Rispondi 
Victronizzare la mia barchetta
Autore Messaggio
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #121
RE: Victronizzare la mia barchetta
Grazie Andrea delle precisazioni.

Quando dici :
(13-01-2022 09:28)AndreaB72 Ha scritto:  Il DC/DC Charger è un elemento critico che deve essere attivato solo in certe condizioni, cioè quando il motore è acceso E quando l'alternatore è eccitato. Se questo meccanismo di esclusione non funziona non carico la batteria servizi o cannibalizzo quella motore (a scapito della sicurezza).
Per far finta di semplificare la vita agli utenti, Victron (e altri produttori) hanno inventato logiche oscure per capire se le condizioni di cui sopra sono soddisfatte ma è tutt'altro che semplice (leggete come fa l'Orion e capite che state introducendo un oggetto che prende decisioni tutt'altro che scontate, sempre che lo configuriate bene).
La logica che "semplifica" è basata su assunzioni sulla tensione, ma che sotto carico cambia, quindi hanno introdotto dei ritardi... una roba complicata che si fa solo se non ci sono alternative.
In pratica si elimina un elemento passivo assolutamente non complesso e si introduce un elemento quasi magico.

In realtà c'è un modo affidabile al 100% per verificare le condizioni di cui sopra e Victron lo ha previsto. Ci sono due terminali remote: H e L. l'Orion si attiva se sono cortocircuitati, se L è a potenziale 0 o se c'è tensione (>5V) su H.

sono perfettamente d'accordo ed e' quanto ho cercato di spiegare anche io dicendo (forse non era stato compreso) :
Citazione:Nel caso invece che la batteria motore abbia (cosi' ci mettiamo a posto la coscienza) un'altra fonte ricarica 220V oltre alternatore, per evitar problemi di "attivazioni" indesiderate, e' possibile ed opportuno gestire lo switch S1 di consenso al "+12V" del quadro motore (sotto chiave).
...
Ho aggiunto un secondo allegato, per far vedere meglio come Victron ha dato ampia possibilità' di gestire attivazione Orion (come puro switch, sul +12 sotto chiave, etc.)
Il gestire Orion con lo switch S1 al +12 sotto chiave e' semplicissimo, grazie a Victron, con il contatto H (cosa che io, poi, non ho fatto ma diventa una ulteriore finezza ... che adesso non racconto per non incasinare con cose con non c'entrano).



L'altro punto ... la semplificazione :
(13-01-2022 09:28)AndreaB72 Ha scritto:  ...
Chi ha questo tipo di soluzioni quindi dovrà ulteriormente "semplificare" l'impianto.

Per quanto riguarda il 220V: a parte che non vedo una condizione realistica di avere motore e banchina insieme, con il meccanismo che propongo io si risolve il problema che altrimenti dovrebbe essere affrontato portando un filo dal quadro motore all'Orion (tanto per "semplificare").

L'ultimo punto: come vedete Pepe usa il Phoenix ip43 1+1. È un oggetto fantastico che ho preso anche io. Ha una uscita di potenza per la batteria servizi e una da pochi ampere per tenere la batteria motore carica.
Oltre a questo, il Phoenix può andare in rete VE.Smart e si può attivare la "tail current" per terminare la fase di absorption, che è il modo assolutamente migliore per determinare il 100% di carica.

Quindi come hai spronato anche tu a fare "semplifichiamo!" in caso di installazione DC-DC.

Ed io ... ho semplificato :
- tolto regolatore intelligente aggiuntivo che avevo installato 4-5 anni fa
- tolto separatore batterie BM BS (avevo un regolatore intelligente 0-volt drop che aveva anche altri cavi elettrici oltre i classici 3)
- tolti diversi metri (5,5 mt) di cavo elettrico inutile (per giri vari) perche' adesso con 20 cm (CM non MT) l'alternatore va al cavo del motorino avviamento. La caduta di tensione causa lunghezza cavoli e' drasticamente diminuita (io ho misurato uno +0.3 Volt cioe' alla batt. motore arrivano 14,50, invece che 14.20, ma mi sembra un miracolo e son convinto che cio' dipenda anche dall'aver eliminato il regolatore intelligente)
- tolto il groviglio di cavi che andavano dal regolatore (esterno al vano motore per evitare surriscaldamento) all'alternatore
- ottimizzato il tratto di prelievo della corrente di ricarica (dalla BM alla BS tramite Orion si parla di cm ... e non piu' di mt anche se questo, grazie al DC-DC non sarebbe piu' un problema)

E non la chiami ... S E M P L I F I C A Z I O N E ?!?
Io si ...

