Rispondi 
Restauro coperta Stag 24 - antisdrucciolo o teak sintetico?
Autore Messaggio
Undertherain Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 3
Registrato: May 2016 Online
Messaggio: #1
Restauro coperta Stag 24 - antisdrucciolo o teak sintetico?
Ciao a tutti,

in questi giorni sto valutando la lista della spesa per quest’autunno. Tra i lavori ci sarebbe, ahimè, il rifacimento della coperta (compreso l'antisdrucciolo), in quanto un proprietario precedente della barca a suo tempo ha verniciato il gealcoat e ora la vernice inizia a slaminarsi, lasciando alla vista antiestetiche zone più o meno ampie del gealcoat originale (es. sulle sedute).

Immagino di aver a disposizione 3 opzioni, di cui due più o meno classiche ed una terza un po’ “osè”, se mi permettete:

1) carteggiare e riverniciare con la bicomponente (rifacendo anche l'antisdrucciolo). Sicuramente la soluzione più economica (anche se parliamo di circa 2,5 k da preventivo), ma anche se quella che tenderà a deteriorarsi di più nel tempo. Inoltre la vernice maschererebbe eventuali lavori futuri da fare - es se ci fosse una zampa di gallina vicino al candeliere rischio di non vederla per troppo tempo in quanto coperta dalla vernice, e quindi anche pericolosa, nell'ottica di avere una manutenzione continua della barca;

2) carteggiare e far riapplicare il gealcoat: (non ancora preventivato) immagino il sistema più costoso soprattutto in termini di manodopera (cantiere, sottovuoto?), ma più duraturo e senza i tali negativi di cui sopra;

3) carteggiare e applicare il teak sintetico (quelli di ultima generazione) opportunamente sagomate: a guardare i listini delle versioni di ultima generazione (es. PlasDeak, MarineCork) si parla di circa 400 euro al mq (con la posa), e quindi – ipotizzando circa 8 mq di materiale necessario - una soluzione economicamente a metà tra la bicomponente e il gealcoat, con un intervento vagamente meno invasivo dell’opzione 2.

Il grande vantaggio è che - se il lavoro è fatto bene - la sua durata pare quasi infinita e sicuramente più resistente di bicomponente e anche del gelcoat. Il grande dilemma invece è quello se abbia senso attuare una soluzione così lontana dal disegno originale (non credo di aver mai visto uno stag - e tantomeno non un 24 - col teak).

Ovviamente non ho alcun obiettivo di prestazione per cui l'aumento di peso corrispondente non mi interessa, ma non vorrei che l’aumento di calore della coperta dovuto al teak avesse effetti negativi sulla vetroresina esistente (che pare solida, non ha rigonfiamenti o zone deboli, e non fa una goccia d’acqua sotto coperta).

Ogni vs. opinione in merito è molto ben accetta. Ahimè sono anche ampiamente pronto a sentirmi dire “spendi più del valore della barca”.

Vi ringrazio fin da subito per la disponibilità e pazienza.
26-08-2019 17:03
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Messaggi in questa discussione
Restauro coperta Stag 24 - antisdrucciolo o teak sintetico? - Undertherain - 26-08-2019 17:03

Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
Question cerco esempi di mastra e scassa base d'albero poggiato in coperta Sikander 26 838 ieri 21:49
Ultimo messaggio: Sikander
  Restauro economico piviere 614 olo 27 3.152 ieri 10:09
Ultimo messaggio: Valevela77
  QR 930 in restauro Cicala 50 1.677 14-11-2020 16:17
Ultimo messaggio: Cicala
  restauro accatagliato 47 4.704 02-11-2020 14:59
Ultimo messaggio: penven
  Mirage 28 restauro skipper81 62 7.213 10-10-2020 14:49
Ultimo messaggio: Sikander
  Rifare la coperta Fabino 14 761 30-09-2020 16:15
Ultimo messaggio: Fabino
  Rivestimento in teak Flask 1 808 07-09-2020 16:25
Ultimo messaggio: Wally
  Restauro deriva 4.5 metri Pietra Filosofale 1 1.015 20-05-2020 17:18
Ultimo messaggio: oudeis
  Restauro di un Lightning in legno brambil 9 1.850 15-04-2020 18:01
Ultimo messaggio: brambil
  Restauro La Prairie Ti-Yac Peter89 8 1.977 31-03-2020 21:45
Ultimo messaggio: oudeis

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)