Rispondi 
motore di rispetto per vela
Autore Messaggio
robertobaffigo Offline
Senior utente

Messaggi: 1.323
Registrato: Oct 2012 Online
Messaggio: #21
RE: motore di rispetto per vela
(26-11-2017 15:26)cormax66 Ha scritto:  Quindi 8 hp yamaha per il il mio trimarano di circa 1500 kg potrebbero bastare..?

e avanzare!....
20-12-2017 10:48
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
cormax66 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 909
Registrato: Nov 2010 Online
Messaggio: #22
RE: motore di rispetto per vela
ahahaha....!
20-12-2017 19:41
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
ventodiprua Offline
Amico del Forum

Messaggi: 469
Registrato: Sep 2016 Online
Messaggio: #23
RE: motore di rispetto per vela
(27-11-2017 10:31)infinity Ha scritto:  
(23-11-2017 19:08)Luciano53 Ha scritto:  Ti piace questo?
È un 4HP su un 38 piedi.
Quella cosa nera distesa sulla spiaggetta è una cima di sicurezza, non un tubo!
Fatto con due lire, si monta in un attimo e funziona alla grandeSmiley32
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Ciao Luciano, oltre a questa foto hai mica due disegni, misure??? quote????

Grazie

AHHHHH...sei sensibile pure tu alla questione allora Antonio
22-12-2017 12:43
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luciano53 Offline
Tutor AdV

Messaggi: 14.097
Registrato: Jan 2014 Online
Messaggio: #24
RE: motore di rispetto per vela
(22-12-2017 12:43)ventodiprua Ha scritto:  
(27-11-2017 10:31)infinity Ha scritto:  
(23-11-2017 19:08)Luciano53 Ha scritto:  Ti piace questo?
È un 4HP su un 38 piedi.
Quella cosa nera distesa sulla spiaggetta è una cima di sicurezza, non un tubo!
Fatto con due lire, si monta in un attimo e funziona alla grandeSmiley32
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Ciao Luciano, oltre a questa foto hai mica due disegni, misure??? quote????

Grazie

AHHHHH...sei sensibile pure tu alla questione allora Antonio

Non trovo più il link del venditore inglese dei pezziSmiley57
Poi cerco il nome sull'estratto pay palSmiley59
22-12-2017 15:25
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luciano53 Offline
Tutor AdV

Messaggi: 14.097
Registrato: Jan 2014 Online
Messaggio: #25
RE: motore di rispetto per vela
Eccoli, i ganci in alluminio che ho usato.
Sono della Silverline.
Io li ho presi su un altro sito, qualche euro in meno, ma sono questi
http://www.ebay.it/itm/Silverline-336094...2100642409
22-12-2017 15:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
libert Offline
Amico del Forum

Messaggi: 125
Registrato: Oct 2016 Online
Messaggio: #26
RE: motore di rispetto per vela
(23-11-2017 19:08)Luciano53 Ha scritto:  Ti piace questo?
È un 4HP su un 38 piedi.
Quella cosa nera distesa sulla spiaggetta è una cima di sicurezza, non un tubo!
Fatto con due lire, si monta in un attimo e funziona alla grandeSmiley32
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
Allora se penso una cosa non sono pazzo 979797

Grande Luciano
15-10-2019 20:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Flask Offline
Amico del Forum

Messaggi: 185
Registrato: May 2019 Online
Messaggio: #27
RE: motore di rispetto per vela
(20-12-2017 10:48)robertobaffigo Ha scritto:  e avanzare!....

Su Etap23 da una ton e mezzo ho proprio Yamaha 4 tempi da 8 cv.
Per entrare e uscire dal porto va benissimo, con mare non formato basta un filo di gas.

"any sufficiently advanced technology is indistinguishable from magic"
23-10-2019 14:57
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Trixarc Offline
Tutor AdV

Messaggi: 21.246
Registrato: Jun 2010 Online
Messaggio: #28
RE: motore di rispetto per vela
(23-11-2017 19:08)Luciano53 Ha scritto:  Ti piace questo?
È un 4HP su un 38 piedi.
Quella cosa nera distesa sulla spiaggetta è una cima di sicurezza, non un tubo!
Fatto con due lire, si monta in un attimo e funziona alla grandeSmiley32
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Quindi è una tavoletta fissata a un piolo della la scaletta? Mica male come idea. Ma la scaletta tiene? In effetti se la spinta avviene all'altezza della spiaggetta o poco più su dovrebbe tenere sicuramente.

p.s. come non detto ho visto poi che è una struttura a sè stante.

https://www.youtube.com/user/trixarc100
23-10-2019 15:37
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luciano53 Offline
Tutor AdV

Messaggi: 14.097
Registrato: Jan 2014 Online
Messaggio: #29
RE: motore di rispetto per vela
(23-10-2019 15:37)Trixarc Ha scritto:  Quindi è una tavoletta fissata a un piolo della la scaletta? Mica male come idea. Ma la scaletta tiene? In effetti se la spinta avviene all'altezza della spiaggetta o poco più su dovrebbe tenere sicuramente.

p.s. come non detto ho visto poi che è una struttura a sè stante.

