Rispondi 
Antenna VHF di rispetto
Autore Messaggio
lord Online
Senior Utente

Messaggi: 3.822
Registrato: Apr 2008 Online
Messaggio: #1
Antenna VHF di rispetto
E' una delle dotazioni per partecipare a regate di categoria 3.
Poche barche la hanno a bordo. Piu di una volta mi e' capitato di avere la radio muta per problemi in testa d'albero.
Vero che esistono i portatili, ma hanno potenze limitate.
Oggi con l'Ais e il dsc prende un' ulteriore importanza avere un'attenna di rispetto.

Quando ti entra nelle vene, non puoi più farne a meno
Sir Peter Blake
15-06-2017 09:20
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Edolo Offline
Vecio ADV

Messaggi: 14.757
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #2
RE: Antenna VHF di rispetto
Credo che l'antenna di rispetto non nasca dall'esigenza di averne un'altra sull'albero ma di averla in caso di disalberamento. A quel punto un portatile farebbe bene o male lo stesso servizio, anche se non coi 25w di un fisso, ma visto la portata ottica ad altezza coperta, cambierebbe poco.

[i]Le tue labbra sono piene di sale
le tue labbra sono piene di sale
di quel sale mattutino che tu prendi in riva al mare
di quel sale che a pensarci ti vien voglia di baciare[/i]
15-06-2017 10:01
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
RMV2605D Online
Amico del Forum

Messaggi: 3.045
Registrato: Aug 2009 Online
Messaggio: #3
RE: Antenna VHF di rispetto
Ci vuole anche molto poco, questo è il dipolo che ho sempre in barca, da stendere con due "spaghi" nei due anellini da qualche parte con una drizza.

Ha una ottima resa (ROS 1,1) e portata paragonabile all'antenna in testa d'albero, se piazzata in alto.

   

898989
15-06-2017 10:05
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lord Online
Senior Utente

Messaggi: 3.822
Registrato: Apr 2008 Online
Messaggio: #4
RE: Antenna VHF di rispetto
(15-06-2017 10:01)Edolo Ha scritto:  Credo che l'antenna di rispetto non nasca dall'esigenza di averne un'altra sull'albero ma di averla in caso di disalberamento. A quel punto un portatile farebbe bene o male lo stesso servizio, anche se non coi 25w di un fisso, ma visto la portata ottica ad altezza coperta, cambierebbe poco.
Si certo, condivido sicuramente nasce dal disalberare. Ma anche un connettore in Ta o un uccello stronz. ti mette in difficoltà.
Ais non funziona, Dsc pure a meno tu non l'abbia integrato nel portatile.
Penso la soluzione di RMV2605D sia facile da reperire e richieda un investimento modesto.
A dirla tutta, visto che le batterie sono sempre basse, facilmente in caso di falla potresti rimanere subito senza alimentazione ...

Quando ti entra nelle vene, non puoi più farne a meno
Sir Peter Blake
15-06-2017 13:22
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Edolo Offline
Vecio ADV

Messaggi: 14.757
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #5
RE: Antenna VHF di rispetto
(15-06-2017 13:22)lord Ha scritto:  
(15-06-2017 10:01)Edolo Ha scritto:  Credo che l'antenna di rispetto non nasca dall'esigenza di averne un'altra sull'albero ma di averla in caso di disalberamento. A quel punto un portatile farebbe bene o male lo stesso servizio, anche se non coi 25w di un fisso, ma visto la portata ottica ad altezza coperta, cambierebbe poco.
Si certo, condivido sicuramente nasce dal disalberare. Ma anche un connettore in Ta o un uccello stronz. ti mette in difficoltà.
Ais non funziona, Dsc pure a meno tu non l'abbia integrato nel portatile.
Penso la soluzione di RMV2605D sia facile da reperire e richieda un investimento modesto.
A dirla tutta, visto che le batterie sono sempre basse, facilmente in caso di falla potresti rimanere subito senza alimentazione ...

