Rispondi 
Due conti sul Calumo
Autore Messaggio
don shimoda Offline
Senior utente

Messaggi: 1.236
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #1
Due conti sul Calumo
"Il calumo è la lunghezza complessiva di catena ed eventualmente cima filata per l’ancoraggio. La misura va presa dall'ancora al musone o all'occhio di cubia". (Nautipedia)

Il mio intento è quello di studiare il comportamento teorico del calumo che trattiene una barca ormeggiata all’ancora e sottoposta ad un tiro orizzontale dovuto al vento, alla corrente od altro:
individuando la forma della curva e quantizzando le misure e forze in gioco, al fine di capire cosa succede con l'aumento progressivo della forza di tiro ed anche di valutare sistemi alternativi come la zavorra interposta lungo la catena (Salmone) ed il calumo misto catena + cima.
Dal momento che è uno studio teorico ci sono evidenti limiti pratici.

Lascio il link per una presentazione.
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Se interessati al file Excel inviatemi MP con indirizzo Email
versione *.xls o xlsm.
I file excel contengono funzioni e moduli in visual basic che necessiteranno il vostro consenso per essere attivati in quanto ritenuti potenzialmente pericolosi.
21-10-2023 20:28
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Offline
Vecio AdV

Messaggi: 14.333
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #2
RE: Due conti sul Calumo
il Drive chiede una autorizzazione, non si può scaricare il file

ehm comunque, ci sono tante discussioni con un sacco di dati numerici tirati fuori dai file excel di Alain Fraysse, Artimon, etc che trattano dello stesso tema, catenaria salmone eccetera, i primi sono venuti fuori alla fine anni '90 Smile
21-10-2023 20:41
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
don shimoda Offline
Senior utente

Messaggi: 1.236
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #3
RE: Due conti sul Calumo
Smiley3 troppo tardi, bhe se non altro mi sono levato lo sfizio.
autorizzazzione aperta a tutti
21-10-2023 21:00
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Senior utente

Messaggi: 2.396
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #4
Due conti sul Calumo
Mi mandi anche i fogli excel?

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
22-10-2023 01:05
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Offline
Vecio AdV

Messaggi: 14.333
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #5
RE: Due conti sul Calumo
Qui ce ne sono per vari casi

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Era fine anni '90, c'era una rivista francese "Loisirs nautiques" che era una pepita nell'editoria nautica, articoli molto interessanti (fra cui questi di Fraysse, penso il primo a guardare in modo un po' più analitico catenaria e compagnia), degli "Hors série" che all'epoca erano un riferimento, articoli sull'autocostruzione, su come farsi un timone a vento, eccetera.
Poi come tutte le belle cose ha chiuso, fra l'altro prima dell'arrivo del digitale Sad
22-10-2023 09:26
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Senior utente

Messaggi: 2.396
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #6
RE: Due conti sul Calumo
Si, la pagina di Fraysse è dove ho trovato già sviluppata la formula che lega l'equazione iperbolica della catenaria alla tensioni, che non avevo voglia di svilupparmi da solo.
C'è un sacco di materiale interessante.

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
22-10-2023 10:02
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Offline
Vecio AdV

Messaggi: 14.333
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #7
RE: Due conti sul Calumo
C'è un altro file excel ancora più sofisticato fatto da un altro francese, considera addirittura l'elasticità della catena (!) e compagnia, boh a me sembra che al di là di un certo livello di approfondimento la quantità di ipotesi che si devono accettare è tale che rischia di essere tutto estremamente specifico ma meno aderente alla realtà. Se... se... se... se... ...allora questo o quello.

Sua storia personale è un Centralien di un'ottantina d'anni, ormai forse anche 90, dopo l'uscita dall'ALgeria la Francia aveva bisogno di una nuova base spaziale, gli hanno affidato la creazione di un nuovo centro in Guyana, praticamente la base di Lancio Ariane l'ha tirata su lui Smile
In barca ha/aveva uno splendido Garcia di 18m tutto rosso, lui e il suo gruppetto di amici 7-80enni sono stati in tutto il gran Nord Artide, Lofoten Svalbard, poi hanno tentato il passaggio a NW ma mi sembra siano dovuti tornare indietro. Una volta li ho incrociati, buffissimo un'aria da casa di riposo per vecchietti anchilosati e invece gente che andava dappertutto.

