Rispondi 
rendere una barca resistente
Autore Messaggio
Franzdima Offline
Senior utente

Messaggi: 4.724
Registrato: Jan 2011 Online
Messaggio: #121
rendere una barca resistente
Citazione:Orso Grigio ha scritto:
Citazione:TestaCuore ha scritto:
forse, leggendo tutti questi post e tutte queste esperienze, la verità è che non esiste una soluzione unica e dipende da tanti fattori. E' bravo il marinaio che sa valutare, a seconda delle condizioni (se in equipaggio, se solo, se vuole dormire, se deve correre, se deve fuggire, se con quell'onda proveniente da quella direzione è meglio rallentare o correre, ecc, ecc) e della propria barca , cosa meglio fare e quali espedienti utilizzare (spere, alza o abbassa la deriva, ecc.).

... concordo pienamente ...
ma continuo a non capire perchè, tra le tante oppppionioni, come dice bullo ... sono pochi, quasi nessuno, che preveda la possibilità di avere a bordo una spera ...
e guardate che io non le fabbrico e non le vendo ...

Big Grin

Se, come me, non fai vera altura ed eviti sempre le condizioni dure la spera è inutile.
La sventata può sempre capitare, è vero, ma con una buona prudenza i venti 'over 50' in Mediterraneo si evitano.
25-02-2013 17:26
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Orso Grigio Offline
Senior utente

Messaggi: 3.086
Registrato: Oct 2011 Online
Messaggio: #122
rendere una barca resistente
Citazione:Franzdima ha scritto:
Citazione:Orso Grigio ha scritto:
Citazione:TestaCuore ha scritto:
forse, leggendo tutti questi post e tutte queste esperienze, la verità è che non esiste una soluzione unica e dipende da tanti fattori. E' bravo il marinaio che sa valutare, a seconda delle condizioni (se in equipaggio, se solo, se vuole dormire, se deve correre, se deve fuggire, se con quell'onda proveniente da quella direzione è meglio rallentare o correre, ecc, ecc) e della propria barca , cosa meglio fare e quali espedienti utilizzare (spere, alza o abbassa la deriva, ecc.).

... concordo pienamente ...
ma continuo a non capire perchè, tra le tante oppppionioni, come dice bullo ... sono pochi, quasi nessuno, che preveda la possibilità di avere a bordo una spera ...
e guardate che io non le fabbrico e non le vendo ...

Big Grin

Se, come me, non fai vera altura ed eviti sempre le condizioni dure la spera è inutile.
La sventata può sempre capitare, è vero, ma con una buona prudenza i venti 'over 50' in Mediterraneo si evitano.

... forse è questa la verità ... io ho rinunciato alle grandi navigazioni oceaniche ma ancora non so rinunciare a quelle mediterranee che le possano assomigliare ... sarò uno stupido ma sento ancora il bisogno di spararmi delle solitarie da 5-6 giorni e a volte può capitare che le botte da 50 e passa nodi non le evito ed allora ... viva la spera ...

" ... da due in poi per me è tutta folla ..." (mia)
*** Barca:- T-Boat 9 --- Porto:- Bari ***
25-02-2013 17:47
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
burrascaforza5 Offline
Senior utente

Messaggi: 1.567
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #123
rendere una barca resistente
Citazione:nikisail ha scritto:
Citazione:Franzdima ha scritto:
Citazione:nikisail ha scritto:
conosco bene l'HR 352 , il 38, il 49 ed il 42 ketch. Barche costruite con buoni materiali ma a vela non camminano se non oltre 15 nodi di vento. Non capisco la logica del carro armato applicata alla barca a vela. Ho un 45 piedi vecchio di 30 anni, pesa 9000 kg, 125 mq di tela ed è pieno di madieri e longheroni, robustissima.E' una barca che bolina con 50 nodi di vento. Agli HR degli amici ci giro intornoSmile. Tutto questo per dire che non è necessario costruire pesante, basta costruire bene, con i materiali giusti e le giuste dimensionature.
Poi ogni uno si compri quello che gli pare. Ma non venitemi a parlare che le barche robuste sono solo gli Hr, sono solo barche sovradimensionate come spessori di vtr.
BV

