Rispondi 
E questo chi sa cos'è?!?
Autore Messaggio
mnoga Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 146
Registrato: Sep 2019 Online
Messaggio: #1
E questo chi sa cos'è?!?
Ciao a tutti, oggi ho trovato un oggetto sulla mia barca di cui ignoravo l'esistenza. Praticamente sotto al pozzetto, dietro alle scalette per scendere c'era questa cosa che allego. Qualcuno mi sa dire che roba è??

https://ibb.co/413HGkd
02-04-2022 23:30
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Offline
Tutor AdV

Messaggi: 12.648
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #2
RE: E questo chi sa cos'è?!?
Catetere per conserva di aringhe del '700 ?
02-04-2022 23:34
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
carlo1974 Offline
Senior utente

Messaggi: 1.627
Registrato: Sep 2018 Online
Messaggio: #3
RE: E questo chi sa cos'è?!?
dentro è pieno di glicerina e ci và la sonda dell'eco .

mi sono stancato di partecipare . ciao , ciao ...
02-04-2022 23:40
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #4
RE: E questo chi sa cos'è?!?
Lo avevo anche io per ecoscandaglio Elcos (nel 1994).

La sonda deve toccare il fondo (immersa quasi completamente nel liquido "olioso") che ho capito adesso da @carlo1974 che era glicerina (io ... non avevo mai capito).
Nel mio caso non era in vetro ma un tubo di plastica "segato" ed incollato sul fondo barca con la epossidica.
La sonda stava li' a ... galleggiare per gravita' ... in caso di "rovesciamento" (o sbandamento a 90 gradi) avrei fatto un casino (sarebbe stato il problema minore ?!?) ... perche' la tenuta del tappo ... non c'era !!!
Ho sostituito l'ecoscandaglio un paio di anni dopo eliminando tutto il "grasso/olio" ... con un sistema a contatto fondo (tramite resina epossidica, senza grasso/olio)

Io avevo questo in allegato (che ho ritrovato su SVB)


Allegati
.jpeg  Immagine 03-04-22 alle 00.34.jpeg (Dimensione: 27,29 KB / Download: 565)

"Ceux qui ne savent pas qu'un voilier est un être vivant ne comprendront jamais rien au bateau ni à la mer"
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 03-04-2022 00:42 da Aquila.)
03-04-2022 00:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
mnoga Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 146
Registrato: Sep 2019 Online
Messaggio: #5
RE: E questo chi sa cos'è?!?
Grazie, non ci sarei mai arrivato. Sarei veramente curioso di capire il funzionamento di questa cosa!
03-04-2022 08:43
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #6
E questo chi sa cos'è?!?
Precisazione : il tubo di plastica (da segare sulla forma dello scafo e poi resinare sul fondo) è “cavo”.
La tenuta dell’olio, a contatto con te scafo, la fa la resinatura con epoxy


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

"Ceux qui ne savent pas qu'un voilier est un être vivant ne comprendront jamais rien au bateau ni à la mer"
03-04-2022 13:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gennarino Offline
Amico del Forum

Messaggi: 615
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #7
RE: E questo chi sa cos'è?!?
Non è necessario tutto questo lavoro, basta incollare il sensore nella giusta posizione con molto silicone avendo cura di non intrappolare bolle d'aria.
03-04-2022 16:01
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #8
E questo chi sa cos'è?!?
Incollare con epoxy o silicone ?!?

Con tutto il rispetto, il lavoro è idem … Una volta fatta la forma al tubo (segato e limato) lo pulisci con un po’ di carta vetrata e irruvidisci il fondo barca dove incollarlo.
Lo cospargi di epoxy mischiata a microsfere o nicrofibre o stucco epox o … sempre una “crema soda” … e via. Finito.

Vuoi mettere la tenuta dell’ epoxy rispetto al silicone che appena lo tocchi si stacca un po’ per volta ?!?

A seccare … effettivamente epoxy ci mette di più…


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

"Ceux qui ne savent pas qu'un voilier est un être vivant ne comprendront jamais rien au bateau ni à la mer"
03-04-2022 16:10
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gennarino Offline
Amico del Forum

Messaggi: 615
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #9
RE: E questo chi sa cos'è?!?
Di solito il sensore sta sotto i paioli, il mio silicone non si è staccato un po' per volta, sta lì da 7 anni e il lavoro evidentemente non è "idem".
Poi ognuno ha le sue preferenze.
03-04-2022 16:38
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #10
E questo chi sa cos'è?!?
Il lavoro è idem ….