Correva il 2012, avevo ricopiato nel blog una serie di figure e casi che all'epoca erano stati discussi nel forum
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
22-10-2023 12:30
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
matteo Offline
Senior utente

Messaggi: 3.873
Registrato: Nov 2005 Online
Messaggio: #8
RE: Due conti sul Calumo
Centralien?
15-11-2023 12:07
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Offline
Vecio AdV

Messaggi: 14.333
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #9
RE: Due conti sul Calumo
Ho verificato mi sono sbagliato è polytechnicien, "un X" come dicono i giovani. Centraliens sono quelli che hanno fatto Centrale, un'altra delle Grandes Ecoles francesi di ingegneria; poi ci sono i Normaliens quelli che hanno fatto una delle Ecoles Normales, gli énarques che hanno fatto l'Ena, ecc ecc tutti queste classificazioni tipicamente francesi del livello di studio. Smile
15-11-2023 12:19
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ZK Offline
Vecio AdV

Messaggi: 11.568
Registrato: Dec 2005 Online
Messaggio: #10
RE: Due conti sul Calumo
Ci sono sempre almeno due punti di vista e sempre almeno due livelli di approssimazione.
Conoscere l energia potenziale di una catenaria può servire a capire fino a che velocità della barca il calmo può assorbire l energia cinetica della barca.
In realtà con questa cosa ci si fa ben poco. Quando il brandeggio si fa importante l energia della barca si scarica per forza sull ancora in modo spesso devastante.
Se invece dal dato si chiedesse altro, tipo il fondale ideale o il tipo di calumo... Allora il discorso può farsi interessante, specie se l ottimizzazione fa i conti pure col peso da portarsi "davanti".
Approssimando:
la massima energia potenziale della catenaria e uguale al peso della catena per la metà del (fondale+l altezza del musone)
La funzione ha un flesso tra i 5 ed i 10 metri di fondale e questo è già di suo un dato serio l altro è che oltre i 30metri di catena l aumento dell' energia potenziale cresce di pochissimo.
Anche se: da padrone la faranno comunque il tipo di fondale e di ancora ci si potrebbe anche soffermare sull allungamento del calumo chiamando allungamento: la corsa che può fare la barca dalla posizione di riposo del calumo (catena che scende verticale sul fondo e poi va fino all' ancora) e la sua massima estensione (roba da teorema di Pitagora) e, a quel punto chiedersi se dare tanta libertà di movimento ai fini del brandeggio "un" sia un autogoal.
In Arno le barche ormeggiate in "banchina" hanno a fine Trappa due metri di catena e delle ancorine risibili fatte di tondino di ferro di quelli usati in edilizia.
Tengono anche al traverso solo e perché l essere legate dall' altra parte ne impedisce il brandeggio.
Ragionare di calumo "parlando di sicurezza" ha poco valore, ragionare su brandeggio o al limite di onde...be, quello potrebbe avere un senso.
Io non sto mai all ancora con onda formata e sveglio per sveglio me ne vado altrove, sul brandeggio un paio di cose me le sono ragionate e pure "studiate" la mia soluzione più efficace è spostare il tiro a poppa.
Lo posso fare perché vado in giro con meno di 50 metri di catena e quando la legge lo consente tiro una cima o più a terra in Italia questa soluzione è vietata. C'è sempre l opzione ancora a poppa ma non so come dirlo:è macchinosa e in caso di rotazioni del vento può essere anche pericolosa
Scrivo queste cose solo perché in qualche modo il mio amico Don mi ci ha tirato per i capelli... L ormeggio è un opinione e forse a dare 150 metri di catena con 50/60 nodi di vento qualcuno va giù tranquillo a dormire. Io sono troppo apprensivo e in quelle condizioni comunque non dormirei.

amare le donne, dolce il caffe.
03-12-2023 19:41
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Senior utente

Messaggi: 2.396
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #11
Due conti sul Calumo
Farsi qualche conto ha senso per avere un'idea delle relazioni di massima, cioè capire quali parametri hanno più impatto.
Fare analisi quantitative ed elaborare un modello numerico a prescindere dai tests sperimentali invece è molto difficile.
Le equazioni in gioco sono straordinariamente complesse e non sono sicuro che si possa raggiungere un livello di accuratezza adeguato.
Certo è che ancora e onda non vanno d'accordo, ma questo si impara empiricamente e non c'è bisogno di modelli (che sarebbero un bel casino).