Avevo ragione a dire che sei rimasto a venti anni fa, la più nuova che hai citato, HR39, è un progetto dei primi anni '90 Wink
Prova una della nuova serie, diciamo dal 2004 in poi e ne riparliamo, sono un altro pianeta Cool

BV
probabilmente hai ragione, ma sono le barche sulle quali il cantiere si è costruito la sua reputazione.
Sulle nuove serie voglio raccontarti un episodio.
Fine agosto del 2007, la mi prima estate in Grecia. Decisi di riportare la barca in Italia. Eravamo fermi da tre giorni nella rada di Othoni a causa di una maestralata con oltre 40 nodi di vento.
Quando il vento diminui partimmo io, un vecchio Marchi 47, un vecchio Scia' 50, un barcone di oltre 20 mt di ferro ed un HR 46 nuovo nuovo. Rotta su S.M. di Leuca. Il vento nel Canale d'Otranto era circa 30 nodi, anche un po' di meno. Man mano che ci avvicinavamo all'Italia il vento rinforzava per superare nelle ultime 10 miglia i 50 nodi sotto raffica.Andatura bolina stretta, mare di conseguenza. Bene, sia io che il Marchi che lo Scia' ed il barcone di ferro riuscivamo a bolinare nonostante le condizioni veramente dure. L'HR 46 perdeva al vento e faceva un andatura decisamente piu' larga, tanto che noi siamo tutti giunti in porto senza fare bordi, L'Hr 46 ha dovuto fare un bordo, perdendo un sacco di tempo, tanto che quando è giunto in porto non vi era piu' posto ma è dovuto rimanere in rada.
E questa sarebbe una barca marina? Ripeto il confronto era con vecchie barche,di costruzione sicuramente non raffinate, ma vere barche a vela cioe' che navigano bene a vela. Tutto il resto è noia.
BV

Premetto che non sono un amante degli HR, Najad ect, ma bolinare con 50 nodi e relativo mare mi sembra fantascienza.

Apprezzo molto la tua barca, NickSail, ma mi sembra esagerato bolinare in tali condizioni. E poi cosa hai usato ? trinca + 3 mani ? che angolo ripsetto al vento reale ? Niente aiuto col motore ?

Quante altre barche oggi sono in grado di risalire mare e vento a 50 nodi ?
25-02-2013 18:02
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Franzdima Offline
Senior utente

Messaggi: 4.724
Registrato: Jan 2011 Online
Messaggio: #124
rendere una barca resistente
Citazione:Orso Grigio ha scritto:
Citazione:Franzdima ha scritto:
Citazione:Orso Grigio ha scritto:
Citazione:TestaCuore ha scritto:
forse, leggendo tutti questi post e tutte queste esperienze, la verità è che non esiste una soluzione unica e dipende da tanti fattori. E' bravo il marinaio che sa valutare, a seconda delle condizioni (se in equipaggio, se solo, se vuole dormire, se deve correre, se deve fuggire, se con quell'onda proveniente da quella direzione è meglio rallentare o correre, ecc, ecc) e della propria barca , cosa meglio fare e quali espedienti utilizzare (spere, alza o abbassa la deriva, ecc.).

... concordo pienamente ...
ma continuo a non capire perchè, tra le tante oppppionioni, come dice bullo ... sono pochi, quasi nessuno, che preveda la possibilità di avere a bordo una spera ...
e guardate che io non le fabbrico e non le vendo ...

Big Grin

Se, come me, non fai vera altura ed eviti sempre le condizioni dure la spera è inutile.
La sventata può sempre capitare, è vero, ma con una buona prudenza i venti 'over 50' in Mediterraneo si evitano.

... forse è questa la verità ... io ho rinunciato alle grandi navigazioni oceaniche ma ancora non so rinunciare a quelle mediterranee che le possano assomigliare ... sarò uno stupido ma sento ancora il bisogno di spararmi delle solitarie da 5-6 giorni e a volte può capitare che le botte da 50 e passa nodi non le evito ed allora ... viva la spera ...

