Rispondi 
Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
Autore Messaggio
enri996 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 656
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #1
Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
Un mio carissimo amico con GS 46 LC e fiocco autovirante + randa avvolgibile nlle’albero (in membrana) a lui piace così , mi ha chiesto come deve regolarla.

Io so ben poco, qualche lettura di libri e poca esperienza, quindi più di dirgli di guardare i filetti sul fiocco non ho potuto aiutarlo.

La domanda è generica lo so, dipende dall’intensita Del vento, dello stato del mare , dal colore della rand a22 ed altro ancora. Non ha i filetti sulla randa.

Detto questo faccio domande più specifiche.
Parto dal fiocco, poi pensiamo alla randa.

Bolina stretta - larga: filetto a metà altezza bello parallelo e lo stesso quello sotto vento, i filetti inferiori e superiori non sempre si distendono come quello mediano. Immagino sia da svergolare o ridurre lo svergolamento. Porto più al centro il carrello del fiocco autovirante e lasco il fiocco dovrebbe aumentare lo svergolamento in alto aumentando la pressione sul filetto interno in alto e riducendosi su quello sottovento. Dico bene?

NB se sbaglio siate clementi
17-04-2019 20:58
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
davidevet Offline
Senior utente

Messaggi: 1.296
Registrato: Feb 2009 Online
Messaggio: #2
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
Sul punto di scotta del fiocco ci sono dei fori il cui utilizzo deve variare in base all’intensita del vento. Buco più in alto vento più debole, buco più in basso corrisponde a carrello verso poppa, quindi vento maggiore. Già questa é una buona base di partenza. Purtroppo cambiare punto di scotta in navigazione é una scocciatura, io per facilitare ho messo un loop apribile in dyneema, così non devo armeggiare con grilli e moschettoni.
18-04-2019 07:04
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gorniele Offline
Senior utente

Messaggi: 2.170
Registrato: May 2011 Online
Messaggio: #3
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
Se svergoli togli potenza in alto, togli pressione nel filetto interno in alto se vuoi vederla da questo punto di vista.
Ma uno che ha i denari per comprarsi un Gs46 potrebbe investire qualche spicciolo per pagare un professionista che gli insegni qualcosa...
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 18-04-2019 08:45 da gorniele.)
18-04-2019 08:43
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Blu Offline
Senior utente

Messaggi: 1.425
Registrato: Sep 2007 Online
Messaggio: #4
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
Mettitela via. La regolazione del fiocco autovirante sará un continuo compromesso.
19-04-2019 00:24
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
albert Offline
Vecio ADV

Messaggi: 8.329
Registrato: Jun 2008 Online
Messaggio: #5
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
A mio parere, e senza nessuna intenzione di denigrare nè uomini nè barche, quando un armatore sceglie una barca come il GS 46 LC con randa avvolgibile e fiocco autovirante, dovrebbe essere più interessato alla temperatura del prosecco che al decimo di nodo ......... Smiley34
19-04-2019 10:46
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
enri996 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 656
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #6
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
avere un professionista a bordo può essere una ottima idea, pensavo che a livello di forum si potesse ottenere qualche consiglio anche su questo (qualcuno un po' ci ha provato)

Albert, secondo me non c'è la ricerca del decimo di nodo ma di una decente regolazione e comprendere qualche concetto che spesso vedo trattato con riferimento a velature racing, mentre cambiando configurazione non so se basta scimmiottare quei concetti o bisogna muoversi in modo diverso

se poi non c'è nessuno in questo sito 69 in grado di dare indicazioni gli consiglierò di mettere mano al portafoglio, tanto se ha speso quesi soldi sarà sicuramente uno che di abitudine li butta via
19-04-2019 13:02
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marcofailla Offline
Vecio AdV

Messaggi: 6.359
Registrato: Aug 2015 Online
Messaggio: #7
Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
enri certamente qui troverai dei consigli, ma la questione è difficilmente risolvibile perché un fiocco autovirante di una barca da crociera ha meno possibilità di essere regolato rispetto ad altre situazioni più performanti
detto questo, la dinamica del flusso sottovento e sopravento sulla vela di prua é tra le cose più belle e caratterizzanti la vela, bisogna capirla, viverla, studiarla o anche farsela spiegare, perché no, non c'è niente di male
la risposta alla seconda parte della tua affermazione , se ho capito bene (perché ti esprimi con termini generici tipo interno basso alto ecc), é no, non dici bene
se molli la scotta di bolina, indipendentemente dalla poszioni del carrello, diminuisci la pressione sopravento e la depressione sottovento. se questa regolazione genera maggiore portanza dipende anche da quanto angolo di attacco hai lasciato a quella sezione rispetto al vento apparente.

