Rispondi 
(lungo) restauro degli interni Edel III
Autore Messaggio
Le Grand Bleu Offline
Amico del Forum

Messaggi: 321
Registrato: Feb 2010 Online
Messaggio: #1
(lungo) restauro degli interni Edel III
In attesa di qualche settimana libera da dedicare alla barca 'nuova' ci stiamo dedicando allo studio dei lavori da fare per riportare a nuovo la cabina (la barca è in acqua quindi per l'esterno e la carena si vedrà in autunno). La barca Edel III di ben 30 anni all'interno è messa piuttosto maluccio, ma non tanto da dover rifare i legni interni (non ci sono segni di marcescenze) e la vernice interna non presenta nessuna screpolatura, quindi per dare una parvenza di nuovo ed igienizzare il tutto abbiamo pensato che un bel restauro ai legni, una ritinteggiata per rendere più luminosa la cabina ed un pagliolato nuovo potranno essere la soluzione migliore.

Veniamo al dunque:Il primo problema è quello di individuare il tipo di legno di cui è composta la barca. Nessuno di noi è ebanista ma immaginiamo che sia mogano. Non sappiamo con esattezza quando è stata l'ultima volta che è stato impregnato o dipinto ma non credo meno di 5 anni. La barca all'interno si presenta così![:77]

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Per il momento la stiamo svuotando e facendo asciugare, ma poi vorremmo:

1) rimettere a nuovo i legni interni (ma non riusciamo a trovare una guida unica su come fare (sgrattare? sverniciare? impregnante? coppale?...). Ciascuno ha una sua opinione in merito ai possibili trattamenti ma a noi sta restando solo una grande confusione, e dato che vorremmo arrivare al giorno di inizio lavori muniti di tutto l'occorrente chiediamo un aiuto sul da farsi.(e sui prodotti da comprare)

2) ridare il bianco all'interno (monocomponente?, bicomponente?)..come si fa a sapere con cosa è dipinto per evitare che si screpoli la nuova e la vecchia? (prodotti?)

3) dare una tinteggiata all'interno dei gavoncini laterali (nelle foto sono quelli con le antine scorrevoli;

4) riverniciare i gavoni interni (dove sono contenute le dotazioni di sicurezza) ed esterni (ancora, vele, serbatoi).Per la sentina invece ci sarebbe un problema più grande in quanto abbiamo trovato un po di acqua che ristagnava e quindi sicuramente la vetroresina in quella zona non potrà essere verniciata se non dopo che la barca sarà stata portata in secco ed asciugata per bene per evitare che la pellicola di vernice imprigioni l'umidità.

5) sigillare le guarnizioni delle finestrature laterali e delle maniche a vento dalle quali si sospetta qualche infiltrazione quando piove dato che abbiamo trovato qualche centimetro di acqua in sentina.

6) eliminare il wc marino ormai inutilizzabile per vecchiaia. A tal proposito il problema che la barca è in acqua. Cosa possiamo fare per assicurarci che le vecchie prese a mare restino bloccate e chiuse e non ci lascino con un bel buco nello scafo mentre togliamo il wc e tagliamo i tubi ? cordolo di resina epox tra scafo interno e presa ?

7) mettere un pagliolato dato che è praticamente inesistemte e quindi non abbiamo le dime...ma per questo è ancora presto!Smile

Ovviamente non vogliamo intasare questo post con richieste pignole sui vari 1000 dubbi, ma già avere qualche indicazione sarebbe utile.
Grazie 1000

Luca e Giulia

Vi sposto in autocostruzione e restauri mi sembra piu' appropriata come sezione Smile
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 09-06-2010 19:09 da HAL9001.)
09-06-2010 18:26
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Ignazio Offline
Amico del Forum

Messaggi: 114
Registrato: Jul 2009 Online
Messaggio: #2
(lungo) restauro degli interni Edel III
Carteggiare con carta fine assolutamente a mano dare giusto il colore dove necessita a mo di ritocco e poi 3-4 mani di Spinnaker Cabin satinato. Spettacolo

Ignazio
09-06-2010 18:31
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Ignazio Offline
Amico del Forum