Ma infatti per te la spera è d'obbliglo o quasi, quel tipo di navigazioni sono consone ad una barca come la tua.
Il Mediterraneo, se vuole, può essere un mare molto duro ed ogni attrezzatura per le condizioni limite è la benvenuta.

Io al massimo faccio Toscana-Bocche di Bonifacio, assicurandomi di avere un'ottima finestra meteo altrimenti rinvio la partenza.
Per il resto è tutta navigazione non dico a vista ma poco ci manca, attorno le isole dell'Arcipelago Toscano, con la solita formula che se il meteo è troppo brutto si va in trattoria Wink
Comportandomi così becco sventate non superiori a 35 nodi, che prevalentemente capitano quando quelli del Lamma fumano troppo pesante Smile

BV Orso!
25-02-2013 18:17
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Franzdima Offline
Senior utente

Messaggi: 4.724
Registrato: Jan 2011 Online
Messaggio: #125
rendere una barca resistente
Citazione:burrascaforza5 ha scritto:
Citazione:nikisail ha scritto:
Citazione:Franzdima ha scritto:
Citazione:nikisail ha scritto:
conosco bene l'HR 352 , il 38, il 49 ed il 42 ketch. Barche costruite con buoni materiali ma a vela non camminano se non oltre 15 nodi di vento. Non capisco la logica del carro armato applicata alla barca a vela. Ho un 45 piedi vecchio di 30 anni, pesa 9000 kg, 125 mq di tela ed è pieno di madieri e longheroni, robustissima.E' una barca che bolina con 50 nodi di vento. Agli HR degli amici ci giro intornoSmile. Tutto questo per dire che non è necessario costruire pesante, basta costruire bene, con i materiali giusti e le giuste dimensionature.
Poi ogni uno si compri quello che gli pare. Ma non venitemi a parlare che le barche robuste sono solo gli Hr, sono solo barche sovradimensionate come spessori di vtr.
BV

Avevo ragione a dire che sei rimasto a venti anni fa, la più nuova che hai citato, HR39, è un progetto dei primi anni '90 Wink
Prova una della nuova serie, diciamo dal 2004 in poi e ne riparliamo, sono un altro pianeta Cool

BV
probabilmente hai ragione, ma sono le barche sulle quali il cantiere si è costruito la sua reputazione.
Sulle nuove serie voglio raccontarti un episodio.
Fine agosto del 2007, la mi prima estate in Grecia. Decisi di riportare la barca in Italia. Eravamo fermi da tre giorni nella rada di Othoni a causa di una maestralata con oltre 40 nodi di vento.
Quando il vento diminui partimmo io, un vecchio Marchi 47, un vecchio Scia' 50, un barcone di oltre 20 mt di ferro ed un HR 46 nuovo nuovo. Rotta su S.M. di Leuca. Il vento nel Canale d'Otranto era circa 30 nodi, anche un po' di meno. Man mano che ci avvicinavamo all'Italia il vento rinforzava per superare nelle ultime 10 miglia i 50 nodi sotto raffica.Andatura bolina stretta, mare di conseguenza. Bene, sia io che il Marchi che lo Scia' ed il barcone di ferro riuscivamo a bolinare nonostante le condizioni veramente dure. L'HR 46 perdeva al vento e faceva un andatura decisamente piu' larga, tanto che noi siamo tutti giunti in porto senza fare bordi, L'Hr 46 ha dovuto fare un bordo, perdendo un sacco di tempo, tanto che quando è giunto in porto non vi era piu' posto ma è dovuto rimanere in rada.
E questa sarebbe una barca marina? Ripeto il confronto era con vecchie barche,di costruzione sicuramente non raffinate, ma vere barche a vela cioe' che navigano bene a vela. Tutto il resto è noia.
BV

Premetto che non sono un amante degli HR, Najad ect, ma bolinare con 50 nodi e relativo mare mi sembra fantascienza.

Apprezzo molto la tua barca, NickSail, ma mi sembra esagerato bolinare in tali condizioni. E poi cosa hai usato ? trinca + 3 mani ? che angolo ripsetto al vento reale ? Niente aiuto col motore ?

