Rispondi 
Lavori Duck 31'
Autore Messaggio
Laniakea Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 13
Registrato: Aug 2021 Online
Messaggio: #21
Lavori Duck 31'
Ho aspettato una settimana e lo stucco si è asciugato bene. Ho carteggiato e la deriva è venuta perfettamente liscia. Sono passato al negozio e ho manifestato i miei dubbi sullo stucco, prima di iniziare l'altro lato. Mi hanno aperto altri barattoli, anche di altri prodotti, mostrandomi che, in effetti, la consistenza è quella, molto densa (e che il barattolo da 75cl del prodotto in questione è praticamente vuoto e non pesa niente). Mi hanno detto che probabilmente era freddo e che il barattolo andava un po' scaldato. Ho chiesto se potevo usare un diluente, anche specifico per lo stucco Epolight Win, mi hanno detto che non c'è e sconsigliato di miscelare con il diluente per prodotti epossidici che invece mi hanno dato per il Defender. Mi hanno poi spiegato che la quantità di stucco acquistata (0,75 LT) era assolutamente insufficiente per la mia deriva (circa 4,5 mq). Ho deciso di non comprarne altro per ora e ho dato il resto dello stucco sull'altro lato ieri con, finalmente, tanto sle. Lo stucco effettivamente era un po' più fluido, l'ho tirato tantissimo ed ho completato il lavoro con lo scarso quantitativo a disposizione.
Oggi ho dato il Defender con il rullo, sul lato già stuccato e carteggiato (allego foto). Per la preparazione, mi sono dimenticato di prendere l'alcool che mi avevi consigliato e ho pulito solo con uno strofinaccio inumidito con acqua per rimuovere la polvere della carteggiatura. Ho asciugato bene e dato il Defender leggermente diluito, utilizzando un rullo spugnoso e non peloso (non lo avevo mai utilizzato e devo dire che mi sono trovato bene, ho steso in pochissimo tempo e con buon risultato).
Per perfezionare il profilo dei bordi di attacco e uscita della deriva (oltre che per la parte inferiore che poggia sulla traversa in legno) dovrei acquistare un altro po' di stucco epossidico. Mi chiedo se posso utilizzare un altro prodotto, o devo attenermi all'Epolight Win per poter dare poi sopra il Defender.
Mi chiedo poi se basta una mano di Defender o ne servono due o più, prima di dare l'AV.
Per il prossimo lavoro che mi aspetta dopo la deriva - lucidare il gelcoat bianco delle murate - mi servirebbero consigli per l'acquisto dei prodotti da utilizzare con la lucidatrice (pasta abrasiva e polish).
Al negozio mi hanno confuso un po', dicendomi che se il gelcoat è vecchiotto e parecchio sporco-opacizzato, dovrei iniziare prima con carta abrasiva (non ricordo le grane che mi hanno indicato, ma era una cosa del tipo: parti con la 400 e finisci con 1500).
Vorrei invece partire direttamente con la pasta abrasiva e vedere prima che risultato ottengo.
Infine allego due foto di un piccolo danno al bordo della poppa che ho notato.
Consigli per la riparazione?
Grazie![Immagine: 9a2e88268dd1610eb037daa0dc5a489d.jpg][Immagine: ca1db0a836602c02415a346b512cd8a5.jpg][Immagine: 534436c94da8f6feac4bd113960714ea.jpg]

Inviato dal mio CPH1951 utilizzando Tapatalk
21-11-2021 23:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
opinionista velico Offline
Amico del Forum

Messaggi: 216
Registrato: Jan 2013 Online
Messaggio: #22
RE: Lavori Duck 31'
Una volta che Epolight Win ha tirato puoi ricoprirlo con quello che ti pare. Anche con stucco di altro tipo e altra marca.
Chiaro che se ti senti ancora impreparato a lavorare con l’epossidica e relativi addensanti, devi continuare con prodotti preconfezionati, che hanno i loro costi e che riservano le loro (non rare) spiacevoli sorprese.

Se non ho visto male, le specifiche tecniche del Defender consigliano 2 - 4 mani. Più né dai e più protegge, ovviamente.

Se stimi che ti avanzerà un po’ di Defender potresti anche usarlo per prepararti un po’ stucco addensandolo con delle microsfere cave. Così inizi a prendere confidenza anche con questi prodotti che sicuramente ti serviranno per altri lavori insieme alla resina epossidica.
Come avrai già intuito, la manutenzione di una barca richiede tantissimo lavoro, specie se datata e abbandonata da tempo.

Altro stucco (oppure gelcoat addensato che funga da stucco o prodotti già pronti come il Gelcoat Filler o il normale stucco da carrozziere) ti servirà infatti anche per la riparazione lungo il bordo del codino di poppa. Ma qui il discorso sarebbe anche più lungo e complicato perché bisognerebbe capire bene fino a dove arriva la rottura (che potrebbe derivare dallo scollamento della giunzione scafo/coperta), cioè se è solo superficiale o attraversa lo stratificato aprendo la strada alle infiltrazioni.

