I Forum di Amici della Vela
problema anemometro - Versione stampabile

+- I Forum di Amici della Vela (https://forum.amicidellavela.it)
+-- Forum: TECNICA E MANUTENZIONE (/forumdisplay.php?fid=12)
+--- Forum: Elettricita' ed Elettronica (/forumdisplay.php?fid=15)
+--- Discussione: problema anemometro (/showthread.php?tid=68450)

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14


RE: problema anemometro - st00042 - 04-08-2015 16:00

Io per cambiare la ghiera ho dovuto comprare tutta l'asta. Costa uno sproposito


RE: problema anemometro - pepe1395 - 04-08-2015 17:18

Se conosci qualcuno con una stampante 3D potresti farti realizzare una ghiera di ricambio. Asta + ghiera se non erro costano 170 €42
BV!


RE: problema anemometro - SoulSurfer - 04-08-2015 17:53

..che non sarebbe una pessima idea se avessi il master da su cui prendere le misure. se devo smontare la mia dal vecchio sensore allora tanto vale usare quella...(e vorrei mantenere quel sensore il piu' insieme possibile visto che quando lo andro' a smontare, sicuramente il problema potra' essere un filo staccato ) cmq raymarine molto furba, l'asta e' volutamente e virtualmente inseparabile dal pod del sensore e dall'alloggiamento del connettore...ho detto virtualmente perche' con ingegno e forza bruta si ottiene sempre tutto (tranne la ghiera ovviamente ) Thumbsupsmileyanim


RE: problema anemometro - IanSolo - 04-08-2015 22:04

Tempo fa feci il calco di un pezzo ricoprendolo di pellicola alimentare (come antiaderente) e usando della cera plasmabile (il vecchio "Pongo"), da questo poi ricavai uno stampo colando del gesso nel calco, infine, rifinito bene lo stampo (che va spalmato di cera) potei realizzare cio' che mi serviva in vetroresina. E' un po' macchinoso ma non difficile e per fare una ghiera dovrebbe essere un metodo possibile.


RE: problema anemometro - SoulSurfer - 05-08-2015 16:36

Ian...Troppo laborioso..salgo smonto disassemblo il vecchio riassemblo il nuovo risalgo
pronti se qualcuno aveva il file da far digerire alla stampante 3d era intrigante, ma comunque sempre piu' lungo della procedura di cui sopra. ancora meglio se trovavo una ghiera gia' pronta.


RE: problema anemometro - burrascaforza5 - 07-08-2015 23:55

Nuovo aggiornamento sullo strumento i60 che non funziona. Dopo innumerevoli prove e controlli a terra, senza esito, appena ripreso il mare ho rilevato che
1) per i primi 2 gg ha continuato a segnare 00 sull'apparente, mentre sul reale segnava la velocità della barca.....alquanto strano vero ?
2) di colpo ha iniziato a funzionare segnando giusto apparente e reale, per circa 4 gg
3) oggi appena aperto il fiocco ha smesso di nuovo di funzionare segnando nuovamente 00 sull'apparente, mente sul reale la velocità dell'imbarcazione.
A questo punto ritengo sia un problema di falsi contatti, ma a parte quelli in testa d'albero quali altri posso verificare ?


RE: problema anemometro - IanSolo - 08-08-2015 07:56

L'ipotesi e' ragionevole, pero' il problema puo' stare in un qualunque tratto della connessione anche se fa pure pensare allo strumento del vento guasto che invia sul bus un valore nullo (e' poco probabile poiche' chi ha scritto il software dovrebbe aver previsto il caso e dovrebbe esserci un'indicazione di mancanza di dato ma potrebbe aver omesso tale routine, succede!).


RE: problema anemometro - pepe1395 - 08-08-2015 08:39

Visto che il cartografico ha la possibilità di fungere da stazione del vento, controlla se i dati sono corretti sull'e7 quando l'i60 fa i capricci.
BV!


RE: problema anemometro - burrascaforza5 - 08-08-2015 17:50

Lo sapevo che sarei dovuto andare in testa d'albero 53 Come li vedo i dati sul E7 ?
Il bolinometro (vento e direzione) lo vedo sul i70 La diagnostica sul E7 mi dice che vede tutti gli strumenti pertanto mi sembra ok.

ps poche ora fa dopo una virata non proprio da manuale ha ripreso a funzionare, non so più cosa dire.


RE: problema anemometro - pepe1395 - 08-08-2015 18:43

Capisco che l'e7 abbia una miriade di funzioni ma una lettura anche veloce al manuale dovresti darla...70Smiley53 Comunque se vai su home e poi scegli l'icona strumenti, scorrendo le varie videate, trovi quella della stazione del vento. Se si comporta correttamente, quando l'i50 fa le bizze, il problema risiede in quest'ultimo. Altrimenti devi risalire la catena dei componenti fino ad arrivare al sensore in testa d'albero.
BV!


RE: problema anemometro - burrascaforza5 - 08-08-2015 21:53

Se per icona strumenti intendi DATI e poi vai su vela ....ci siamo, altrimenti non ho capito. In ogni caso quando l'i50 non funzionava (00 sull'apparente) anche sul E7 mi dava sempre 00...mi sa che devo fare sto benedetto giro in testa d'albero 53

PS per migliorare/ripristinare un falso contatto, quale crc/diavoleria posso usare per non far danni ?


RE: problema anemometro - pepe1395 - 09-08-2015 16:00

Appurato che l'I60 non c'entra, io darei uno sguardo al cavo del sensore Wind a base albero. Prova li, se hai un albero passante e' possibile che ci sia una infiltrazione d'acqua. A volte anche il passacavo e' responsabile di infiltrazioni, poi se ci si mette pure un mammuth.
BV!