Quante altre barche oggi sono in grado di risalire mare e vento a 50 nodi ?

Guarda il video che ho pubblicato io nella pagina 2 di questa discussione Wink
25-02-2013 18:21
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
rob Offline
Tutor AdV

Messaggi: 10.649
Registrato: Oct 2004 Online
Messaggio: #126
rendere una barca resistente
Citazione:burrascaforza5 ha scritto:

Quante altre barche oggi sono in grado di risalire mare e vento a 50 nodi ?


da un'attenta lettura dei forum praticamente tutte Big Grin







25-02-2013 18:21
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Il Dandi Offline
Senior utente

Messaggi: 4.963
Registrato: Oct 2012 Online
Messaggio: #127
rendere una barca resistente
Citazione:rob ha scritto:
Citazione:burrascaforza5 ha scritto:

Quante altre barche oggi sono in grado di risalire mare e vento a 50 nodi ?


da un'attenta lettura dei forum praticamente tutte Big Grin

a 50 nodi la mia barca non ci arriva neanche se la scaravento giù dalla Luna...
Big GrinBig GrinBig GrinBig GrinBig GrinBig Grin
25-02-2013 18:24
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Orso Grigio Offline
Senior utente

Messaggi: 3.086
Registrato: Oct 2011 Online
Messaggio: #128
rendere una barca resistente
Citazione:rob ha scritto:
Citazione:burrascaforza5 ha scritto:

Quante altre barche oggi sono in grado di risalire mare e vento a 50 nodi ?

da un'attenta lettura dei forum praticamente tutte Big Grin

... tranne la mia ... si sa, navigando in Mediterraneo si possono fare mesi navigando solo ed esclusivamente in poppa ...
Palla 8Palla 8

" ... da due in poi per me è tutta folla ..." (mia)
*** Barca:- T-Boat 9 --- Porto:- Bari ***
25-02-2013 19:03
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
nikisail Offline
Senior utente

Messaggi: 2.146
Registrato: Sep 2010 Online
Messaggio: #129
rendere una barca resistente
Citazione:burrascaforza5 ha scritto:
Citazione:nikisail ha scritto:
Citazione:Franzdima ha scritto:
Citazione:nikisail ha scritto:
conosco bene l'HR 352 , il 38, il 49 ed il 42 ketch. Barche costruite con buoni materiali ma a vela non camminano se non oltre 15 nodi di vento. Non capisco la logica del carro armato applicata alla barca a vela. Ho un 45 piedi vecchio di 30 anni, pesa 9000 kg, 125 mq di tela ed è pieno di madieri e longheroni, robustissima.E' una barca che bolina con 50 nodi di vento. Agli HR degli amici ci giro intornoSmile. Tutto questo per dire che non è necessario costruire pesante, basta costruire bene, con i materiali giusti e le giuste dimensionature.
Poi ogni uno si compri quello che gli pare. Ma non venitemi a parlare che le barche robuste sono solo gli Hr, sono solo barche sovradimensionate come spessori di vtr.
BV

Avevo ragione a dire che sei rimasto a venti anni fa, la più nuova che hai citato, HR39, è un progetto dei primi anni '90 Wink
Prova una della nuova serie, diciamo dal 2004 in poi e ne riparliamo, sono un altro pianeta Cool