Si, è una struttura leggera in alluminio che si infila a pressione nel prolungamento dei bulloni della scaletta e viene assicurata con due nottolini femmina
23-10-2019 15:45
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
accatagliato Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 11
Registrato: Jan 2020 Online
Messaggio: #30
RE: motore di rispetto per vela
Riprendo il 3d...qualcuno ha provato un motore elettrico? Non è impossibile che il fuoribordo di rispetto, magari fermo nel gavone da mesi, parta meno del motore principale.
13-02-2020 10:19
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luciano53 Offline
Tutor AdV

Messaggi: 14.097
Registrato: Jan 2014 Online
Messaggio: #31
RE: motore di rispetto per vela
(13-02-2020 10:19)accatagliato Ha scritto:  Riprendo il 3d...qualcuno ha provato un motore elettrico? Non è impossibile che il fuoribordo di rispetto, magari fermo nel gavone da mesi, parta meno del motore principale.

Dunque...
- non c'è un filo di vento
- l'entrobordo ti ha piantato
- il fuoribordo non parte

Butta l'ancora e dormici su, non è giornata797979
13-02-2020 10:40
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
orsopapus Offline
Amico del Forum

Messaggi: 562
Registrato: Jun 2014 Online
Messaggio: #32
RE: motore di rispetto per vela
+1 Luciano 53

Se poi si pianta anche l'elettrico e/o la batteria abbiamo fatto filotto797979
Ma tra le dotazioni di bordo è contemplato un bel cornetto rosso?
Saluti e buon vento
13-02-2020 16:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
orteip Offline
Vecio AdV

Messaggi: 3.683
Registrato: Mar 2013 Online
Messaggio: #33
RE: motore di rispetto per vela
(13-02-2020 10:19)accatagliato Ha scritto:  Riprendo il 3d...qualcuno ha provato un motore elettrico? Non è impossibile che il fuoribordo di rispetto, magari fermo nel gavone da mesi, parta meno del motore principale.

A parte il fatto che non è giornata come dice Luciano ed a parte il cornetto rosso fra le dotazioni di sicurezza come dice Orsopapus ma il fuori bordo nel nel gavone per mesi non ci può stare.
Il buon senso e specialmente per i fuoribordo 4 tempi, suggerisce che il fuoribordo debba stare rizzato, in genere sul pulpito di poppa ma comunque rizzato e poi, se proprio da fastidio vederlo li, quando la barca non si usa nei periodi invernali conviene ricoverare il fuoribordo in garage a terra e poi quando si reimbarca o quando si ricomincia ad utilizzare la barca, il buon senso suggerisce sempre di fargli una buona manutenzione.

PS - Per i motori in buono stato e che sono sempre rizzati e non sdraiati, che siano 4 o 2 tempi in genere non hanno problemi a partire anche dopo diversi mesi che sono fermi ma a due condizioni: la prima che venga utilizzata benzina nuova, specialmente per i 4 tempi che sono i più delicati; la seconda che prima di metterlo a riposo si sia avuta l'accortezza di far svuotare completamente la vaschetta del carburatore, ovvero di aspettare che la benzina sia finita del tutto da dentro lo stesso carburatore, anche qui soprattutto per i 4 tempi che sono sempre i più delicati.
14-02-2020 10:47
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
accatagliato Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 11
Registrato: Jan 2020 Online
Messaggio: #34
RE: motore di rispetto per vela
Vero ma fino ad un certo punto, anche con una buona manutenzione un benzina è più soggetto all' ostilitá dell'ambiente. Non a caso gli entrobordo sono diesel.
Comunque il senso della mia domanda non era un inneggiamento alla sfortuna ma sapere se qualcuno aveva provato quei motorini elettrici economici e leggeri.
14-02-2020 19:32
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
orteip Offline
Vecio AdV

Messaggi: 3.683
Registrato: Mar 2013 Online
Messaggio: #35
RE: motore di rispetto per vela
(14-02-2020 19:32)accatagliato Ha scritto:  Non a caso gli entrobordo sono diesel.