Se qualcuno avrà' la pazienza e la voglia di venirmi a trovare a Viareggio (mi farebbe piacerissimo se ci possiamo conoscere di persona), posso far vedere la foto del COM'ERO PRIMA (volgoli di cavi ben messi ben fascetta ma volgoli e giri vari c'erano ... per forza !!) e adesso (via tutto o quasi) ?!?
13-01-2022 12:05
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
polohc Offline
Amico del Forum

Messaggi: 601
Registrato: Oct 2013 Online
Messaggio: #122
RE: Victronizzare la mia barchetta
(12-01-2022 20:40)pepe1395 Ha scritto:  Fritz è universalmente considerato tra i migliori router nella categoria consumer/prosumer. Li conosco molto bene e l’interfaccia utente è molto ben fatta, consentendo una personalizzazione estremamente raffinata, a patto dì avere una buona conoscenza delle reti dì PC, ma anche in modalità basic le prestazioni sono eccellenti. Nella fattispecie apprezzo molto la possibilità dì avere, oltre alla rete Wi-Fi principale, anche una rete parallela per gli ospiti con un indirizzamento IP separato che protegge tutti gli oggetti presenti in quella principale (PC, tablet, smartphone, stampanti, NAS, ecc.) da device degli ospiti non sicuri. Posso inoltre modificare la password della rete ospiti senza provocare un disastro con le periferiche iot (internet of the things, la domotica) che sono, per il momento, attestati sulla rete principale. Last but not least, la possibilità dì connettere diverse reti separate geograficamente attraverso internet con una VPN. La mia casa dì Roma funge da centro stella per la casa dì Santa Margherita e la barca. In pratica da Roma posso accedere a tutte le risorse presenti nelle reti remote come se il mio device fosse connesso alla rete remota stessa.
Volendo fare un paragone velistico, forse un po’ azzardato, i Fritz sono, a mio parere, gli Swan dei router. 32
BV!

ok grazie per la spiegazione Smile
Pensavo di alimentare il router dall'uscita "load" del regolatore di carica dei pannelli solari così da poter togliere tensione al quadro quando lascio la barca all'ormeggio.
Vedo però che alcuni router sono alimentati a 9v potrei usare uno step down tipo questo ?
https://www.amazon.it/XUPHINX-Convertito...B07SG4481H
13-01-2022 12:06
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 967
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #123
RE: Victronizzare la mia barchetta
Capisco che vedere sparire matasse di cavi sia un bel sollievo.
Hai tolto roba che non serve (come il regolatore intelligente) e hai ottimizzato certi percorsi, ma dal mio punto di vista non hai semplificato.

Una cosa semplice non è una cosa "pulita" a vedersi, è una cosa che ha un numero minimo di gradi di libertà. Più esistono gradi di libertà sono e più la loro combinazione aumentano il numero dei possibili stati del sistema (definizione di complessità).
La complessità ovviamente deve essere ridotta al minimo pur mantenendo la funzionalità desiderate.
Usando il DC/DC si introducono gradi libertà al sistema (introdotti dalla logica interna dell'Orion), se poi si usa l'algoritmo interno del DC/DC per riconoscere il motore acceso si introduce ulteriore complessità. Non la vedi a occhio perché non vedi la matassa di fili, ma c'è. Secondo me quella logica è il punto debole del meccanismo del DC/DC in barca.

La complessità dei processi decisionali interni all'Orion si riduce drasticamente fornendo l'informazione "motore acceso e alternatore attivo" senza ricorrere alle euristiche interne. Se si riesce a fare questo senza introdurre un processo decisionale (cioè logica dentro un microcontroller) si elimina complessità e si rende il tutto più affidabile.
Se vedi il diagramma che riporta il manuale dell'Orion sull'algo che usa per capire se c'è energia dall'alternatore, vedi che gli stati possibili che gestisce sono moltissimi e la funzione (basta su tensione e tempo) per arrivare ad un si/no è complicata (e richiede tuning, quindi è fallibile).
Usando l'approccio del diodo questa logica non è necessaria perché l'informazione arriva in maniera sicura, affidabile e senza bisogno di elaborazione o tuning.

Collegare il DC/DC al quadro motore non serve a niente perché fornisce l'informazione che il motore *potrebbe* essere acceso, non che l'alternatore sta producendo energia.

Non mi sembra una buona cosa avere 14.5V sulle batterie. Il limite massimo per il Pb è di 2.4V a cella per un totale di 14.4V (massimo!). L'alternatore dovrebbe avere un filo che "sente" la tensione della batteria per regolare l'output e che di solito è collegato alla batteria servizi - usando il DC/DC si deve spostare sulla batteria motore, ma sicuramente lo hai fatto.




(13-01-2022 12:05)Aquila Ha scritto:  Grazie Andrea delle precisazioni.

Quando dici :

sono perfettamente d'accordo ed e' quanto ho cercato di spiegare anche io dicendo (forse non era stato compreso) :
Il gestire Orion con lo switch S1 al +12 sotto chiave e' semplicissimo, grazie a Victron, con il contatto H (cosa che io, poi, non ho fatto ma diventa una ulteriore finezza ... che adesso non racconto per non incasinare con cose con non c'entrano).



