Rispondi 
Diario di bordo greco (Carlo B.)
Autore Messaggio
Trixarc Offline
Tutor AdV

Messaggi: 21.247
Registrato: Jun 2010 Online
Messaggio: #1
Diario di bordo greco (Carlo B.)
by Carlo B. (2013)

"...allora, fino a quando volete andare avanti con questo andazzo?" esclama Susy rivolgendosi con tono severo e un po' irato al sottoscritto ed all'ormai mitico super-mozzo Marco.
"Come sarebbe a dire" rispondo risentito.
"...sarebbe a dire: per quanto volete ancora fare i lavativi con questa storia dello stress" insiste Susy.
"Lavativi... ma come... la nostra è una ricerca seria...".
"Una ricerca un tubo" interrompe adirata Susy. "La barca è sporca...manca l'acqua... non posso lavare i piatti, i panni, usare l'elettricità! Insomma volete smetterla con questa storia dello stress sì o no? Se volete continuare così entro anch'io nella 'comunità dello stress': non cucino più... non pulisco più... non vi aiuto più nelle manovre e vi arrangiate! capito!".
Io e Marco ci scambiamo una rapida occhiata e con delle domande 'mute' guardandoci negli occhi 'Marco sai cucinare?' un cenno del capo verso l'alto con uno schioccare della lingua tra i denti tipico della gente di Sicilia che significa diniego. 'I panni?' altro diniego 'I piatti?' nemmeno mi risponde guardando da un'altra parte.
"Hai parlato ancora con la barca?" intervenni sorridendo per cercare di smorzare i toni della discussione. "Da quando hai visto il film de 'l'uomo che sussurrava ai cavalli' non sei più tu".
"Sentite voi due: se non iniziate immediatamente a fare i lavori per rendere 'Bianca' una barca frequentata da persone civili io vi pianto qui e vi arrangiate da soli! Avete capito?" sottolineò adirata "...e non bisogna parlare con 'Bianca' o con i cavalli o con chi volete voi per rendersi conto che siete... non fatemi dire parolacce!".
Marco mi guardava muto però la sua espressione era del tipo: '...ma non sei tu lo skipper? Sei anche l'armatore e ti lasci trattare in questo modo? Reagisci!".
Guardo Marco e sussurro: "Se non la smettiamo subito altro che stress... qui diventa un inferno senza Susy".
In effetti Susy è decisiva in quasi tutte le situazioni anche in quelle di emergenza.
L'altro giorno mentre eravamo all'ormeggio a Patmos aveva notato che il vento stava rinforzando e si stavano creando delle onde abbastanza pericolose. Io proprio qualche ora prima avevo consultato il meteo di tre diversi siti meteorologici che davano 'vento quasi olio' ero tranquillo. Comunque è mia abitudine prevedere sempre delle 'vie di fuga' in caso di imprevisti soprattutto dipendenti dal meteo ed a questo proposito avevamo verificato che proprio di fronte al nostro ormeggio c'era un molo abbastanza riparato dove, nel caso, poterci ormeggiare.
Susy insisteva affinchè spostassimo l'ormeggio ma io, forte delle previsioni meteo e un po' per pigrizia non avevo preso in considerazione i suoi consigli.
Mal me ne colse!
Susy, mia compagna di vita e di barca, naviga con me da ormai dieci anni. Con grande determinazione aveva accettato la parte meno 'cinematografica' dell'iconografia velica e la prima navigazione della sua vita la fece sulla rotta Cagliari/Biserta di 130 miglia. Le prime 25 ore, ad eccezione della prima ora, le aveva trascorse sdraiata nel quadrato con un catino in mano preda del mal di mare, vomitando tutto ciò che era possibile tant'è che arrivati a Biserta mi aspettavo tornasse a casa con il primo aereo. Invece, dopo aver ormeggiato nel marina (difficile chiamarlo così). alla mia domanda contrita '...come ti senti?' mi rispose sorprendentemente 'la prossima volta andrà meglio!'.
Ma non fu proprio così perchè la veleggiata successiva Biserta/Sidi bou-Said fu la fotocopia, ad eccezione delle prime due ore, della precedente.
A questo punto ritenevo conclusa la sua esperienza ma ancora una volta la sua tenacia mi sorprese perchè decise di continuare.
Visitammo la bella cittadina rilassandoci e ammirando il piacevole panorama con le belle case che facevano da contorno.
Giunse il momento di navigare e ritornare in Italia e, quindi, predisponemmo la rotta verso Pantelleria dopo aver ovviamente consultato i vari meteo... e così salpammo.
Passarono le prime tre ore. La guardavo aspettandomi che prima o poi intervenisse l'ormai solito mal di mare: nulla. Arriva la terza ora e Susy scende, con mia meraviglia, nella dinette e ritorna nel pozzetto con una scatola di cracker che incomincia a mangiare. Ero molto felice perchè ero sicuro che finalmente aveva vinto la sua battaglia.
Purtroppo passò solo un'ora dopo aver mangiato i cracker, che il mare le chiese nuovamente il suo obolo... e così arrivammo a Pantelleria con Susy sdraiata in dinette con ormai il suo personale catino.
Vinse la sua lotta nella tappa successiva Pantelleria/Marsala perchè nonostante le precedenti disastrose navigazioni decise di continuare e così vinse la sua personale sfida con il mal di mare e i malesseri da lui causati.