Si certo, infatti secondo me per l'ais è preferibile una seconda antenna anche perché altrimenti ci va lo splitter che attenua, è fonte di guasto e talvolta rumori.
Riguardo alle batterie hai perfettamente ragione, infatti sarebbe preferibile, almeno per il vhf e plotter avere una batteria a parte, anche piccola, collocata in posizione piuttosto alta. io non ce l'ho e non ho intenzione di metterla (capirai. .. su un 30 piedi...), però ho sempre a tiro vhf portatile e GPS a batteria proprio perché le batterie di bordo rappresentano il classico "singol Point of failure", ovvero nessuna ridondanza.
In definitiva credo che un cavo connettorizzato, magari adattabile anche al portatile, ed una buona antenna, possano essere una buona dotazione di bordo.
IMHO

Ciao

[i]Le tue labbra sono piene di sale
le tue labbra sono piene di sale
di quel sale mattutino che tu prendi in riva al mare
di quel sale che a pensarci ti vien voglia di baciare[/i]
15-06-2017 13:45
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
timeout Offline
Amico del Forum

Messaggi: 2.345
Registrato: May 2010 Online
Messaggio: #6
RE: Antenna VHF di rispetto
(15-06-2017 13:22)lord Ha scritto:  
(15-06-2017 10:01)Edolo Ha scritto:  Credo che l'antenna di rispetto non nasca dall'esigenza di averne un'altra sull'albero ma di averla in caso di disalberamento. A quel punto un portatile farebbe bene o male lo stesso servizio, anche se non coi 25w di un fisso, ma visto la portata ottica ad altezza coperta, cambierebbe poco.
Si certo, condivido sicuramente nasce dal disalberare. Ma anche un connettore in Ta o un uccello stronz. ti mette in difficoltà.
Ais non funziona, Dsc pure a meno tu non l'abbia integrato nel portatile.
Penso la soluzione di RMV2605D sia facile da reperire e richieda un investimento modesto.
A dirla tutta, visto che le batterie sono sempre basse, facilmente in caso di falla potresti rimanere subito senza alimentazione ...

Per zelo occorrerebbe appunto la batteria di rispetto posizionata nel punto più alto possibile e comunque sopra gli strumenti.
Comunque il sistema ottimo di RMV2605D in caso di disalberamento si utilizza con un mezzo marinaio ad esempio (1,80 + braccio + mezzomarinao = 5 metri circa)
~ 5 miglia nautiche
Comunque almeno 3 volte del vhf portatile 1w
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-06-2017 13:54 da timeout.)
15-06-2017 13:52
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ITA-16495 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 2.252
Registrato: Dec 2010 Online
Messaggio: #7
RE: Antenna VHF di rispetto
L soluzione di RMV2605D è ottima.
Sfruttando la precedente istallazione dell'AIS, ora collegato in TA con splitter, mi è rimasta una seconda antenna (compatta) nel gavone di poppa, con cavo arrotolato che alla bisogna si estrae facilmente e si fissa sul bimini. Il terminale opposto arriva già direttamente dietro la radio, per cui in caso di ...... (brrrrr) basta aprire il pannello e connettere l'antenna di fortuna.

Antonio
15-06-2017 14:20
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Edolo Offline
Vecio ADV

Messaggi: 14.757
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #8
RE: Antenna VHF di rispetto
(15-06-2017 13:52)timeout Ha scritto:  
(15-06-2017 13:22)lord Ha scritto:  
(15-06-2017 10:01)Edolo Ha scritto:  Credo che l'antenna di rispetto non nasca dall'esigenza di averne un'altra sull'albero ma di averla in caso di disalberamento. A quel punto un portatile farebbe bene o male lo stesso servizio, anche se non coi 25w di un fisso, ma visto la portata ottica ad altezza coperta, cambierebbe poco.
Si certo, condivido sicuramente nasce dal disalberare. Ma anche un connettore in Ta o un uccello stronz. ti mette in difficoltà.
Ais non funziona, Dsc pure a meno tu non l'abbia integrato nel portatile.
Penso la soluzione di RMV2605D sia facile da reperire e richieda un investimento modesto.
A dirla tutta, visto che le batterie sono sempre basse, facilmente in caso di falla potresti rimanere subito senza alimentazione ...

