Rispondi 
Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Autore Messaggio
IanSolo Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.961
Registrato: Nov 2008 Online
Messaggio: #21
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
----
Il bronzo e ottone sono legge rame zinco queste leghe immerse in una soluzione salina (acqua di mare) se attraversate da corrente subiscono il fenomeno dell'elettrofotesi ossia una migrazione verso l'esterno del rame questo fenomeno fa aumentare la fragilità.
----

Il Bronzo (marino) e' una lega a base di Rame e Stagno in cui entrano spesso anche altri metalli quali Fosforo, Piombo, Zinco e Berillio in piccole percentuali (4% max tipico) per migliorarne la lavorabilita' e l'aspetto.
L'Ottone e' una lega a base di Rame e Zinco, Manganese, Stagno, Ferro, Alluminio, Antimonio, Arsenico, Nickel e Silicio per migliorarne la lavorabilita' e la resistenza alla corrosione.
Il Bronzo e' solitamente prodotto per fusione dei suoi componenti mentre l'Ottone e' prodotto solitamente per "sinterizzazione" (stampaggio per forte compressione sotto temperatura piu' bassa del punto di fusione), raramente per fusione (per ragioni economiche).
Sono leghe quindi con comportamenti molto diversi e resistenza alla corrosione altrettanto diversa, l'Ottone prodotto per sinterizzazione e' soggetto piu' fortemente di quello ottenuto per fusione al fenomeno di dezinchificazione che e' un processo "elettrolitico" (non "elettroforetico" che e' ben altra cosa) sostenuto dal potenziale galvanico derivante dal contatto contemporaneo di metalli diversi immersi in un liquido conduttore (es. acqua salata), in questo contesto le particelle di zinco, sadate alle particelle di rame ma non completamente miscelate, si dissolvono nel liquido lasciando solo una "spugna" di rame meccanicamente molto debole. Il Rame in una lega non migra (non puo', e' bloccato dalla struttura), il colore rosso rame che compare alla superficie di un pezzo di Ottone corroso non e' Rame affiorato ma e' dovuto alla scomparsa dello Zinco per la causa descritta.
L'Elettroforesi e' un processo nel quale si produce la migrazione differenziata in un campo elettrico, di molecole elettricamente cariche. Tale processo richiede pertanto che le molecole (non ioni, molecole) siano gia' disperse nel fluido nel quale si esercita l'azione elettroforetica, e' quindi un processo ben diverso dall'elettrolisi che sta alla base dei fenomeni di corrosione dei metalli, non e' il processo che porta al danneggiamento di cui si parla.

In sintesi si puo' ragionevolmente affermare che parti in Bronzo hanno certamente una vita lunghissima, parti in Ottone di lega anticorrosiva addizionati con Alluminio o Stagno (es. Ottone "ammiragliato" con 1% di Sn) ottenuti per fusione hanno una vita discretamente lunga e pezzi in Ottone ottenuti per sinterizzazione possono avere una vita anche estremamente breve e sono del tutto inaffidabili.

Come valutare semplicemente lo stato di prese a mare e' stato detto: l'unica vera possibilita' e' meccanica applicando una forza (statica o ad urto) proporzionale alla dimensione dell'oggetto per sapere se e' rimasto abbastanza materiale per resistere alle normali sollecitazioni che subisce. Nel dubbio non c'e' alternativa: si cambia.
28-11-2014 20:17
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #22
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Azz...Blinksmiley
Un trattato.70, e chiaro per giunta.
19
28-11-2014 20:30
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
andros Offline
Vecio AdV

Messaggi: 21.049
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #23
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
(28-11-2014 20:30)dapnia Ha scritto:  Azz...Blinksmiley
Un trattato.70, e chiaro per giunta.
19
e di sti tempi hai detto niente..Thumbsupsmileyanim

quando muori,non sai di essere morto,non soffri tu ma soffrono gli altri. la stessa cosa quando sei un imbe..lle
28-11-2014 20:38
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
onda di prua Offline
Amico del Forum

Messaggi: 455
Registrato: Oct 2012 Online
Messaggio: #24
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
(28-11-2014 20:38)andros Ha scritto:  
(28-11-2014 20:30)dapnia Ha scritto:  Azz...Blinksmiley
Un trattato.70, e chiaro per giunta.
19
e di sti tempi hai detto niente..Thumbsupsmileyanim

...e l'ho letta senza respirare!!!Smiley32

Sono grato a tutte quelle persone che mi hanno detto "NO"!! Grazie a loro, c'è l'ho fatta da solo.Smiley53
28-11-2014 22:45
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #25
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
<<<<<<<
...e l'ho letta senza respirare!!!Smiley32
<<<<<<<

Hai visto che serve il corso di apnea!?21
28-11-2014 23:22
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Luciano53 Offline
Tutor AdV