Il risultato , con tutte le preferenze del caso in cui ognuno fa come vuole, effettivamente non è “idem”


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

"Ceux qui ne savent pas qu'un voilier est un être vivant ne comprendront jamais rien au bateau ni à la mer"
03-04-2022 18:13
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gennarino Offline
Amico del Forum

Messaggi: 615
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #11
RE: E questo chi sa cos'è?!?
Invece di ripetere all'infinito che il lavoro è idem, confronta quanto hai descritto nel tuo intervento #8 con quanto indicato da me nel #7 e vedrai che non è proprio uguale.
In ogni caso tu hai usato un sistema di cui sei soddisfatto, io.. idem, nessuno di noi lo cambierà.
Chi deve fare il lavoro potrà valutare e decidere come vuole magari tra altre opzioni anche migliori.
B.V.
03-04-2022 18:35
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #12
E questo chi sa cos'è?!?
Guarda che secondo me il lavoro (fino all’incollaggio) è idem … poi epoxy o silicone fa il risultato che non è idem … cioè iil risultato è ben diverso).
Certo ognuno fa come vuole … ma essendo materiali diversi … come fa ad essere idem ?!?
Tutto qua poi … uffa … se per te il risultato è uguale o idem … per me va bene figurati


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

"Ceux qui ne savent pas qu'un voilier est un être vivant ne comprendront jamais rien au bateau ni à la mer"
03-04-2022 19:38
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
orsopapus Offline
Amico del Forum

Messaggi: 879
Registrato: Jun 2014 Online
Messaggio: #13
RE: E questo chi sa cos'è?!?
@gennarino
Mi puoi dare un chiarimento? Il sensore lo hai inserito in un tubo pieno di olio e fissato alla vetroresina con il silicone oppure hai fatto una base di silicone di qualche centimetro ed hai inserito il sensore nel silicone fresco e coperto il tutto con altro silicone?

Grazie
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-04-2022 19:51 da orsopapus.)
04-04-2022 19:51
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #14
RE: E questo chi sa cos'è?!?
ah ... adesso ho capito (credo eh) perche' @gennarino insisteva e non ci capivamo ... ha incollato LA SONDA con il silicone ... direttamente (e non il "tubo" contenitore dell'olio).

Cosi' facendo (con il silicone, la sonda) ... boh ... ok se ti funziona ... io non so (ovviamente fai prima, ed ecco perche' ... il "lavoro" non e' idem ... secondo @gennarino) ma, cosi' facendo, non riusciamo a gestire eventuale scafo a V (inclinato).
Il tubo con l'olio/glicerina e' necessario per tenere sonda perfettamente orizzontale ... e' nato/pensato per questo !!!

Nella mia installazione, il fondo barca era inclinato (come nella foto postata) e pure svasato ... quindi ... nisba. Inoltre era in un punto di passaggio a pruavia dell'albero (nella cabina di prua) e ci avevan costruito sopra una scatolina di legno.

BV

"Ceux qui ne savent pas qu'un voilier est un être vivant ne comprendront jamais rien au bateau ni à la mer"
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 05-04-2022 00:36 da Aquila.)
05-04-2022 00:29
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gaspare.agate Offline
Senior utente

Messaggi: 3.455
Registrato: Nov 2007 Online
Messaggio: #15
RE: E questo chi sa cos'è?!?
(03-04-2022 16:01)gennarino Ha scritto:  Non è necessario tutto questo lavoro, basta incollare il sensore nella giusta posizione con molto silicone avendo cura di non intrappolare bolle d'aria.

Sulla mia ho messo una noce di epossidica e lho incollato sopra
05-04-2022 04:01
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Wally Offline
Senior utente

Messaggi: 3.289
Registrato: Mar 2018 Online
Messaggio: #16
RE: E questo chi sa cos'è?!?
Esistono anche le sonde Airmar P79 progettate per interno in bagno d'olio si vaselina od altro. Mi funziona perfettamente.
05-04-2022 11:21
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Williwaw Offline
Amico del Forum