L'altro punto ... la semplificazione :

Quindi come hai spronato anche tu a fare "semplifichiamo!" in caso di installazione DC-DC.

Ed io ... ho semplificato :
- tolto regolatore intelligente aggiuntivo che avevo installato 4-5 anni fa
- tolto separatore batterie BM BS (avevo un regolatore intelligente 0-volt drop che aveva anche altri cavi elettrici oltre i classici 3)
- tolti diversi metri (5,5 mt) di cavo elettrico inutile (per giri vari) perche' adesso con 20 cm (CM non MT) l'alternatore va al cavo del motorino avviamento. La caduta di tensione causa lunghezza cavoli e' drasticamente diminuita (io ho misurato uno +0.3 Volt cioe' alla batt. motore arrivano 14,50, invece che 14.20, ma mi sembra un miracolo e son convinto che cio' dipenda anche dall'aver eliminato il regolatore intelligente)
- tolto il groviglio di cavi che andavano dal regolatore (esterno al vano motore per evitare surriscaldamento) all'alternatore
- ottimizzato il tratto di prelievo della corrente di ricarica (dalla BM alla BS tramite Orion si parla di cm ... e non piu' di mt anche se questo, grazie al DC-DC non sarebbe piu' un problema)

E non la chiami ... S E M P L I F I C A Z I O N E ?!?
Io si ...

Se qualcuno avrà' la pazienza e la voglia di venirmi a trovare a Viareggio (mi farebbe piacerissimo se ci possiamo conoscere di persona), posso far vedere la foto del COM'ERO PRIMA (volgoli di cavi ben messi ben fascetta ma volgoli e giri vari c'erano ... per forza !!) e adesso (via tutto o quasi) ?!?

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
13-01-2022 12:58
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #124
RE: Victronizzare la mia barchetta
(13-01-2022 12:58)AndreaB72 Ha scritto:  ...
Collegare il DC/DC al quadro motore non serve a niente perché fornisce l'informazione che il motore
*potrebbe* essere acceso, non che l'alternatore sta producendo energia.
L'aggiunta (perche'' di aggiunta si tratta, non ho disabilitato il processo interno di cui mi fido per capire se stiamo caricando oppure no) del +12 sotto chiave e' appunto solo un'aggiunta.
Adesso lo switch S1 e' "chiuso" ed ha quindi il consenso. Orion considera (perche' non ho disabilitato) secondo suoi algoritmi se carico oppure no (non ho avuto bisogno ditoccare i parametri ma e' possibile farlo).
Se "apri" S1 (cioe' togli il connettorino) e colleghi H al quadro al +12 V ecco che hai fatto lavorare sia :
- S1 che deve essere a +12 (quadro motore acceso)
- algoritmo Orion (quando, dopo 1 minuto nn ricordo, la corrente supera ... etc. etc.)
cioe' entrambi !!!
Ecco perche', chi vuole, puo' gestire questo ... (io no, adesso, ma per altri motivi)

Chi ha un CB 220V che fornisce "tensione" alla BM e quindi di conseguenza all'ORION, DEVE gestire bene S1 (con H o L o con uno switch manuale in plancia 58) altrimenti se lo ritrova acceso ma, non credo, volutamente !!!


(13-01-2022 12:58)AndreaB72 Ha scritto:  Non mi sembra una buona cosa avere 14.5V sulle batterie. Il limite massimo per il Pb è di 2.4V a cella per un totale di 14.4V (massimo!). L'alternatore dovrebbe avere un filo che "sente" la tensione della batteria per regolare l'output e che di solito è collegato alla batteria servizi - usando il DC/DC si deve spostare sulla batteria motore, ma sicuramente lo hai fatto.

Sono d'accordissimo ed e' sicuramente un dubbio lecito quello che giustamente stai sollevando.
D'altra parte l'alternatore ... quello fa ... e, avendolo anche lui cambiato da poco (per motivi di amperaggio, per il salpa ... perche' vioglio esser sicuro che puppi da alternatore e poco da batteria).
Ho installato Orion da troppi pochi mesi ma e' sicuramente una cosa da controllare.
Leggendo la sk tecnica La Optima blue ... gode a 14,50 (ah ah ah) ...
Tutto il processo di carica da BM a BS (da 14,50 a 14,82 perche' le Trojan voglion tanti volt) da quello cho ho potuto vedere fin'ora ... e' molto efficente in effetti e scalda anche poco.
Questo, ad oggi non me lo spiego piu' di tanto se non per il voltaggio gia' alto dell'alternatore, perche' tutti dichiarano ... temperature infernali.
Tu cosa ne pensi a parte che i 14,50 potrebbero essere leggermente troppi per le lunghe smotorate (ma l'alternatore ... quello e' ... ok ... mica ho toccato il suo "stupido" regolatore) ?