il primo consiglio che ti é stato dato da Davidenet mi sembra molto valido, spostare il punto di scotta sulla bugna equivale un po' a spostare il carrello di scotta in avanti o indietro con importanti effetti sulla tensione della balumina, rispettivamente aumento di tensione e diminuzione di tensione.
io immagino che una barca grande e pesante con poca superficie velica, vada regolata con punto di scotta arretrato sulla tavoletta di bugna, balumina cazzata, filetti sopravento di base e metà vela drittissimi, filetti sottovento lievemente ballerini, bolina larga. i filetti in alto credo dipendano dalla randa, se punge, non punge, che flusso c'è sulla balumina. sensazioni insomma, se no che vela é?

chi si è bagnato con l'acqua di mare non si asciuga più (cit. vecchi marinai :-)
19-04-2019 14:03
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Kurtz Offline
Amico del Forum

Messaggi: 721
Registrato: Dec 2011 Online
Messaggio: #8
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
(17-04-2019 20:58)enri996 Ha scritto:  Un mio carissimo amico con GS 46 LC e fiocco autovirante + randa avvolgibile nlle’albero (in membrana) a lui piace così , mi ha chiesto come deve regolarla

Porto più al centro il carrello del fiocco autovirante e lasco il fiocco

NB se sbaglio siate clementi

Se laschi il fiocco il carrello andrà ancora più all’esterno. Per fare quanto dici dovresti predisporre un circuito di ritenute del carrello.
20-04-2019 09:10
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
oudeis Offline
Vecio AdV

Messaggi: 10.566
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #9
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
(19-04-2019 10:46)albert Ha scritto:  A mio parere, e senza nessuna intenzione di denigrare nè uomini nè barche, quando un armatore sceglie una barca come il GS 46 LC con randa avvolgibile e fiocco autovirante, dovrebbe essere più interessato alla temperatura del prosecco che al decimo di nodo ......... Smiley34

Ipse dixit...e chiuse l'argomento Arrow

Timore di vita frugale induce molti a vita piena di timore.
(Porfirio)
20-04-2019 09:50
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Tatone Offline
Amico del Forum

Messaggi: 2.004
Registrato: Nov 2013 Online
Messaggio: #10
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
(17-04-2019 20:58)enri996 Ha scritto:  Un mio carissimo amico con GS 46 LC e fiocco autovirante + randa avvolgibile nlle’albero (in membrana) a lui piace così , mi ha chiesto come deve regolarla.

Io so ben poco, qualche lettura di libri e poca esperienza, quindi più di dirgli di guardare i filetti sul fiocco non ho potuto aiutarlo.

La domanda è generica lo so, dipende dall’intensita Del vento, dello stato del mare , dal colore della rand a22 ed altro ancora. Non ha i filetti sulla randa.

Detto questo faccio domande più specifiche.
Parto dal fiocco, poi pensiamo alla randa.

Bolina stretta - larga: filetto a metà altezza bello parallelo e lo stesso quello sotto vento, i filetti inferiori e superiori non sempre si distendono come quello mediano. Immagino sia da svergolare o ridurre lo svergolamento. Porto più al centro il carrello del fiocco autovirante e lasco il fiocco dovrebbe aumentare lo svergolamento in alto aumentando la pressione sul filetto interno in alto e riducendosi su quello sottovento. Dico bene?