Messaggi: 114
Registrato: Jul 2009 Online
Messaggio: #3
(lungo) restauro degli interni Edel III
Non si carteggia tra una mano e l'altra solo la prima.
09-06-2010 18:33
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
gio. Offline
Banned

Messaggi: 46
Registrato: Mar 2009 Online
Messaggio: #4
(lungo) restauro degli interni Edel III
Stò giusto ristrutturando anche io ed ho problemi simili
ho riportato nel Forum gli interventi fatti e quelli che farò e non mi hanno cazziato. Potrebbe essere un'indicazione che non stò facendo un mare di mi....te, oppure che gli esperti sono troppo buoni.
-legni: non mi sembrano mogano ma un legno più chiaro: larice? frassino?. Se la vernice è in buone condizioni basta una passatina con cartavetro fine giusto da opacizzare la vernice, poi pulizia con panno antistatico e flatting. Ci si dovrebbe attaccare qualsiasi vernice oleofenolica o poliuretanica. Eviterei quelle all'acqua.
La trasparente bicomponente nautica è difficile da combinare a meno che tu non usi barattoli perfettamente graduati o una bilancina elettronica. Altrimenti cerca di fare ad occhio ma segnandoti in un contenitore un dosaggio, magari valutato con una siringa, ed un altro con dosaggio di solito 5 volte superiore. La bicomponente è molto dura una volta catalizzata. Sarà che sono vecchio ma credo che una normale poliuretanica data la prima mano dilutita molto e le successive due tre con diluizioni a scalare permetta di ottenere comunque un risultato dignitoso. Il massimo sarebbe lo spruzzo ma si può optare per un rullo o un pennello. Tra una mano e l'altra, se senti asperità passando col dito o peggio le vedi dai una grattatina con carta vetrata fine e poi pulisci bene con panno antistatico.
Se la vernice è screpolata va tolta. Puoi usare lo sverniciatore ma poi devi pulire molto bene e attento che ti cadono gocce devastanti dappertutto. Oppure la pistola termica (600 gradi) ed una piccola spatola montata su manico(la mia sarà lunga 4 cm e larga 2 circa)
-interni: se già verniciati e in buon stato una grattatina per irruvidire e un normale smalto monocomponente (non all'acqua).
Lo stesso per l'interno dei gavoncini. Se fossero mai dipinti consiglierei un fondo e lo smalto monocomponente. Se invece c'è già la vernice speriamo che sia adesa bene e basti una grattatina ed una rinfrescata altrimenti mi limiterei a staccare dove la vernice si è sfaldata e rivernicerei. E' impensabile staccare tutta la vecchia vernice!
-pagliolati: bisogna trovare chi fornisce il pagliolato con già preassemblate le strisce bianche o nere che siano. Io ho fatto ricerche, forse ne ho trovato uno vicino che mi servirà. Tu cerca nel Net chi può fornirti o spedirti il legno voluto. Poi fai delle dime con vecchi giornali: forbici e nastro adesivo. Poi le dime serviranno per tagliare con esattezza il pregiato legno.
-sigillature: sono sempre una rogna. L'ideale sarebbe smontare per esempio la manica a vento, pulire perfettamente : il silicone vecchio viene via con la sudddetta preziosa spatolina e con acetone, e risigillare non con silicone ma con Sikaflex o altro sigillante purchè marino. Per rifinire, finchè è fresco bastano le dita (guantate con guanti di lattice: passi il dito a rasare e poi lo pulisci in uno straccio. Nei punti difficili e/o quando il sigillante è solidificato costruisciti dellle spatole ad oc tagliando delle strisce di policarbonato ed affilandole alle estremità con la moletta.
-le prese a mare 'devono' tenere quando chiuse altrimenti ti tornerebbe comunque acqua nel WC malgrado ci sia una valvola che comunque non funge mai tanto che un poco di acqua rientra sempre nella tazza. Quindi smonta tranquillamente l'ambaradan. Poi incerotta, filodiferra come puoi le chiavi perchè non ci sia qualche sprovveduto che inavvertitamente e cretinamente le possa aprire.
Al primo alaggio bisogna togliere il passascafo, asciugare e magari con il cacciavite asportare quanto più materiale possibile, se c'è una zona di scafo sospetta nello spessore, le parti che sono umide(speriamo di no) o non compatte. Poi incerotti all'esterno un foglio di nailon un poco robusto e da sopra coli della resina epossidica addensata o anche pura per formare il tappo.
BV
Giò
09-06-2010 20:22
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Le Grand Bleu Offline
Amico del Forum

