Rispondi 
PAIARDI ANGELO - IT - R18
Autore Messaggio
alipes Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 65
Registrato: May 2009 Online
Messaggio: #1
PAIARDI ANGELO - IT - R18
ciao,
io ho un r18, acquistato nuovo nel 2005, prima avevo un alpa brise, e mi trovo bene.
barca facile da gestire, ottima per chi, come me è praticamente un autodidatta, ideale per la famiglia e per le piccole escursioni.
stabile e sicura perdona gli errori.
sulla mia ho montato un fuoribordo elettrico con batteria alimentata da pannello solare inoltre ho realizzato un piede d'albero per renderlo abbattibile e ho modificato il tesabase rendendolo più agevole.
il sig. Paiardi è persona gentile e disponibile a consigli.
13-07-2010 15:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
davidebozza Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 3
Registrato: Jun 2009 Online
Messaggio: #2
PAIARDI ANGELO - IT - R18
Grazie per la risposta.
Per tua esperienza è facilmente carrellabile e alabile
da uno scivolo?
Davide
16-07-2010 20:32
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
alipes Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 65
Registrato: May 2009 Online
Messaggio: #3
PAIARDI ANGELO - IT - R18
scusa il ritardo della risposta, torno ora dalle ferie.
la barca è facilmente trasportabile su carrello stradale pesa solo 350 kg a vuoto.
l'alaggio è facile, per quanto riguarda lo scivolo cosa intendi? con carrello o sensa carrello?
con carrello è ovvio che è facile, senza ci vogliono almeno quattro 'salsicciotti' gonfiabili per farla scivolare in acqua e l'aiuto di qualcuno

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI . .

p.s.: l'immagine non è mia ma è solo come esempio.
28-07-2010 15:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Hazmat Offline
Vecio ADV

Messaggi: 3.535
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #4
PAIARDI ANGELO - IT - R18
ciao, ho anche io un r18.
La trovo una barca veramente semplice, ma con qualche miglioria e personalizzazione si riesce a rendere anche un po più tecnica. E' molto veloce e ha un comportamento simile ad una deriva pura. Assolutamente da realizzare un cunningham per poter meglio regolare la randa. Sto anche meditando di aggiungere due piccoli winch per il genoa ed un paterazzo per meglio gestire lo svergolamento.
28-07-2010 16:06
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
alipes Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 65
Registrato: May 2009 Online
Messaggio: #5
PAIARDI ANGELO - IT - R18
condivido hazmat, la barca essendo semplice nella costruzione ha la particolarità di essere migliorabile con qualsiasi idea.
ho realizzato il cunningham quando ho predisposto il nuovo piede d'albero per renderlo abbattibile.
per il paterazzo ho qualche dubbio, bisognerebbe allungare la testa d'albero dove entra la drizza della randa per capirci.
interessante è il sito puntasangiuliano dove fanno molte regate.
da quello che vedo, soprattutto al nord italia, è una barca abbastanza diffusa.
ero venuto a conoscenza, tempo fa, che l'accademia navale di livorno era interessata all'acquisto di alcuni violino18 (simile all'R18 ma senza tuga)per gli allievi che iniziavano l'attività; ciò dimostra, a mio avviso, la bontà della costruzione.
ciao.
28-07-2010 21:29
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Hazmat Offline
Vecio ADV

Messaggi: 3.535
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #6
PAIARDI ANGELO - IT - R18
Citazione:alipes ha scritto:
condivido hazmat, la barca essendo semplice nella costruzione ha la particolarità di essere migliorabile con qualsiasi idea.
ho realizzato il cunningham quando ho predisposto il nuovo piede d'albero per renderlo abbattibile.
per il paterazzo ho qualche dubbio, bisognerebbe allungare la testa d'albero dove entra la drizza della randa per capirci.
interessante è il sito puntasangiuliano dove fanno molte regate.
da quello che vedo, soprattutto al nord italia, è una barca abbastanza diffusa.
ero venuto a conoscenza, tempo fa, che l'accademia navale di livorno era interessata all'acquisto di alcuni violino18 (simile all'R18 ma senza tuga)per gli allievi che iniziavano l'attività; ciò dimostra, a mio avviso, la bontà della costruzione.
ciao.
Nel mio la testa d'albero ha già l'allugamento per inserire un paterazzo... Smile
29-07-2010 16:11
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
alipes Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 65
Registrato: May 2009 Online
Messaggio: #7
PAIARDI ANGELO - IT - R18
se è quello originale, che ho anche io, non credo riesca a far superare al paterazzao la lunghezza del boma, ci urterebbe sopra, secondo me (tenendo presente che non ho gran esperienza)deve essere un pò più lungo.
la modifica, eventuale, non deve essere difficile ma per non rischiare bisognerebbe chiedere ad esperti.
29-07-2010 19:26
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Hazmat Offline
Vecio ADV