Grazie

Non ti avevo detto che, certo ho ricollegato alla BM Il filo giallo dell'alternatore (il sense).
Adesso e' ricollegato direttamente al B+ (cioe' il regolatore sente esattamente la corrente che lui produce alla fonte ... che gia' e' ... esuberante)
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 13-01-2022 13:56 da Aquila.)
13-01-2022 13:51
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Tamata Offline
Amico del Forum

Messaggi: 841
Registrato: Sep 2006 Online
Messaggio: #125
RE: Victronizzare la mia barchetta
un paio di punti ancora per chiarimento sulle affermazioni di andreaB72
(nota: la mia barca è un B40 uguale a quella di kavok )

PRIMO PUNTO
"Per quanto riguarda il 220V: a parte che non vedo una condizione realistica di avere motore e banchina insieme, con il meccanismo che propongo io si risolve il problema che altrimenti dovrebbe essere affrontato portando un filo dal quadro motore all'Orion (tanto per "semplificare")."
forse non ho spiegato bene il mio dubbio:
l'attuale CB220 (CHE NON HA IL PROGRAMMA "LITIO") ha 2 uscite, uno per la batteria motore ed uno per la batteria servizi.
certamente non prevedo di accendere cb220 e alternatore (mi hanno insegnato che non si fa... e li mi fermo)
attualmente non prevedo di sostituire le batterie, ma solo di ottimizzarne la carica con il dcdc e di prevedere in futuro con il litio.
Nella configurazione attuale quando attacco il cb220 avrei la carica sia della batteria motore che di quella servizi, e da questa "l'eccitazione" del dcdc che a sua volta manderebbe tensione alla servizi (con una curva diversa e leggendo anche la carica del cb220? (mi pare di capire che il ponticello H sull'alternatore eviterebbe il problema)

Nella configurazione "futura" Litio: se ho capito bene dovrei dotarmi anche di un ulteriore CB220 con curva specifica per la litio, in quanto (sempre per via del ponticello H) altrimenti non potrei caricare le batterie al litio.
Avevo incece capito che avrei potuto mantenere l'attuale CB220 piombo sulla batteria motore e tramite il dcdc andare a caricare le litio (ma non dovrei a questo punto utilizzare il ponticello H)

ho capito bene?

2° PUNTO
l'attuale "regolatore" dell'alternatore (il cavetto rosa che legge la tensione delle batterie servizi) è invece corretto metterlo sulla batteria motore, Giusto?

grazie
Alberto
13-01-2022 14:01
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 967
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #126
RE: Victronizzare la mia barchetta
Ok, capito. Esiste la possibilità che il CB 220V e il DC/DC interagiscano quindi è bene prevenire.

Puoi fare due cose:
1) Semplicemente staccare il cavo che va dal CB220V alle batterie servizi. In questo caso la ricarica avverrebbe solo tramite il DC/DC il quale non dovrebbe consumare la batteria motore perché ha dietro il CB220V. Questo è vero se il CB220V può erogare abbastanza corrente da tenere la tensione abbastanza alta da far partire la logica dell'Orion (la logica che non mi piace Smile). In pratica se hai un CB220V da 30~40A dovresti essere a posto. Se hai un 20A allora non va bene.

2) Colleghi il terminale H al quadro motore (cioè gli fai arrivare 12V quando il quadro motore è acceso). In questo modo il DC/DC è inibito quando il quadro è spento.

La terza fuori concorso è mantenere il partitore e collegare l'H al terminale dell'alternatore (ovviamente eliminando il cavo che va dal partitore alla batteria servizi).

Ho visto il B40 di Kavok e ho trovato l'impianto ben dimensionato e razionale (a parte il ripartore dentro il vano motore a fare la sauna). Non avrai problemi Smile



(13-01-2022 14:01)Tamata Ha scritto:  un paio di punti ancora per chiarimento sulle affermazioni di andreaB72
(nota: la mia barca è un B40 uguale a quella di kavok )

PRIMO PUNTO
"Per quanto riguarda il 220V: a parte che non vedo una condizione realistica di avere motore e banchina insieme, con il meccanismo che propongo io si risolve il problema che altrimenti dovrebbe essere affrontato portando un filo dal quadro motore all'Orion (tanto per "semplificare")."
forse non ho spiegato bene il mio dubbio:
l'attuale CB220 (CHE NON HA IL PROGRAMMA "LITIO") ha 2 uscite, uno per la batteria motore ed uno per la batteria servizi.
certamente non prevedo di accendere cb220 e alternatore (mi hanno insegnato che non si fa... e li mi fermo)
attualmente non prevedo di sostituire le batterie, ma solo di ottimizzarne la carica con il dcdc e di prevedere in futuro con il litio.
Nella configurazione attuale quando attacco il cb220 avrei la carica sia della batteria motore che di quella servizi, e da questa "l'eccitazione" del dcdc che a sua volta manderebbe tensione alla servizi (con una curva diversa e leggendo anche la carica del cb220? (mi pare di capire che il ponticello H sull'alternatore eviterebbe il problema)

Nella configurazione "futura" Litio: se ho capito bene dovrei dotarmi anche di un ulteriore CB220 con curva specifica per la litio, in quanto (sempre per via del ponticello H) altrimenti non potrei caricare le batterie al litio.
Avevo incece capito che avrei potuto mantenere l'attuale CB220 piombo sulla batteria motore e tramite il dcdc andare a caricare le litio (ma non dovrei a questo punto utilizzare il ponticello H)

ho capito bene?