NB se sbaglio siate clementi
A mio modestissimo parere, un gs 46lc così attrezzato risulta certamente sottoinvelato nelle condizioni diciamo “normali”. Ciò significa che per avere un minimo di performance le vele vanno tenute il più possibile potenti. Quindi: svergolatura il minimo possibile, drizza certamente non a ferro, base randa “morbida”, strallo di prua con un po’ di catenaria per ingrassare il fiocco, almeno fino a 12 nodi di vento reale di bolina (significa paterazzo di poppa praticamente in bando). Per quanto riguarda il carrello del fiocco, non troppo interno, la barca non ha i cavalli per chiudere troppo, piuttosto scotta abbastanza morbida, certamente non cazzata...
Poi, fai le regolazioni con un occhio al log, vedrai che più arrotondi le vele più cammina.... Smiley2
PS: Non dimenticare che il motore vero con quell’armo lì è la randa!
20-04-2019 19:19
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
davidevet Offline
Senior utente

Messaggi: 1.296
Registrato: Feb 2009 Online
Messaggio: #11
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
(20-04-2019 19:19)Tatone Ha scritto:  A mio modestissimo parere, un gs 46lc così attrezzato risulta certamente sottoinvelato nelle condizioni diciamo “normali”. Ciò significa che per avere un minimo di performance le vele vanno tenute il più possibile potenti. Quindi: svergolatura il minimo possibile, drizza certamente non a ferro, base randa “morbida”, strallo di prua con un po’ di catenaria per ingrassare il fiocco, almeno fino a 12 nodi di vento reale di bolina (significa paterazzo di poppa praticamente in bando). Per quanto riguarda il carrello del fiocco, non troppo interno, la barca non ha i cavalli per chiudere troppo, piuttosto scotta abbastanza morbida, certamente non cazzata...
Poi, fai le regolazioni con un occhio al log, vedrai che più arrotondi le vele più cammina.... Smiley2
PS: Non dimenticare che il motore vero con quell’armo lì è la randa!

Fatte le debite proporzioni anche la mia barca con randa grande e autovirante si porta esattamente come ha descritto Tatone. Devo dire che da quando ho rifatto le vele in Technora e il fiocco ha le stecche per guadagnare qualcosa nell’allunamento le prestazioni sono moooolto migliorate, quasi come con un piccolo genoa, rimangono però le limitazioni nelle regolazioni fini.
20-04-2019 20:54
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
enri996 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 656
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #12
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
(19-04-2019 14:03)marcofailla Ha scritto:  enri certamente qui troverai dei consigli, ma la questione è difficilmente risolvibile perché un fiocco autovirante di una barca da crociera ha meno possibilità di essere regolato rispetto ad altre situazioni più performanti
detto questo, la dinamica del flusso sottovento e sopravento sulla vela di prua é tra le cose più belle e caratterizzanti la vela, bisogna capirla, viverla, studiarla o anche farsela spiegare, perché no, non c'è niente di male
la risposta alla seconda parte della tua affermazione , se ho capito bene (perché ti esprimi con termini generici tipo interno basso alto ecc), é no, non dici bene
se molli la scotta di bolina, indipendentemente dalla poszioni del carrello, diminuisci la pressione sopravento e la depressione sottovento. se questa regolazione genera maggiore portanza dipende anche da quanto angolo di attacco hai lasciato a quella sezione rispetto al vento apparente.

il primo consiglio che ti é stato dato da Davidenet mi sembra molto valido, spostare il punto di scotta sulla bugna equivale un po' a spostare il carrello di scotta in avanti o indietro con importanti effetti sulla tensione della balumina, rispettivamente aumento di tensione e diminuzione di tensione.
io immagino che una barca grande e pesante con poca superficie velica, vada regolata con punto di scotta arretrato sulla tavoletta di bugna, balumina cazzata, filetti sopravento di base e metà vela drittissimi, filetti sottovento lievemente ballerini, bolina larga. i filetti in alto credo dipendano dalla randa, se punge, non punge, che flusso c'è sulla balumina. sensazioni insomma, se no che vela é?

non avevo pensato a spostare il punto di scotta sulla bugna, rimane il dubbio di come farlo in navigazione perchè , anche da quanto detto da voi, non ci sono molte regolazioni. Spostare il punto di scotta sulla bugna richiederebbe almeno di avere lil fiocco non in tensione- si potrebbe fare in relazione alla navigazione che si pensa di fare e la direzione del vento prevista- Grazie
22-04-2019 17:05
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
enri996 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 656
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #13
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
(20-04-2019 09:10)Kurtz Ha scritto:  Se laschi il fiocco il carrello andrà ancora più all’esterno. Per fare quanto dici dovresti predisporre un circuito di ritenute del carrello.