Messaggi: 3.535
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #8
PAIARDI ANGELO - IT - R18
in effetti ancora non ho provato, ma mettendomi a poppa e intraguardanto la testa d'albero l'impressione che ho e che un eventuale paterazzo passi...però l'occhi ingannaSmile
29-07-2010 20:03
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
alipes Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 65
Registrato: May 2009 Online
Messaggio: #9
PAIARDI ANGELO - IT - R18
io ho messo, proprio dalla testa d'albero, un ammantiglio per reggere il boma e se lo prolungo fino alla poppa interferisce con il boma stesso.
secondo me la prolunga della testa d'albero è inevitabile.
ma la domanda è quale vantaggio avremmo a installare un paterazzo?
molte barche simili all'R18 non l'hanno, non è che si rischia di fare danno?
30-07-2010 18:47
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Hazmat Offline
Vecio ADV

Messaggi: 3.535
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #10
PAIARDI ANGELO - IT - R18
Citazione:alipes ha scritto:
io ho messo, proprio dalla testa d'albero, un ammantiglio per reggere il boma e se lo prolungo fino alla poppa interferisce con il boma stesso.
secondo me la prolunga della testa d'albero è inevitabile.
ma la domanda è quale vantaggio avremmo a installare un paterazzo?
molte barche simili all'R18 non l'hanno, non è che si rischia di fare danno?
nessun danno! i vantaggi sono molti..ad esempio sotto spi evitare la flessione in avanti della parte alta dell'albero..oppure di bolina con vento aumentare lo svergolamento della randa..ancora...attaccarci un tendalinoBig GrinBig Grin
31-07-2010 01:19
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Ventopermettendo Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 132
Registrato: Oct 2019 Online
Messaggio: #11
PAIARDI ANGELO - IT - R18
Ciao a tutti vedo che la discussione e un po' vecchia però qualcuno di voi magari ha ancora il R18 o Violino...
Io ho comprato l'anno scorso un violino da una scuola vela....a causa Covid sono riuscito a ritirarlo solo a giugno inoltrato quindi visto era funzionante l'ho messo subito all'opera a Dervio Alto Lario...
Quest'anno volevo portarlo a casa a gennaio per sistemarlo con calma ma sempre blocchi Covid quindi recuperato a inizio maggio ora nel poco tempo libero e soprattutto grazie al papà in pensione sto sistemando le cose più gravi....brutti graffi profondi su scafo da sistemare e riverniciare deriva che balla...cambiato piastre e in corso d'opera sistemazione deriva e scassa per evitare dondolio.... più altre cosette....poi verso luglio la smania delle veleggiate sospenderà i lavori momentaneamente... prossimo inverno voglio sistemare coperta realizzare un bel gavone e poi la fantasia farà il resto.
Ciao a tutti Mauro

Inviato dal mio S58Pro utilizzando Tapatalk
30-05-2021 22:09
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Ventopermettendo Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 132
Registrato: Oct 2019 Online
Messaggio: #12
PAIARDI ANGELO - IT - R18
Ciao a tutti il mio Violino18 è tornato in acqua a Dervio con scafo sistemato deriva finalmente sale e scende liberamente e con delfiniera ho provato il Gennaker che era sempre rimasto nella sacca in precedenza....che bello andare così al granlasco!!


Inviato dal mio S58Pro utilizzando Tapatalk
06-07-2021 21:42
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)