Per zelo occorrerebbe appunto la batteria di rispetto posizionata nel punto più alto possibile e comunque sopra gli strumenti.
Comunque il sistema ottimo di RMV2605D in caso di disalberamento si utilizza con un mezzo marinaio ad esempio (1,80 + braccio + mezzomarinao = 5 metri circa)
~ 5 miglia nautiche
Comunque almeno 3 volte del vhf portatile 1w

Il mio ne ha 6 di w, 1w in LOW

[i]Le tue labbra sono piene di sale
le tue labbra sono piene di sale
di quel sale mattutino che tu prendi in riva al mare
di quel sale che a pensarci ti vien voglia di baciare[/i]
15-06-2017 15:51
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Offline
Amico del Forum

Messaggi: 2.736
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #9
Antenna VHF di rispetto
@rmv2605d lhai costruito tu il dipolo? si può fare in casa?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
15-06-2017 21:52
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
RMV2605D Online
Amico del Forum

Messaggi: 3.045
Registrato: Aug 2009 Online
Messaggio: #10
RE: Antenna VHF di rispetto
(15-06-2017 21:52)marcofailla Ha scritto:  @rmv2605d lhai costruito tu il dipolo? si può fare in casa?

E' in assoluto il più semplice tipo di antenna, il dipolo a 1/2 onda.

Basta un po' di cavo coassiale a 50 Ohm e un raccordo PL 59 (Quello per connettersi all'uscita d'antenna della radio).

Da un lato del cavo si collega il raccordo PL59, dall'altro da circa 1 metro dal termine si toglie la guaina plastica esterna (Basta con una lama tagliarla tutto in giro ed in incidere un po' longitudinalmente, poi si tira e si apre fino in fondo).

A questo punto si apre la calza, senza rompere i fili, e si sfila il conduttore centrale, ci si troverà con due cavi, la calza ed il centrale, si stendono perpendicolari al coassiale intero e si segna una lunghezza di mezza onda (per il VHF nautico circa 1,8 m) equamente ripartita tra i due rami (circa 90 cm l'uno).

Tagliando dove segnato l'antenna sarebbe già pronta, per comodità fissiamo un capocorda ad anello sulle estremità.

Per i perfezionisti prima di tagliare posizionare l'antenna fissando i rami su un filo da pesca con un giro di nastro, alimentarla dalla radio tramite un Rosmetro e trasmettere, tagliare un centimetro alla volta da entrambi i capi finché il ROS migliora per una taratura ottimale.

898989
16-06-2017 07:27
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Offline
Amico del Forum

Messaggi: 2.736
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #11
Antenna VHF di rispetto
grazie, mi sembra una cosa semplice da fare ma molto utile
senza pensare a perdere l'albero più semplicemente basta che il cavo vhf si rompa dove entra nell'albero...


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
16-06-2017 08:19
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Moody Online
Amico del Forum

Messaggi: 2.144
Registrato: May 2011 Online
Messaggio: #12
RE: Antenna VHF di rispetto
Ho la batteria della radio separata e in alto. Si carica con un carica batteria batteria-batteria.
Per l'antenna di scorta ho un antenna vera e il cavo separato con i due conduttori.
In caso di mal funzionamento della principale in testa d'albero fisso la scorta al rollbar.
Ho comprato la scorta in emergenza perchè non mi funzionava la principale in t.a.

Veneto, Padova - Grecia, Nidri
16-06-2017 11:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
lord Online
Senior Utente

Messaggi: 3.822
Registrato: Apr 2008 Online
Messaggio: #13
RE: Antenna VHF di rispetto
Già fatta costa da 60€ a 100 € per le più sofisticate . Penso siano soldi ben spesi

Quando ti entra nelle vene, non puoi più farne a meno
Sir Peter Blake
16-06-2017 12:15
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
IanSolo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 5.145
Registrato: Nov 2008 Online
Messaggio: #14
RE: Antenna VHF di rispetto
Antenna in testa + antenna sul pulpito di poppa = velocissimo cambio da una all'altra (basta sfilare e reinfilare un connettore, non si perde tempo ad issare nulla).
Poi ho anche un palmare utile per l'ingresso nei porti ma soprattutto per sicurezza in caso di necessita' (cosa porto altrimenti sulla zattera ? l'antenna senza il VHF non serve a molto e il telefonino oltre una breve distanza dalla costa fa solo ridere).

