forse è più facile..ovviamente l'elica a pale abbatibili non va più bene ...

In più hai un generatore che lavora anche quando vai a motore , una ridondanza in caso di avaria dell'alternatore.

Non ne ho esperienza ma a naso è una soluzione che mi attrae parecchio.
Gli unici problemi sono gli spazi, che su barche piccole difficilmente si hanno, e, credo, il costo.
Anche la tua ultima considerazione non è da sottovalutare.
14-04-2019 17:00
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)