BV
probabilmente hai ragione, ma sono le barche sulle quali il cantiere si è costruito la sua reputazione.
Sulle nuove serie voglio raccontarti un episodio.
Fine agosto del 2007, la mi prima estate in Grecia. Decisi di riportare la barca in Italia. Eravamo fermi da tre giorni nella rada di Othoni a causa di una maestralata con oltre 40 nodi di vento.
Quando il vento diminui partimmo io, un vecchio Marchi 47, un vecchio Scia' 50, un barcone di oltre 20 mt di ferro ed un HR 46 nuovo nuovo. Rotta su S.M. di Leuca. Il vento nel Canale d'Otranto era circa 30 nodi, anche un po' di meno. Man mano che ci avvicinavamo all'Italia il vento rinforzava per superare nelle ultime 10 miglia i 50 nodi sotto raffica.Andatura bolina stretta, mare di conseguenza. Bene, sia io che il Marchi che lo Scia' ed il barcone di ferro riuscivamo a bolinare nonostante le condizioni veramente dure. L'HR 46 perdeva al vento e faceva un andatura decisamente piu' larga, tanto che noi siamo tutti giunti in porto senza fare bordi, L'Hr 46 ha dovuto fare un bordo, perdendo un sacco di tempo, tanto che quando è giunto in porto non vi era piu' posto ma è dovuto rimanere in rada.
E questa sarebbe una barca marina? Ripeto il confronto era con vecchie barche,di costruzione sicuramente non raffinate, ma vere barche a vela cioe' che navigano bene a vela. Tutto il resto è noia.
BV

Premetto che non sono un amante degli HR, Najad ect, ma bolinare con 50 nodi e relativo mare mi sembra fantascienza.

Apprezzo molto la tua barca, NickSail, ma mi sembra esagerato bolinare in tali condizioni. E poi cosa hai usato ? trinca + 3 mani ? che angolo ripsetto al vento reale ? Niente aiuto col motore ?

Quante altre barche oggi sono in grado di risalire mare e vento a 50 nodi ?
Come ho scritto i 50 nodi furono solo le ultime 10 miglia, il restante percorso fu con venti tra poco meno di 30 e 35 nodi.
Ti assicuro che il mio Morgante 45, il Marchi 47 , lo Scia' 50 ed anche l'HR 46 bolinavano tutti, (anche il barcone di ferro ....ma era circa 25 mt). Tutti con due mani di terzaroli e tinchetta.
Gli strumenti del vento mi danno solo l'apparente e confrontandoli con quelli di altre barche sono piuttosto precisi.L'angolo era intorno ai 45 gradi. Nessun motore acceso, era assolutamente inutile.
Abbiamo preso belle secchiate di acqua, il timone era duro ma si andava. Ora furono solo 10 miglia, se dovevo fare piu' miglia avrei tolto la randa per contrastare la tendenza orziera che era piuttosto marcata.
Sapete la barca che andava meglio ( almeno visivamente)? Era lo Scia' 50 armato a goletta, sbatteva poco e camminava tantissimo.
BV
25-02-2013 19:25
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bullo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 10.881
Registrato: Feb 2008 Online
Messaggio: #130
rendere una barca resistente
Niki se ho capito i 45° erano di apparente o di PV. La mia opppinione è che con 50 nodi
si possa tenere su solo il fiocco da tempesta con una prua di circa 70°. Di tempesta si tratta con visibilità ridotta in quanto l'acqua vola, le raffiche possono arrivare ad oltre 60 nodi e tenendo su più tela di tanto in tanto si andrebbe distesi sull'acqua. Con 50 nodi si tratta di resistere e portare a casa la pelle. Di solito il vento con quell'intensità dura poche ore.
Se la barca riesce a tenere su anche la randa con tre mani questa va lascata fino a fine corsa del carello, serve spinta in avanti, anche il fiocco da tempesta non va cazzato a ferro, piatto, ma deve avere un pò di forma e non molto bordato deve fare con l'asse longitudinale un'angolo di 15°. La spera è un'oppppinioneSmile.-
25-02-2013 20:53
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
burrascaforza5 Offline
Senior utente

Messaggi: 1.567
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #131
rendere una barca resistente
Chapeau !!!

[:102][:102][:102]
25-02-2013 20:58
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gourmet Online
Senior utente

Messaggi: 2.626
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #132
rendere una barca resistente
Citazione:Orso Grigio ha scritto:
Citazione:TestaCuore ha scritto:
forse, leggendo tutti questi post e tutte queste esperienze, la verità è che non esiste una soluzione unica e dipende da tanti fattori. E' bravo il marinaio che sa valutare, a seconda delle condizioni (se in equipaggio, se solo, se vuole dormire, se deve correre, se deve fuggire, se con quell'onda proveniente da quella direzione è meglio rallentare o correre, ecc, ecc) e della propria barca , cosa meglio fare e quali espedienti utilizzare (spere, alza o abbassa la deriva, ecc.).