La procedura per rilucidare il gelcoat è quella che ti hanno detto in negozio, ovvero passare con carta abrasiva sempre più fine per arrivare alla pasta abrasiva ed eventualmente anche al polish (dipende dalla finitura che vuoi ottenere). Potresti certamente iniziare come hai pensato di fare e trattare una piccola parte. Se il risultato ti soddisfa allora prosegui, altrimenti occorre un intervento che vada più a fondo.
Attenzione però a non insistere troppo con la carta abrasiva (partire con la 400 va bene) perché altrimenti rischi di passare sotto e poi ti tocca ridare il gelcoat con enorme difficoltà (se non impossibilità) a ritrovarlo dello stesso colore (ma la pezza si noterebbe comunque).
Qui dovresti dotarti di rotorbitali di buona qualità che ti consentano di lavorare a lungo senza distruggerti mani e braccia. Ovviamente armarti anche santa di pazienza.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 23-11-2021 08:20 da opinionista velico.)
23-11-2021 08:15
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
mlipizer Offline
Senior utente

Messaggi: 2.612
Registrato: Nov 2012 Online
Messaggio: #23
RE: Lavori Duck 31'
Secondo me, quel foro sulla poppa fa entrare acqua. Non è grave di per sè, ma bisogna capire a cosa è dovuto. Nel senso, la cosa più facile sarebbe chiuderlo con dello stucco epossidico, ma se la parte lavora, si aprirebbe in poco tempo. Allora bisognerebbe pensare ad una fazzolettatura con delle fibra. In ogni caso devi aprire e grattare fino a trovare il buono. Così capisci anche se è passante (basta provare a soffiare con la bocca o far passare la punta di un cacciavite). Comunque quando cominci il lavoro metti a posto anche i 20 cm lungo il bordo. Il problema più grosso, come avrai capito, sarà poi verniciare la parte in una qualche maniera che non si noti (simmetria sulla poppa, quindi tutto lo specchio compreso una parte dello scafo, solo un fazzoletto tanto non si nota,...)

Trieste Orion 2000 (8.00 metri)
23-11-2021 09:22
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Laniakea Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 13
Registrato: Aug 2021 Online
Messaggio: #24
RE: Lavori Duck 31'
(23-11-2021 08:15)opinionista velico Ha scritto:  Se non ho visto male, le specifiche tecniche del Defender consigliano 2 - 4 mani. Più né dai e più protegge, ovviamente.
Se stimi che ti avanzerà un po’ di Defender potresti anche usarlo per prepararti un po’ stucco addensandolo con delle microsfere cave.
Ti ringrazio OV, allora compro il barattolo da 2,5 lt di Defender, darò altre 2 mani alla chiglia e me ne avanzerà.
Come sfere cave per fare lo stucco possono andar bene Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .?

Per ora non ho una rotorbitale, ho comprato solo la lucidatrice (per la chiglia ho usato il flex). Ma ho capito che mi servirà molto la rotorbitale. Vorrei acquistarne una decente da 150mm, possibilmente leggera, credo con orbita da 5mm. Consigli ?
Per esempio, ho visto online Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI ., che come caratteristiche ipotizzate e prezzo ci siamo, ma non sembra molto conosciuta e non so se è buona.

Come pasta abrasiva mi hanno venduto ad un ferramente la Superplast Plus linea nautica e un Gelson polish vetrificante. Allego foto. Vediamo come vanno. Ma devo prima prendere la roto e i dischi abrasivi giusti.

..Eh sì, è lunga l'avventura! [Immagine: b4054a4414b21416b14408f1b1e1c239.jpg]

Inviato dal mio CPH1951 utilizzando Tapatalk

(23-11-2021 09:22)mlipizer Ha scritto:  Secondo me, quel foro sulla poppa fa entrare acqua. Non è grave di per sè, ma bisogna capire a cosa è dovuto. Nel senso, la cosa più facile sarebbe chiuderlo con dello stucco epossidico, ma se la parte lavora, si aprirebbe in poco tempo. Allora bisognerebbe pensare ad una fazzolettatura con delle fibra. In ogni caso devi aprire e grattare fino a trovare il buono. Così capisci anche se è passante (basta provare a soffiare con la bocca o far passare la punta di un cacciavite). Comunque quando cominci il lavoro metti a posto anche i 20 cm lungo il bordo. Il problema più grosso, come avrai capito, sarà poi verniciare la parte in una qualche maniera che non si noti (simmetria sulla poppa, quindi tutto lo specchio compreso una parte dello scafo, solo un fazzoletto tanto non si nota,...)
Come faccio a capire se la parte lavora? Bella l'idea di soffiare per vedere se è un buco passante. Domenica provo. Grazie per i consigli!
Sicuramente rifaccio tutto il bordo, dove è rovinato. Verniciare é necessario? cioè lo stucco per gelcoat che è già bianco non va bene se tutto intorno lucido con la pasta abrasiva e con il polish non viene abbastanza uniforme ?

