Rispondi 
Consiglio per far carena in autonomia.
Autore Messaggio
andros Offline
Vecio AdV

Messaggi: 21.214
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #21
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
volete portare a zero la carena?niente di più facile e rapido: mola a mano con regolatore di velocità,disco di carta e con la giusta velocità,passate veloci a scorrere. ci viene una qualche tacca?(se avete manico meno di quel che si pensi)una stuccatina e via.
in una giornata si fa un 9mt.
in grecia ho visto un artista del genere;un fùlmin.
certamente maschera seria,occhiali e tuta altrimenti si torna a casa blu o rossi.


quando muori,non sai di essere morto,non soffri tu ma soffrono gli altri. la stessa cosa quando sei un imbe..lle

ieri 11:49
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Flask Offline
Amico del Forum

Messaggi: 195
Registrato: May 2019 Online
Messaggio: #22
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
si, stavo pensando anch'io, per l'anno prossimo, di usare la smerigliatrice angolare con grana fine invece della rotorbitale. Per il bulbo però. Sullo scafo non me la sento

"any sufficiently advanced technology is indistinguishable from magic"
ieri 13:48
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
andros Offline
Vecio AdV

Messaggi: 21.214
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #23
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
(ieri 13:48)Flask Ha scritto:  si, stavo pensando anch'io, per l'anno prossimo, di usare la smerigliatrice angolare con grana fine invece della rotorbitale. Per il bulbo però. Sullo scafo non me la sento
prova e vedrai che non difficile.


quando muori,non sai di essere morto,non soffri tu ma soffrono gli altri. la stessa cosa quando sei un imbe..lle

ieri 13:50
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Flask Offline
Amico del Forum

Messaggi: 195
Registrato: May 2019 Online
Messaggio: #24
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
va bene dai, tanto all'inizio bisognerà un po' prenderci la mano come con tutte le cose.

a prenderci la mano penso che ci siano solo vantaggi rispetto alla rotorbitale (a parte l'aspirazione.... ma io divento blu lo stesso anche con la rotorbitale :-) )

"any sufficiently advanced technology is indistinguishable from magic"
ieri 14:33
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
kavokcinque Online
Vecio AdV

Messaggi: 4.099
Registrato: Nov 2015 Online
Messaggio: #25
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
Chi mette la barca di prova per prenderci la mano?
ieri 14:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
orteip Offline
Vecio AdV

Messaggi: 3.830
Registrato: Mar 2013 Online
Messaggio: #26
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
(ieri 14:33)Flask Ha scritto:  va bene dai, tanto all'inizio bisognerà un po' prenderci la mano come con tutte le cose.

a prenderci la mano penso che ci siano solo vantaggi rispetto alla rotorbitale (a parte l'aspirazione.... ma io divento blu lo stesso anche con la rotorbitale :-) )

Vai con la giraffa di cui parlavo sopra che è esattamente come una smerigliatrice angolare ma gira molto più lentamente e non fai intacche neanche se ti ci metti di impegno.
Con la smerigliatrice angolare devi lavorare con il disco di taglio e fare le tacche è molto facile anche quando hai la mano, magari ne fai meno ma il gelcoat lo intacchi comunque. Con la giraffa, seppur più lentamente, il disco gira come quello della smerigliatrice angolare ma a differenza di questa con la giraffa lavori sempre con il disco in piano e non con i bordi dello stesso quindi, zero tacche.... 19

PS- da tenere presente che la vetroresina non è impermiabile e di fatti si forma l'osmosi; l'unica barriera impermiabile che la vetroresina ha verso l'acqua e che impedisce la formazione dell'osmosi è proprio il gealcot e non è proprio una buona cosa rischiare di danneggiarlo seriamente con delle tacche o semplicemente indebolendo il suo spessore in modo concentrato sempre con delle tacche.
ieri 18:48
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
andros Offline
Vecio AdV