Messaggi: 970
Registrato: May 2006 Online
Messaggio: #17
RE: E questo chi sa cos'è?!?
In realtà l'ecosonda rileva il riflesso delle onde sonore sulle interfacce. Meno interfacce ci sono e meglio il segnalre si trasmette. Quindi, considerato che lo scafo (in una zona piena e non di sandwich) costituisce una interfaccia ineliminabile (a meno che non si usi una sonda passante attraverso lo scafo), il materiale di accoppiamento dovrebbe essere quanto più possibile identico alla parete dello scafo, in modo da non creare ulteriori interfacce.
Quindi, di massima, incollare senza bolle un trasduttore ad uno scafo in resina con la stessa resina o con una epossidica, dovrebbe garantire una migliore trasmissione delle onde sonore. Peraltro, se non è necessaria una altissima qualità del segnale e basta misurare una profondità, più o meno tutto va bene.
In casi di altissima qualità di segnale meglio un traduttore passante.
Tra le resine misurate, la resina epossidica è risultata la migliore
candidata ad assolvere la funzione di “filler” per backing acustici in
quanto presenta un’impedenza acustica relativamente elevata, un
valore dell’attenuazione accettabile sia a 5 MHz che a 20 MHz e una
durezza di tipo Shore D che rende sicuro l’incollaggio del trasduttore.
I siliconi attenuano molto la trasmissione del suono (come si vede nei serramenti insonorizzati), peraltro, ribadisco, se la qualità necessaria è modesta possono andare anche loro: in medicina si rivestono le sonde con una sottile guaina elastica per motivi di igiene e sterilità, senda danni significativi al segnale.
05-04-2022 12:39
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
maurotss Offline
Senior utente

Messaggi: 4.902
Registrato: Feb 2010 Online
Messaggio: #18
RE: E questo chi sa cos'è?!?
Incollata all'interno con epossidica da diversi anni è ancora là non si muove.
05-04-2022 22:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Markolone Offline
Senior utente

Messaggi: 4.831
Registrato: Dec 2009 Online
Messaggio: #19
RE: E questo chi sa cos'è?!?
Io la incollai con epossidica dopo aver ovviamente eliminato il controstampo. Ero indeciso sul materiale da utilizzare ma le istruzioni allegate alla sonda sconsigliavano il silicone in quanto, avendo una consistenza gommosa, avrebbe attenuato le vibrazioni.
Per la cronaca: la profondità massima teorica dichiarata per quel dispositivo è di 500 metri, Con incollaggio epox mi perde il segnale intorno ai 180 metri.
06-04-2022 13:47
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gennarino Offline
Amico del Forum

Messaggi: 615
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #20
RE: E questo chi sa cos'è?!?
orsopapus la seconda che hai detto: ho preparato la base di silicone ed ci ho affogato direttamente il sensore senza ricoprirlo ma badando che fosse perpendicolare al fondale. Ho preferito il silicone perché è rimovibile ed il sensore può così essere all'occorrenza riposizionato o sostituito più facilmente rispetto all'incollaggio con epossidica.
Per quanto riguarda la precisione della misura concordo con Williwaw, i sensori passanti sono più accurati.
Io ho installato in sentina un sensore da esterno che andrebbe a contatto diretto con l'acqua, e non ho riscontrato errori significativi. Comunque con uno scandaglio a mano è facilissimo verificare la differenza tra lettura e realtà, già dalla banchina e poi a varie profondità e farsi così un'idea dello scarto percentuale.
B.V.
07-04-2022 12:44
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  CAPT.TOLLEY'S chi conosce questo sigillnte nautico? GARIBALDI 8 613 07-11-2021 15:11
Ultimo messaggio: GARIBALDI
  Boiler Quick questo sconosciuto Rino 23 4.945 30-09-2020 18:59
Ultimo messaggio: ITA-16495
  frigo questo (s)conosciuto.vademecum per il faidate andros 56 87.173 06-03-2020 19:32
Ultimo messaggio: ciro_ma_non_ferrara
  conoscete questo attrezzo? bistag 7 2.236 28-12-2017 23:34
Ultimo messaggio: riccardot5765
  che razza di zinco é questo? non lo trovo su marineparts.com marcofailla 5 1.883 06-12-2016 11:50
Ultimo messaggio: marcofailla
  Dove si trova questo rivestimento? pepe1395 1 2.165 27-06-2016 14:51
Ultimo messaggio: falanghina
  Impregnante cerato: questo sconosciuto. Frappettini 15 5.991 28-02-2016 16:59
Ultimo messaggio: marco s
  mi aiutate ad identificare questo salpa ancora? s.degresti 4 1.544 01-10-2015 17:55
Ultimo messaggio: Mitrà
  Ogni cantiere ha il suo "genio". Chi sarà questo? Tamata64 17 7.549 09-12-2014 22:54
Ultimo messaggio: corradino
  A cosa serve questo rubinetto/valvola vaimo 9 5.167 01-12-2014 19:24
Ultimo messaggio: rob

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)