... concordo pienamente ...
ma continuo a non capire perchè, tra le tante oppppionioni, come dice bullo ... sono pochi, quasi nessuno, che preveda la possibilità di avere a bordo una spera ...
e guardate che io non le fabbrico e non le vendo ...

Probabilmente perchè di marinai amanti delle lunghe rotte... in Italia ce ne son pochi...!!!
Con questo non voglio dire che siano migliori o peggiori solo che sono limitati dalle sponde del mediterraneo e quelli che si divertono ad attraversarlo per lungo son sempre pochi... un po' come ai laghi...
Su altri mari la spera a bordo è la regola...!!!
In Pacifico poi nessuno osa uscire senza...!!!
nemmeno per andare all'isoletta di Coronado con il meteo del tutto tranquillo... ed il mare piatto...!!! figuriamoci poi se deve fare qualche centinaia di miglia...

Per esperienza personale... (l'ho usata solo una volta...) è vero che imbarchi più acqua... ma è anche vero che il suo compito è di tenere la poppa all'onda impedendo alla barca di traversarsi... cosa che puntualmente fa e che puntualmente accadrebbe senza spera... CoolCool
25-02-2013 21:04
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Orso Grigio Offline
Senior utente

Messaggi: 3.086
Registrato: Oct 2011 Online
Messaggio: #133
rendere una barca resistente
.. bene ... sono ben contento dei tanti pareri ..
però mi resta sempre la curiosità di sapere il perchè si dovrebbe preferire spendere migliaia di euro per rendere una barca più resistente alle situazioni critiche e dure piuttosto che qualche centinaia per metterla in sicurezza nelle stesse situazioni ...
ma mi sa che anche qui bullo doccccccettt ...!!

" ... da due in poi per me è tutta folla ..." (mia)
*** Barca:- T-Boat 9 --- Porto:- Bari ***
25-02-2013 21:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
nikisail Offline
Senior utente

Messaggi: 2.146
Registrato: Sep 2010 Online
Messaggio: #134
rendere una barca resistente
Bullo la randa aveva tutto il carrello sottovento ed era un po' sventata,effettivamente la mia trinchetta è piuttosto piccola è quasi un fiocco da tempesta. Pero era piuttosto cazzata, se la lascavo un po' iniziava a vibrare in modo non molto rassicurante. I dati sono riferiti al vento apparente e comunque il vento era NW e la rotta tra Othoni e Leuca è una bolina non molto larga.La visibilita' era buona nonostante le secchiate di acqua ( non troppe in verita'). Hai ragione quando parli di sopravvivenza, in quelle condizioni c'è poco da fare i buffoni, la paura c'è ...accidenti se c'è. Ma poi se la barca naviga normalmente e senza troppi problemi devo dire ci si tranquillizza.Anche perche' erano solo 10 miglia al porto di Leuca.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 25-02-2013 21:27 da nikisail.)
25-02-2013 21:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gourmet Online
Senior utente

Messaggi: 2.626
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #135
rendere una barca resistente
Citazione:burrascaforza5 ha scritto:
Citazione:nikisail ha scritto:
Citazione:Franzdima ha scritto:
Citazione:nikisail ha scritto:
Cut...
Cut...
cut...
Cut...
Quante altre barche oggi sono in grado di risalire mare e vento a 50 nodi ?

Quante non saprei...
ma con il mio ferro ho dovuto fare da Cabo San Lucas a San Diego... circa 800 miglia lineari di cui le ultime 400 completamente contro vento e contro mare... inevitabili perchè lì è sempre così...!!!
Sapete che vi dico...???
Non ho avuto il tempo di guardare gli strumenti...!!!
Intorno tutto era abbastanza irreale... ed il rumore delle onde che salivano in coperta copriva quello del vento... ma il bello era vedere come con orgoglio sapeva tirar fuori dall'onda la prua... per rituffarla in quella successiva... uno spettacolo da vivere almeno una volta... CoolCoolCool
25-02-2013 21:27
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Franzdima Offline
Senior utente

