Rispondi 
Mani in poppa sotto spi
Autore Messaggio
lord Offline
Vecio AdV

Messaggi: 6.658
Registrato: Apr 2008 Online
Messaggio: #61
RE: Mani in poppa sotto spi
(19-07-2019 17:12)nedo Ha scritto:  Nella mia barca ho organizzato la presa della nuova mura di terzi tramite l'uso del circuito Cunningham, basta agganciare il moschettone sull'anello e cazzare, essendo molto demoltiplicato non mi serve il winch che invece uso per cazzare la borosa di scotta, mano sn quindi al Cunningham, mano destra maniglia winch in contemporanea !! Smiley2
Il contesto a cui mi riferisco è quello descritto da Kermit.
Comprendo la tua scelta. Sottolineo che un conto è prendere una mano in bolina larga. Ben altro conto è prendere una mano in poppa con vento teso.
Quel cunnigun sulla mura ti aiuta di certo ( non entro del merito del circuito e di come è dimensionato. Su quel cunnigum non ci sarà il carico delle drizza, è comunque da non sottovalutare ) , ma come detto da Albert nel suo lavoro gli capita spesso di sistemare vele danneggiate da toppa a toppa per le lesioni create nel tirare giù la ralinga della randa in poppa. In bolina larga la randa scende quasi sola senza sforzare più di tanto, in poppa scende solo applicando della forza bruta perchè porta ed è appoggiata sulle crocette. Almeno questo accade con la manovra classica di presa di terzaroli

Quando ti entra nelle vene, non puoi più farne a meno Sir Peter Blake
N.B.J.S. Erik Aanderaa Chi è in mare naviga, chi è a terra giudica
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 19-07-2019 17:26 da lord.)
19-07-2019 17:24
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
crafter Offline
Senior utente

Messaggi: 2.465
Registrato: Nov 2015 Online
Messaggio: #62
RE: Mani in poppa sotto spi
Cosa fate con il Vang quando prendete le mani al lasco? lo aggiustate? Alla fine del video quello che stava riprendendo ha fatto notare ai due ragazzi che avevano fatto tutto senza toccarlo.
19-07-2019 17:34
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lord Offline
Vecio AdV

Messaggi: 6.658
Registrato: Apr 2008 Online
Messaggio: #63
RE: Mani in poppa sotto spi
Marco a prescindere lasco le forze dal basso per permettere al boma di salire dovendo ridurre la randa.
Poi magari viene fuori un tecnica differente

Quando ti entra nelle vene, non puoi più farne a meno Sir Peter Blake
N.B.J.S. Erik Aanderaa Chi è in mare naviga, chi è a terra giudica
19-07-2019 18:01
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
nedo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 6.527
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #64
RE: Mani in poppa sotto spi
(19-07-2019 17:24)lord Ha scritto:  Il contesto a cui mi riferisco è quello descritto da Kermit.
Comprendo la tua scelta. Sottolineo che un conto è prendere una mano in bolina larga. Ben altro conto è prendere una mano in poppa con vento teso.
Quel cunnigun sulla mura ti aiuta di certo ( non entro del merito del circuito e di come è dimensionato. Su quel cunnigum non ci sarà il carico delle drizza, è comunque da non sottovalutare ) , ma come detto da Albert nel suo lavoro gli capita spesso di sistemare vele danneggiate da toppa a toppa per le lesioni create nel tirare giù la ralinga della randa in poppa. In bolina larga la randa scende quasi sola senza sforzare più di tanto, in poppa scende solo applicando della forza bruta perchè porta ed è appoggiata sulle crocette. Almeno questo accade con la manovra classica di presa di terzaroli

Resta il fatto comunque che non ho mai preso la mano con 30 nodi, sempre anticipato abbondantemente quando necessario !
In altre occasioni critiche, prima di prendere la mano alla randa ho ammainato lo spi e via di genoa tangonato a farfalla, come fanno un po' tutti !!
Ciao