2° PUNTO
l'attuale "regolatore" dell'alternatore (il cavetto rosa che legge la tensione delle batterie servizi) è invece corretto metterlo sulla batteria motore, Giusto?

grazie
Alberto

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
13-01-2022 14:19
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 967
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #127
RE: Victronizzare la mia barchetta
Probabilmente è così per disegno.
Hanno messo 14.5V per compensare la caduta dei diodi del ripartitore.

Il discorso delle tensioni di carica secondo me andrebbe approfondito con i produttori di batterie. Il valori che dichiarano credo che siano quelli che ti consentono la massima prestazione, ma non necessariamente la massima longevità.
Il mio vecchio CBR1000RR con centralina HRC girava sopra i 15RPM, ma godevo solo io, non lui... Smile

(13-01-2022 13:51)Aquila Ha scritto:  Tu cosa ne pensi a parte che i 14,50 potrebbero essere leggermente troppi per le lunghe smotorate (ma l'alternatore ... quello e' ... ok ... mica ho toccato il suo "stupido" regolatore) ?

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
13-01-2022 14:44
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #128
RE: Victronizzare la mia barchetta
Grazie

Non credo Trojan dica balle o dichiari di caricarle ad un voltaggio alto sulla sk tecnica per bruciarle piu' alla svelta e vendere piu' batterie nel tempo. Le sue T-105 i "1200-cycles" ... li fanno davvero.
Parlato con tanta gente che fa i muletti ... e ne installa a centinaia. Se vuoi spendere meno ci sono anche varie alternative ma Trojan e' fra quelle serie (ce ne sono anche altre per carita' ...).
Per adesso, caricandole come da sk tecnica a 14,82, sono ancora perfette (e vorrei ben vedere dopo "soli 4 anni"!!).

Avendo due banchi servizi (faccio confronti anche li'), ne ho un altro fatto sempre da Trojan ma 12V (non 6V) Signature line - Deep-Cycle 600-cycles ... ma non gli legano neanche le scarpe alle 6V Trojan Signature Line - Deep-Cycle 1200 cycles.
Infatti, pur avendole installate lo stesso anno (a distanza di pochi mesi), queste da 600 cicli sono sicuramente gia' almeno ad un 80%. Come faccio a dire questo ?
Bella domanda ... non ci sono test scientifici ... ci sono i paragoni di chi, come me, li adopro entrambi allo stesso modo ed il risultato e' diverso ... assai diverso.
Anche solo la necessita' di "watering" ... differisce. Eppure le carico allo stesso modo, stessi apparati, stesso ambiente temperatura, etc. etc.
https://www.trojanbattery.com/wp-content...E-sign.png

(13-01-2022 14:44)AndreaB72 Ha scritto:  ...
Hanno messo 14.5V per compensare la caduta dei diodi del ripartitore.
...

