Rispondi 
Gru a portale mobile autocostruita
Autore Messaggio
mimita Offline
Vecio AdV

Messaggi: 12.669
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #21
Gru a portale mobile autocostruita
Io invece penso che con un attrezzatura di questo tipo ...devi farti una marina personale o almeno noleggiarla in paese per usi molteplici. Peccato usarla due volte all'annoSmileSmileSmile
27-01-2014 23:59
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
IZ1DNJ Offline
Amico del Forum

Messaggi: 108
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #22
Gru a portale mobile autocostruita
Queste sono le foto dei particolari dei bilancini, appena verniciati con antiruggine:.....

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Buone autocostruzioni [:104]

La teoria è quando si sa tutto e niente funziona.
La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perché.
In questo caso, abbiamo messo insieme la teoria e la pratica:
non c'è niente che funziona e nessuno sa il perché!"
Albert Einstein
28-01-2014 03:16
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
isantini Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 24
Registrato: Apr 2011 Online
Messaggio: #23
Gru a portale mobile autocostruita
Secondo me il più grosso vantaggio che ha Claudio sta nel fatto che quando ne ha bisogno ha subito pronto tutto senza dovere chiedere a questo e quello. Sopratutto non deve fare calcoli di economia.
Dalle mie parti ci sono prezzi per varo/alaggio/taccaggio da paura!!
Santino
Citazione:Edolo ha scritto:
Ma non facevi prima a tagliare in due il carrello ed imbullonarlo?
Arrivavi sopra all'invaso, sgonfiavi le gomme aprivi in due il carrello e via Big Grin

Ok ci vado da solo.

Secondo me comunque hai fatto un buon lavoro, soprattutto se ti consentirà di fare quello che ti eri prefissato. L'unica cosa che mi lascia un po' perplesso sono quelle ruote.

Ciao
28-01-2014 16:04
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
prospero Offline
Amico del Forum

Messaggi: 22
Registrato: Jan 2014 Online
Messaggio: #24
Gru a portale mobile autocostruita
esiste qualche libro o delle formule matematiche per realizzare e dimensionare in sicurezza una struttura del genere esiste un manuale di meccanica o vi siete rivolti ad un ingegnere? avete foto delle fasi costruttive se non è eccesivamente costoso realizzarla ne vorrei realizzare una con materiali di recupero dei riciclati mi potreste dare dei riferimenti tecni ci e delle formule per realizzare un portale mobile come il vostro grazie?§
http://img.directindustry.de/images_di/p...478665.jpg
https://encrypted-tbn1.gstatic.com/image...xXewrrjFe0

vorrei costruire un apparecchio simile a questo:http://www.gommonauti.it/imm/7850/1293214617.jpg
http://www.gommonauti.it/imm/7850/1293214653.jpg
03-02-2014 23:17
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
IZ1DNJ Offline
Amico del Forum

Messaggi: 108
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #25
Gru a portale mobile autocostruita
Citazione:prospero ha scritto:
esiste qualche libro o delle formule matematiche per realizzare e dimensionare in sicurezza una struttura del genere esiste un manuale di meccanica o vi siete rivolti ad un ingegnere? avete foto delle fasi costruttive se non è eccesivamente costoso realizzarla ne vorrei realizzare una con materiali di recupero dei riciclati mi potreste dare dei riferimenti tecni ci e delle formule per realizzare un portale mobile come il vostro grazie?§
http://img.directindustry.de/images_di/p...478665.jpg
https://encrypted-tbn1.gstatic.com/image...xXewrrjFe0

vorrei costruire un apparecchio simile a questo:http://www.gommonauti.it/imm/7850/1293214617.jpg
http://www.gommonauti.it/imm/7850/1293214653.jpg

Certo che esistono libri per il dimensionamento delle strutture metalliche, ma non sono di facile comprensione per tutti.
Per la mia gru a portale mobile, i calcoli li ho fatti io poichè è anche il mio lavoro.
Nei post antecedenti vi sono i disegni ed i costi di massima, basta leggere tutto dall'inizio.
Le immagini che hai allegato sono relative a gru a portale con portata inferiore a quella da me progettata e costruita.
Tutto il processo parte da quanto peso si vuole sollevare, con quanti paranchi (oppure tenendo conto del massimo sforzo posizionando un solo paranco in mezzeria della trave) ed a quale altezza per tenere conto del carico di punta delle gambe dei cavalletti.
Saluti.
Claudio F.