Messaggi: 321
Registrato: Feb 2010 Online
Messaggio: #5
(lungo) restauro degli interni Edel III
LEGNI:
La vernice, salvo alcuni punti sotto i finestroni laterali dai quali sembra essere entrata acqua è in buono stato ma vecchia ed opacizzata, quindi dovrei solo sgrattarla a mano con carta vetro di che numero? e se c'è da fare qualche stuccatura ? in particolare c'è la serratura della cabina di prua che mi ha inciso il legno a furia di essere aperta.

<-legni: non mi sembrano mogano ma un legno più chiaro: larice? <frassino?

ma non c'è modo di sapere che tipo di legno è?
per la verniciatura il flatting nautico per esterni ?

> La bicomponente è molto dura una volta catalizzata. Sarà che sono >vecchio ma credo che una normale poliuretanica data la prima mano >dilutita molto e le successive due tre con diluizioni a scalare >permetta di ottenere comunque un risultato dignitoso.

ma il flatting sarebbe la poliuretanica ?

INTERNI:

che tipo di monocomponente? ma quello in pratica è già pronto ?

SIGILLATURE:
ho visto il catalogo sikaflex ma hanno diversi tipi

PRESE A MARE:

Il problema delle prese a mare che mi pongo è sulla solidità della loro struttura a causa delle correnti galvaniche. Purtroppo non so da quanto non vengono cambiate e spero proprio che non siano ancora le originali! Il mio problema è...nn è che per caso lavorando vicino ai tubi di scarico mi si spezzano in mano affondandomi la barca in tre minuti ? 42


P.S: ma c'è qualche rivenditore in rete per il pagliolato? non lo riesco a trovare da nessuna parte!
09-06-2010 22:34
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
SoulSurfer Offline
Vecio AdV

Messaggi: 5.203
Registrato: May 2008 Online
Messaggio: #6
(lungo) restauro degli interni Edel III
Citazione: In attesa di qualche settimana libera da dedicare alla barca 'nuova' ci stiamo dedicando allo studio dei lavori da fare per riportare a nuovo la cabina (la barca è in acqua quindi per l'esterno e la carena si vedrà in autunno). La barca Edel III di ben 30 anni all'interno è messa piuttosto maluccio, ma non tanto da dover rifare i legni interni (non ci sono segni di marcescenze) e la vernice interna non presenta nessuna screpolatura, quindi per dare una parvenza di nuovo ed igienizzare il tutto abbiamo pensato che un bel restauro ai legni, una ritinteggiata per rendere più luminosa la cabina ed un pagliolato nuovo potranno essere la soluzione migliore.

Veniamo al dunque:Il primo problema è quello di individuare il tipo di legno di cui è composta la barca. Nessuno di noi è ebanista ma immaginiamo che sia mogano. Non sappiamo con esattezza quando è stata l'ultima volta che è stato impregnato o dipinto ma non credo meno di 5 anni. La barca all'interno si presenta così![:77]

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Questo contenuto non e' visualizzabile da te Ospite. Se vuoi vederlo, REGISTRATI QUI .

Per il momento la stiamo svuotando e facendo asciugare, ma poi vorremmo:

Citazione:1) rimettere a nuovo i legni interni (ma non riusciamo a trovare una guida unica su come fare (sgrattare? sverniciare? impregnante? coppale?...). Ciascuno ha una sua opinione in merito ai possibili trattamenti ma a noi sta restando solo una grande confusione, e dato che vorremmo arrivare al giorno di inizio lavori muniti di tutto l'occorrente chiediamo un aiuto sul da farsi.(e sui prodotti da comprare)

La guida e' semplice, prima di tutto assicurati che siano verniciati e non resinati..
se sono resinati 'potresti' anche solo ridare una passata di resina (previa leggerissima carteggiatura con 220) con pennello,volendo puoi verniciare sopra con un qualsiasi trasparente per legno (io ho usato c10-10 per la resinatura dei paiolati, 3 mani e poi un paio di classic yacht Uv della Stoppani)
se sono solo verniciati 2-3 mani della suddetta vernice risolvono il problema (carteggia prima con 220,leggero e poi tra una mano e l'altra una pasata leggerissima con una grana alta 300 o piu')
la parte verticale delle mie panche(resinate) era leggermente annerita dall'umido, ho grattato tutto,portato a legno vivo la parte rovinata, una mano di resina e 2 di vernice.. tornate nuove.