No questo no, e' un normale alternatore automobilistico che fa il suo
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 13-01-2022 16:39 da Aquila.)
13-01-2022 16:24
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
giorgio8596 Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 74
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #129
RE: Victronizzare la mia barchetta
Buongiorno a tutti,
scusate non vorrei sembrare fuori OT, ma Pepe usa il BMV712 per leggere la temperatura batteria e tagliare il B2b Orion in caso di sovratemperatura. Il guaio che vedo io e' che il BMV712 usa un terminale ad occhio collegato sul polo positivo della batteria, il che significa che con staccabatteria aperto c'e' comunque sempre un positivo che gira. Nel mio caso, che lascio la barca in Grecia per mesi, vorrei evitare tale soluzione. Qualcuno ha un circuitino da consigliare, che con una semplice termocoppia incollata su un fianco o sul coperchio della batteria, possa andare ad interrompere il contatto ausiliario S1 dell'Orion in caso di sovratemperatura?. E, secondo voi, quanto dev'essere questa temperatura di sgancio?
Lo chiedo perche' io con l'Orion, usando i commutatori di potenza, posso sia caricare il banco 2 (2x180Ah) partendo dal banco 1 (140 Ah), sia fare il contrario buttando gli alternatori sul primo o sul secondo banco. Ma i 30 Ah dell'Orion sono un po' tanti per il banco 1 (140 Ah), quindi volevo impostare una protezione in temperatura per evitare di far bollire inutilmente la batteria. Grazie a tutti
15-01-2022 11:11
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #130
RE: Victronizzare la mia barchetta
(15-01-2022 11:11)giorgio8596 Ha scritto:  Buongiorno a tutti,
scusate non vorrei sembrare fuori OT, ma Pepe usa il BMV712 per leggere la temperatura batteria e tagliare il B2b Orion in caso di sovratemperatura. Il guaio che vedo io e' che il BMV712 usa un terminale ad occhio collegato sul polo positivo della batteria, il che significa che con staccabatteria aperto c'e' comunque sempre un positivo che gira. Nel mio caso, che lascio la barca in Grecia per mesi, vorrei evitare tale soluzione. Qualcuno ha un circuitino da consigliare, che con una semplice termocoppia incollata su un fianco o sul coperchio della batteria, possa andare ad interrompere il contatto ausiliario S1 dell'Orion in caso di sovratemperatura?. E, secondo voi, quanto dev'essere questa temperatura di sgancio?
Lo chiedo perche' io con l'Orion, usando i commutatori di potenza, posso sia caricare il banco 2 (2x180Ah) partendo dal banco 1 (140 Ah), sia fare il contrario buttando gli alternatori sul primo o sul secondo banco. Ma i 30 Ah dell'Orion sono un po' tanti per il banco 1 (140 Ah), quindi volevo impostare una protezione in temperatura per evitare di far bollire inutilmente la batteria. Grazie a tutti

Non ti so rispondere (perche' intanto io semplificherei solo sul solare per le assenze prolungate e su un piccolo pannellino policristallino max. 50 w) ma volevo far notare che forse (forse, due volte), visto che Orion , ad oggi, non ha aggancio via rete VE.Smart ad un rilevatore SmartBatterySense (a differenza dei regolatori Smart Solar ma anche il BlueSolar via dongle bluetooth e anche vari altri CB sempre di casa Victron) ma faranno una nuova release a breve (si spera) ... forse ci sara' qualche possibilita' in piu' perche', effettivamente, credo che la principale mancanza dell'Orion sia proprio questa : non avere controller esterni (per adesso).
Io, ho lo SmartBatterySense (che adesso "lavora" con il BlueSolar via dongle) e son fiducioso che Victron Orion esca presto con nuove release piu' raffinate ... e magari ti risolvono cosi' il problema ?!?

......

Semplice semplice (mi e' venuto in mente adesso) : per le assenze prolungate, su Orion (se ha il positivo che gira. Ne mio impianto non ce l'ho perche' ORION INPUT e' attaccato non diretto sulla BM ma sullo stacca della BM che secondo me e' piu' corretto), DEVI staccare fisicamente S1 che e' "costruito" per essere staccato . (punto)
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-01-2022 11:38 da Aquila.)
15-01-2022 11:29
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 967
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #131
Victronizzare la mia barchetta
Mi sembra che l'implicazione del discorso della termocoppia sia di fare proprio a meno del BMV. É impensabile con un sistema Victron, nato sul principio dei controlli attivi e della rete di componenti.

Il BMV nasce per monitorare la batteria anche quando non c'è nessuno. È per questo che è stato progettato per consumare pochissimo. Per avere un impatto impiegherebbe anni, molto di più del tempo di autoscarica.
Il BMV poi è protetto da un fusibile piccolissimo che mette al riparo da malfunzionamenti.

Per passare ad un livello superiore di sicurezza si devono prendere misure più radicali del semplice staccabatteria. Come si faceva una volta, si tolgono proprio le batterie (o si disconnettono fisicamente).
Il solo cablaggio pone un rischio paragonabile a quello di avere il BMV.

In generale, Victron è tutto basato su logica attiva (decisioni prese da computers) e se vogliamo usare questa tecnologia dobbiamo capire che i componenti devono essere sempre alimentati. La sicurezza la garantiscono loro stessi. Come vedete in tanti stanno implementando sistemi di monitoraggio remoto: ovviamente serve l'alimentazione per farli lavorare.