Non possiamo dirigere il vento, ma possiamo orientare le vele .
Seneca
19-07-2019 18:05
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Nimbo Offline
Senior utente

Messaggi: 2.606
Registrato: Mar 2010 Online
Messaggio: #65
Mani in poppa sotto spi
Psonalmente sul mini 650 riduco prima la randa e poi lo spi asimmetrico. Il bompresso e' 3 metri e quando mi capita di dover ridurre alle portanti, di solitoaorzo un po, lo spi mi porta in planata praticamente subito e basta lascare la randa che smette di portare e a que punto prendo la mano senza pressione e senza strusciamenti. Randa square top naturalmente full batten, con crocette in linea. Al timone di solito c'e' NKE che lavora senza fare cavolate.

Matteo
19-07-2019 18:12
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
albert Offline
Vecio ADV

Messaggi: 8.793
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #66
Mani in poppa sotto spi
Allora, mentre per prendere la mano di bolina si lascano scotta e vang e per ammainare rande a ralinga o senza carrelli dure a scendere si deve cazzare in basso la brancarella di mura del terzaruolo con una manovra tipo cunningham, altrimenti non vien giù nulla, in poppa la storia è completamente diversa: la tensione di balumina va mantenuta per evitare lo svergolamento, dunque vang e scotta non si devono toccare, la vela viene ammainata con la borosa di scotta che durante la manovra “sostituisce” il tratto di balumina lasca tra il boma e la brancarella, e mantiene il carico di scotta sul tratto di balumina tra la brancarella e la penna: così facendo la randa non si ribalta al di là delle sartie, cosa che, se la randa è fullbatten, porta ad uno sfracello di stecche e tasche relative e ad incastrare tutto. La drizza va lascata lentamente con uno o due colli sul winch e allo stesso ritmo di quanto viene cazzata la borosa. Nella fattispecie avrebbe potuto farlo “l’acrobata” ... se si è in due lo deve fare necessariamente il timoniere, senza distrarsi dalla conduzione ...
Ovviamente non bisogna nemmeno esagerare con la tensione che va dosata appunto lascando la drizza, per non strappare via la randa dalla canalina o dalle slitte.
Non so se sono stato sufficientemente chiaro.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 19-07-2019 18:41 da albert.)
19-07-2019 18:32
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
albert Offline
Vecio ADV

Messaggi: 8.793
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #67
Mani in poppa sotto spi
(19-07-2019 12:22)francescolambri Ha scritto:  3 metri di bompresso su 9,60 di barca bastano?

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Direi che è una bella misura !!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
19-07-2019 18:35
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
nape Offline
Senior utente

Messaggi: 1.384
Registrato: Aug 2016 Online
Messaggio: #68
RE: Mani in poppa sotto spi
(19-07-2019 17:34)crafter Ha scritto:  Cosa fate con il Vang quando prendete le mani al lasco? lo aggiustate? Alla fine del video quello che stava riprendendo ha fatto notare ai due ragazzi che avevano fatto tutto senza toccarlo.

per come lo tengo io, devo aprire la valvola di rilascio e recuperare dopo la manovra, altrimenti la borosa dietro non può andare a segno.

"Hell, you're not a real maxi owner yet, you're still on your first keel"
19-07-2019 19:36
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ZK Offline
Vecio AdV

Messaggi: 11.503
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #69
RE: Mani in poppa sotto spi
mi piacerebbe capire come fa una randa a spingere una barca senza generare un momento che la faccia appruare.

di genny e spi forse, possiamo parlarne.

si ragiona di due forze, quella della spinta del vento e la sua reazione, prodotta dallo scafo nell' acqua.

se tra le due c'e' un "braccio" (distanza tra i punti di applicazione) la prua va sotto per forza... a meno che a tirare la barca non sia un kait e murato verso prua.

amare le donne, dolce il caffe.
20-07-2019 08:04
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lord Offline
Vecio AdV