Messaggi: 4.724
Registrato: Jan 2011 Online
Messaggio: #136
rendere una barca resistente
E' un discorso simile alle auto... quanti comprano una Volvo perché è più sicura? Quanti, poi, la dotano di una gabbia di sicurezza, cinture a 4 punti, reti sui finestrini ed estintore sotto ai sedili? Quanti salgono col casco, il collare e la tuta ignifuga?
L'unica Volvo così è la S60 Polestar che corre nel campionato svedese e costa 200.000€.
Per chi è un fanatico della leggerezza, l'unica auto dovrebbe essere la Lotus Exige.
Poi molti comprano un'utilitaria, perché girano in citta e poco più, altri una Bmw che va più veloce, altri una Mini o una 500 che sono carine e via dicendo.

Così è per le barche. Se hai poco tempo per andarci e la usi nel week end con un equipaggio di zavorre, basta ed avanza un Bavaria, non serve spendere il quadruplo per un HR, scendere in guerra con l'Orso o girare con una specie di 'family-VOR'.
Idem per le dotazioni, ancora galleggiante, spera, cerate da 1.500€ l'una, 3 set completi di vele, 50.000€ di elettronica con un antenna internet che prenderebbe pure al polo sud, 25 pompe di sentina, 500 litri di gasolio per 30cv di motore e via dicendo fa un po' ridere se si deve andare all'Elba dalla Toscana.
Che poi uno si compri una certa barca per 'amore' è un altro discorso, io per esempio mi sono innamorato dello HR 412 ma purtroppo non è un amore corrisposto Sadsmiley
25-02-2013 21:32
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Orso Grigio Offline
Senior utente

Messaggi: 3.086
Registrato: Oct 2011 Online
Messaggio: #137
rendere una barca resistente
Citazione:Franzdima ha scritto:
E' un discorso simile alle auto... quanti comprano una Volvo perché è più sicura? Quanti, poi, la dotano di una gabbia di sicurezza, cinture a 4 punti, reti sui finestrini ed estintore sotto ai sedili? Quanti salgono col casco, il collare e la tuta ignifuga?
L'unica Volvo così è la S60 Polestar che corre nel campionato svedese e costa 200.000€.
Per chi è un fanatico della leggerezza, l'unica auto dovrebbe essere la Lotus Exige.
Poi molti comprano un'utilitaria, perché girano in citta e poco più, altri una Bmw che va più veloce, altri una Mini o una 500 che sono carine e via dicendo.

Così è per le barche. Se hai poco tempo per andarci e la usi nel week end con un equipaggio di zavorre, basta ed avanza un Bavaria, non serve spendere il quadruplo per un HR, scendere in guerra con l'Orso o girare con una specie di 'family-VOR'.
Idem per le dotazioni, ancora galleggiante, spera, cerate da 1.500€ l'una, 3 set completi di vele, 50.000€ di elettronica con un antenna internet che prenderebbe pure al polo sud, 25 pompe di sentina, 500 litri di gasolio per 30cv di motore e via dicendo fa un po' ridere se si deve andare all'Elba dalla Toscana.
Che poi uno si compri una certa barca per 'amore' è un altro discorso, io per esempio mi sono innamorato dello HR 412 ma purtroppo non è un amore corrisposto Sadsmiley


... e vabbè dai su non piangere ...
e stai tranquillo che se t'incontro per mare m'avvicino da sottovento ... contento ??
Palla 8Palla 8

" ... da due in poi per me è tutta folla ..." (mia)
*** Barca:- T-Boat 9 --- Porto:- Bari ***
25-02-2013 21:39
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Franzdima Offline
Senior utente

Messaggi: 4.724
Registrato: Jan 2011 Online
Messaggio: #138
rendere una barca resistente
Citazione:Orso Grigio ha scritto:
Citazione:Franzdima ha scritto:
E' un discorso simile alle auto... quanti comprano una Volvo perché è più sicura? Quanti, poi, la dotano di una gabbia di sicurezza, cinture a 4 punti, reti sui finestrini ed estintore sotto ai sedili? Quanti salgono col casco, il collare e la tuta ignifuga?
L'unica Volvo così è la S60 Polestar che corre nel campionato svedese e costa 200.000€.
Per chi è un fanatico della leggerezza, l'unica auto dovrebbe essere la Lotus Exige.
Poi molti comprano un'utilitaria, perché girano in citta e poco più, altri una Bmw che va più veloce, altri una Mini o una 500 che sono carine e via dicendo.