Messaggi: 21.214
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #27
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
(ieri 18:48)orteip Ha scritto:  Vai con la giraffa di cui parlavo sopra che è esattamente come una smerigliatrice angolare ma gira molto più lentamente e non fai intacche neanche se ti ci metti di impegno.
Con la smerigliatrice angolare devi lavorare con il disco di taglio e fare le tacche è molto facile anche quando hai la mano, magari ne fai meno ma il gelcoat lo intacchi comunque. Con la giraffa, seppur più lentamente, il disco gira come quello della smerigliatrice angolare ma a differenza di questa con la giraffa lavori sempre con il disco in piano e non con i bordi dello stesso quindi, zero tacche.... 19

PS- da tenere presente che la vetroresina non è impermiabile e di fatti si forma l'osmosi; l'unica barriera impermiabile che la vetroresina ha verso l'acqua e che impedisce la formazione dell'osmosi è proprio il gealcot e non è proprio una buona cosa rischiare di danneggiarlo seriamente con delle tacche o semplicemente indebolendo il suo spessore in modo concentrato sempre con delle tacche.
1-assoutamente no,lavori di piatto
2-e allora le barche che hanno osmosi?la gelcottatura viene usata per evitare la verniciatura che si faceva prima dell'avvento del gelcoat.32

(ieri 14:54)kavokcinque Ha scritto:  Chi mette la barca di prova per prenderci la mano?
anni addietro 'era uno che stava togliendo l'avegeto con la roto.
dopo una settimana stava a caro amico.
gli ho illustrato l'arcano e detto fatto s'è atrezzato e in due giorni ha fatto tutto il resto.mi sta ancora ringraziando.
la tattica è:togliere grossolanamente il blu e con la roto si finisce.
e niente tacche o quasi tappate con stucco poliestere.
insomma la paura fa 90 vero ma se non ci provi non capisci che tutto sommato è facile.


quando muori,non sai di essere morto,non soffri tu ma soffrono gli altri. la stessa cosa quando sei un imbe..lle

(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: ieri 21:01 da andros.)
ieri 20:56
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
orteip Offline
Vecio AdV

Messaggi: 3.830
Registrato: Mar 2013 Online
Messaggio: #28
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
(ieri 20:56)andros Ha scritto:  1-assoutamente no,lavori di piatto
2-e allora le barche che hanno osmosi?la gelcottatura viene usata per evitare la verniciatura che si faceva prima dell'avvento del gelcoat.32

anni addietro 'era uno che stava togliendo l'avegeto con la roto.
dopo una settimana stava a caro amico.
gli ho illustrato l'arcano e detto fatto s'è atrezzato e in due giorni ha fatto tutto il resto.mi sta ancora ringraziando.
la tattica è:togliere grossolanamente il blu e con la roto si finisce.
e niente tacche o quasi tappate con stucco poliestere.
insomma la paura fa 90 vero ma se non ci provi non capisci che tutto sommato è facile.

Buongiorno Andros, mi dispiace contraddirti questa volta ma fidati se ti dico che con la smerigliatrice angolare non ci lavori con il disco di piatto. Ne ho fatto tale abbondante uso da poterne esserne tecnicamente e praticamente un esperto certificato....19
La smerigliatrice angolare ha i dischi che si bloccano con un dado piatto centrale ma per quanto piatto possa essere questo dado, resta sempre un pò sporgente dal disco che se lo mettessi di piatto, quel bullone ti massacrerebbe la superficie in modo pesante e quindi il disco non può lavorare di piatto ma va tenuto con una certa inclinazione il che, senza un’adeguata pressione che flette il disco, questo lavorerebbe con il suo bordo affondando nel gealcoat creando profonde intaccature.
Per lavorare con la smerigliatrice angolare occorre una certa mano per tenere il disco con una determinata inclinazione costante rispetto alle superfici esercitando sullo stesso un’adeguata pressione tale da far flettere il disco in modo tale che questi lavori di piatto con una parte della superficie. Se si esercita poca pressione il disco tende ad addrizzarsi e fare le tacche; se si aumenta la pressione tocca il bullone piatto che ferma il disco e si massacrano le superfici ed il bullone tocca anche se invece di aumentare la pressione si diminuisce l’inclinazione per portare il disco a lavorare di piatto; se si aumenta l’inclinazione si fanno delle tacche profonde con il bordo del disco, ecc.. E bastano poche variazioni in un senso o nell’altro per fare danni seri se non si ha una buona mano acquisita con molta esperienza; poi per i meno esperti basta provare per capire se ho ragione o meno.