Inoltre batteria autonoma per il VHF fisso, e' una batteria da soli 7Ah (al gel del tipo per antifurto) montata dietro l'apparato a circa 1m sopra il livello del mare, e' sufficiente per un'autonomia teorica di un'ora in trasmissione e garantisce l'impiego dell'apparato anche con le batterie principali allagate e fuori servizio, e' ricaricata tramite partitore (in pratica solo un diodo vista la bassa capacita').

Come antenna montabile d'emergenza una Yagi a 4 elementi che con la sua direttivita' fa lavorare il palmare come se avesse una potenza almeno quadrupla, e' piu' difficile da usare ma anni fa collegai senza difficolta' Ancona radio con solo 5W da una modesta altura di un'isola dalmata.
16-06-2017 19:13
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
kennyblake Offline
Amico del Forum

Messaggi: 499
Registrato: Jan 2013 Online
Messaggio: #15
RE: Antenna VHF di rispetto
(15-06-2017 10:05)RMV2605D Ha scritto:  Ci vuole anche molto poco, questo è il dipolo che ho sempre in barca, da stendere con due "spaghi" nei due anellini da qualche parte con una drizza.

Ha una ottima resa (ROS 1,1) e portata paragonabile all'antenna in testa d'albero, se piazzata in alto.



898989

Piccola precisazione, il ros non misura la resa di una antenna ma, in soldoni, la differenza di impedenza tra l' antenna ed il cavo utilizzato.con 1,1 abbiamo il massimo trasferimento di energia dall' antenna alla radio e viceversa.in ogni caso questa antenna, se montata rigorosamente in verticale ed alta potrebbe sorprenderci nel suo funzionamento che in alcuni casi potrebbe esser superiore a quelle in testa d' albero che spesso sono delle " mezze antenne" Mentre questa lo è per intero.
22-06-2017 08:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
IanSolo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 5.145
Registrato: Nov 2008 Online
Messaggio: #16
RE: Antenna VHF di rispetto
(22-06-2017 08:57)kennyblake Ha scritto:  Piccola precisazione, il ros non misura la resa di una antenna ma, in soldoni, la differenza di impedenza tra l' antenna ed il cavo utilizzato.con 1,1 abbiamo il massimo trasferimento di energia dall' antenna alla radio e viceversa.in ogni caso questa antenna, se montata rigorosamente in verticale ed alta potrebbe sorprenderci nel suo funzionamento che in alcuni casi potrebbe esser superiore a quelle in testa d' albero che spesso sono delle " mezze antenne" Mentre questa lo è per intero.

Precisazione sulla precisazione: piu' e' elevato il guadagno di un'antenna piu' e' piatto il profilo di radiazione (http://it9umh.altervista.org/progettieau...ticali.pdf fig. 5 a pag. 9 , per scaricare il file cliccare sulla parola "here") ovvero piu' e' stretto l'angolo di emissione rispetto alla verticale con la conseguenza che se l'antenna non e' montata perfettamente verticale si puo' perdere anche molto sotto certe direzioni (quelle non ortogonali all'asse dell'antenna).

La ragione detta spiega perche' la maggior parte delle antenne utilizzate per montaggio in testa d'albero su imbarcazioni a vela (che sono spesso sbandate) sono a mezz'onda o addirittura di tipo caricato in quarto d'onda mentre molto piu' lunghe sono le antenne proposte per mezzi a motore (che si muovono piu' in piano sull'acqua)
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-06-2017 10:21 da IanSolo.)
22-06-2017 10:19
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Beppe222 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 2.560
Registrato: Nov 2015 Online
Messaggio: #17
RE: Antenna VHF di rispetto
Molto performanti sono anche le 5/8 caricate.

_____
Nulla possiamo davanti al nascere o al morire. L'unica cosa che possiamo (e che dobbiamo), è assaporare l'intervallo!

Il mare calmo non ha mai reso nessun marinaio esperto. (FDR)
22-06-2017 21:56
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)