Rispondi 
Verniciatura a spruzzo scafo deriva 420
Autore Messaggio
valeavela Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 44
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #1
Verniciatura a spruzzo scafo deriva 420
Buongiorno a tutti, dopo un periodo di "fermo" ho reiniziato i lavori sul mio nautivela 420. Vorrei riverniciare la parte superiore ed interna dello scafo, comprese le sedute, in quanto ho eseguito importanti lavori su alcune costole (si chiamano così?) interne allo scafo, che si erano distaccate ed avevano reso le sedute morbide e cedevoli; il che ha contribuito a far fuoriuscire delle crepe su gelcoat proprio sulle sedute.
Dopo aver finito con successo questo lavoro, ma mia bella derivetta è tornata rigida e prestante.
Ora vorrei rifinire il tutto anche a livello estetico.
Ho già provveduto a stuccare con epossidica bicomponente i vari ragni e le altre imperfezioni, e vorrei avere da chi ne sà più di me, informazioni sul ciclo completo per verniciare a spruzzo le sedute e la parte interna dello scafo.
Opterei per la verniciatura a spruzzo perchè le parti interessate (sopratutto le sedute) sono in bella vista, e vorrei venissero il più possibile liscie e rifinite, senza segni o sbavature, ma accetto consigli su metodi alternativi...
Ho una spiccata manualità, ma x quanto verniciare a spruzzo.... sono digiuno.
Avete da consigliarmi tipi di primer e vernice bicomponente da usare? (dovrò usare il primer perchè vernicerò sul gelcoat originale), e potete descrivere il ciclo completo di lavoro?
Grazie!!
08-03-2023 12:14
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
opinionista velico Offline
Amico del forum

Messaggi: 410
Registrato: Jan 2013 Online
Messaggio: #2
RE: Verniciatura a spruzzo scafo deriva 420
Per lavori analoghi io mi sono trovato molto bene con il primer epossidico (fondo) e lo smalto poliuretanico bicomponente della Sestriere Vernici, che sono prodotti per uso professionale (carrozzeria e verniciatura industriale) ma con un prezzo sensibilmente inferiore rispetto agli analoghi prodotti per impiego nautico. Li trovo in un colorificio vicino casa che li prepara al momento nel colore e nella quantità richiesta (anche piccola). Altro fattore determinante nella mia scelta.

Se hai lavorato bene con lo stucco, il fondo chiuderà perfettamente le ultime imperfezioni e alla fine ne tirerai via oltre la metà di quello che hai usato. Questo puoi darlo anche a rullo e alla fine otterrai un supporto quasi a specchio. Per carteggiare il fondo uso spugne abrasive con carta da 300. Con quelle nuove eseguo le prime passate per tirar via il grosso. Con quelle vecchie e molto vecchie (ormai quasi lisce) eseguo le passate finali di rifinitura. Le utilizzo sempre bagnate, anche per via della polvere.

Quel tipo di smalto può invece essere dato solo a spruzzo con una buona pistola e un buon compressore (ti consiglio almeno 50 lt.). Purtroppo una buona pistola costa quasi più del compressore. Trattandosi di vernice bicomponente puoi dare le mani una dietro l’altra (bagnato su bagnato) a intervalli di circa mezz’ora (cioè il tempo di pulire bene la pistola tra una mano e l’altra) con spessori sottili senza accanirsi nel voler coprire tutto già dalle prime mani. Normalmente io spruzzo dalle 5 alle 7 mani in base a quanto copre il colore che ho scelto. Ovviamente anche la manualità ha un ruolo fondamentale per la buona riuscita del lavoro, come le condizioni ambientali in cui ti troverai a spruzzare la tinta (se lavori all’aperto in una giornata anche solo leggermente ventosa…. beh, puoi immaginare…).
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 09-03-2023 08:09 da opinionista velico.)
09-03-2023 07:07
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
valeavela Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 44
Registrato: Oct 2007 Online
Messaggio: #3
RE: Verniciatura a spruzzo scafo deriva 420
Grazie!!! Questa cosa delle mani a spruzzo a intervalli brevi non la sapevo, sicuramente mi tornerà utile per lo svolgimento del lavoro, infatti uno dei miei dubbi era proprio il tempio tra le varie mani e il fatto che la bicomponente ha dei tempi di asciugatura rapidi, per cui mi chiedevo come rispettare entrambe le cose.
Grazie!
13-03-2023 17:31
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Come varare una barca con deriva in acqua bassa.... farrier 9 812 04-11-2023 00:43
Ultimo messaggio: farrier
  Deriva Flying Junior del cantiere ALPA Eliano 4 1.022 03-09-2022 20:02
Ultimo messaggio: Eliano
Question ciclo di verniciatura barra in mogano lamellare ugo 35 19.111 25-06-2022 01:37
Ultimo messaggio: sgiulio
  470 manutenzione deriva STEFAN0 11 3.062 10-08-2021 18:06
Ultimo messaggio: sgiulio
Star Sigillare la giunzione scafo-coperta Nick86 5 1.690 21-06-2021 12:57
Ultimo messaggio: Nick86
  Verniciatura coperta accatagliato 1 1.275 24-02-2021 02:20
Ultimo messaggio: Wally
  Deriva a perno o a baionetta? Max75 13 5.869 22-11-2020 11:10
Ultimo messaggio: ZK
  riparazione scafo catamarano CLASSE A CAVICCHIONE 17 2.790 09-11-2020 23:00
Ultimo messaggio: CAVICCHIONE
  Restauro deriva 4.5 metri Pietra Filosofale 1 2.147 20-05-2020 17:18
Ultimo messaggio: oudeis
  Vernice fasce scafo Wally 3 1.918 10-06-2019 16:52
Ultimo messaggio: Markolone

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)