Caro Andros ti devo smentire anche sul fatto che il gealcot è una barriera all’acqua per la vetroresina e per questo non serve dare retta a me ma basta fare una veloce ricerca su internet, sulle cause dell’osmosi o sullo stesso gealcoat. Ora devo andare al lavoro e non ho molto tempo per darti molte indicazioni, questa è la prima che ho trovato al volo https://www.hinelson.com/blog/manutenzione-gelcoat/ ma se cerchi le cause dell’osmosi trovi soddisfazione in quello che affermo.

Buonagiornata a tutti
oggi 07:18
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
enio.rossi Offline
Senior utente

Messaggi: 3.281
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #29
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
A mio modesto avviso è meglio usare il raschietto Stanley, Bahco o altri con lama in carburo di tungsteno. Perché nessuno ne parla?
oggi 08:16
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
orteip Offline
Vecio AdV

Messaggi: 3.830
Registrato: Mar 2013 Online
Messaggio: #30
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
@Andros - sempre in merito all’impermeabilità del gelcoat che se danneggiato può causare osmosi https://www.nautica.it/manutenzione-rest...a-curarla/

E via così
oggi 08:34
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
CkDre Offline
Amico del Forum

Messaggi: 473
Registrato: Feb 2016 Online
Messaggio: #31
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
Quando ho fatto io questo lavoro ho usato questa Festool: "Festool Levigatrice orbitale rotativa RO 150 FEQ ROTEX". Orbita e ruota, perciò dovrebbe asportare il materiale abbastanza in fretta. Probabilmente perchè la barca aveva parecchi strati di vecchia antivegetativa dura è stato comunque un lavoraccio. Nonostante l'aspirapolvere, occhiali, maschera e tuta ne sono uscito completamente rosso Smile

Ora dovrei fare lo stesso lavoro su un'altra barca e sto valutando il raschietto, come dice qui sopra ennio.rossi. Qualcuno con esperienze dirette può dire la sua a riguardo? fin'ora nel thread quasi nessuno lo ha suggerito...
oggi 08:49
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bullo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 11.241
Registrato: Feb 2008 Online
Messaggio: #32
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
Enio leggi il messaggio 15.-
oggi 09:19
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bludiprua Offline
Vecio AdV

Messaggi: 2.652
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #33
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
(oggi 08:16)enio.rossi Ha scritto:  Perché nessuno ne parla?

Messaggi #3 e #15!!
oggi 09:25
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
CkDre Offline
Amico del Forum

Messaggi: 473
Registrato: Feb 2016 Online
Messaggio: #34
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
Bullo si usa il raschietto sulla carena asciutta o bisogna usare uno sverniciatore? Sto guardando che tipo di raschietto acquistare, ma si usa tirando o spingendo?
oggi 10:49
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
andros Offline
Vecio AdV

