I Forum di Amici della Vela

Versione completa: Sostituzione cordame vario - consigli
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2
Buongiorno Amici,
cerco il supporto di esperti in rigging per alcune info pratiche sulla sostituzione di cime varie.
Vorrei sostituire il lazyjack ormai logoro. Per questo tipo di lavoro è necessario disporre dei mt di cima occorrente o la stessa si compra in rotoli? Eventualmente che tipo e, soprattutto, che diametro?
Altra domanda...a breve dovrei sostituire le drizze di fiocco e randa.
Ho normali vele in dacron, ma uso spesso le drizze per smagrire prima di passare alla riduzione. Per il mio uso esclusivamente crocieristico, che tipo di cordame suggerite? Devo chiedere qualcosa in particolare o recarmi in negozio chiedendo x metri di drizza randa/fiocco del diametro y (randa 25 mt diametro 8; fiocco 21 mt diametro 8)?
Ultima richiesta: ho le borose di prima e seconda mano da sostituire. Il manuale prevede in questo caso 16 e 22 mt diametro 8. Forse per la vetustà delle cime, spesso risulta difficoltoso rialzare la randa dopo la riduzione e mi chiedevo se fosse utile/possibile passare ad un diametro inferiore. In quest'ultimo caso che scelgo (credo che la puleggia nell'albero ammetta indifferentemente diametri da 6 a 8; anche in questo caso, prendo una cima qualunque o devo chiedere qualcosa di specifico)?
Vi ringrazio anticipatamente per il supporto.
Sicuramente altri ADV potranno dare risposte più complete.
Di solito se vai in un negozio di articoli nautici puoi scegliere tra più cime e comprare i mt che ti servono; personalmente compro sempre uno o 2 mt in più del necessario
Per il lazyjack utilizzerei una cimetta da 4mm.
Per drizza randa e drizza fiocco potresti chiedere cima prestirata con calza del diametro max che le puleggie in cima d'albero supportano.
Per le borose non consiglio di lesinare sul diametro ed utilizzerei lo stesso delle attuali.

Buon vento
domanda tecnica: ma hai la borosa unica?
altrimenti quanto dici ha poco senso, se quando prendi una mano prima ammaini, incocci l'occhiello sul collo d'oca e DOPO cazzi la borosa. se cazzi la borosa prima, è piuttosto chiaro che non ce la fai ad issare, stai facendo tiro alla fune contro te stesso.
Nel tempi sto sostituendo il vecchio prestirato da 12 con Gottifredi Softech in Dyneema da 10, resistente morbido e maneggevole. Ordino on line da Nautica Pontemagra che ha prezzi competitivi.
Pietroz con le drizze non smagrisci, con vele in dacron sposti il grasso più avanti cazzando, più indietro lascando.
Meno di otto le prendi male in mano.
Che barca hai? la randa di quanti mq.?
I tecnici e quello che ti vende le borose ti dirà di comperare quelle esotiche, io che sono poco tecnico e povero per le borose uso un termofissato da pochi soldi, penso che un pò di elasticità non faccia male.
Per le drizze quelle si devono essere inestensibili ma siccome sono povero le faccio in acciaio tessile e mi durano 30 anni, ma non ti conviene perchè non sai fare le impiombature.
Quando si da randa, spesso, le borose scorrono male bisogna tirarle dalla varea.
Le cime sono un'oppppppinione.-
Senza modello barca si può far poco, ma un consiglio sopra a tutto lo vorrei dare: drizze in spectra.
I motivi sono fondamentalmente due.. uno prestazionale (ma magari non ti frega), infatti una drizza che rimane li al suo posto senza allungamenti è una bella cosa davvero, ma ok non è essenziale. La seconda motivazione è legata alla sicurezza: quando disalberai nel 2008 l'albero mi si spezzò sopra al boma e sarebbe entrato a pugnale in coperta se le drizze che vi passano all'interno non avessero retto la sua pressione, credo che drizze normali si sarebbero spezzate, l'albero sarebbe entrato come una lama nella coperta ed avrebbero preso pieno il compagno che dormiva in dinette sottovento ..non mi tolgo mai dalla mente questo incubo scampato. Le drizze hanno fatto una S fra il moncone integro e la parte spezzata, reggendo per qualche secondo la pressione del rig che per gravità e compressione avrebbe voluto piombare in basso fintanto che non è volato tutto fuori bordo. La differenza di spesa è di forse 100 euro ma sono spese alla grande e bene (secondo me ci mancherebbe)
(04-06-2021 15:43)ADL Ha scritto: [ -> ]domanda tecnica: ma hai la borosa unica?
.

+1
22 metri di borosa seconda mano Blinksmiley. con 25 di drizza ?
(04-06-2021 17:17)bullo Ha scritto: [ -> ]Pietroz con le drizze non smagrisci, con vele in dacron sposti il grasso più avanti cazzando, più indietro lascando.
Meno di otto le prendi male in mano.
Che barca hai? la randa di quanti mq.?
I tecnici e quello che ti vende le borose ti dirà di comperare quelle esotiche, io che sono poco tecnico e povero per le borose uso un termofissato da pochi soldi, penso che un pò di elasticità non faccia male.
Per le drizze quelle si devono essere inestensibili ma siccome sono povero le faccio in acciaio tessile e mi durano 30 anni, ma non ti conviene perchè non sai fare le impiombature.
Quando si da randa, spesso, le borose scorrono male bisogna tirarle dalla varea.
Le cime sono un'oppppppinione.-

Confermo, nella mia barca le due drizze genoa, in acciaio con coda in tessile e la drizza randa, tutta in acciaio con avvolgitore, sono ancora quelle originali del 1987.