sul binario del fiocco autovirante è possibile bloccare il carrello s metà, dalla parte opposta, ecc, se è a questo che ti riferivi.
quindi pensavo di portare più al centro il carrello del fiocco, bloccarlo e poi lascare, ma mi sembra di aver capito che meglio lavorare sul punto di scotta
22-04-2019 17:07
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
enri996 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 656
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #14
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
(20-04-2019 19:19)Tatone Ha scritto:  A mio modestissimo parere, un gs 46lc così attrezzato risulta certamente sottoinvelato nelle condizioni diciamo “normali”. Ciò significa che per avere un minimo di performance le vele vanno tenute il più possibile potenti. Quindi: svergolatura il minimo possibile, drizza certamente non a ferro, base randa “morbida”, strallo di prua con un po’ di catenaria per ingrassare il fiocco, almeno fino a 12 nodi di vento reale di bolina (significa paterazzo di poppa praticamente in bando). Per quanto riguarda il carrello del fiocco, non troppo interno, la barca non ha i cavalli per chiudere troppo, piuttosto scotta abbastanza morbida, certamente non cazzata...
Poi, fai le regolazioni con un occhio al log, vedrai che più arrotondi le vele più cammina.... Smiley2
PS: Non dimenticare che il motore vero con quell’armo lì è la randa!

nelle condizioni "normali" dovrebbe venire in aiuto un code 0 o gennaker
strallo di prua .. ci si penserà più avanti a regolarlo, credo che all'inizio meglio lavorare sulle scotte, o sbaglio?

per la randa chiederò dopo, il fiocco ha i filetti che aiutano a capire come gli arriva il vento, la randa è senza filetti ed è sempre immobile (ha le stecche verticali)
22-04-2019 17:12
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
enri996 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 656
Registrato: Aug 2014 Online
Messaggio: #15
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
(18-04-2019 07:04)davidevet Ha scritto:  Sul punto di scotta del fiocco ci sono dei fori il cui utilizzo deve variare in base all’intensita del vento. Buco più in alto vento più debole, buco più in basso corrisponde a carrello verso poppa, quindi vento maggiore. Già questa é una buona base di partenza. Purtroppo cambiare punto di scotta in navigazione é una scocciatura, io per facilitare ho messo un loop apribile in dyneema, così non devo armeggiare con grilli e moschettoni.

sarebbe una cosa tipo questa https://www.imgmarine.com/bozzelli-e-rin...calza.html ?
22-04-2019 17:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
davidevet Offline
Senior utente

Messaggi: 1.296
Registrato: Feb 2009 Online
Messaggio: #16
RE: Regolazione fiocco autovirante e randa avvolgibile
Tipo questo


Allegati Anteprime
   
22-04-2019 19:02
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Aiuto per montaggio fiocco su piccolo avvolgifiocco zarzero3 15 190 ieri 23:20
Ultimo messaggio: zankipal
  Circuito autovirante Hanse: un chiarimento skybet 18 2.835 25-05-2020 09:29
Ultimo messaggio: federico.falcioni
  nuova randa avvolgibile ,che ne dite? elmer50 44 1.782 18-04-2020 00:46
Ultimo messaggio: Nick
  Consigli per regolazione punto scotta genoa dal pozzetto allevalli 30 1.001 03-04-2020 13:47
Ultimo messaggio: Navax
  autovirante si o no ? dubbio amletico... niko57 64 2.605 14-02-2020 01:26
Ultimo messaggio: spinner
  conversione da garrocci ad avvolgibile cellagiorgio 4 381 15-01-2020 16:44
Ultimo messaggio: cellagiorgio
  percentuale di un fiocco e/o genoa garbino13 12 919 06-11-2019 13:30
Ultimo messaggio: albert
  Nuovo fiocco per un Comet 910 garbino13 22 988 23-10-2019 20:33
Ultimo messaggio: bullo
  Aggiustare angolo drizza fiocco strallo Furlex Flask 11 746 27-09-2019 09:28
Ultimo messaggio: Flask
  Randa avvolgibile nuova: che materiale? borderline 18 800 18-09-2019 15:02
Ultimo messaggio: Tatone

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)