Questa discussione è chiusa  
Trasferimento da Fiumicino a Gallipoli (Napoli)
Autore Messaggio
Trixarc Offline
Tutor AdV

Messaggi: 20.822
Registrato: Jun 2010 Online
Messaggio: #1
Trasferimento da Fiumicino a Gallipoli (Napoli)
by Napoli (2013)

Eccomi arrivato a Gallipoli, vi faccio un breve resoconto.
Giovedì mi reco a Fiumara (Fiumicino) su un Comet 51 sport che va trasferito a Gallipoli.
La barca ci attende placida nella corrente del fiume.
La giornata viene dedicata agli ultimi preparativi e a fare una cambusa di proporzioni bibliche, la notte dormiamo a bordo con il verso (a volte un po inquietante) delle nutrie che ci fa compagnia.
Venerdì verso le 8.00 partiamo in direzione Ventotene, usciti da Fiumara ci rendiamo conto che la barca non va come dovrebbe: la scia risulta troppo “sporca” e la barca non raggiunge la velocità massima.
Dietrofront e ritorno al cantiere che risulta scettico poiché dice di non aver toccato per nulla l'elica, ad ogni modo ci manda un collaudatore, un vero funanbolo del timone che fa delle manovre impossibili e combinando corrente del fiume, bow trust, timone ed elica gira la barca su se stessa diverse volte per provarla sia a favore che contro corrente.
Il responso concorda sulla necessità di scaricare un poco l'elica per cui si provvede all'alaggio per regolare la maxprop.
Intanto le ore passano e la frustrazione sale: dovremmo essere per mare e invece siamo in un piazzale polveroso sotto al sole e con le mani in mano.
Alle 11.30 finalmente la barca è ok e partiamo con rotta su Ventotene, il vento non si fa attendere e su di Gennaker si fila a circa 7 nodi.
All'altezza di Zannone un tramonto spettacolare ti riconcilia con la vita, e non paghi di emozioni il Mare ci regala anche un delfino che viene a salutarci.
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

A Ventotene ormeggiamo che ormai è buio, avendo percorso la prima 80.na di miglia con un unico ottimo bordo.
Sabato in tarda mattina dopo spese e un tuffo (non c'è fretta non conviene atterrare col buio) si parte in direzione Stromboli.
Appena partiti la CP ci ferma perchè – nonostante le mie rimostranze – l'armatore decide di tagliare all'interno della boa che delimita la Zona A dell'isola di S. Stefano, sono pochi metri di differenza e non se ne capisce il perché ma lui decide così... fortunatamente il tutto si risolve con una ramanzina.
Il mare è un olio e si smotora tutta la giornata, cala una notte buia come la pece, ma è da un po che ogni tanto mi sembra di vedere come dei bagliori nel cielo, un po preoccupato penso che è il caso di prenotare una visita dall'oculista.
Solo più tardi, verso le tre-quattro capirò che già quasi dal traverso di Punta Licosa si incominciavano a vedere i lampi del 'faro del mediterraneo', mai ci avrei pensato... mai lo avevo visto da così lontano.
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Ad un certo punto parte un cicalino di allarme acqua in sentina (zona losca timone, isolata dal resto della barca, filtra un po troppa acqua dalla losca).
La nottata procede tranquilla, il mio compagno di turno si addormenta nel sacco a pelo in pozzetto, io fortunatamente non ho sonno e mi tengo sveglio ascoltando il VHF (i teatrini in dialetto dei pescherecci sono simpaticissimi), giocando con il radar e facendo ronde di controllo per tutta la barca.
Ad un certo punto nel buio pesto sento al giardinetto di destra ad un 3-4 metri dalla barca un rumoraccio che mi fa trasalire... qualche cetaceo è emerso silenziosamente ed ha sfiatato rumorosamente, per poco non mi prendeva un colpo!

L'arrivo a Stromboli dopo una lunga di mezza giornata e tutta la nottata è impagabile con l'isola che brontola e Strombolicchio che si sveglia nell'alba, altre 145 miglia sono sotto la carena.
Dopo una mezza giornata di riposo a Stromboli, ed una buona granita su al belvedere
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