898989
Buonasera,
ringrazio Tutti per il riscontro.
Rispondo ad alcune domande che sono state poste.
La barca è un SF 26 della Jeanneau, con randa di 16,09 Mq e fiocco di 11,01.
I terzaroli sono a borosa unica.
Ricapitolando i Vs consigli:
-) per il lazyjack cimetta da 4;
-) per le borose e le drizze rimanere sul diametro originale, calibri minori dell'otto possono essere difficili da maneggiare;
-) l'inestensibilità è una qualità da ricercare nelle drizze, ma dipende dall'uso e da quanto si è disposti a spendere per identificare il materiale (da prestirato con calza a spectra);
-) smagrire e spostare il grasso in una vela non sono sinonimi.

Se avete altre indicazioni, fatemi sapere. Grazie
Per Lazy jack esiste una cima a DOC. Quelle comuni usate tagliano le vele.
Da Nautimarket vendono bobine da 50 o 100 metri di ottimo prestirato
dell' Armare: 100 metri da 8 mm costa 200 €
8mm per uso crocieristico e considerati i mq di velatura bastano e avanzano
(carico di rottura 1550 kg)
L'anno scorso ho acquistato una bobina di scotta 8mm da 200 m

[attachment=47175]

Con questa ho rinnovato un po' di cime:

-Borose di prima, seconda e terza mano Randa
-Finali di volanti ai winch
-Manovre per avanzamento carrelli genoa
-Cima avvolgifiocco
-Divisorio da palo ormeggio a pontile galleggiante con ganci per appendere spring.
-Cime ormeggio per gommone figlio
-Cime in cala per eventuali necessità

Vedi: https://forum.amicidellavela.it/showthre...tid=142389
898989
Un mio vicino di barca ha comprato una bobina e ha cambiato parecchie manovre. Sono tutte blu/nere. Un delirio trovare quella giusta....
Grazie Lord per la segnalazione delle cime dedicate ai lazyjack: non ne conoscevo l'esistenza, ma ne capisco il motivo.
Grazie a soravia e RMV2605D per i suggerimenti d'acquisto.
Interessante l'esperienza di sostituzione illustrata nel tread così come il "warning" di kavokcinque sulla confusione che potrebbero generare manovre dello stesso colore.
Come al solito, sempre consigli interessanti nel forum.
Un saluto a tutti.
Anch'io sto cercando di sostituire drizze varie, barca Etap 32s, molto "classica", drizze miste acciaio e tessile, da 12 e tormentina da 10.
Avrei deciso per il tutto tessile, no dynema, si poliestere prestirato, possibilmente "classico" non troppo colorato, ma sembra che classico ce ne sia poco in giro (bianco con segnalino vari colori), qualcosa in Germania ed in Italia drizze MTM, ma solo in bobine da 200 metri.
Vorrei un giudizio su questo prodotto MTM che onestamente non conosco, qualcuno di voi lo ha utilizzato?
Altrimenti non mi dispiacerebbe Gottifredi Maffioli T90, ma molto cromatico, mi pare un buon prodotto.
I negozi che ho visitato hanno, tutti, poca scelta e sul web le differenze di prezzo sono abbastanza elevate.
Se no: laviamo delicatamente il vecchio cordame e ributtiamo su il tutto così com'è ?

A parte gli scherzi, chi mi può dire qualcosa su MTM e se siete riusciti ad acquistarne al metro anziché una bobina intera.
Grazie
treccificio borri .anche spezzoni
Elsie hai due drizze di diametro differenziato, una per i genoa e ficchi, l'altra per la sola tormentina.
Le drizze in acciaio sono spinate? Succede se l'angolo di curvatura è troppo stretto.
Perchè vuoi cambiarle?
(09-06-2021 08:47)silverialessio Ha scritto: [ -> ]treccificio borri .anche spezzoni

Bell'Azienda, ma non riesco a trovare chi la vende, prezzi, caratteristiche, tu sai indicarmi qualche link? Grazie
(09-06-2021 09:51)bullo Ha scritto: [ -> ]Elsie hai due drizze di diametro differenziato, una per i genoa e ficchi, l'altra per la sola tormentina.
Le drizze in acciaio sono spinate? Succede se l'angolo di curvatura è troppo stretto.
Perchè vuoi cambiarle?

Stiamo rifacendo il sartiame (la papera ha 15 anni) e le drizze sono dure come sassi.
le possiamo ancora riutilizzare e la tua domanda ce la siamo fatta anche noi, è corretta.
Che dire? Gran parte degli amici han detto che tessile è migliore, le pulegge lo permettono, il metallo è vecchiotto, anche se non "punge".
Forse subentra un istinto di "rinnovare", le vele saranno nuove (cdx), il sartiame nuovo, le luci (se riusciamo) con lampade led ... e drizze e scotte e terzaroli vecchi?
Tu sei saggio, ti leggo, le tue opppinnniiiiooonnniii fanno riflettere, e poi il giochino sul cordame, anche escludendo dyneema, pesa oltre un millino anche se la paperina é piccinina.
Bho
(... immagina che con una mano scrivo e con l'altra mi gratto la testa 19 )

ciao ...
Non mi dici perchè 2 drizze di differente diametro, resto con la curiosità.
Nel 2017 comperai uno show 29 da un'amico e trovai drizza randa e genoa in acciaio tessile fatte da me prima del 2000, sono ancora perfette.
Acciaio da 4 mm. tessile da 10 mm.; anche l'acciao impiombato dritto no tallurit, manicotto.
Sul vericello arriva l'acciaio dentro al tessile.
Ovvio che calcolando la mano d'opera conviene il tutto tessile, ci vogliono 2 ore per fare l'impiombatura e l'impalmatura.
Non credo che 2/3 etti in più facciano la differenza per la stabilità.-
Pagine: 1 2
URL di riferimento