Citazione:2) ridare il bianco all'interno (monocomponente?, bicomponente?)..come si fa a sapere con cosa è dipinto per evitare che si screpoli la nuova e la vecchia? (prodotti?)

questo e' un bel dilemma, probabilmente se la vernice e' l'originale potrebbe essere una bicomponente come potrebbe essere una normale mono, ti dico la verita' io me ne sono fregato e dopo una leggera passata di 180 sulle parti a vista ho saltato la primerizzazione e ho dato subito un paio di mani di Stoppani Clipper (mono poliuret.) ed e' venuta bene senza problemi di distaccamenti se ci si gratta sopra (ovviamente e' tutto provvisorio,al prossimo alaggio,rifaccio tutti gli interni e rivernicia tutto a spruzzo, quindi ridaro' anche il primer)
Citazione:3) dare una tinteggiata all'interno dei gavoncini laterali (nelle foto sono quelli con le antine scorrevoli;
come sopra, senza problemi

Citazione:4) riverniciare i gavoni interni (dove sono contenute le dotazioni di sicurezza) ed esterni (ancora, vele, serbatoi).Per la sentina invece ci sarebbe un problema più grande in quanto abbiamo trovato un po di acqua che ristagnava e quindi sicuramente la vetroresina in quella zona non potrà essere verniciata se non dopo che la barca sarà stata portata in secco ed asciugata per bene per evitare che la pellicola di vernice imprigioni l'umidità.

ti potrei dire segui lo stesso procedimento dei punti 2&3, pero' puoi scegliere se i gavoni 'da lavoro' farli con la stessa vernice della sentina in quanto moooolto piu' resistente a unto & Co. di una normale mono..
per la mia sentina ho usato un bilge paint grigio, altrimenti usi la stessa cosa che ho usato per il vano motore: Interno scafi 8257, leggermente opaco ma dove lo metti sta' e dovrebbe resistere a tutto

Citazione:5) sigillare le guarnizioni delle finestrature laterali e delle maniche a vento dalle quali si sospetta qualche infiltrazione quando piove dato che abbiamo trovato qualche centimetro di acqua in sentina
.

leva tutto, rimuovi tutto il silicone secco (pulisci con alcool)e ridallo da capo..

Citazione:6) eliminare il wc marino ormai inutilizzabile per vecchiaia. A tal proposito il problema che la barca è in acqua. Cosa possiamo fare per assicurarci che le vecchie prese a mare restino bloccate e chiuse e non ci lascino con un bel buco nello scafo mentre togliamo il wc e tagliamo i tubi ? cordolo di resina epox tra scafo interno e presa ?

a questa non poso darti una risposta sicura,io toglierei il Wc,bloccherei il movimento della presa a mare e dello scarico, e siglillerei tutto con un tappo resinato o siliconato (le prese a mare sono resinate allo scafo??)

Citazione:7) mettere un pagliolato dato che è praticamente inesistemte e quindi non abbiamo le dime...ma per questo è ancora presto!Smile

facile! compensato marino dello spessore richiesto, 3 mani di resina ed eventualemente ricopertura di teak sintetico (almeno io ho fatto cosi')


poi io ho utilizato prodotti della Stoppani per comodita', ci potebbero essere in giro anche prodotti meglio a minor prezzo,basta cercare.. la mia e' una personale interpretazione cui tutti potrebbero aggiungre commenti utili...