Sent from my BTV-DL09 using Tapatalk

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-01-2022 15:40 da AndreaB72.)
15-01-2022 14:05
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
giorgio8596 Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 74
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #132
RE: Victronizzare la mia barchetta
Aquila, Andrea, grazie, ho capito il vostro punto di vista. In effetti, quando io ho scelto Victron, non avevo in mente di implementare telecontrolli o gestioni da remoto, ma semplicemente perche' era un marchio europeo e i prodotti funzionano. Ho gia' da qualche anno un BMV 700 che mi serve a tenere d'occhio la DOD del banco piu' grosso e mi da lo stato di carica, devo ordinare adesso il secondo BMV per il secondo banco, ma un BMV712 costa piu' di 200 euro e non ha senso per tenere d'occhio (qualche volta) una batteria che ne costa si e no 140. Pensavo semplicemente a un patacchino della Finder o qualcosa di simile che mi tenesse d'occhio la temperatura della batteria da 140 Ah quelle rare volte che la dovessi ciclare con l'Orion da 30A, senza farmela bollire. Poi, quando lascio la barca, stacco sempre comunque tutto, negli anni ho visto succedere brutte cose. Se le batterie si solfatano (ma neanche poi tanto) faccio loro un ciclo di desolfatazione di qualche giorno con un caricabatterie esterno che ha quella funzione, e vedo che va anche bene cosi'.
15-01-2022 18:38
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 967
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #133
RE: Victronizzare la mia barchetta
Capisco il punto, ma i prodotti Victron nascono con una certa impostazione e sono destinati a dare un sacco problemi se non si usano nel modo giusto.

Ormai hai acquistato l'Orion (che peraltro è un prodotto ancora molto grezzo in confronto agli altri Victron), ma per chi preferisce un approccio più tradizionale è molto meglio rivolgersi verso prodotti diversi, tipo il Renogy. Il Renogy è di ottima qualità, ha tutti i già i sensori (D+ dell'alternatore, temperatura della batteria etc.), non diventi matto a configurarlo, costa poco e lo fanno fino a 60A.
Non faccio pubblicità al Renogy, sto solo facendo un esempio di prodotto di buona qualità che certamente serve meglio gli utenti meno "smanettoni".


(15-01-2022 18:38)giorgio8596 Ha scritto:  Aquila, Andrea, grazie, ho capito il vostro punto di vista. In effetti, quando io ho scelto Victron, non avevo in mente di implementare telecontrolli o gestioni da remoto, ma semplicemente perche' era un marchio europeo e i prodotti funzionano. Ho gia' da qualche anno un BMV 700 che mi serve a tenere d'occhio la DOD del banco piu' grosso e mi da lo stato di carica, devo ordinare adesso il secondo BMV per il secondo banco, ma un BMV712 costa piu' di 200 euro e non ha senso per tenere d'occhio (qualche volta) una batteria che ne costa si e no 140. Pensavo semplicemente a un patacchino della Finder o qualcosa di simile che mi tenesse d'occhio la temperatura della batteria da 140 Ah quelle rare volte che la dovessi ciclare con l'Orion da 30A, senza farmela bollire. Poi, quando lascio la barca, stacco sempre comunque tutto, negli anni ho visto succedere brutte cose. Se le batterie si solfatano (ma neanche poi tanto) faccio loro un ciclo di desolfatazione di qualche giorno con un caricabatterie esterno che ha quella funzione, e vedo che va anche bene cosi'.

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
15-01-2022 21:06
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #134
RE: Victronizzare la mia barchetta
(15-01-2022 21:06)AndreaB72 Ha scritto:  ...
un esempio di prodotto di buona qualità che certamente serve meglio gli utenti meno "smanettoni".

Grazie Andrea per questo commento.
Nelle varie discussioni, tipiche dei forum, e' importante mettere in risalto queste caratteristiche/qualità perche' conoscere questi (e altri) prodotti e' fondamentale per un normale diportista/appassionato (cioè' non "smanettone") al fine di operare una buona scelta approfittando dei benefici della tecnologia senza per questo dover per forza diventare tecnologhi
16-01-2022 11:25
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
bdc@live.it Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 27
Registrato: Jun 2016 Online
Messaggio: #135
RE: Victronizzare la mia barchetta
Sono anche in in procinto di istallare orion DCDC 12/12 18A e personalmente istallerò due banchi di batterie servizi con un selettore all'uscita di Orion per caricare prima una poi l'altra.
ACCENSIONE Orion è un tema....e per quello che io ho compreso:
_ un modo per farlo attivare in modalità non automatica è quella di collegare D+ dell'alternatore ad H di Orion, in questo modo Orion si attiva unicamente se l'alternatore gira e quindi il motore è acceso, quindi non collegandosi al quadro come ho visto in alcuni post.
Altro vantaggio di questo collegamento sarebbe quello di avere Orion attivo "subito" anche con motore al minimo ...

Non ho però compreso una cosa... nella modalità accensione automatica è si possono impostare le tensioni di avvio di orion...? quindi, per esempio, dirgli di attivarsi quando sente 12V o 14V.... ho capito bene?

grazie!
01-03-2022 12:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Aquila Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 784
Registrato: Dec 2017 Online
Messaggio: #136
RE: Victronizzare la mia barchetta
(01-03-2022 12:14)bdc@live.it Ha scritto:  Sono anche in in procinto di istallare orion DCDC 12/12 18A e personalmente istallerò due banchi di batterie servizi con un selettore all'uscita di Orion per caricare prima una poi l'altra.
ACCENSIONE Orion è un tema....e per quello che io ho compreso:
_ un modo per farlo attivare in modalità non automatica è quella di collegare D+ dell'alternatore ad H di Orion, in questo modo Orion si attiva unicamente se l'alternatore gira e quindi il motore è acceso, quindi non collegandosi al quadro come ho visto in alcuni post.
Altro vantaggio di questo collegamento sarebbe quello di avere Orion attivo "subito" anche con motore al minimo ...