Così è per le barche. Se hai poco tempo per andarci e la usi nel week end con un equipaggio di zavorre, basta ed avanza un Bavaria, non serve spendere il quadruplo per un HR, scendere in guerra con l'Orso o girare con una specie di 'family-VOR'.
Idem per le dotazioni, ancora galleggiante, spera, cerate da 1.500€ l'una, 3 set completi di vele, 50.000€ di elettronica con un antenna internet che prenderebbe pure al polo sud, 25 pompe di sentina, 500 litri di gasolio per 30cv di motore e via dicendo fa un po' ridere se si deve andare all'Elba dalla Toscana.
Che poi uno si compri una certa barca per 'amore' è un altro discorso, io per esempio mi sono innamorato dello HR 412 ma purtroppo non è un amore corrisposto Sadsmiley


... e vabbè dai su non piangere ...
e stai tranquillo che se t'incontro per mare m'avvicino da sottovento ... contento ??
Palla 8Palla 8

Se ti incrocio con l'Orso, con tanto di copertone sul naso, divento maestro si sci! 42
Sempre per fare un paragone automobilistico, tra me e te è tipo Smart vs. Defender Big Grin
25-02-2013 21:42
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
burrascaforza5 Offline
Senior utente

Messaggi: 1.567
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #139
rendere una barca resistente
Se qualcuno volesse prendere 50 schiaffi, hem nodi....

http://www.yachtworld.com/core/listing/p...nautigest&

Meglio affrettarsi sembra che ci sia un'offerta in corso...
25-02-2013 21:52
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
N/A Offline
Vecio AdV

Messaggi: 6.399
Registrato: Feb 2010 Online
Messaggio: #140
rendere una barca resistente
in verità io sento parlare troppo spesso, anche da amici, di avventure con forti venti tendenti alla tempesta...ma quando in mare ci sono già 20 nodi per mare non si trova nessuno.
Sia chiaro, non voglio insinuare nulla! Ma se c'è una cosa che ho imparato nella mia modestissima esperienza è che, sulle lunghe tratte (per me significa 200 miglia in poi e ne ho fatte solo 4 nella mia vita marinaresca dal 2010 ad oggi), alla fine le sberle si prendono, anche se non previste. 2 volte le ho prese brutte, veramente brutte...ed il vento era 'a soli' 35 nodi sotto raffica (quindi 28/30 di media).
Bolinare con 50 nodi credo (almeno con la mia) sia impossibile).

Ieri, per esempio, siamo usciti per regattare e c'erano oltre 25 nodi. alla fine siamo usciti in 3 barche soltanto ed hanno annullato la regata! nel rientrare il vento ha soffiato a punte di 33 nodi e, credetemi, non riuscivo ad ormeggiare, nonostante il vento venisse da poppa e l'ormeggio era abbastanza facile.
Con il motore ad oltre 2000 giri (un 75 cv) facevo a stento 3 nodi (quando normalmente ne fa oltre il doppio a quei regimi) e più lento non potevo andarci perchè in un momento si intraversava!
A parte le ovvie conclusioni, sono convinto che se ieri avessi avuto il 55 cv invece del 75 avrei fatto danni...magari avrei ormeggiato lo stesso, o magari sarei finito nelle trappe dei pescherecci ormeggiati a 100 m e che più di una volta ho rischiato di prendere (nonostante gli oltre 100 m di distanza)!
Pertanto, come dice Orso, certe volte bastano delle cavolate, spesso anche molto economiche (il motore non è proprio una cavolata ma rende il senso), per aumentare di tanto i margini di sicurezza.
25-02-2013 22:37
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)