Messaggi: 13.619
Registrato: Jan 2014 Online
Messaggio: #26
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Che lezione.......ho capito tuttoThumbsupsmileyanim
Nella pratica più terra terra....cerco di sintetizzare per chi come me è un utente nautico discretamente ignorante in cose elettriche.
Se ad un esame attento la presa a mare si vergogna (è diventata rossa) togliamola dall'imbarazzo e cambiamolaThumbsupsmileyanim
Altrimenti, lasciamola vivere in pace dove sta.
Poi conta molto la sensazione personale e, come dice Iansolo, nel dubbio si cambia.
Quando qualche mese fa ho preso la barca, due prese su sette non mi convincevano (motore e scarico WC)
Superavano benissimo la prova martello, il colore non era sospetto, ma valvola e portagomma mi dicevano "cambiami".
29-11-2014 15:34
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Maro Offline
Vecio ADV

Messaggi: 5.186
Registrato: Jan 2006 Online
Messaggio: #27
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Come ebbi già, anche in altre occasioni, modo di perorare: http://forum.amicidellavela.it/showthrea...pid1360009

100Smiley32100

Navigare senza meta può farci scoprire orizzonti inaspettati!
Buon vento! by Mario
30-11-2014 11:44
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
elmer50 Offline
Vecio AdV

Messaggi: 5.230
Registrato: May 2008 Online
Messaggio: #28
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
ho deciso..tolgo le valvole e portatubi in ottone e metto quelle in bronzo..com I passascafi originali...
30-11-2014 12:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
N/A Offline
Vecio AdV

Messaggi: 6.400
Registrato: Feb 2010 Online
Messaggio: #29
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Avete mai provato i coni di legno? Scoprirete, almeno con quelli che ho usato io (ma che sono i classici che si comprano) trafila acqua che è una bellezza...stesso dalle porosità del legno. ...assurdo!
30-11-2014 17:02
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #30
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Infatti la maggior parte dei mezzi di otturamento sono pensati per ridurre l'afflusso in breve tempo, poi si dovrà intervenire per rendere stagna la pezza.
I coni che si comprano non vanno bene perché sono di faggio o di un essenza dura che richiederebbe di essere martellata con forza nel foro, fattibile su scafi in ferro o in legno, dannosa su vtr; poi vanno bene se il buco è regolare. Quindi se si stacca la valvola e rimane il passascafo c'è una probabilità di otturare, se si stacca il passascafo non serve il cono.
In ogni caso è meglio con dei coni in legno molto morbido o in gomma morbida, o con una serie di normali tappi da bottiglia e da damigiana.
La cosa più efficace, oltre alle varie resine in barattolo (costose perché ne serve molta), è lo stucco da vetraio messo in abbondanza e tamponato con uno straccio.
Efficace può essere un pezzo di lastra di gomma da 3/4 millimetri, con un forellino in mezzo dentro il quale è passato uno spago annodato da una parte su una rondella di ferro (così lo spago non si sfila quando si tira), tagliato più grande della falla, passato arrotolato all'esterno della falla e poi con lo spago tirato a baciare il buco, con un briciolo di fortuna tiene: ho provato una volta e ha funzionato, questo non vuol dire che funzioni sempre, ma ne tengo a bordo di due misure, occupano poco posto e possono anche servire ad altro.
Poi si è letto di gesso e segatura, cemento rapido e segatura, impasti di farina, vele passate all'esterno, cose che non ho mai provato ma non c'è motivo per il quale non debbano funzionare.
Secondo me, risolutivi in ogni situazione sono la calma, il sangue freddo e l'immaginazione.
30-11-2014 17:56
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Maro Offline
Vecio ADV

Messaggi: 5.186
Registrato: Jan 2006 Online
Messaggio: #31
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Ho sempre ritenuto, ma mai provato dal vero (pfiuuu), che una bomboletta di poliuretano e qualche pezzo di legno in molti casi possano essere risolutivi.


Smiley30


29 Mi sa che una volta o l'altra ne prendo una da mettere in barca Blushsmiley

Navigare senza meta può farci scoprire orizzonti inaspettati!
Buon vento! by Mario
30-11-2014 18:21
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Elf Offline
Amico del Forum

Messaggi: 919
Registrato: Oct 2005 Online
Messaggio: #32
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
(30-11-2014 18:21)Maro Ha scritto:  Ho sempre ritenuto, ma mai provato dal vero (pfiuuu), che una bomboletta di poliuretano e qualche pezzo di legno in molti casi possano essere risolutivi.