Non ho però compreso una cosa... nella modalità accensione automatica è si possono impostare le tensioni di avvio di orion...? quindi, per esempio, dirgli di attivarsi quando sente 12V o 14V.... ho capito bene?

grazie!

Su Orion DC-DC Charge si puo' settare la tensione di ricarica del BS (anche superiore alla tensione in ingresso prodotta da Alternatore, quindi e' uno STEP-UP) e di float.
La ricarica e' un po' grezza (non ha grandi considerazioni p.e. di equalizzazione ogni tot. tempo) ma e' efficace.

L'accensione tramite S1 usato con il sotto chiave e' una configurazione in piu' ... cioe' usa sia quel consenso (acceso il quadro motore oppure D+ dell'alternatore a seconda del collegamento che ha 3 opzioni possibili) che il suo algoritmo (che puo' essere disattivato).
L'algoritmo usato per comprendere di essere sotto alternatore (ed iniziare a caricare il BS dopo X tempo [X e' settabile anche a zero sec. cioe' attivo subito]) cosi' come descritto a pag. 12-13 del manuale dovrebbe andar bene cosi' com'e' (io non ho cambiato niente e funziona, basta che tuo alternatore produca i ... 14 volt ?!? e sei a posto).
Secondo me attivarlo "subito" non e' una buona idea ma anzi ... forse allungherei per dar modo di ricaricare la BM (che ha appena acceso motore) e la Bprua che potrebbe a brevissimo dover salpare l'ancora (ma c'e' il superpippo-alternatore da 100 A a sopperire eh).

Da verificare, tramite app bluetooth Victron Connect (semplicissima), che Orion si attivi all'accensione motore e si disattivi allo spengimento del motore. Sul manuale c'e' scritto che il test lo fa ogni due minuti ma io ho sempre visto che entro 10-15 sec. ha spento tutto (forse mi e' capitato sempre che i due minuti di test coincidevano ...). Cmq. funziona.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 01-03-2022 13:55 da Aquila.)
01-03-2022 13:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Gabriele Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 332
Registrato: May 2007 Online
Messaggio: #137
RE: Victronizzare la mia barchetta
Una semplice domanda. Negli schemi vedo che anche il solare è collegato in stile Victron: l’output del regolatore solare MPPT va sulla batteria motore. Per raggiungere in input il DC-DC Orion; e da lì uscire verso il gruppo servizi.

Quali sono i vantaggi o gli svantaggi del passaggio per l'Orion, rispetto a portare l’MPTT direttamente sul positivo del gruppo servizi?


Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .


N.B. Mi riferisco solo al solare e con un ottimo regolatore MPPT, come quello dello schema.
22-03-2022 12:15
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Resolution Offline
Amico del Forum

Messaggi: 461
Registrato: Sep 2007 Online
Messaggio: #138
RE: Victronizzare la mia barchetta
Se l'uscita del regolatore è collegata alla Bm, questa sarà caricata sempre, però superato il livello impostato sull Orion, questo comincerà a succhiare 30A. Può essere che la BM si sieda e vada ad u livello di tensione inferiore, tale da far staccare l'Orion, ma appena staccato il regolatore alzerà nuovamente la tensione e l'Orion riattacca, così all'infinito e la BS non c'è la fa a caricarsi. Dovresti avere una BM grossa ed impostare il livello di disattivazione molto basso... tacon peso del buso. Io sul camper ho rinunciato e spostato il regolatore a caricare la BS, finiti i problemi e la BM si carica solo col motore.
Ps sul camper non ho pannelli che diano 30 A

Mario
Ex Resolution, ora Albachiara
“La vera ignoranza non è la mancanza di conoscenza, ma il rifiuto di acquisirla”.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-03-2022 19:04 da Resolution.)
22-03-2022 19:01
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Maremare Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 829
Registrato: Dec 2020 Online
Messaggio: #139
RE: Victronizzare la mia barchetta
Per caricare la batteria motore puoi sempre usare il sistema "diodo e resistenza" che trovi spiegato in rete nei forum di camperisti. 17
22-03-2022 19:27
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
AndreaB72 Offline
Amico del Forum

Messaggi: 967
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #140
Victronizzare la mia barchetta
Nello schema di pepe c'è un remote relè.
Senza andare a leggere tutto, penso che l'mppt carichi la batteria motore o servizi in maniera esclusiva.

Sent from my SM-G991B using Tapatalk

La semplicità è la suprema sofististicazione. LdV
22-03-2022 23:37
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)