Buon ventobuon lavoro !!Cool
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 10-06-2010 02:50 da SoulSurfer.)
10-06-2010 02:49
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Le Grand Bleu Offline
Amico del Forum

Messaggi: 321
Registrato: Feb 2010 Online
Messaggio: #7
(lungo) restauro degli interni Edel III
innanzitutto grazie a tutti quelli che si sono interessati a questo post.
Ricapitolando:

Legni interni:

da capire se i legni sono resinati o solo dipinti, ma come lo si fa a capire?
poi:

-sgrattare con carta abrasiva 200-220
-verniciare 2-3 mani di flatting ([u]carteggiare tra una mano e l'altra?[u]) oppure Spinnaker satin cabinato ([u]che non necessita di carteggiate tra una mano e l'altra ma costa tantissimo data la superficie da verniciare[u]) o classic yacht Uv ([u]tra una mano e l'altra passata di carta abrasiva 300 o più[u])

NOTA1: due sportelli scorrevoli posti sotto una finestratura sono leggermente grigi nella parte bassa a causa di acqua entrata in barca, cosa dovrei fare a questi prima di verniciarli? (compensato marino)

NOTA2: ma con questi tipi di vernice i legni in barca si scuriranno un po prendendo un aspetto più 'signorile' Sleepy o manterranno l'aspetto 'economico' Palla 8 di ora? (ma si riesce a capire che tipo di legno è?)

NOTA3: se in qualche punto devo pareggiare il legno con cosa lo si può stuccare?

Interni:

grattatina con carta vetro 180 ,[u]LAVARE O SGRASSARE???[u], e verniciatura con monocomponente stoppani.A questo punto la domanda, ma il primer serve a qualcosa in questo caso? io non voglio dover rifare il lavoro a breve perchè poi dovrò dedicarmi all'esterno, quindi vorrei fare un lavoro bello e duraturo!

Gavoni interni e gavoncini interni:

come per gli interni. In questo caso però forse è necessario un primer perchè credo che questi non siano stati verniciati l'ultima volta e quindi la vernice interna sia ancora quella originale!

Gavoni esterni e da lavoro:

In questi gavoni ho la bombola del ga, cime, sacchi di vele, serbatoi. Sinceramente credo che serva un prodotto impermeabile al 100% e resistente ai graffi della bombola e della tanica benzina, quindi forse la stoppani interno sdcafi è la più adatta. [u]Del bilge pain grigio stoppani invece non trovo traccia da nessuna parte![u]
NOTA: sul fondo di questi gavoni esperni si crea sempre un deposito d'acqua, quindi anche quando andrò a verniciarli ci sarà e dovrà essere asciugato, ma non dovrò anche aspettare bene che si asciughini, dare una sgrattatina per maggiore aderenza, sgrassare, primer...???????

Per finestratura e wc marino facciamo dopo aver risolto questi problemi Big Grin
10-06-2010 14:09
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
SoulSurfer Offline
Vecio AdV

Messaggi: 5.203
Registrato: May 2008 Online
Messaggio: #8
(lungo) restauro degli interni Edel III
Citazione:Legni interni:

da capire se i legni sono resinati o solo dipinti, ma come lo si fa a capire?

gratta in un angolo nascosto,se la superficie diventa bianca e' resinato, poi te ne accorgi al tatto, la resina e' molto piu' dura della vernice (ti posso anche dire vai a naso, l'odore della resina lo riconosci subito, ma e' poco salutare)
Citazione:poi:

-sgrattare con carta abrasiva 200-220
-verniciare 2-3 mani di [b]flatting ([u]carteggiare tra una mano e l'altra?[u]) oppure Spinnaker satin cabinato ([u]che non necessita di carteggiate tra una mano e l'altra ma costa tantissimo data la superficie da verniciare[u]) o classic yacht Uv ([u]tra una mano e l'altra passata di carta abrasiva 300 o più[u])
questo intendevo io, cerca di mediare tra un buon prodotto e un giusto prezzo,non e' detto poi che il milgior compromesso si possa trovare in un chandler (fatti consigliare da un falegname)
se gratti tra una mano e l'altra la finitura sara' migliore.