Inviato dal mio CPH1951 utilizzando Tapatalk
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 27-11-2021 02:44 da Laniakea.)
27-11-2021 02:38
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
opinionista velico Offline
Amico del Forum

Messaggi: 216
Registrato: Jan 2013 Online
Messaggio: #25
RE: Lavori Duck 31'
Non ho mai comprato prodotti Cecchi perché mi sembrano esageratamente cari.
Normalmente per gli addensanti mi rifornisco da Spraystore (https://www.spraystore.it).
Facendo l’ordine prendo sempre un po’ di tutto (microsfere cave, silice colloidale, talco, microfibre di cellulosa e altro che potrebbe servirvi nei lavori), perché offre piccole confezioni ed è materiale che non scade e prima poi si adopera (ovviamente per chi ama fare le cose per conto suo e non solo la manutenzione della propria barca…..).

Prima di investire nella rotorbitale prova con la lucidatrice come avevi già pensato. Se invece pensi di doverla comprare anche per altri utilizzi, purtroppo quella che hai linkato non la conosco.
Dopo aver provato alcuni modelli economici, che erano quasi tutte vibrazioni scaricate su polso e braccio, ho deciso di prendere la DEWALT DWE6423-QS approfittando di una buona offerta su Amazon. Comunque anche a prezzo pieno la DEWALT costa la metà di quella che hai individuato ed è probabile che sia di qualità inferiore. Ad ogni modo io ne sono rimasto più che soddisfatto e la ricomprerei senz’altro.

Per quanto riguarda pasta abrasiva e polish, normalmente vado da un amico carrozziere a “scroccargli” qualche fondo di barattolo, anche perché è materiale che uso raramente.

È vero che lo stucco per il gelcoat (che poi è un gelcoat addensato) è bianco, ma difficilmente sarà della stessa tonalità di bianco del gelcoat usato per lo scafo (per quanto ne so, il bianco puro viene usato raramente). Quindi la riparazione si noterà. Dovrai trovare un sistema per dargli un “gioco” che si armonizzi bene con il resto e non catturi troppo l’attenzione.
Se vuoi lo stesso colore o comunque molto simile, potresti tentare in questo modo:
- se e quando userai la levigatrice rotorbitale per lucidare lo scafo, dai una prima passata leggera per togliere lo strato di impurità superficiale, poi conserva la polvere di gelcoat delle passate successive che si raccoglie nell’apposito contenitore della macchina, stando attento a non inquinarla con sporcizia che potrebbe alterarne il colore;
- con questa polvere ti prepari uno stucco con l’epossidica (se la polvere non basta aggiungi silice colloidale che addensa ma non altera il colore), ma dovrai utilizzare un tipo di resina dotata di filtro anti UV poiché soffre l’esposizione al sole e si ingiallisce;
- invece dell’epossidica potresti usare anche resina poliestere (visto che lavori su supporto in poliestere), che ha il vantaggio di non ingiallire ma solo se la trovi perfettamente chiara (quelle che usavo io, prese direttamente da un cantiere nautico vicino casa, erano leggermente azzurrine).
Ovviamente se te la cavi con un po’ di stuccatura.
Se invece sono necessari altri lavori più invasivi, tipo la fazzolettatura ipotizzata da mlipizer, allora la riparazione sarà molto più evidente e dovrai in qualche ricoprirla o mimetizzarla.

Visto che stai entrando nel mondo fai-da-te, tieni presente un’altra cosa importante e cioè che i prodotti epossidici aderiscono bene su tutto, mentre quelli in poliestere (come resina, gelcoat e stucco da carrozziere) aderiscono male sui prodotti epossidici.
27-11-2021 09:11
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  I lavori proseguono maxb54 3 1.134 20-04-2018 20:08
Ultimo messaggio: faber
  Consigli lavori su opera viva cellagiorgio 33 8.089 12-02-2015 21:51
Ultimo messaggio: girodichiglia
  Lavori sull'albero Lucone 4 2.097 10-05-2014 07:10
Ultimo messaggio: miki75
  Avanzamento Lavori ubirra 40 6.917 31-10-2013 15:54
Ultimo messaggio: Nicoblu
  Lavori a bordo di un Folkboat sea4see 5 2.942 19-10-2012 17:17
Ultimo messaggio: sea4see
  lavori di restauro linuss 29 6.229 29-05-2012 03:22
Ultimo messaggio: Montecelio
  Lavori di bordo su un Marieholm 26 sea4see 5 2.322 21-03-2012 21:20
Ultimo messaggio: sea4see
  Lavori Akilaria 40 def90 1 1.810 10-11-2011 02:54
Ultimo messaggio: def90
  lavori col gelcoat sul laser Rockdamned 11 4.566 20-05-2011 21:46
Ultimo messaggio: matteo1783
  Tavolo - rosa dei venti - lavori del passato bistag 8 2.204 21-10-2010 02:25
Ultimo messaggio: ixaco

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)