RE: problema anemometro - Franc - 11-08-2015 17:16

Dopo tanto tempo, finiti i grossi lavori alla barca, ripreso fiato e acquistato un tester più serio, oggi mi sono dedicato nuovamente alla vecchia stazione del vento ST50 per rifare i controlli consigliati da IAN SOLO e ... (l'operazione è riuscita ma il paziente è morto ...) ovvero tutti i valori sono conformi a quanto prescritto ma ... ST50Wind non funge! Al suo interno si sente solo un rumorino tipo quello di un mini motorino elettrico che gira, non sente ne direzione ne intensità del vento.All'accensione del display appare un laconico numero 5 oppure 8 e nulla più, eppur si riesce a regolare l'indicatore di direzione della "banderuola". Che posso fà? Ad onor del vero ho anche atteso che un mio vicino di casa, esperto in elettronica, mi desse la promessa mano ma ... la sto ancora aspettando! Quindi ora sono aperto a tutti i suggerimenti più economici e facili possibili (se esistono)39.

Grazie e B.V. a tutti.
P.s.: non essendo installato, per alimentarlo, ho dato tensione tramite uno dei due spinottini a tre pin che fuoriescono dal retro del display. Ho fatto bene?


RE: problema anemometro - IanSolo - 11-08-2015 17:52

----
..non essendo installato, per alimentarlo, ho dato tensione tramite uno dei due spinottini a tre pin che fuoriescono dal retro del display. Ho fatto bene?
----
Cosi' facendo lo hai alimentato a 12V, la sua limentazione tipica e' fra 8V e 9V tuttavia i dispositivi sono in grado di lavorare anche alla tensione piu' alta, non hai rotto niente.

Che si senta un "rumorino" di motore nello strumento e' normale, e' la vibrazione prodotta dal comando digitale dello "stepper motor" che aziona l'indice, tale motore anche fermo riceve continuamente impulsi di posizione che lo fanno leggermente vibrare.

----
All'accensione del display appare un laconico numero 5 oppure 8 e nulla più, eppur si riesce a regolare l'indicatore di direzione della "banderuola".
----
Ma quando hai fatto i test sul filo giallo hai verificato se ruotando piano piano a mano l'elichetta con le coppette la tensione scatta fra quasi zero e quasi 5V ? se cio' accade il sensore di velocita' funziona ed e' guasto lo strumento (e non e' facile ripararlo anche per un normale esperto a causa degli attrezzi necessari) se non accade e' guasto il suo sensore Hall: quello con la forma di un comune transistor montato sulla piastrina dal lato dell'elichetta. Oppure (e' capitato a me anni fa) la piastrina e' andata fuori sede e il dispositivo e' troppo distante dal magnetino e non ne rileva la rotazione.


RE: problema anemometro - Franc - 11-08-2015 18:04

Mi sono limitato a leggere la tensione che era compresa tra i due valori min/max. Ora corro a controllare poi riferisco.

Grazie!!!

Eccomi qua: leggo min: 2,28V e max 5,9V.
Ho controllato anche le tensioni fra neutro e verde, girando la banderuola: min 2,5 - max:5,49.
Poi ho tentato di togliere, come un tappo, la parte infilata nel tubo dove girano le palette: è uscita ma non riesco a estrarla del tutto in modo da vederci dentro poichè si sente che è trattenuta e temo di rompere qualcosa per cui l'ho reinserita.

Ma se asserisci che l'alimentazione di 12V è alta, allora in barca come e da dove vi arriva?


RE: problema anemometro - IanSolo - 11-08-2015 18:37

Minimo 2,28 con coppette (non banderuola di direzione) ferme nel punto in cui da' il minimo ? Se e' cosi' il sensore Hall non lavora molto bene, dovrebbe essere piu' bassa.
L'alimentazione che ricavi e' quella della rete SeaTalk ed e' corretto sia 12V.


RE: problema anemometro - Franc - 11-08-2015 18:46

Grazie IanSolo!
Finchè rispondevi ho modificato il mio precedente post . Ti confermo la lettura della tensione a coppette ferme.
Se mi confermi che tirando con più forza il complesso su cui girano le coppette per estrarlo, non rompo nulla, avendo letto su altri tuoi interventi come sostituire il sensore Hall ... ci provo!


RE: problema anemometro - IanSolo - 11-08-2015 21:50

Tirare brutalmente non e' il modo migliore anche se puo' funzionare, inserisci una lama nella fessura che si vede nella base (rimosse le coppette per le quali basta allentare la minibrugola) e fai leva tutto intorno, deve uscire la parte inferiore senza particolari difficolta' (attento a non danneggiare l'O-Ring di tenuta che ti servira' rimontando).

Un ultimo dubbio: prova su quello stesso filo (giallo) se muovendo la paletta di direzione cambia la tensione, se cosi' fosse potresti avere un sensore con i colori dei fili non standard (e' improbabile ma puo' capitare di tutto) e la diagnosi sarebbe da rivedere.


RE: problema anemometro - Franc - 11-08-2015 22:59

Sono riuscito ad estrarre il corpo ma qualcosa lo trattiene, temo siano i due cavetti visti su un post che sono cortissimi. Ho paura che tirando di più si tacchino e poi non riesco più a riconnetterli.


RE: problema anemometro - IanSolo - 12-08-2015 08:35

Dovrebbe esserci cavo a sufficienza, altrimenti come lo potrebbero aver montato ?
Riesci a "sbirciare" se il cavetto e' stato per caso attorcigliato ruotando il corpo durante il montaggio in modo da farne ridurre l'occupazione, si tratta di ruotare nell'altro senso per farlo allungare di nuovo.