Citazione:NOTA1: due sportelli scorrevoli posti sotto una finestratura sono leggermente grigi nella parte bassa a causa di acqua entrata in barca, cosa dovrei fare a questi prima di verniciarli? (compensato marino)

gratti con 180,pulisci e vernici,sicuramente qualcuno ti consigliera' acido ossalico,o intrugli tossici per sbiancare il legno,se lo fai segui bene i consigli di chi l'ha gia' fatto

Citazione:NOTA2: ma con questi tipi di vernice i legni in barca si scuriranno un po prendendo un aspetto più 'signorile' Sleepy o manterranno l'aspetto 'economico' Palla 8 di ora? (ma si riesce a capire che tipo di legno è?)
per scurire il legno devi dare una vernice colorata,se dai una trasparente su un legno vivo cambi il colore ma appena si imprengna a fondo piu' di quella gradazione non cambia.
se vuoi cambiare il colore usa un impregnante colorato (esistono di ogni essenza ,noce,castagno,douglas etc etc. il nome e' solo riferito alla tonalita' non al legno su cui dovra' essere usato).
per il legno non so'..ti rimanderei dal falegname..

Citazione:NOTA3: se in qualche punto devo pareggiare il legno con cosa lo si può stuccare?

se stucchi rimane la patacca,puoi usare la resina leggermente addittivata per fare un pelo di spessore, ma e' un lavorone..

se si tratta di piccoli fori ti do' un consiglio 'genuino', semplice e funzionale..
ti fai un mix di vinavil e segatura dello stesso legno e dai quello

Citazione:Interni:

grattatina con carta vetro 180 ,[u]LAVARE O SGRASSARE???[u], e verniciatura con monocomponente stoppani.A questo punto la domanda, ma il primer serve a qualcosa in questo caso? io non voglio dover rifare il lavoro a breve perchè poi dovrò dedicarmi all'esterno, quindi vorrei fare un lavoro bello e duraturo!

sgrassare e' necessario prima di verniciare
il prime ti salva le chiappe se ci sono delle incompatibilita' e rende tutto piu' semplice.
obbligatorio se vernici sull vivo (vtr) trascurabile se si vuole fare un lavoro di 'ripristino'
se sai che la tua e' una monocomponente, puoi usare una monocomponente senza problemi dopo una grattata,

Citazione:Gavoni interni e gavoncini interni:

come per gli interni. In questo caso però forse è necessario un primer perchè credo che questi non siano stati verniciati l'ultima volta e quindi la vernice interna sia ancora quella originale!

l'interno scafi della stoppani ha attecchito senza primer e senza troppe storie su una superficie sgrassata e nemmeno tanto irruvidita..
quindi per questo lavoro puoi anche saltarlo il primer, puoi darlo ma se poi il prmer che devi dare e' diverso da quello che hai utilizzato per il quadrato e' una spesa in piu' (magari cerca di cascare su prodotti compatibili se vuoi urare primer)

Citazione:Gavoni esterni e da lavoro:

In questi gavoni ho la bombola del ga, cime, sacchi di vele, serbatoi. Sinceramente credo che serva un prodotto impermeabile al 100% e resistente ai graffi della bombola e della tanica benzina, quindi forse la stoppani interno sdcafi è la più adatta. [u]Del bilge pain grigio stoppani invece non trovo traccia da nessuna parte![u]
NOTA: sul fondo di questi gavoni esperni si crea sempre un deposito d'acqua, quindi anche quando andrò a verniciarli ci sarà e dovrà essere asciugato, ma non dovrò anche aspettare bene che si asciughini, dare una sgrattatina per maggiore aderenza, sgrassare, primer...???????

in effetti il bilge paint non lo vedo nemmeno io in catalogo,puo' darsi che lo abbiano eliminato visto che l'interno scafi fa' la stessa cosa..
asciuga bene, sgrassa nelgi angoli e vai di interno scafi..


comunque per avere maggiori certezze se devi usare primer o meno, fai una prova su un piccolo tratto, se vedi che il risultato e' schifoso, che magari fa' frinze o addirittura non aderisce minimamente, allora usa il primer.., e' questione di apsettare una giorno che secchi la vernice (con sto' caldo anche meno)..