Messaggi: 21.214
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #35
RE: Consiglio per far carena in autonomia.
(oggi 07:18)orteip Ha scritto:  Buongiorno Andros, mi dispiace contraddirti questa volta ma fidati se ti dico che con la smerigliatrice angolare non ci lavori con il disco di piatto. Ne ho fatto tale abbondante uso da poterne esserne tecnicamente e praticamente un esperto certificato....19
La smerigliatrice angolare ha i dischi che si bloccano con un dado piatto centrale ma per quanto piatto possa essere questo dado, resta sempre un pò sporgente dal disco che se lo mettessi di piatto, quel bullone ti massacrerebbe la superficie in modo pesante e quindi il disco non può lavorare di piatto ma va tenuto con una certa inclinazione il che, senza un’adeguata pressione che flette il disco, questo lavorerebbe con il suo bordo affondando nel gealcoat creando profonde intaccature.
Per lavorare con la smerigliatrice angolare occorre una certa mano per tenere il disco con una determinata inclinazione costante rispetto alle superfici esercitando sullo stesso un’adeguata pressione tale da far flettere il disco in modo tale che questi lavori di piatto con una parte della superficie. Se si esercita poca pressione il disco tende ad addrizzarsi e fare le tacche; se si aumenta la pressione tocca il bullone piatto che ferma il disco e si massacrano le superfici ed il bullone tocca anche se invece di aumentare la pressione si diminuisce l’inclinazione per portare il disco a lavorare di piatto; se si aumenta l’inclinazione si fanno delle tacche profonde con il bordo del disco, ecc.. E bastano poche variazioni in un senso o nell’altro per fare danni seri se non si ha una buona mano acquisita con molta esperienza; poi per i meno esperti basta provare per capire se ho ragione o meno.

Caro Andros ti devo smentire anche sul fatto che il gealcot è una barriera all’acqua per la vetroresina e per questo non serve dare retta a me ma basta fare una veloce ricerca su internet, sulle cause dell’osmosi o sullo stesso gealcoat. Ora devo andare al lavoro e non ho molto tempo per darti molte indicazioni, questa è la prima che ho trovato al volo https://www.hinelson.com/blog/manutenzione-gelcoat/ ma se cerchi le cause dell’osmosi trovi soddisfazione in quello che affermo.

Buonagiornata a tutti
Pietro,se ti dico che con il disco di carta si fa senza tante bagatelle mi devi credere.ci ho messo il naso,toccato con mano.

e chi ha mai detto che il gelcoat è una barriera per l'acqua?avrei detto una castroneria.

e qui mi fermo perchè non mi va di fare discussioni sterili.
o mi si crede o non mi si crede ma questo non sposta minimamente quello che ho visto e rivisto e alla fine ognuno sulla proria barca fa quello che meglio crede.
un saluto...abrasivo32

(oggi 08:16)enio.rossi Ha scritto:  A mio modesto avviso è meglio usare il raschietto Stanley, Bahco o altri con lama in carburo di tungsteno. Perché nessuno ne parla?
tu prova a raschiettare anni e anni di avegeto poi mi racconti.
io ci ho messo 5gg.mai più.


quando muori,non sai di essere morto,non soffri tu ma soffrono gli altri. la stessa cosa quando sei un imbe..lle

(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: oggi 10:55 da andros.)
oggi 10:53
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Carena con coppercoat histriavela 2 220 23-07-2020 10:20
Ultimo messaggio: clavy
  Pulisci Carena Scrubbis frankcilo 66 17.229 11-07-2020 19:58
Ultimo messaggio: Vitto
  Opzioni manutenzione carena. crafter 7 643 20-05-2020 16:15
Ultimo messaggio: crafter
  riduzione spazio tra pala timone e carena Alfonso69 10 527 22-01-2020 06:32
Ultimo messaggio: Alfonso69
  rifacimento teak in autonomia senzadimora 35 3.706 17-09-2019 17:24
Ultimo messaggio: Vincenzo Cocciolo
  Rivestimento epossidico carena. Lupicante 4 724 08-05-2019 15:55
Ultimo messaggio: ciro_ma_non_ferrara
  carena con sub a riva di traiano mao 8 789 11-04-2019 07:09
Ultimo messaggio: Trixarc
  Trattamento carena VTR 6,5 m SeaMax 32 1.244 23-03-2019 00:36
Ultimo messaggio: SeaMax
  Preparazione carena per ciclo antiosmosi Veneziani Wally 9 978 21-02-2019 20:05
Ultimo messaggio: Wally
  abbattere in carena Leonardo Vecchi 23 4.681 05-02-2019 11:09
Ultimo messaggio: Vaalter

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: irino, rosama, Sagitta30, 1 Ospite(i)