Assolutamente no... fra i motoscafi anche di una certa importanza i motori sono a benzina. Prima di diventare velista ne ho avuti due, 8 e 11 metri e, consumi a parte, sono sempre partiti al primo colpo. Poi ci sono fuoribordo da 300 e più cavalli che vengono stressati in continuazione e non hanno alcun problema come i fratellini più piccoli.
Detto questo, per ritornare in tema, io credo che il fuoribordo elettrico non vada nemmeno preso in considerazione per un simile impiego tanto che nemmeno vale la pena fare una prova. Ovviamente è una mia considerazione personale ma pur sempre basata sulla considerazione di alcuni valori concreti ovvero, sempre che non si parli di impiegarlo in una barchetta assai piccola, il motore elettrico per generare una minima spinta in grado di muovere una barca di 11/12 mt deve lavorare ad un regime tale che lo porterebbe ad esaurire la sua carica in poche decine di minuti. A serio rischio di insufficienza per trarsi d’impaccio in situazioni potenzialmente insidiose ed a serio rischio di insufficienza per entrare e manovrare in sicurezza dentro un porto. IMHO
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 14-02-2020 21:37 da orteip.)
14-02-2020 21:36
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
falanghina Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.782
Registrato: Feb 2015 Online
Messaggio: #36
RE: motore di rispetto per vela
Se hai il vento, non serve il motore di rispetto.
Se non hai il vento, difficile che ci sia mare e contemporaneamente hai il motore principale in avaria.

@orteip
Ciao Pietro!Oggi come oggi gli FB elettrici arrivano a 80 hp. Il mondo cambia....
Quando hai il tuo FB da 4 hp, che va anche sul tender, con un generatore torni...e torni alla grande.

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 14-02-2020 21:56 da falanghina.)
14-02-2020 21:55
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
falanghina Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.782
Registrato: Feb 2015 Online
Messaggio: #37
RE: motore di rispetto per vela
Per dire...andare vanno.
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 14-02-2020 22:05 da falanghina.)
14-02-2020 22:02
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
orteip Offline
Vecio AdV

Messaggi: 3.683
Registrato: Mar 2013 Online
Messaggio: #38
RE: motore di rispetto per vela
(14-02-2020 21:55)falanghina Ha scritto:  Se hai il vento, non serve il motore di rispetto.
Se non hai il vento, difficile che ci sia mare e contemporaneamente hai il motore principale in avaria.

@orteip
Ciao Pietro!Oggi come oggi gli FB elettrici arrivano a 80 hp. Il mondo cambia....
Quando hai il tuo FB da 4 hp, che va anche sul tender, con un generatore torni...e torni alla grande.

Buongiorno Falanghina, Purtroppo però non condivido il tuo pensiero o perlomeno non in todo. Che i FB elettrici arrivino ad elevati HP io non lo metto in dubbio ma portarsene uno di 80 HP appeso sul pulpito di poppa o dentro un gavone per usarlo nel tender ed all'occorrenza di emergenza per la barca io vedrei assai difficile a meno che non si stia parlando di barche di oltre i 60 piedi con tanto di equipaggio.
Altrettando difficile vedo il fatto di trovare il generatore elettrico montato di serie in barche medie quindi, per chi lo avesse ed intedesse attaccarvi "direttamente" il FB elettrico per ovviare alla batteria che si potrebbe scaricare sul più bello, dovrebbe attrezzare ulteriormente la barca anche con un impianto di alimentazione dotato di un trasformatore di potenza per la conversione AC 200V - DC xxV del fuoribordo e questo perchè: una cosa è ricaricare la semplice batteria, un'altra è alimentare il motore direttamente dal generatore. Ovviamente per chi non ha il generatore di serie può sempre portarsi dietro uno di quei piccoli guppetti elettrogeni ma dovrebbe comunque dotare la barca di quell'impianto di conversione di cui sopra.
Insomma un sacco di ammenicoli da portarsi dietro che nel complessivo sono molto poco gestibili dai più oltre che molto più ingombranti e pesanti di un semplice FB classico.
Morale, se si opta per un FB maneggievole e da portarsi dietro per il tenderd che all'occorrenza sia funzionale anche come motore di emergenza per la barca, l'unico sistema è quello di dotarsi di un classico FB a combustione interna totalmente indipendente dalla barca e da tutto. Se invece si volesse optare per un FB elettrico per una eventuale serie di vantaggi più o meno personali che verrebbero meno con il gruppo elettrogeno ed impianti dedicati al seguito, allora è bene essere consapevoli che oltre a spostarci la barca di qualche metro in condizioni ottimali e per gioco, questo non potrà mai essere utilizzato per manovre di emergenza.