alle 15 si riparte alla volta dello Stretto di Messina, l'idea è di passarlo e fermarsi.
Alle 21 il mare liscio come l'olio e la temperatura gradevole ci fanno optare per prolungare su Crotone viaggiando la notte.
Anche questa volta nel mio turno sono il solo a fare la guardia, la costa è invasa da bidoncini e galleggianti di attrezzi da pesca, c'è da stare attenti per non ritrovarsene qualcuno nell'elica.
E poi al vhf sto seguendo la telenovela di una vedetta della Finanza che ritrova una imbarcazione bimotore alla deriva priva di equipaggio.
E' quasi l'alba quando la ritrovano,
Anche questa notturna è stata tranquilla e noiosa (tutto motore) ed ecco che le prime luci ci illuminano al largo di Roccella Jonica dove incrociamo la finanza (penso che è proprio quella che con le sue comunicazioni a contribuito a tenermi sveglio la notte).
La vedetta inverte la rotta ed inizia a seguirci a distanza, dopo due o tre minuti che sembrano interminabili gli chiedo se devo togliere gas, loro ci pensano ancora una 30.na di secondi e decidono di abbordarci.
Scendo in dinette e prendo i documenti dal carteggio senza svegliare nessuno, loro prendono i documenti con il retino e si allontanano. Il controllo dei documenti si prolunga, allora sveglio il mio compagno di turno e approfittiamo per rabboccare la nafta dalle taniche.
Ad un certo punto i finanzieri dicono che manca l'assicurazione del motore del tender, non sapendo cosa fare sveglio l'armatore il quale svegliatosi di soprassalto inizia ad inveire e cercare lite con i finanzieri. Questi mantengono una calma serafica, io riesco a far ragionare e calmare l'armatore dicendogli che stanno facendo solo il loro lavoro... alla fine tutto si risolve ma l'episodio ci fa perdere mezz'ora.
Si riparte alla volta di Crotone che verso ora di pranzo è ormai prossima quando si alzano una decina di nodi da sud est... dopo quasi 24 ore di navigazione continuativa a motore ci guardiamo in faccia, decidiamo all'unisono che sarebbe un peccato perderli e - senza nemmeno parlare - siamo già pronti a tirare su il gennaker, si prosegue fino a Gallipoli!
La barca fila via al gran lasco con randa e gennaker e surfando sulle onde supera anche i 10 nodi, mediamente sopra gli 8,5 nodi e mai sotto i 7.
La barca è forse leggermente sovrainvelata e con la spinta delle onde al giardinetto tende alla straorza, c'è da lavorare parecchio e d'anticipo col timone, dopo qualche ora le spalle iniziano a dolere e nonostante non ne abbia voglia devo cedere la goduria del timone a qualcun altro per il cambio.
http://youtu.be/hQ24c_YLxrI (il bellimbusto al timone sono io :blushSmile
Verso il tramonto siamo ad una 30.na di miglia da Gallipoli e avvistiamo un branco di tonni sui 50 kg che saltano, subito dopo i delfini ci vengono a fare compagnia per la seconda volta.
Il resto non ha storia una splendida notturna baciata dalla luna quasi piena con randa e gennaker e la barca che surfa a 9 nodi sulle onde, un po di musica in pozzetto e poi l'atterraggio rognosetto a Gallipoli dopo oltre 30 ore e altre 240 miglia di navigazione...

https://www.youtube.com/user/trixarc100
10-02-2014 20:56
Trova tutti i messaggi di questo utente
Questa discussione è chiusa  


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Fiumicino-Tremiti-Fiumicino (Napoli) Trixarc 1 1.378 08-06-2016 17:33
Ultimo messaggio: Trixarc
  Meteo molto difficile a Pisciotta (Napoli) Trixarc 1 2.417 26-02-2015 09:52
Ultimo messaggio: Trixarc
  Balena a Napoli (Napoli) Trixarc 1 2.102 14-01-2015 13:31
Ultimo messaggio: Trixarc
  Crociera corsa (Napoli) Trixarc 1 2.052 08-09-2014 13:24
Ultimo messaggio: Trixarc
  Un trasferimento indimenticabile (windex) Trixarc 0 2.775 14-01-2014 17:04
Ultimo messaggio: Trixarc
  Esperienza di meteo difficile (napoli) Trixarc 1 2.491 02-12-2013 19:13
Ultimo messaggio: Trixarc
  Di nuovo in acqua (napoli) Trixarc 1 1.259 25-09-2013 17:56
Ultimo messaggio: Trixarc
  Da Fiumicino a Venezia con Hadar (mk) Trixarc 0 1.632 03-06-2013 21:57
Ultimo messaggio: Trixarc
  Trasferimento Sant’Agata di Militello-Grado(felix) Trixarc 1 1.603 18-04-2013 18:51
Ultimo messaggio: Trixarc
  Il trasferimento di Pupuja (st00042) Trixarc 1 1.879 04-06-2012 03:15
Ultimo messaggio: Trixarc

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)