Per finestratura e wc marino facciamo dopo aver risolto questi problemi Big Grin



[/quote]
10-06-2010 19:34
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
otto Offline
Amico del Forum

Messaggi: 507
Registrato: Aug 2009 Online
Messaggio: #9
(lungo) restauro degli interni Edel III
ciao da otto io posso portare la mia esperienza se puo' servirti sto restaurando un vecchio contest 25 conyplex totalmente in mogano come la grand bleu da come vedo dalle foto anche perche dell'epoca che dichiari era il legno usato in assoluto x la costruzione di barche a vela io ho portato a legno vivo con levigatrice a mouse tutte le superfici pareti lati ecc poi una mano di impregnante incolore x mascherare le imperfezioni e varie piccole pelature e x nutrire il legno cosi mette in risalto le venature dopo 24 ore puoi procedere alla verniciatura con una vernice di base cerosa io ho usato cerosa incolore della ditta jolli vernici di mariano comense il risultato fatto a pennello e' come se fosse fatta a spruzzo perfetta con effetto semi lucido la caratteristica di questa vernice e' che puoi ripassare ogni graffio semplicemente con una leggera carteggiata o anche con paglietta metallica passando il pennello dove ripassi non si nota assolutamente il ritocco la spinnaker della cecchi e' una vernice fantastica ma per questo lavoro e' troppo difficile da usare se non sei un professionista la uso anchio ma x altro tipo di lavoro ' tutto quello che devi fare io l'ho gia passato con la mia barca se ti puo servire la mia esperienza chiedi pure ciao e buon lavoro OTTO.Smile
11-06-2010 04:44
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
barcarolo Offline
Nuovo Amico del Forum

Messaggi: 44
Registrato: Jun 2010 Online
Messaggio: #10
(lungo) restauro degli interni Edel III
per il legno se screpolato devi togliere tt con svern.e raschietta, o phon carteggi ne senso del legno
carta n.120/180
poi portato a legno se .. dico se mordentato dai il mordente sintetico,lo dai con una spugna
e lo asciughi con uno straccio nuovo. (vedi la tonalita noce, tek ecc....)
poi dai un buon turapori, io disolito do la 10/10 eposs. perche fa lo spessore dovuto con 1 o 2 mani ,
carteggi bene con carta 220/320 e dai il satinato o il lucido io di solito uso awligrip 3 componenenti mai un problema.
(rulleto a spugna)

per le sentine carteggi dove puoi e vernici
di solito usano un sintetico o un poliuretanico monocomponente.
nn dovrebbero esserci problemi

per i gavoni esterni puoi usare il core bon del cecchi, e un epossidico inpermiabile e durissimo autolivellante
ma devi isolarli dalla vernice vecchia con un fondo polur. a rapida essecc. a 2 componenti. (4175 stoppani)
11-06-2010 05:18
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Tucano Offline
Amico del Forum

Messaggi: 589
Registrato: Jan 2008 Online
Messaggio: #11
(lungo) restauro degli interni Edel III
Seguirò volentieri i progressi. Grazie per voler condividere!
11-06-2010 18:20
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
otto Offline
Amico del Forum

Messaggi: 507
Registrato: Aug 2009 Online
Messaggio: #12
(lungo) restauro degli interni Edel III
ragazzi senza corrente elettrica la vedo dura anche con olio di gomito ma il risultato e' difficile da ottenere forza luca volere potere x le foto non ne ho al momento ma mi organizzo poi le mando .Smile
14-06-2010 04:58
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni simili
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Mirage 28 restauro skipper81 62 6.789 10-10-2020 14:49
Ultimo messaggio: Sikander
  QR 930 in restauro Cicala 48 799 03-10-2020 15:18
Ultimo messaggio: Cicala
  consiglio trasparente da interni lucidabile a feltro Sikander 0 235 23-09-2020 03:04
Ultimo messaggio: Sikander
  restauro accatagliato 42 4.021 04-08-2020 21:42
Ultimo messaggio: oudeis
Question vostro parere modifica interni Sikander 11 1.168 20-06-2020 09:06
Ultimo messaggio: infinity
  Rivestire interni elen-music 13 1.638 31-05-2020 08:01
Ultimo messaggio: Temasek
  Restauro deriva 4.5 metri Pietra Filosofale 1 943 20-05-2020 17:18
Ultimo messaggio: oudeis
  Restauro di un Lightning in legno brambil 9 1.756 15-04-2020 18:01
Ultimo messaggio: brambil
  Restauro La Prairie Ti-Yac Peter89 8 1.895 31-03-2020 21:45
Ultimo messaggio: oudeis
  Restauro a Flying Junior sam78 122 13.843 02-12-2019 15:32
Ultimo messaggio: oudeis

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 2 Ospite(i)