La teoria è quando si sa tutto e niente funziona.
La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perché.
In questo caso, abbiamo messo insieme la teoria e la pratica:
non c'è niente che funziona e nessuno sa il perché!"
Albert Einstein
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-02-2014 03:19 da IZ1DNJ.)
04-02-2014 03:17
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
IZ1DNJ Offline
Amico del Forum

Messaggi: 108
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #26
Gru a portale mobile autocostruita
Forse a qualcuno può interessare come si può dimensionare la trave a cui appendere un paranco per sollevare un carico.

Occorre procedere per passi:

1) determinare il materiale della trave e nel nostro caso ipotizziamo di utilizzare una trave di ferro (ferro comune costituente i normali profilati in commercio per costruzioni di carpenterie).

2) determinare il carico da sollevare P

3) determinare la lunghezza della trave (luce tra gli appoggi) L

4) determinare la posizione del carico nella condizione più gravosa per la trave (nella mezzeria tra gli appoggi) L/2


Questa è la rappresentazione grafica della nostra trave da calcolare:...
Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .
Le linee tratteggiate rosse, rappresentate in modo esagerato, evidenziano la flessione a cui è soggetta la trave sottoposta a carico ed al peso proprio.

Considerazione: nel disegno si può notare che la trave risulta normalmente appoggiata nei punti A e B, mentre in realtà risulterà semi-incastrata per via del successivo collegamento con le gambe del cavalletto di sostegno. Tale scelta è stata fatta in modo cautelativa considerando un eventuale accoppiamento non eseguito a regola d'arte.

Tornando alla nostra trave procederemo al dimensionamento in modo semplicistico utilizzabile da tutti senza tirare in ballo formule complesse tenenti in considerazione la resistenza del materiale impiegato, momento flettente, momento di inerzia, moduli di resistenza ecc.

Supponiamo un carico P di 3.000 Kg. posizionato nel punto più critico in mezzeria della trave e una luce tra gli appoggi L di 4,5 metri.

Scegliamo il tipo di trave da utilizzare e visto che con molta probabilità impiegheremo un carrello per movimentare il paranco lungo la trave, il tipo più idoneo sarebbe una IPE, ma nulla vieta di utilizzare anche una NP, una HEA o una HEB. L'utilizzo di una IPE per questa struttura risulterebbe il miglior compromesso tra peso della trave e quindi costo e robustezza.

Supponiamo di utilizzare una IPE ed il sistema semplicistico consiste nell'utilizzare le relative tabelle dove si ricava la dimensione in base al carico ed alla luce tra gli appoggi.
Questa è la tabella per le IPE: http://www.oppo.it/tabelle/carico_flessione_ipe.htm

Nella tabella i carchi considerati sono uniformemente distribuiti, quindi, avendo nel nostro caso un carico concentrato, occorre moltiplicarlo per 2. Cioè un carico concentrato in mezzeria della trave di 3.000 Kg. corrisponde ad un carico uniformemente distribuito su tutta la trave di 6.000 Kg. .

Dalla tabella si ricava che nel nostro caso occorre una trave IPE 220 avente peso di 26,2 Kg/ml e capace di sopportare un carico distribuito di 7.050 Kg o un carico concentrato in mezzeria di 3.525 Kg con una luce di 4,5 metri

Se volessimo utilizzare una trave HEA, dalla tabella http://www.oppo.it/tabelle/carico_flessione_hea.htm si ricava una trave HEA 160 avente peso di 30,4 Kg/ml e capace di sopportare un carico distribuito di 6.124 Kg o un carico concentrato in mezzeria di 3.062 Kg con una luce di 4,5 metri.

L'ultima procedura consiste nel ricavare i carichi P1 sugli appoggi della trave e qui occorre fare due considerazioni:

1) l'utilizzo di un paranco fisso e solidale con la mezzeria della trave determinerebbe sugli appoggi un carico P1 di: (Carico P 3.000/2 = 1.500 Kg) + (1/2 del peso della trave IPE pari a 26,2*4,5/2 = 60 Kg) + (1/2 del peso proprio del carrello e del paranco pari a 60/2 = 30 Kg.) quindi P1 = peso su ogni singolo appoggio = 1.590 Kg arrotondato a 1.600 Kg.

2) l'utilizzo di un paranco scorrevole determinerebbe il massimo carico sull'appoggio quando si troverà ad una delle estremità della trave e quindi il carico massimo P1 su un appoggio sarà: P = 3.000 Kg + 1/2 peso della trave = 60 Kg + peso carrello e paranco = 60 Kg totale P1 = 3.120 Kg arrotondato a 3.150 Kg.

Per il momento è tutto.