Sent from my SM-G991B using Tapatalk

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
03-12-2023 19:53
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
don shimoda Offline
Senior utente

Messaggi: 1.236
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #12
RE: Due conti sul Calumo
Intanto Buon anno a tutti
(03-12-2023 19:53)AndreaB72 Ha scritto:  Farsi qualche conto ha senso per avere un'idea delle relazioni di massima, cioè capire quali parametri hanno più impatto.
...
Si, questo è il Senso di quanto ho proposto, una cosa di pura teoria ma precisa e puntuale sul margine di elasticità di confort e quale è il limite a cui può resistere un "calumo" .
Una cosa comunque mi è servita:
Capire che una zavorra lungo la catena serve veramente a poco, così ad intuito avrei scommesso in un vantaggio superiore.
Cosa che invece trovo molto vantaggiosa in un ormeggio di poppa a banchina come detto quì:
https://forum.amicidellavela.it/showthre...t=ormeggio
#17 e #19
01-01-2024 16:06
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
luca boetti Offline
Amico del forum

Messaggi: 948
Registrato: May 2015 Online
Messaggio: #13
RE: Due conti sul Calumo
Mio figlio ha studiato ingenieria in una grand école farancese Ecole des mines de Paris, pue essendo un erudito in materia, mi dice che il piu sovente quando creano sistemi o strutture, vanno a caso, calcolano piu o meno e provano e riprovano fino a quando arrivano al risultato voluto, ovviamente non con i voli spaziali abitati...
28-01-2024 19:59
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Senior utente

Messaggi: 2.396
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #14
RE: Due conti sul Calumo
(28-01-2024 19:59)luca boetti Ha scritto:  Mio figlio ha studiato ingenieria in una grand école farancese Ecole des mines de Paris, pue essendo un erudito in materia, mi dice che il piu sovente quando creano sistemi o strutture, vanno a caso, calcolano piu o meno e provano e riprovano fino a quando arrivano al risultato voluto, ovviamente non con i voli spaziali abitati...

Da matematico, potrei obiettare che un ingegnere possa essere erudito Smile
A parte le battute - ogni campo della fisica, e di riflesso dell'ingegneria, ha una fase di modellazione teorica dove si stabiliscono le relazioni fra le quantità in gioco, e una fase sperimentale di tuning dove si aggiustano i modelli.
Vale anche per i voli abitati. Il testing viene fatto unmanned per poi passare ai prototipi.

Se vedi una discussione recente sull'argomento ancore, vedi che bullo dava dei contadini a quelli di Rocna che dimensionano al primo ordine usando la LFT, e invece si dimostra che hanno ragione loro. Ovviamente in Rocna hanno sviluppato bene il proprio modello per poi testarlo sul campo.

Sent from my SM-G991B using Tapatalk

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
28-01-2024 20:16
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Gabriele Online
Amico del forum

Messaggi: 1.014
Registrato: May 2007 Online
Messaggio: #15
RE: Due conti sul Calumo
(28-01-2024 20:16)AndreaB72 Ha scritto:  Da matematico, potrei obiettare che un ingegnere possa essere erudito Smile

In effetti ce ne sono tanti convinti che - all'atto pratico - sia π ≈ e ≈ 3 Smile

Ma obietteranno che pure Cauchy era ingeniero, oltre che erudito.
29-01-2024 13:26
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Senior utente

Messaggi: 2.396
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #16
RE: Due conti sul Calumo
E anche la radice di 10 Smile Smile

Sai la barzelletta del matematico del fisico e dell'ingegnere a cui viene dato un problema?
Il matematico risponde "la soluzione è unica".
Il fisico risponde "fa 10 più o meno 2".
L'ingegnere: "quanto vuoi che faccia?".

(29-01-2024 13:26)Gabriele Ha scritto:  In effetti ce ne sono tanti convinti che - all'atto pratico - sia π ≈ e ≈ 3 Smile

Ma obietteranno che pure Cauchy era ingeniero, oltre che erudito.

Sent from my SM-G991B using Tapatalk

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
29-01-2024 15:10
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Gabriele Online
Amico del forum

Messaggi: 1.014
Registrato: May 2007 Online
Messaggio: #17
RE: Due conti sul Calumo
Bellissima!! Big Grin
29-01-2024 16:12
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)