PS - Non è assolutamente vero il fatto che: "Se hai il vento, non serve il motore di rispetto." Questo vale solo in mare aperto quando praticamente del motore ne puoi fare a meno.
Premesso che la composizione tipica presente nelle barche che girano nell'estate non è quella con equipaggio esperto ma la classica famiglia con una compagna quasi sempre non molto pratica, marito e prole più o meno grande, più o meno pratica.
Può capitare di ancorarsi la sera in una cala ridossata e svegliarsi la notte con il vento che ha girato e oltre ad aver nel frattenpo alzato un'ondina di 30/40 Cm ti spinge anche verso terra (a me è capitato in diverse occasioni). Se il motore principale non dovesse partire magari anche solo per le batterie scariche, quello diventa uno dei momenti fondamentali della vita dove benedirai di avere a bordo un FB che non ti pianta sul più bello e che sia in grado di spostare la barca efficientemente per consentiri di salpare e uscire dalla cala dove poi manovrerai a vela in tutta la sicurezza. Poi si possono fare i bordi anche per salpare ed uscire dalla cala ma se hai girato un pò, sai benissimo che spesso in tante calette di suo non c'è molto spazio per fare i bordi e se poi ci sono anche molte barche alla fonda come sovente capita nei mesi estivi lo spazio diventa assai più ristretto.
Un'altro caso dove, anche quando c'è vento, il motore diventa fondamentale è nell'ingresso e nelle manovre in porto. Ora premesso che con il vento tu sia arrivato a vela davanti al porto, hai bisogno di entrare e di andare ad ormeggiarti. L'estate scorsa ho assistito io stesso ad una trattativa per radio dove ad un GS 45, arrivato davanti all'imboccatura del porto a vela con il motore in avaria, hanno negato l'ingresso a vela e l'assistenza del gommone portuale intimandogli di rivolgersi al servizio addetto al rimorchio; pena il sequestro dell'imbarcazione. Si potrebbe pensare che siano stati disumani a rispondergli così ma questo è quello che però prevede la legge internazionale valida in tutto il mondo che poi noi in Italia non la rispettiamo è un'altra cosa.
Quindi ritorna la morale di prima: Anche se mi sono dilungato così tanto nello scrivere, questi sono due casi che chi va per mare sa bene siano abbastanza frequenti e, o non ci si penza e quando capita capita, oppure sapendo che senza ulteriori ammenicoli vari ma con un buon fuoribordo che uso normalmente per il gommone all'occorrenza potrei risolvere anche eventuali e potenziali problemi di sicurezza nelle cale e di portafogli nei porti, bhe.....
Ma come sempre sono tutte opinioni personali che ognuno considera in base alle proprie esperienze ed in base alle proprie esigenze. 19
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-02-2020 12:10 da orteip.)
15-02-2020 12:07
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
falanghina Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.782
Registrato: Feb 2015 Online
Messaggio: #39
RE: motore di rispetto per vela
Pietro, guarda che non ho mai scritto di applicare un motore elettrico di 80 hp; ho confutato la tua affermazione per la quale non ci sono FB elettrici sufficientemente potenti per essere un motore di rispetto.

(14-02-2020 21:36)orteip Ha scritto:  .... io credo che il fuoribordo elettrico non vada nemmeno preso in considerazione per un simile impiego tanto che nemmeno vale la pena fare una prova. .... sempre che non si parli di impiegarlo in una barchetta assai piccola, il motore elettrico per generare una minima spinta in grado di muovere una barca di 11/12 mt deve lavorare ad un regime tale che lo porterebbe ad esaurire la sua carica in poche decine di minuti. ...
Il mio consiglio è quello di acquistare un motore elettrico da 4 hp, che viene comodissimo anche per il tender.
Guarda:
(14-02-2020 21:55)falanghina Ha scritto:  .....
Quando hai il tuo FB da 4 hp, che va anche sul tender, con un generatore torni...e torni alla grande.
....

In quel caso un modesto generatore a benzina sostiene eccome il FB elettrico.

Stessa cosa peraltro sostenuta in altro 3ad: http://forum.amicidellavela.it/showthrea...844&page=2 dove al messaggio 24 dicevo la stessa cosa :
(13-02-2020 10:51)falanghina Ha scritto:  Allora mi permetto di darti una soluzione alternativa: motore elettrico, piccolo generatore a benzina.
In porto ci torni, il motore elettrico serve per il gommone, il generatore serve alla barca: di fatto, hai il secondario a costo 0 e investi sulla comodità.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-02-2020 13:40 da falanghina.)
15-02-2020 13:29
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
falanghina Offline
Vecio AdV

Messaggi: 9.782
Registrato: Feb 2015 Online
Messaggio: #40
RE: motore di rispetto per vela
Circa la questione del fatto che se hai il vento non ti serve il motore di rispetto, confermo la mia opinione.
Col motore di rispetto se c'è mare non ti devi nemmeno avvicinare al porto: chiami e ti vengono a prendere.
Un motore di rispetto serve a tornare verso casa, non di certo a far manovra in condizioni difficili davanti ad un porto.
In quella situazione, chi sa andare in barca fa altro: almeno secondo la mia opinione.
15-02-2020 13:48
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
Exclamation Trasformare un gozzo da motore a vela Novecento 95 35.610 29-11-2009 00:56
Ultimo messaggio: Novecento

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)