Smiley30


29 Mi sa che una volta o l'altra ne prendo una da mettere in barca Blushsmiley
Mi sa che il poliuretano ci mette diversi minuti per solidificare, durante i quali la pressione dell'acqua lo sposta, e siamo daccapo.
30-11-2014 19:13
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Elf Offline
Amico del Forum

Messaggi: 919
Registrato: Oct 2005 Online
Messaggio: #33
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
(30-11-2014 17:56)dapnia Ha scritto:  In ogni caso è meglio con dei coni in legno molto morbido o in gomma morbida, o con una serie di normali tappi da bottiglia e da damigiana.

Ad esempio pioppo, abete, samba, e magari....balsa, che ne pensi?
30-11-2014 19:16
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Maro Offline
Vecio ADV

Messaggi: 5.186
Registrato: Jan 2006 Online
Messaggio: #34
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
(30-11-2014 19:13)Elf Ha scritto:  Mi sa che il poliuretano ci mette diversi minuti per solidificare, durante i quali la pressione dell'acqua lo sposta, e siamo daccapo.
Prova espanderne un po' in acqua.
Siccome il catalizzatore è l'umidità in breve tempo fa una consistente pellicola a contatto con l'acqua, qualche pezzo di legno per fare una specie di armatura, un pagliolo a fare da controstampo...
dovrebbe funzionare.

Navigare senza meta può farci scoprire orizzonti inaspettati!
Buon vento! by Mario
30-11-2014 20:34
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #35
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Parliamo di piccole falle, quelle di una presa a mare o di un buco nello scafo non più grande di un pugno, se no è tutto diverso.
Per i tappi meglio pioppo, anche abete va bene, sugheri da bottiglie e da damigiana anche.
Io tengo anche qualche pezzo di neoprene in lastra da 5 mm, si adatta bene e tiene.
Anche gli stracci vanno bene, le spugnette per lavare i piatti, e quei panni colorati da cucina.
Spago e fil di ferro servono per stabilizzare lo stroppo e un manico di martello o qualcosa di simile serve per infilare l'ostruzione nella falla.
Un cuscino del tipo da sedia ha dato anche buoni risultati
Molto tempo fa abbiamo provato simulando la situazione usando un mastello con un buco in fondo, legato in posizione e zavorrato, il meglio l'ha dato lo stucco da vetrai con stracci attorno.
30-11-2014 23:55
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Capitan Papino Offline
Amico del Forum

Messaggi: 2.879
Registrato: Sep 2010 Online
Messaggio: #36
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Lo stucco per vetri si secca? Come lo si può conservare? Io lo usavo in classe per la cerbottana.

"Se in un primo momento l'idea non è assurda, allora non c'è nessuna speranza che si realizzi" A. Einstein
"Meno comodità si hanno, meno bisogni si hanno.Meno bisogni si hanno e più si è felici" Jules Verne
01-12-2014 00:16
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
dapnia Offline
Vecio AdV

Messaggi: 7.708
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #37
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
Lo vendono in confezione da chilo avvolta in un sacchetto di plastica, dura anni.
Piuttosto con l'acqua si ammolla un po', per questo serve uno straccio prima e dopo il buco.
01-12-2014 10:41
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Capitan Papino Offline
Amico del Forum

Messaggi: 2.879
Registrato: Sep 2010 Online
Messaggio: #38
RE: Metodo empirico di verifica stato prese a mare
bene acquisterò

"Se in un primo momento l'idea non è assurda, allora non c'è nessuna speranza che si realizzi" A. Einstein
"Meno comodità si hanno, meno bisogni si hanno.Meno bisogni si hanno e più si è felici" Jules Verne
01-12-2014 12:06
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Prese a mare sandro1 12 430 ieri 21:06
Ultimo messaggio: kavokcinque
  Verifica CBS Serenity 35 Massimo57 21 4.522 02-03-2020 00:09
Ultimo messaggio: SeaMax
  Prese a mare in "plastica" Ilviaggiatore 80 6.888 09-02-2020 21:48
Ultimo messaggio: kavokcinque
  Stato catena ancora El_Nano 32 2.323 21-01-2020 13:17
Ultimo messaggio: wind e sea
  Prese a mare e resina epossidica e_napolitano 29 1.260 05-10-2019 08:40
Ultimo messaggio: g.a.a.
  Morchia nel serbatoio, cosa fate per prevenirla e come effettuate la pulizia se prese Enz 25 1.626 04-09-2019 23:10
Ultimo messaggio: st00042
  Anti vegetativa su prese a mare kpotassio 8 450 22-08-2019 16:46
Ultimo messaggio: kpotassio
  SOS prese a mare ! NIXITOP 9 716 08-08-2019 11:16
Ultimo messaggio: nedo
  Sostituzione prese a mare pacman 58 3.957 08-05-2019 15:11
Ultimo messaggio: bellatrix
  Bulbo, prese a mare, coppercoat e tanto altro pacman 66 3.629 20-02-2019 09:23
Ultimo messaggio: pacman

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)