Messaggi: 6.658
Registrato: Apr 2008 Online
Messaggio: #70
RE: Mani in poppa sotto spi
Non si lasca scotta
Non si lasca vang
Si barte a cazzare dalla borosa, lascando in contemporanea la drizza.
Praticamente il contrario di quello che uno fa di solito.
C'è solo da provare alla prima occasione di ventone alle portanti

Quando ti entra nelle vene, non puoi più farne a meno Sir Peter Blake
N.B.J.S. Erik Aanderaa Chi è in mare naviga, chi è a terra giudica
20-07-2019 08:48
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
nape Offline
Senior utente

Messaggi: 1.384
Registrato: Aug 2016 Online
Messaggio: #71
RE: Mani in poppa sotto spi
dipende dal taglio della randa, lord, la mia è all'antica, molto grassa rispetto a quelle di oggi e con la mano diventa una lama. Rimessa in assetto dopo aver preso la mano, sul punto della scotta ho il boma che, se prima era spiovente verso poppa ora è orizzontale ed una spanna più alto. vabbé, più o meno...

"Hell, you're not a real maxi owner yet, you're still on your first keel"
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-07-2019 09:13 da nape.)
20-07-2019 09:12
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Offline
Tutor AdV

Messaggi: 12.651
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #72
RE: Mani in poppa sotto spi
nel metodo cazzando la borosa, come si aggancia l'anello della mura ?
20-07-2019 09:19
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bullo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 12.947
Registrato: Feb 2008 Online
Messaggio: #73
RE: Mani in poppa sotto spi
Noi facevamo così: il boma quasi in barca, Uno alla drizza e uno alla borosa, due all'albero, uno alla randa, l'importante farla venir giù contemporaneamente, angolo di scotta e di mura.
La randa 55 mq. steccata con carrelli, credo che con garrocci normali sia più difficoltoso forlo.
Sono 15 anni che lo spiego.-
20-07-2019 11:37
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lord Offline
Vecio AdV

Messaggi: 6.658
Registrato: Apr 2008 Online
Messaggio: #74
RE: Mani in poppa sotto spi
(20-07-2019 09:19)rob Ha scritto:  nel metodo cazzando la borosa, come si aggancia l'anello della mura ?

91 bella domanda
A pensarci anche i garrocci, se non cazzata la mura potrebbe avere problemi

Quando ti entra nelle vene, non puoi più farne a meno Sir Peter Blake
N.B.J.S. Erik Aanderaa Chi è in mare naviga, chi è a terra giudica
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 20-07-2019 12:34 da lord.)
20-07-2019 12:28
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Crocette molto acquartierate - regolare randa di poppa crocchidù 10 857 02-05-2021 17:13
Ultimo messaggio: crocchidù
  Quale miglior set di vele per vento medio forte in poppa? Zerbinati Davide 52 13.444 13-03-2021 19:55
Ultimo messaggio: rigel123
  Randa senza matafioni e mani di terzaroli morenji 51 10.295 12-01-2021 19:19
Ultimo messaggio: clavy
  Genoa sotto-dimensionato Code 0 v/s Gennaker seromanzi 44 3.468 30-11-2020 09:27
Ultimo messaggio: via col vento
  Notte, onda, vento di poppa che fare? frinky 25 3.250 01-09-2020 16:20
Ultimo messaggio: lord
  Terza mano su boma Selden a 2 mani borosa unica kavokcinque 14 1.983 20-04-2020 07:08
Ultimo messaggio: Lupicante
  Barca sotto invelata e velocitá incredibile mar.and 22 2.914 23-07-2019 18:14
Ultimo messaggio: Edolo
  Vela da poppa "blooper" lupo planante 7 2.144 25-09-2018 14:55
Ultimo messaggio: albert
  genoa sotto spi, alcune considerazioni Utente non piu' attivo 10 1.647 16-03-2018 14:40
Ultimo messaggio: Nimbo
  Dubbio su precedenza in poppa strapoggiata France WLF Sailing Team 36 4.131 30-01-2018 15:14
Ultimo messaggio: lord

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)