Se necessitano chiarimenti chiedete.

Se interessa, si potrebbe procedere al dimensionamento delle gambe del cavalletto.

Ricordo nuovamente, come giustamente già precisato da altri, che si tratta di un dispositivo per il sollevamento di materiali e quindi soggetto a omologazione e collaudo, pertanto, chi dovesse realizzarlo, non potrà utilizzarlo per attività lavorative e per l'utilizzo da parte di terzi. Tanto meno altre persone non dovranno sostare od operare nelle vicinanze di oggetti sollevati con questo dispositivo.
Questo progetto, seppur calcolato ed opportunamente dimensionato, dovrà essere utilizzato solo da chi l'avrà costruito assumendosene tutte le responsabilità sulla corretta e buona costruzione e sul corretto impiego.

Consiglio vivamente, prima dell'utilizzo, di procedere con un collaudo statico sollevando per un'altezza di circa 10 cm., con un paranco a catena, un carico P pari a quello di progetto e farlo leggermente oscillare verificando l'eventuale deformazione, irreversibile, della struttura.


Claudio F.

La teoria è quando si sa tutto e niente funziona.
La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perché.
In questo caso, abbiamo messo insieme la teoria e la pratica:
non c'è niente che funziona e nessuno sa il perché!"
Albert Einstein
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-02-2014 18:29 da IZ1DNJ.)
04-02-2014 09:34
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
prospero Offline
Amico del Forum

Messaggi: 22
Registrato: Jan 2014 Online
Messaggio: #27
Gru a portale mobile autocostruita
grazie per i chiarimenti scusa se approfitto della tua professionalita credi che si possa realizzare un mini travel lift sling lift madehome per alaggio piccole barche grazie
https://encrypted-tbn0.gstatic.com/image...UIBKGYH1xr

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/image...fn8UxpDBVY
04-02-2014 22:45
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
IZ1DNJ Offline
Amico del Forum

Messaggi: 108
Registrato: Mar 2012 Online
Messaggio: #28
Gru a portale mobile autocostruita
Citazione:prospero ha scritto:
grazie per i chiarimenti scusa se approfitto della tua professionalita credi che si possa realizzare un mini travel lift sling lift madehome per alaggio piccole barche grazie
https://encrypted-tbn0.gstatic.com/image...UIBKGYH1xr

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/image...fn8UxpDBVY

Certo che si può realizzare, occorre sapere i parametri di base quali:
Massimo carico sollevabile, luce della trave, altezza da terra.
Se poi non ti occorre smontabile come la mia, tutto è più semplice ed economico

Però su sistemi piccoli, forse conviene acquistarli già fatti.
http://www.grubandiera.it/Cataloghi/gru%...mobile.pdf
http://www.grubandiera.it/paranchi_a_bandiera.html
http://www.attollo.it/Cataloghi/Gru%20a%...eggera.pdf
http://www.kijiji.it/annunci/altre-attre...o/58621385
http://www.demagcranes.de/cms/site/deuts...08898.html

La teoria è quando si sa tutto e niente funziona.
La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perché.
In questo caso, abbiamo messo insieme la teoria e la pratica:
non c'è niente che funziona e nessuno sa il perché!"
Albert Einstein
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-02-2014 23:18 da IZ1DNJ.)
04-02-2014 23:16
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Paura13 la mia deriva a vela, autocostruita epoxyfox 248 42.048 20-11-2018 19:35
Ultimo messaggio: marcofailla
  Barca autocostruita. MODIFICHE Oneloop 53 1.417 09-11-2018 15:57
Ultimo messaggio: ZK
  Rottura deriva mobile Phoenix 700 (sasanka 660) marc7 7 219 27-10-2018 19:32
Ultimo messaggio: gorniele
  Una prima barca autocostruita? ehi_ale 32 1.922 23-11-2017 21:28
Ultimo messaggio: Altin71
  congegno sollevamento scafi fai da te a cavalletto in acciaio mobile prospero 7 3.319 12-11-2014 18:32
Ultimo messaggio: prospero
  Progetto ex novo deriva fissa in loco della mobile. renato pacini 16 4.613 14-10-2014 13:23
Ultimo messaggio: renato pacini
  Test ghiacciaia autocostruita bulga 7 3.677 24-09-2012 17:50
Ultimo messaggio: umbosly
  deriva mobile tucano ciaky 15 5.340 08-09-2010 15:24
Ultimo messaggio: ciaky
  capottina paraspruzzi autocostruita rapone 3 3.221 22-10-2009 13:36
Ultimo messaggio: rapone

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)