Da allora non subì più il mal di mare.
Dopo tale spiacevole esperienza, ma altamente formativa e necessaria per il suo futuro da 'barcomane', aveva acquisito una notevole sensibilità in tutto ciò che riguardava la navigazione e la gestione della barca tant'è che nel corso degli anni a venire le sue osservazioni, interventi e suggerimenti furono fondamentali per me anche per una corretta e confortevole navigazione. Non solo: la sua attenzione anche alle più piccole cose o avvenimenti apparentemente insignificanti la rende indispensabile non solo come compagna ideale di vita ma anche come validissimo aiuto velico. Il suo unico problema è l'antipatia per il timone ma, a dire il vero, questo non mi dispiace perchè non mi potrà mai 'soffiare' il comando dell'imbarcazione salvaguardando così il mio orgoglio di comandante.
Intanto e in breve tempo il mare si ingrossò notevolmente rendendo insicuro l'ormeggio e il vento aveva assunto una forza tale da impedire di liberarci dalle ormai tesissime cime che avevamo predisposto nel tentativo di difenderci dal forte vento laterale che spingeva 'Bianca' verso la banchina. Eravamo rassegnati ad appoggiarci con una fiancata in banchina e stavamo predisponendo tutti i parabordi sulla fiancata sottovento affinchè 'Bianca' non subisse danni a fronte della della forte pressione che il vento avrebbe esercitato sulla sua fiancata.
E qui avvenne l'imponderabile: il vento calò improvvisamente e a motivo della nuova situazione presi una decisione immediata: diedi ordine di liberare le cime ormai lasche e di abbandonarle sul posto (saremmo passati più tardi a recuperarle) dando contemporaneamente motore in avanti a tutta forza al fine di allontanarci velocemente dalla ormai pericolosissima banchina.
La manovra ebbe successo senza che 'Bianca' subisse danni. Ci ancorammo al nuovo ormeggio ben riparato di fronte a noi e subito dopo il nuovo ancoraggio il vento riprese a soffiare violentemente.
'San Giovanni evangelista grazie!' fu il muto ringraziamento a Yoannis patrono di Patmos. 'Però ora dovresti occuparti seriamente anche della questione Susy/stress perchè qui è messa in serio pericolo la nostra faticosa ricerca. Attendiamo fiduciosi un tuo benevolo segno anche. se vuoi, divino'.


Il 2013 fu un anno velisticamente fantastico: navigammo 7 mesi nel mare nostrum per quasi 3000 miglia e Susy si fece molto rispettare ed ammirare per la sua determinazione.

Il link della discussione è http://forum.amicidellavela.it/showthrea...tid=130061

https://www.youtube.com/user/trixarc100
25-07-2019 15:06
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Diario di una crociera in Croazia (windex) Trixarc 1 3.420 15-10-2013 21:06
Ultimo messaggio: Trixarc
  Dal diario di una crociera in Croazia (pescasio) Trixarc 1 1.361 13-09-2011 17:06
Ultimo messaggio: Trixarc
  Diario di una traversata (Angy) Trixarc 1 1.691 05-09-2011 23:54
Ultimo messaggio: Trixarc
  Dal diario di bordo di una traversata (Pegaso) Trixarc 1 2.003 05-09-2011 22:24
Ultimo messaggio: Trixarc
  Diario di bordo di crociera in Dalmazia (pescasio) Trixarc 1 1.934 05-09-2011 22:15
Ultimo messaggio: Trixarc
  Diario di bordo in Croazia (Ghibli4) Trixarc 1 1.454 05-09-2011 20:31
Ultimo messaggio: Trixarc
  Sardegna-Corsica 2011, diario di navigazione. Petrel II 1 2.666 18-07-2011 16:39
Ultimo messaggio: Petrel II

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)